LETTERE

        

Vengono pubblicati solo gli argomenti che possono essere di interesse e/o curiosità generale.                                      

Per rispetto della privacy non sono indicati i cognomi dei lettori.  

Rispondo a tutte le lettere a condizione di indicare nome e cognome.    

Prima di porre domande leggere con attenzione il sito.

 

Buongiorno Massimo,

sono Paolo xxxxx, un ragazzo di 32 anni che di professione fa il vignaiolo, ma come hobby fa il collezzionista di vinili, nonchè DJ, ma anche semplice ascoltatore di buona musica.

Vado al dunque. Ho ereditato dai miei genitori il seguente HIFI:

- Grundig Riceiver R25

- Grundig CNF 300

- Grundig PS 1010

Il tutto originale, mai smontato dal mobiletto CS10

Si presenta molto impolverato, ma si accende. Non mi è possibile verificarne il funzionamento perchè i diffusori sono andati smarriti. Il giradischi meccanicamente sembra ok.

Prima che fosse lasciato lì ad impolverarsi, funzionava comunque tutto.

 

Prima di fare qualsiasi cosa vorrei chiederti cosa muovermi. Mi piacerebbe rimetterlo in funzione e aggiungerci un lettore CD e due diffusori, magari un CD7550,7500 e i box 350 (Letto i tuoi consigli) 

Tu non fai più revisioni e riparazioni? In caso negativo conosci qualcuno di affidabile nella mia zona (Biella, Torino, Novara, Vercelli, Milano) Mi consigli di acquistare diffusori e cd player  su ebay, o mercatini vari?

Nel caso un philips cd 150 o 160 potrebbero andare bene comunque?

 

Grazie in anticipo.

 

Buone feste

 

Gentile Paolo

Bel lavoro il tuo…mi ha sempre affascinato molto.

Per quanto riguarda il tuo sistema prima di preoccuparsi per eventuali rotture sarebbe opportuno acquistare due diffusori per provare il tutto. La scelta dei diffusori dipende dalle dimensioni della stanza, dalla possibile collocazione e da dove è posto il punto di ascolto rispetto alle pareti (se vuoi legger qualcosa al riguardo: http://motxam.interfree.it/metodo.html ) . Per quanto riguarda i lettori i due modelli Grundig che hai citato sono ottimi, molto meno i Philips.

Buone Feste anche a te

Massimo Ambrosini

Grazie per la risposta Massimo.

Oggi sono passato in un negozio di strumenti musicali vicino a casa mia e avrei trovato un cd 8400 e dei diffusori aktivbox xm 1500 completi e in ottimo stato conservativo. Non hanno però i cavi oroginali e devo ancora sentirle. Lascerebbe il cd a 60€ e i diffusori a 140€. Mi potresti dare un consiglio flash? Grazie mille davvero

Glie li lascierei entrambi…ti servono casse passive e non attive ed un cd full CCI come quelli che avevi citato

Ciao

Massimo

Per il cd so che non è full CCI, ma i modelli CCI sono difficili da trovare e per uno non esperto come me il rischio fregatura è in agguato. L'8400 neanche come muletto per iniziare me lo consigli? È modificabile in CCI?

I diffusori ho scoperto che non sono gli aktiv, ma sono Box 1500 senza sigle. In plastica. Da vedere sono simili agli M1500. Dici che almeno provarli vale la pena? Il fatto che.non abbiano i cavi punto linea originali abbassano la loro quotazione? E in fatto di qualità?

Grazie per il tempo che mi dedichi. Mi sdebiterò con una bottiglia perlomeno.

Le box se sono le M1500 con tele anteriori vale sicuramente la pena provarle mentre come lettore muletto può anche andar bene se hai fretta di iniziare…

Ciao

Ps: ti consiglio la partecipazione al forum per poter affrontare meglio la scelta diffusore/ambiente e magari puoi trovare sul mercatino altre macchine più performanti a prezzo conveniente.


Ma dove si trovano gli stand bose ? sembrano introvabili.
Ho sempre dimenticato di elogiar il tuo ampli ormai dopo piu' di un mese, ogni volta che lo ascolto mi piace sempre di piu', cosa molto rara nel nostro hobby.

Mauro

Gli stand Bose li trovi insieme alle casse 901 in vendita spesso…poi occorre provare a sentire con il venditore se facendogli una buona offerta (120-150 euro) ti vende solo i piedistalli. Ti ringrazio per l’elogio all’ampli.

Massimo

Ciao Massimo ,la spugna per le 703 è più corta di un paio di centimetri
va bene lo stesso?La metterei a filo sopra e lascerei scoperta un pò la parte inferiore
Salvatore

 

Dal punto di vista funzionale non cambia nulla ma dal punto di vista estetico se vuoi fare un bel lavoro puoi comprare questa:

http://www.ebay.it/itm/SPUGNA-ACUSTICA-10mm-NERA-PER-CABINET-PREZZO-AL-FOGLIO-L200-P100-cm-COD-019510-/111497647672?hash=item19f5c71638:g:BT4AAOxy2CZTXl0T

sembra siano fogli da 1m x 2m, poi li tagli per bene con un taglierino…e le mia me le rendi quando ci vediamo.

Ciao

Massimo

 Ho un Ps 1020 con v 1850 e Box 400. Vista la difficile reperibilità per la mia m 85g degli stili n91g o n75 gt2 avevo pensato di utilizzare una nuova shure m44g. Anche perchè ascolto molto vinile e non vorrei deteriorare l'unico stilo n 91g che possiedo, riservandolo agli ascolti principali.

