Piacenza Grundig /LT meeting : sabato 16 settembre 2006 .....le foto

.........alcuni commenti tratti dal forum

Come al solito tanta carne al fuoco.
Il confronto tra i finaloni di Giacomo ed il Finalino di Stefano.
L'influenza nefasta di un pre Conrad Johnson appoggiato a terra
piuttosto che appoggiato sul divano ed ancora tra il solo essere
appoggiato a terra e l'aggiunta del cavo di alimentazione (comunque
staccato dalla rete elettrica) a toccare i cavi dell'impianto.....
Inoltre ascolto di qualche vinile originale e ristampa rimasterizzata
per audiofili.
Un bel pre Brinkmann
E poi qualche nastro (tanto da accontentare Giacomo :D :D :D), che è
comunque un sistema ben suonante, forse molto retrò e che fà
romanticismo, ma talmente tanto scomodo da far sembrare un lp pratico
e veloce quasi quanto un cd...... (a Giacomì, te la sei cercata :D :D :D )

Poi... poi non ricordo, visto l'affollamento in sala ogni tanto andavo
a prendere una boccata d'aria (e poi l'impianto di Giacomo lo conosco
da diverso tempo ;) )

Ora la tastiera agli altri ;)

buona serata a tutti.
Simone
Giornata trascorsa come di consueto in compagnia di buoni amici,elettroniche GRUNDIG/LT sempre all'altezza.Ascoltando un full LT con DSL PRE E FINALI posso dire che in giro non si trova niente di meglio.Alcuni scettici all'inizio,grazie anche alle spiegazioni di Max sono andati via convinti che impianti da varie centinaia di euro sono da sostituire.Niente male l'ascolto dell'LP GRUNDIG HI FI portato da Luca .Anche questa volta non s'è trovato nulla che suoni meglio di Grundig/LT .Ancora un caloroso ringraziamento a Giacomo per averci ospitati
SALVATORE
Gita al Top Audio rapida ma sempre piacevole per rivedere e salutare
gli amici al lavoro. La palma del miglior suono a mio parere va ad un
paio di salette del terzo piano (in particolare una con dei diffusori
in sospensione pneumatica). Man mano che si scendeva ai piani bassi,
complice l'affollamento inverosimile di alcune salette, il risultato
sonoro andava decrescendo (con poche eccezioni).

Poi rapida escursione a Piacenza ad ascoltare l'impianto di Giacomo,
purtroppo ho dovuto rientrare molto presto a Milano per impegni in
serata.

Le DSL le conosco bene essendone possessore :-) quindi non mi
dilunghero' sulle loro qualita'. L'ascolto dei registratori a bobine
si e' dimostrato davvero molto interessante. Non poteva mancare
la "solita" dimostrazione sulle problematiche insite negli impianti
CCI compresi certi fenomeni apprentemente "magici" che vanno ad
influire sul suono complessivo dell'impianto.

Nonostante le apparenze e lo sconcerto che possono creare, questi
fenomeni hanno sempre basi fisiche ben radicate e del tutto ignorate
dai produttori hifi attuali e dalle riviste di settore con risultati
che ben si possono ascoltare.

Spero che l'incontro di Piacenza sia poi proseguito con piacevoli
ascolti, avevo infatti notato che c'era diversa gente che si era
portata da casa i CD di riferimento da utilizzare. Purtroppo io me ne
sono dovuto andare.

ciao :-)
Marco
 
Serena giornata di musica a Piacenza dove abbiamo potuto  incontrare(io e la mia ragazza "primo meeting per noi") altri appasionati del suono grundig .
A parte i dovuti "giochini dimostrativi di Massimo riduttore 45giri rivista ecc" appare evidente  come un modesto economicamente parlando v7000, non sfiguri sonicamente con i piu' grossi finali mono e stereo LT potenza parte , a
dimostrazione di quanto grundig (azienda di assoluto pregio e prestigio nel settore dell'eletronica nel passato)  si sia impegnata in quegli anni  nella ricerca del suono di qualita'.
Splendido e ben suonante  anche se ormai poco pratico il bobine TS1000 di Giacomo mio sogno di gioventù 1000.000 di lirette nel 1979.
ciao a tutti
LUCA xxxxx (espinol)
 

Salve.

Ho partecipato in qualità di novizio all’ incontro di Piacenza e sono soddisfatto.

Mi son piaciute le piccole dimostrazioni di magia fatte da Massimo , trovo che sfiorino il misticismo , una prova su piccola scala dell’ equilibrio cosmico.

Buono il suono , tanto da aver già intrapreso l’ allestimento di una grundigstanza.

Possiedo , ma non l’ ho scelto io ,  un cognato mediamente esoterico , diciamo che ha la macchina lavadischi e i cavoni tipo gomena  ma ha buttato via le trappole acustiche , è quindi forse recuperabile.