Premesso che sicuramente avrò un  peggioramento in termini di grana, trasparenza e altri parametri rispetto alla m 85 vorrei sapere se posso aspettarmi dalla m44g attuale prestazioni uguali a quelle della m 44 g degli anni 70 oppure le due testine hanno un suono diverso. Grazie

Vittorio

Gent.le Vittorio
Dubito che la M44 attuale abbia qualche effettiva parentela con quella d'epoca...molto più semplice è comprare uno stilo N91G di ricambio (anche non originale) per la M85G...
Saluti
Massimo

 

Gent.le Massimo

La ringrazio del consiglio.

Non avevo preso in considerazione questa soluzione perché ritenevo gli stili non originali molto peggiorativi rispetto a quelli Shure. Per questo avevo pensato ad una testina shure nuova m44g o m97..Tra gli stili non originali per m85g avrei trovato uno stilo conico Jico. Può andare bene o mi consiglia altri produttori ? Grazie per tutti i suoi consigli. Anche se non saranno quanto di meglio nella produzione Grundig o LT il suono del ps 1020+m85g+V1850+Box 400 mi piace molto.

Dopo avere ascoltato molti marchi, sono riuscito grazie a lei e con pochi soldi ad ascoltare un suono veramente piacevole e ricco di informazioni. Grazie di nuovo. 

Saluti Vittorio

Può essere che l'rpc450 sia più "sensibile" alla fase della spina rispetto agli altri miei apparati (che tu conosci)?

 

Ciao Adriano

Si, tale aspetto è proporzionale alla trasparenza.

 

Per l'ascolto della musica da file alta risoluzione ho collegato il dac all'ingresso TB con un adattatore din/rca ma nei brani con dinamica elevata mi distorce, può essere che questi ingressi din abbiamo una sensibilità troppo elevata (e un'accettazione bassa)?

Posso pensare di metterci un partitore di resistenze o è una cavolata?
Ciao
Adriano

 

Se il livello di uscita dal tuo dac è molto più elevato di quanto sia il livello di uscita standard di un normale cd player potrebbe anche essere ma dovresti avere problemi anche con altri apparecchi…

Con un partitore resistivo puoi provare se il problema è quello (personalmente ne dubito) o se magari hai un guasto…in caso sia però quello il problema il partitore lo inserirei dentro al dac prima delle uscite.

Ciao

Massimo

Buongiorno Sig. Ambrosini

da tempo sono appassionato di musica classica.
Nel 1991 assemblai il mio primo impianto: ampli Arcam delta 60, lettore CD Kenwood (non ricordo il tipo) diffusori ESB Gold Trhee.
I cavi usati erano normalissimi cavi in vendita all'epoca (di sicuro non esoterici, visto il costo proibitivo).
Da quattro anni, con le nuove tecnologie (musica HD formato .flac, storage di rete e lettori di rete), decisi di implementare il mio impianto.
Acquistai un NAS dove trasferii tutta la mia discografia (CD; ho utilizzato EAC) ed un lettore di rete Marantz modello NA 6005 (le mie tasche quello si potevano permettere !!!)
Decisi di sostituire anche l'ampli.
Cominciai come mio solito a valutare recensioni su siti specializzati (o presunti tali).
Per mia fortuna (perlomeno la ritengo tale) abito vicino al laboratorio di Estro Armonico nelle Marche.
Sapevo che i loro prodotti hanno un prezzo decisamente al di sopra del mio budget, ma volli tentare lo stesso a contrattarli.
Giustappunto, era in produzione un integrato a valvole dal prezzo umano.
Lo provai sul mio impianto e, sinceramente rimasi molto soddisfatto (si chiama Praeludium).
La sensazione fu quella di una tenda che viene tolta davanti ai diffusori.
Non mi fregio della competenza tecnica per recensire un prodotto, ma suonava molto bene, decisamente molto bene.
Consideri che nella mia ricerca di un nuovo ampli, ne provai diversi, ma il Praeludium mi soddisfece subito.
Gli portai anche le mie ESB; mi consigliò di sostituire alcuni componenti del crossover oramai datati.
Naturalmente, mi disse che il suono non sarebbe cambiato; una maggiore chiarezza, si, avrei potuto averla (l'intervento costò pochissimo).
In effetti il miglioramento ci fù.
Ho una stanza dedicata al mio impianto, anche se si trova in mansarda e quindi con il soffitto spiovente.
Ha travi e travetti in vista in legno e quindi decisamente meglio di soffitto liscio e pitturato.
le dimensioni sono molto ridotte: 3 ml x 2,5 ml.
Nella parete dietro il mio punto di ascolto, c'è una apertura che comunica con un'altra stanza della mansarda speculare alla prima.
L'apertura è di 70 cm.
E' stato molto difficile posizionare i diffusori. Quello destro, dalla parte alta del soffitto della mansarda era quasi nascosto.
Ho fatto delle prove con il suono di riferimento 500 Hz, constatando come, a seconda della posizione si attenuava o no.
Comunque, quello destro sembrava sempre in ombra.
Ora credo di avere trovato la posizione migliore (anche grazie ai consigli del suo sito), anche se il destro è sempre un poco in ombra.

Non sono un tecnico e quindi non entro nel merito, ma ho visto che le prove tecniche dei due apparecchi Estro Armonico, non hanno avuto buone votazioni.
Del mio ampli sono soddisfatto, ma vorrei capirci di più.

Come posso verificare la qualità del suono considerato che il mio ampli è di una classe decisamente inferiore al 807 e Nordlys di Estro Armonico ???
Se questi due apparecchi top hanno avuto misure "insufficenti", la mia paura è che anche il mio possa essere della "famiglia ".
Le ripeto sono molto soddisfatto ma non ho la competenza tecnica per valutare le specifiche tecniche a cui Lei fa menzione.
Dal solo ascolto, magari con qualche accorgimento, posso accorgermi di un qualcosa che non và ???

Spero di non averla disturbata e la ringrazio per la (eventuale risposta).
Ultima constatazione: il titolare dell'Estro Armonico si è dimostrato estremamente gentile e (a naso perché non sono esperto) di una notevolissima competenza.
Con il suo ampli e l'intervento sui diffusori, il miglioramento è evidentissimo.
--
Riccardo xxxxxx

 

Gentile Riccardo

Se lei è soddisfatto dell’ascolto che ottiene a casa sua forse non è il caso di porsi dubbi…se invece vuole semplicemente verificare la risposta in frequenza del proprio amplificatore può rivolgersi a qualche tecnico in zona oppure se vuole può passare a trovarmi a Ravenna, da parte mia non ci sono problemi per effettuare i rilievi con o senza carico reale.

Oggigiorno spesso è sufficiente percepire una variazione per intenderla come miglioramento quando si spendono fior di quattrini per averla….

Un tempo non era così, quando l’audio era un fenomeno di massa le riviste come SUONO o Stereoplay o (nei primi tempi) Audio review rappresentavano un effettivo banco test strumentale da superare e oggetti che evidenziano misure strumentali insufficienti  per un impiego in Alta Fedeltà sarebbero stati inesorabilmente stroncati. Oggi invece con quattro gatti appassionati il “potere” non è più in mano alle riviste ma proprio a quei costruttori medio piccoli che possono permettersi pubblicità (esplicita o implicita) sulle riviste e ne permettono il mantenimento. I grossi marchi non vengono mai in alcun modo intaccati per cui venderebbero comunque.

La “tenda tolta” dinanzi ai diffusori può dipendere da un effettivo miglioramento in termini di trasparenza oppure dal trucco di togliere un poco di basso che spesso è in esubero nelle normali collocazioni odierne spesso utilizzanti diffusori a gamma intera...e senza nessuno che verifica strumentalmente stanno andando molto di moda i trucchi nell’odierno panorama hifi.

 

Cordialmente

Massimo Ambrosini


Buongiorno sig. Massimo
innanzi tutto grazie per la risposta.
Non capita sovente di riceverle quando chi scrive si palesa come "profano" del tema trattato.
Sono responsabile tecnico di una azienda di GPL e nelle zone di competenza del mio lavoro c'è anche la provincia di Ravenna.
Quindi, nessun problema per vederci da Lei.
La mia soddisfazione del nuovo ampli è evidente.
Sono parametri soggettivi e l'unico strumento che posseggo sono le mie orecchie (e anche se li avessi, non saprei come usarli).
Il titolare dell'EA (estro Armonico) mi sembra una bravissima persona e tecnico molto preparato.
E' una sensazione a "pelle" ma credo di non sbagliarmi.
Sapevo del trucco di "nascondere " le basse frequenze per mostrare maggior chiarezza.
Non ritengo che sia il mio caso (almeno così credo).
L'ultimo upgrade dei diffusori (intervento sul crossover; solo sostituzione di componentistica; nessuna variazione dell'architettura) anche se da EA ritenuto migliorativo ma non stravolgente, ha avuto risultati decisamente al disopra delle aspettative.
Per deformazione professionale, l'approcio alle problematiche è abbastanza sistematico.
Per definire la timbrica degli strumenti, ho ascoltato qualcosa dal vivo.
Ho preso in prestito anche le "orecchie" di mia figlia mettendole a confronto ampli Arcam e EA chiedendole poi riscontri su chiarezza, su dove a suo parere erano disposti gli strumenti (lei suona il clarinetto) e se provava fastidio nelle alte frequenze.
Abbiamo concordato su molti punti.
Tra le altre cose, è aumentata la visibilità dei bassi (anche se, debbo dire, un pochino invadenti e non definitissimi).
Tutto ciò mi fa pensare che nell'architettura dell'ampli di EA non vi sia l'intenzione di nascondere le basse frequenze.

Questo l'ho apprezzato moltissimo anche dopo avere letto il suo articolo sulla installazione dei diffusori.
Su moltissimi siti specializzati, la ricerca delle prime riflessioni era maniacale.
Sembrava che fossero il Santo Gral dell'effetto presenza; della magia di essere all'interno dell'evento.
Seguendo questo filone di pensiero, nella mia "disgraziatissima" stanza di ascolto in mansarda, nel ricercare le riflessioni e seguendo i consigli pratici (mi sono fatto aiutare dal tono di riferimento 500 Hz e dallo stesso tono canale destro e canale sinistro) non ho mai avuto risultati soddisfacenti: il canale sinistro era sempre prevalente e, se ottenevo un minimo riscontro, mi imbattevo in "buco" di volume usando il tono fisso a 500 Hz.
Leggendo il suo articolo, ho capito (anche se la cosa è di una banalità disarmante) che l'effetto presenza è insito nella registrazione: nella traccia sono registrate anche le riflessioni del suono che ne determinano la presenza.
Un buon impianto non fà altro che riprodurle. Non le si debbono creare ad arte (anche se si creano nell'ambiente).
Ho completamente invertito l'approccio avvicinando i diffusori alle pareti laterali.
Ho posizionato il punto d'ascolto ad una distanza di 1,4 volte quella dei woofer.
Il canale destro, prima seminascosto è venuto fuori alla grande.
Bassi in bella evidenza e forse, anche un pochino invadenti.
Come traccia di riferimento ho il rondò K386 di Mozart, solista Ingrid Jacoby, Neville Marriner e Accademia San Martin in Field (HD .flac 24bit/92mHz).
Lo conosco a memoria. Di solito, quando debbo farmi un'idea della spazialità, ascolto a luci spente dimenticandomi di dove sono i diffusori. Cerco di vedere nello spazio i vari strumenti.
Mi costruisco una mappa spaziale e la confronto con il video.
Della traccia ne esiste una su You tube e, confrontata con la mia è perfettamente combaciante (non vedo tutti gli strumenti come disposizione ma i blocchi si).
L'orchestra è disposta nelle due dimensione dello spazio. Nessun orchestrale più in alto di altri.
Quindi, anche volendolo, non saprei definire i parametri di alto/basso nello spazio (anche se credo che sia difficile per qualsiasi impianto).