Curioso di sentire il grundig sound mi ha chiesto , e giro la faccenda a Stefano , se può portare le sue orecchie a Piacenza a sentire qualcosa di bensuonante in cambio di una bottiglia di spumante fresca . (gli ho detto che suonava meglio del suo !!).

Quindi Stefano se sei disponibile , quando vuoi , fammi un cenno . So che sei sempre in giro , ma fra un impegno e l’ altro….

Massimo, grazie e alla prossima e un saluto a tutti.

Corrado xxxxx

Ehm..se ti riferisci al padrone di casa piacentino si chiama Giacomo e
non Stefano...
Ciao
Massimo

 

> Mi son piaciute le piccole dimostrazioni di magia fatte da Massimo ,
> trovo che sfiorino il misticismo , una prova su piccola scala dell'
> equilibrio cosmico...

rispondo io che son novizio come te.

penso proprio che si tratti di applicazioni di principi della fisica,
non ancora colte dalla stragrande maggioranza degli addetti ai lavori,
altro che misticismo!

il misticismo è ricerca interiore, sete di Dio.
le apparecchature elettroniche tutto possono essere tranne quello.

meccanica, cinematica, elettromagnetismo, propagazione delle
vibrazioni, caratteristiche dei materiali...
è la che bisogna cercare!

ciao, Max.
 
Il meeting è stato come al solito molto bello perchè ti da modo di
ascoltare al meglio la catena CCI, cosa che nella propria casa non
sempre si riesce a fare, o perchè qualche cavo finisce con il toccare
gli altri, o perchè la fase di qualche apparecchio non è a posto e
anche perchè non avendo tutte le conoscenze dei misteri del CCI che
ha Massimo finiamo probabilmente per trascurare dei particolari che
sono invece anch'essi importanti.
Trovo però che si dovrebbe ascoltare qualche minuto in più le
apparecchiature esoteriche affinche i nuovi abbiano modo una volta
assimilato il suono esoterico, di avvertire meglio le differenze
rispetto agli impianti Grundig/LT.

Ciao
Mauro xxxxx

 
Critica giusta e che già in un altra occasione mi era stata fatta.
Purtroppo penso sempre che quello che percepiscono chiaramente le mie
orecchie lo percepiscano altrettanto chiaramente le orecchie altrui
dimenticando che soprattutto per coloro che non hanno mai ascoltato un
suono CCI c'è un aspetto di novità nel modo di valutare l'impianto che
almeno la prima volta lascia senza dubbio sconcertati.
La mia abitudine è di guardare nel gruppo d'ascolto per notare se la
maggior parte hanno percepito le differenze a fronte dei confronti ma
tendo (sbagliando) a trascurare magari quello che rimane impassibile e
a cui quindi potrebbero rimanere dubbi.
Sarebbe comunque sufficiente che le persone che non percepiscono le
differenze al primo colpo chiedessero semplicemente di rifare il
confronto :-).
Ciao
Massimo
 

Innanzitutto voglio ringrazire Massimo e Marco per la piacevole
giornata passata tra il Top audio e Piacenza.
Era la prima volta che ascoltavo un impianto con elettroniche LT e
devo dire che sono rimasto piacevolmente colpito.
Naturalmente con le prove empiriche eseguite da Massimo, ho capito che
gli impianti G/LT per rendere al meglio devono essere ottimizzati sia
nell'interfacciamento dei componenti sia per quanto riguarda la loro
installazione nell'ambiente d'ascolto.
Comunque senza dilungarmi in sterili descrizioni sulle mie sensazioni
d'ascolto, posso dire che l'impianto meglio suonante che ho ascoltato
nella giornata di sabato è stato quello di Piacenza, a dimostrazione
che il vero hi-fi non è fatto di apparecchiature molto costose con
componenti sovradimensionati e finiture all'ultimo grido ma di
apparecchi frutto di progetti sviluppati al solo scopo di riprodurre
il messaggio musicale nel modo più fedele possibile.