La ringrazio quindi, anche se indirettamente, del consiglio sul posizionamento dei diffusori.
La soddisfazione con cui ascolto ora musica dipende anche da questo.

grazie ed un cordiale saluto

xxxxxxxx Riccardo

Gentile Riccardo

Noto con piacere che lei ha un approccio ragionato ai problemi ma accorto nella sostanza tipico di chi per lavoro i problemi deve risolverli…se passa a trovarmi non credo faticheremo ad intenderci J

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 

Forse l'unico confronto serio sarebbe quello da effettuarsi in uno stesso ambiente (trattato e/o con una buona acustica, poiché sono assolutamente consapevole che l'ambiente è senza mezzi termini l'anello più importante di una catena audio) tra un impianto completo full C.C.I. ed un impianto completo hi-end.

Marco

No, ciò che serve è un corretto metodo di confronto…è cosa fondamentale per evitare che l'impianto peggiore "livelli" verso il basso quello migliore...è un argomento che affronteremo al meeting con prove pratiche, ti verrà utile.

Massimo

Buonasera gentilissimo Massimo Ambrosini,

sono da anni appassionato Grunding e possiedo una discreta collezione di "gioielli"
che allietano il mio ascolto, mi sono iscritto al forum ma non ho ancor partecipato a
discussioni.

Un mio amico ha appena acquistato a caro prezzo un valvolare synthesis Roma 510 ac e, ha avuto
la brutta sorpresa di udire un ronzio continuo, che si attenua solo quando il volume è alto.
Non manca neanche la radio nelle casse, cosa che ascoltava però anche con precedenti ottimi amplificatori.

Gli ho prestato un V 1700 e, come per magia, ronzii e radio sono scomparsi! E' rimasto
sconvolto, era convinto che fosse un problema di casa sua.

Ora vorrebbe sapere se è possibile in qualche modo far diventare CCI il Sinthesis, con un
tuo intervento. Spero sia possibile in tal caso vorrebbe sapere modalità e costi.

Grazie per la tua illuminante guida e cordiali saluti

Vincenzo xxxxx da Bari
 

Gentile Vincenzo

Mi spiace ma per precisa scelta non modifico apparecchi commerciali, consiglio al tuo amico di vendere il Synthesis e col ricavato farsi un full CCI Grundig…poi se l’appetito vien mangiando può in futuro provare anche un LT J

Cordialmente

Massimo Ambrosini

Ti ringrazio Massimo per la celere ed esaustiva risposta ma sopratutto per la cordiale disponibilità.
Vorrei approfittare nel farti un'ulteriore domanda riguardo le casse Grundig.
In base alle tante esperienze d'ascolto e prove effettuate, quali tra i box Grundig metteresti sul podio al di fuori delle condizioni ambientali in cui potrebbero essere installate o dal tipo di sorgente pilotate?
Avendo una vasta scelta di casse Grundig a disposizione, su quale punteresti il dito in quanto come suono ed emozione sonora secondo te non ha eguali?
Quale coppia di casse sceglieresti per l'ascolto da avere li x sempre e che di tanto in tanto le usi perché sai che è l'unica coppia di Box che riesce a darti ciò che le altre solo in determinate circostanze potrebbero riuscirci? Escludendo le miriadi di casse di altre marche. Facendo finta che esista solo la Grundig.
Quale è quella coppia di casse Grundig che ti da + emozioni e che sulla carta riterresti + valide?

Grazie Mille.
A presto
Eribert

Gent.le Eribert

Non è possibile prescindere dalla collocazione in ambiente nella scelta di un diffusore…vi sono box Grundig favolose che possono risultare pressoché inascoltabili se mal collocate non tenendo conto dei rinforzi delle pareti. Potresti avere un basso esagerato così come un basso o un medio basso inesistenti…diffusori e stanza non sono MAI due aspetti sconnessi tra loro. Nelle loro rispettive migliori condizioni di installazione sono molti i diffusori Grundig che offrono grandissime soddisfazioni all’ascolto…cercare il “potenzialmente TOP” non ha senso in quanto è appunto sempre in funzione dell’ambiente. Ti consiglio di leggere con attenzione il “metodo di installazione diffusori” presente sul mio sito, potrebbe risultarti utile anche per comprendere meglio quanto sopra.

Cordialmente

Massimo Ambrosini

Ciao Massimo

Tutto ok? Per lo streaming si sente meglio su un marantz ud5007 modificato o su l'airport? Grazie 1000 e buon weekend!

Ciao Alessio

Ciao Alessio
Tutto bene grazie, spero altrettanto tu.
Diciamo che la differenza tra un lettore modificato e una airport stand alone è piuttosto netta...discorso diverso sarebbe se la airport fosse integrata in un telaio full CCI (ovvero l'integrato MA10tp) ed in quel caso i due risultati sarebbero equiparabili (dopo aver eseguito la sostituzione di un paio di condensatorini che sulla aiport limitano la banda ). Nel tuo caso se vuoi mantenere l'amplificazione Grundig direi che la soluzione ud5007 è preferibile.
Ciao
Massimo

 

Ciao Massimo come stai? Volevo sapere che differenza c'è tra le aktive 40 e 50. Sai quanto vengono? Te lo dico perché ho una grande curiosità residua di ascoltarle .questo vale anche per le 2500a poiché quelle che ebbi avevano il tw rotto ed erano la versione inferiore.. Quindi non le ho mai potute ascoltare veramente bene.
Per le DSL che ho io quanto viene l aggiornamento?
Ciao e buone ferie!
Rodolfo

 

Ciao Rodolfo

Tutto bene grazie, spero altrettanto tu.