Massimiliano

Un saluto a tutti frequentatori del Forum!
Che dire del Top Audio? Che erano molti anni che non lo bazzicavo?
Che comunque non mi perdevo nulla? Non direi... anche perche', oltre
ad esserci stato sabato con Massimo ed altri simpatici frequentatori
del gruppo, ho ritenuto opportuno tornare il giorno successivo.
Soprattutto per la dimostrazione offerta da Pierre Bolduc, l'unica
cosa veramente interessante del Top Audio. Finalmente una lezione
chiara su cosa sia la dinamica, sulle reali differenze tra i formati
e sulle difficolta' di ripresa e registrazione anche di un singolo
colpo di rullante. L'impianto era di tutto rispetto (parlando di
cose 'normali'), un giradischi Clear Audio da 94500 euro (mi
spiegheranno mai i 500 euro?:-), una coppia di ProAc D80 e
amplificatori Bryston (la sorgente digitale non la ricordo) Buona
timbrica ed estensione. Sicuramente il miglior suono del TA.
Eppure... faceva specie vedere gli amplificatori clippare e
spegnersi per l'intervento delle protezioni a volumi 'normali'...
Il TA, molti l'hanno gia' scritto, e' stata la solita giostra di
accostamenti improbabili, impianti strabilianti visivamente che, di
contro, offrivano suoni orribili. Sassofoni che sembravano uscire da
citofoni, pianoforti prodotti dalla Bontempi e violini ispidi e
privi di corpo. Da padrone la faceva, come sempre, l'assenza di
qualsiasi parvenza di corpo armonico. Erano anni che non ci andavo e
penso che, a parte le stagiste, si possa tranquillamente continuare
ad ignorare questa fiera delle vacuita'. Ho sentito davvero poche
cose meritevoli di approfondimenti. Un concentrico similTannoy
meritava qualche minuto di attenzione, suono colorato ma piacevole.
Penso sia chiaro che anche questa volta nulla di quanto ascoltato mi
abbia stupito e questa cosa mi dispiace perche'... ancora una volta
mi tocca ringraziare Massimo per il suo lavoro e impegno... :-D
Una cosa che ho notato e' stata la proliferazione di sorgenti
analogiche in unione alle valvole... si fa di tutto per addolcire e
smussare un suono privo di spessore e corpo... con l'unico risultato
di aggiungere altri difetti ai difetti... Bisogna trovare il modo di
portare i Grundig/DSL/LT in questi posti... almeno i frequentatori
possono 'fasarsi' le orecchie :-D

Che ne dici Massimo? Io qualche bella ragazza per fare immagine la
posso anche portare... :-D

Veniamo adesso alla mezza giornata passata a Piacenza a casa del
buon Giacomo. Grazie innanzittutto per l'ospitalita'. Ti ho fatto
fuori tutta la Sprite... :-D
L'ascolto di un impianto DSL/LT e' sempre una esperienza che vale la
pena fare. Avendo familiarita' con il buon suono che e' in grado di
esprimere ho potuto concentrarmi su alcune espressioni dei
presenti... impagabili alcune facce quando Massimo metteva e
toglieva l'adattatore per i 45 giri sul giradischi :-D
Non mi dilunghero' su descrizioni del suono LT o Grundig, se siete
qui a leggermi e' perche' lo conoscete. Sul suono di un pre Conrad
Johnson pero' si. Porca miseria! Costa una cifra e NON suona, basso
lungo e poco controllato, mancanza d'aria tra gli strumenti e
incapacita' di coinvolgere emotivamente l'ascoltatore. Non vi
nascondo che mi aspettavo qualcosa di piu'... le mie esperienze con
i preamplificatori sono tutto sommato limitate, ho avuto un Acoustic
Research, un Adcom, un C36 McIntosh e un B&K (che non e' quella che
fa i microfoni). Tra tutti il B&K e' sempre stato quello che mi e'
piaciuto di piu'. A questo proposito, avendolo ancora, lo portero' a
Ravenna per un piccolo confronto con quello di Massimo.
Interessante anche il confronto dei finali LT con uno striminzito
V7000... per costruzione, design e suono resta il mio preferito,
ottimo rapporto qualita'/prezzo. Suona meno bene degli LT ma il
suono e' quello di famiglia. Ho riconosciuto delle sonorita' in
gamma media che ben conosco e che me lo fanno definire 'magico' :-)
Sulle sorgenti analogiche invece non ho molto da dire. Non le amo in
modo particolare. Da quando ho un CD7500 non ne sento la mancanza,
prima invece si... Bellissimo il registratore a bobine di Giacomo.

Tante altre cose ci sarebbero da dire ma ci saranno altre occasioni
per parlarne.

Un grazie a tutti ed un caro saluto.
Gianfranco
 
Questo dicasi un post descrittivamente esaustivo, finalmente!
Grazie Gianfranco per l'apprezzamento e sono sempre disponibile a
confronti con il tuo pre B&K quando vorrai passare a trovarmi.
Potresti renderti conto (ma penso tu lo sappia già....) che non era
scadente rispetto alla media il CJ che abbiamo ascoltato ma che
quello anzi era già un buon pre dell'esoterico (figuriamoci gli
altri...) e come questo spieghi la reticenza di coloro che hanno in
casa SOLO eso apparecchi di portarli ai ns. meeting: finora tutti gli
apparecchi eso che abbiamo ascoltato ai meeting erano di proprietà di
persone che erano già passate al CCI....ci avevate fatto caso?
Ciao
Massimo
 

 

home (GB)      home (I)       e-mail