Tra la 40 e la 50 non c’è alcuna differenza ad eccezione della disposizione degli altoparlanti che consente una resa timbrica leggermente preferibile sulla 40. Se non ricordo male però tu hai il punto di ascolto sul letto mentre la 40 andrebbe posta per dare il miglior risultato su piedistallo basso tipo BF4 (nonché andrebbe modificata full CCI) e te lo dico contro il mio interesse ma non mi pare la migliore soluzione per casa tua. L’alternativa alle DSL da te potrebbero essere delle 1500a poste sui piedistalli delle Bose 901 e a ridosso della parete...le 2500a avrebbero troppo basso a casa tua. Per quanto riguarda l’aggiornamento delle DSL il costo è solo quello delle 4 mascherine ovvero 80 euro in totale.

Ciao

Massimo

 

Io tutto bene!Grazie della spiegazione! Per la mia camera quindi andrebbero bene le 1500, ma tu come qualità diciamo globale consigli le DSL oppure le 1500 aktiv o passive?? Che differenze ci sarebbero? Solo questa la mia curiosità!
Rodolfo

 

Tra 1500a e aktiv30 considerando che le attive vanno sempre poste sui piedistalli bf4 (bassi) se vuoi ottenere da loro il miglior risultato avresti lo stesso problema di altezza che ti descrivevo per le 40. La 1500a invece si adatta al meglio sui piedistalli Bose (45cm) e quindi con i diffusori a ridosso del muro avresti un ottimo risultato. Tra le DSL e le 1500a? Hai onestamente dei pro e dei contro...per il mio orecchio l’effetto “live” prevale sulla DSL che sparisce di più mentre la gamma media può essere come definizione preferibile sulla 1500a che ha un mid a cupola dedicato. Se dovessi sostituire le DSL con le 1500a manco per sogno ma se vuoi provare qualcosa d’altro che valga la pena ascoltare da alternare ogni tanto queste sono per me da prendere in considerazione per la tua stanza e rispetto alle attive non devi scollegare tutto l’impianto per collegarle...

Ciao

Massimo

Aktiv 40 (mod. LT ndr) la miglior cassa sentita a casa mia. Grazie Massimo e buona serata.

Diego

Te l'avevo detto...:-)

Ciao

Massimo

Ciao Massimo,
purtroppo non sono potuto essere dei vostri al meeting appena conclusosi, dato che, come scritto in qualche post del forum, mi sono trasferito in pianta stabile in Germania.
Ti scrivo perchè il mio condominio è silenziosissimo e, a volte, mal si sposa con le 2500 che ho da poco preso e che mi danno enorme soddisfazione.
Ho letto che tra gli ascolti in cuffia quello che prediligi è con la akg 340. Io avrei il classico v20+ps1020. Dici che è un buon abbinamento? So che ti convince di più il v7000, ma, oltre a doverlo trovare in buone condizioni, dovrei usare l'adattatore per il gira perdendo quindi in trasparenza. Che mi consigli? Un prezzo tra le 150 e le 200 euro lo ritieni onesto per delle akg340 in ottime condizioni?
Grazie mille in anticipo (come sempre) e a presto!

Vincenzo
 

Ciao Vincenzo

Un adattatore non cambia (se ben fatto) praticamente nulla mentre la differenza tra un v20 e un v7000 a posto c'è...

Per la cuffia mi sembra onesto 150-200 euro per una k340

Un saluto Massimo

Buongiorno sig.Ambrosini

Le scrivo perchè devo complimentarmi con lei , sono un giovane appassionato in primis della musica e poi del sistema migliore per sentirla in maniera reale e completa,per molto tempo ho sentito impianti di ottimo impatto e questa settimana sono andato a casa di un vicino di paese Friulano che mi ha dato la possibilita di sentire un sistema completamente realizzato da lei.
Sono restato esterefatto, 
Volevo chiederle se e possibile anche per me potermi permettere i suoi componenti e se ne ha realizzati da vendere,io ho ascoltato i suoi due mono da 100W 
LINEAR TRANSFER MA100 , diffusori LINEAR TRANSFER DSL, sorgente cd960 Philips da lei modificata, e pre GRUNDIG XV7500.

Sarebbe per me un onore avere i suoi componenti per poter anche io godere di tutti quesi suoni.

Un grazie in primis e ancora Complimenti per il suo lavoro.

 

Normalmente non rispondo alle mail non firmate...spero sia una dimenticanza :-) 

Costruisco tutt’ora gli LT, solo i finali mono MA100 sono stati sostituiti da altri modelli che hanno il medesimo suono ma con ingombri (e costi) notevolmente più ridotti.

Può trovare info sul mio sito: http://motxam.interfree.it/linear_transfer.html

Resto a disposizione in caso voglia approfondire l’argomento.

Cordialmente

Massimo Ambrosini

Mi scusi sig.Ambrosini,

Nella foga di scriverle non ho firmato ne presentato,le chiedo le mie più sincere scuse.

Mi chiamo Nicola e abito in Friuli , quali sono i costi dei suoi capolavori per avere una catena completa dalla sorgente ai diffusori? Le inoltro la foto del signore che mi ha fatto conoscere le sue creature 

Cordiali saluti

xxxxxx Nicola

Gentile Nicola

Non c’è bisogno di scusarsi, una dimenticanza capita a tutti :-)

Un caro saluto a Marco xxxxx che ricordo sempre con simpatia...persona seria e correttissima, un amico.

Per comporre un sistema audio occorre conoscere prima alcune cose, se deve essere composto anche di sorgente analogica (giradischi) o solo con sorgente cd player, nonché le dimensioni della stanza di ascolto e la distanza del punto di ascolto rispetto alla parete alle proprie spalle per poter scegliere il diffusore acustico più opportuno.

I costi non sono proibitivi ma ovviamente possono cambiare molto in funzione degli apparecchi scelti.

Per avere un’idea un sistema che utilizzi un lettore cd modificato LT + un integrato MA10tp (50W/ch. telecomandabile solo linea) + due diffusori Grundig d’epoca adeguati alla propria stanza di ascolto permette di rimanere tranquillamente sotto i 2500euro di spesa totale, poi se si vuole prendere in esame la DSL come diffusore allora i costi salgono ma lo si può sempre fare per gradi.

Se si ha intenzione di comporre un sistema consiglio sempre di passare prima a trovarmi per ascoltare con le proprie orecchie diverse possibili soluzioni e chiarirsi le idee sul da farsi.

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 

In primis ringrazio Valter xxxxxxx che mi ha avvicinato alle sue teorie e mi ha dato occasione di conoscere il suo suono,

Ho avuto molto materiale negli anni e ho avuto anche grandi e medie soddisfazioni, quello che mi ha spinto a contattarla e' che odio il commerciale, i forum, i mille soliti inutili consigli, ma ho bisogno di qualcosa di concreto che vada oltre alla bellezza o al listino stellare. 

 

Vado sul sincero vorrei avere un indice di spesa con i diffusori DSL da amplificare al top, la sorgente voglio restare sul cd player , la stanza e 4x5 , posso tenere dal miro i diffusori a circa 50/70 cm è una impostazione di ascolto nearfield mi potrebbe piacere molto come dall amico Marco.

Preferisco fare un investimento definitivo per me è per L amore che ho della musica.

 

Spero di non averla annoiata ,

Approfitto per porgere i migliori saluti

 

Nicola

Gentile Nicola

Mi serve la distanza tra punto di ascolto e parete alle sue spalle per poter consigliare la DSL più adatta allo scopo. Come avrà notato dal mio sito esistono due versioni che si adattano a due tipologie di stanze diverse. Il costo è il medesimo (xxxx euro per la versione in ciliegio o xxxx euro per la versione laccata opaca) mentre non lo è l’ingombro in quanto la “DSL Ext” (l’evoluzione di quella che ha Marco che presenta il medesimo mobile) ha profondità doppia rispetto alla “DSL”.

Se la situazione di ascolto è tipo “caso A” del metodo (vedi: http://motxam.interfree.it/metodo.html ) si adattano meglio le DSL Ext mentre per il “caso B” l’ideale è la DSL.

Per quanto riguarda l’amplificazione si può scegliere tra soluzione telecomandata e non.

Allo stato delle cose, se non si ha un giradischi analogico, troverei uno spreco di denaro l’acquisto di pre+finale...un integrato MA10tp mi sembrerebbe la soluzione più consigliabile nel suo caso (vedi: http://motxam.interfree.it/soluzioni_top.html ).

La soluzione pre+finale la prenderei in considerazione solo in caso in cui ci sia la possibilità di porre direttamente a pavimento il finale...se invece va sollevato non ci sono vantaggi rispetto alla soluzione integrato.

 

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 

Alla gentile att.ne del Sig. Massimo Ambrosini,

ho scoperto e letto il Suo sito, sono rimasto molto incuriosito e contento, e’ interessantissimo!!!! . Me la cavo solo un po’ con l’elettronica. Ereditai dal mio nonno una radio Grundig mod. Boy: oltre a riprodurre molto bene il suono riusciva a catturare stazioni sia in AM che in FM in modo incredibile; dove abito ci sono tanti  palazzi attorno a casa mia. Poi la radio si guasto’, quando portai a ripararla mi dissero che non meritava. Se avessi provato forse sarei riuscito, chissa’...mi dispiace un po’…  

In virtu’ del Suo sito vorrei comporre un impianto quasi GRUNDIG: sto acquistando un ampli SV 700 e dei diffusori SV 500 funzionanti ad un prezzo basso; nella lista degli apparecchi da Lei testati e’ presente anche il Marantz UD 5007 ancora in commercio, mi piacerebbe acquistarlo per modificarlo tipo full CCI.

Dovrei portarlo a lei per le modifiche oppure posso farle io tramite Sue istruzioni ?

Io abito a Savigliano in provincia di Cuneo, lei dove abita? E’ possibile, se non troppo distante, venire a trovarLa?

Ringrazio in anticipo per il riscontro e la pazienza e porgo

Distinti saluti 

Luca xxxxxx

Gentile Luca

 

La modifica CCI è proprietaria per cui se vuole può passare a trovarmi per ascoltarla ed eventualmente poi decidere sulla fattibilità della stessa ponendo a confronto diretto il suo lettore cd con uno modificato.

Abito a Ravenna.

Non vicinissimo ma neppure lontanissimo. Del resto nessun viaggio è mai troppo lungo se poi si trova ciò che si cerca...

 

Cordialmente

Massimo Ambrosini

Buona sera,

È da tempo ormai che possiedo questo lettore....in realtà sono il primo proprietario.
Mi domandavo se fosse possibile modificarlo perché possa degnamente accompagnare un  V7000 e due box300...l'impianto che possiedo al momento è così composto. .Philips cd880-grundig box300-Gundug v7000.
Una volta provai un cd35 e la differenza con cd880 fu disarmante....

Cordialità
Paolo

Si, il lettore è modificabile, ne ho modificato alcuni altri.

Saluti

Massimo Ambrosini

 

Grazie per il riscontro.
Preciso che non ho cavi di segnale adeguati quindi avrei bisogno di un consiglio anche in merito a quelli.
Dunque, essendo intenzionato a modificare il mio cd880 ho bisogno di conoscere i costi, le modalità di spedizione e i tempi.
Io sono di Roma, più precisamente sono il Paolo a cui vendesti una coppia di  Tannoy Eaton un paio di anni fa...forse di più. Mah.

Attendo informazioni

Gentile Paolo

La modifica CCI costa xxx euro per cui sarebbe opportuno effettuarla su un lettore esente da problemi in quanto poi tale lettore risulterà definitivo. Nel caso posso includere la riparazione dello stesso nel prezzo (salvo non porti via molto tempo). Se comunque mi contatti per fare modificare un lettore difettoso immagino tu pensassi fosse quasi irrisorio il costo della modifica...cosa che non è essendo il risultato di 30 anni di lavoro :-)

 

Saluti

Massimo

 

Grazie Massimo per le info e soprattutto per le osservazioni in merito alla validità del cd. Per altro ho letto che il problema della lettura all'accensione è dovuto alle saldature vecchie.
A questo punto ci rifletto un po' su. La spesa effettivamente non è delle più basse, e se quindi reputi più opportuno modificare un cd attuale è ben gradita una scelta dettata dalla tua esperienza in merito...
Se avessi voglia di consigliarmi 2/3 lettori che secondo te sarebbe più opportuno modificare lo gradirei molto.
Un saluto e grazie per la disponibilità
Paolo

 

Gentile Paolo

Il tuo lettore va benissimo per la modifica, semplicemente prima di effettuarla va riparato e solo se tale riparazione dovesse risultare troppo onerosa (cosa che tenderei ad escludere) mi orienterei su qualcosa di recente (ad esempio: http://motxam.interfree.it/cd6004.html )

Non è un problema di età...il lettore che tutt’ora più consiglio per l’ottenimento del massimo sviluppo CCI è il (praticamente contemporaneo al tuo) cd960 Philips per cui...

 

E’ però importante rendersi conto prima della modifica dell’entità della differenza presente rispetto ad un lettore modificato in modo da dissipare ogni dubbio...per questo consiglio sempre di passare a trovarmi col proprio lettore sottobraccio da ascoltare a confronto.

Cordialmente

Massimo Ambrosini

Ing. Ambrosini buongiorno,

 

ho letto con particolare attenzione le  Sue riflessioni sull’HIFI, considerazioni da me condivise integralmente.

Ho già avuto modo di sperimentare (con successo)  il cambio cavi di interconnessione acquistando i GBC blister da Lei consigliati.

 

Desidererei avere un chiarimento in ordine a quanto segue:

 
  1. Cavi di potenza: uso un cavo simile all’HAMA da Lei consigliato (sez. 2,5)  ma con la differenza che 1 polo ha rame color bianco. Domanda: il polo “bianco” fa peggiorare il suono ?

  2. Cavi di alimentazione: uso per tutto l’impianto l’SB7 schermato suggerito dal sito TNT;  altro non è che un normale cavo da elettricista con sezioni da 2,5 intrecciate tra loro a 2 a 2 (1 solo cavo massa) +  schermatura finale.

Anche questo cavo “fatto in casa”  (e comunque “non esoterico”)  peggiora il suono ? Non è poi pericoloso collegare i singoli apparati privi di terra (Lei suggerisce il normale cavo bipolare da elettricista con spina pressofusa e - lato sorgente-  con

l’eventuale spina americana). 

  1. Con casse da efficienza attorno ai 95/96 db, saprebbe indicarmi -  all’interno delle produzioni odierne, ovvero in ambito di prodotti ancora trovabili  sul mercato dell’usato -  il nome di  qualche ”integrato” a valvole e a transistor che “suoni” ?

 

Ringrazio anticipatamente dell’attenzione e della disponibilità.

 

Luca xxxxxxx

Milano

   CaCavi di potenza: uso un cavo simile all’HAMA da Lei consigliato (sez. 2,5)  ma con la differenza che 1 polo ha rame color bianco. Domanda: il polo “bianco” fa peggiorare il suono ?

Gentile Luca

Si, non in modo eclatante però.

2.       Cavi di alimentazione: uso per tutto l’impianto l’SB7 schermato suggerito dal sito TNT;  altro non è che un normale cavo da elettricista con sezioni da 2,5 intrecciate tra loro a 2 a 2 (1 solo cavo massa) +  schermatura finale. Anche questo cavo “fatto in casa”  (e comunque “non esoterico”)  peggiora il suono ?

Si, in modo molto più netto del precedente rispetto ad un comune cavo terminato ad 8 (il tipo piatto...quello normalmente in dotazione ai lettori cd/dvd). In caso vada terminato VDE va ovviamente cambiata la terminazione. Con questo tipo di cavo il suono risulterà meno “monitor” e più armonico ma le metterà anche maggiormente in evidenza i limiti del suo sistema.

Non è poi pericoloso collegare i singoli apparati privi di terra (Lei suggerisce il normale cavo bipolare da elettricista con spina pressofusa e - lato sorgente-  con l’eventuale spina americana). 

Lo è nel caso gli apparecchi non siano a doppio isolamento...sulla serigrafia del pannello posteriore degli apparecchi se sono a doppio isolamento trova il simbolo di un quadrato all’interno di un altro quadrato. Sono molti gli apparecchi che hanno tale caratteristica ma in caso anche solo uno non lo sia si è costretti per problemi di sicurezza a collegare la terra (meglio se ad un solo apparecchio...dal momento che le masse sono normalmente comuni all’interno di un sistema e collegate a chassis).

3.        Con casse da efficienza attorno ai 95/96 db, saprebbe indicarmi -  all’interno delle produzioni odierne, ovvero in ambito di prodotti ancora trovabili  sul mercato dell’usato -  il nome di  qualche ”integrato” a valvole e a transistor che “suoni” ?

http://motxam.interfree.it/apparecchi_rilevanti.html

Cordiali saluti

Massimo Ambrosini

buongiorno sig. Ambrosini,
ho letto con attenzione e con un po’ di invidia l’elenco di tutti gli apparecchi da lei provati, nel suo interessantissimo sito internet, approfitto della sua competenza in materia per farle una domanda: ho una coppia di Quad ESL 63 Pro e le vorrei abbinare ad un finale a transistor di alto livello può darmi un suo consiglio?
io avevo in mente
Classè Audio DR3
Jeff Rowland model one
Threshold SA2
che ne pensa?
grazie per il prezioso aiuto
cordiali saluti
gianluca xxxxx

Gentile Gianluca

Mi trovo sempre un poco in imbarazzo quando mi si chiedono consigli su elettroniche a fronte delle esperienze fatte in tutti questi anni. Mi limiterò a dirle che se dovessi scegliere tra i tre apparecchi citati prenderei sicuramente il dr3 anche considerando i notevoli problemi di affidabilità che ha evidenziato (se ne trovano molti riparati)...sicuramente più armonico e dal suono meno "transistorizzato" degli altri due. Se poi lei dovesse decidere di acquistarlo e successivamente le capitasse di passare per Ravenna...passi a farmi visita portandoselo appresso e le farò ascoltare qualcosa a confronto diretto che ritengo meriti di essere ascoltato.

Cordialmente

Massimo Ambrosini

Buongiorno,

ho letto il suo articolo, interessante davvero.

Quello di cui sono sorpreso, è che già adesso io ho gli apparecchi (pre due telai, finale due telai, alimentatore esterno sezione analogica cd) senza coperchio. Troppo notevole la differenza. Quel che è strano è che la meccanica cd (esoteric ux3 modificato am audio) gradisce invece il coperchio. C'è una spiegazione?

Grazie

Daniele xxxx

 

Gentile Daniele

Il problema telaio è piuttosto complesso da affrontare e non è liquidabile con la rimozione del solo coperchio; il suo ux3 può gradire il coperchio in quanto casualmente è in tali condizioni maggiormente ottimizzato CCI oppure (cosa più probabile) perché in tali condizioni viene a nascondere maggiormente i suoi stessi difetti e/o della catena a valle. Difficile dirlo a priori senza vedere l’apparecchio. Rimarrebbe però sconcertato nel valutare la differenza presente rispetto ad un lettore trattato consapevolmente per risolvere questo problema.

 

Cordialmente

Massimo Ambrosini

ciao massimo,come va? scusa del ritardo causa maltempo internet e telefonia erano fuori servizio (60 70 cm di neve,che spettacolo!).stavo meditando se prendere o provare il tuo receiver 25 o prendere sv1200,cosa mi consigli sempre tenedo conto della qualita del suono e con le 1500a prof. ti ringrazio e ti auguro una buona serata! p.s prova ad ascoltare ezio bosso Following a bird o guardare il video di sanremo su rai.tv

Alessio xxxxxx

Ciao Alessio

Personalmente non ho particolare simpatia per i tre ampli "made in Italy" Grundig (ovvero sv160, sv700 e sv1200) in quanto lo standard sia costruttivo che circuitale è inferiore ai "made in Germany", per quanto riguarda il suono, essendo pure essi full CCI, sono pure validi...se ti piace una certa colorazione propria simil valvolare (vedi http://motxam.interfree.it/sv1200.html ) allora ti consiglierei l'sv1200, se invece non vuoi colorazioni allora meglio un receiver serie larga o il v1700, v7000 etc.

Ciao Massimo

Buongiorno:
Ho letto già da tempo sul Suo sito notizie circa la produzione Grundig e vorrei porle una domanda sui diffusori di tale marchio.Possiedo due diffusori della serie Professional:850 e 2500 dei quali sono oltremodo soddisfatto (specie le 2500) hanno un rendimento elevatissimo anche con basse potenze e una musicalità,nella stanza dove li adopero,veramente eccelsa.Recentemente ho preso una coppia di 1500 Super-Hifi,che come ho visto da una ricerca ricalcano dimensionalmente ed elettronicamente la serie prof.prendendone pure la numeratura di serie (850-1500,forse pure 2500);queste casse costruttivamente un po' diverse,apparentemente più economiche hanno il pannello anteriore incollato mediante una specie di impasto catramato e hanno il tweeter ed il medio di fattezza diversa rispetto alle prof.,purtuttavia quelle in mio possesso (1500),suonano molto bene su tutta la gamma di frequenze anche le più acute anche se (a mio parere) sono vicine alle prof.850,mentre le  prof.2500,sono su un altro livello.Io uso normalmente un Receiver R30 od un R45 che mi sembra però lievemente inferiore al primo,mentre non ho mai provato (per ragioni di cavi punto/linea) due V35 dei quali sono in possesso e che uso invece con casse MBQuart (280 e 390) che a mio parere sono dei buoni diffusori.Mi piacerebbe avere qualche notizia sulla serie Super HIFI DIN 45500 che non compare in nessun sito di catalogazione dei prodotti di elettronica vintage.Grazie e cordiali saluti

Franco
xxxxxxx

Gentile Franco

Tutti i diffusori e prodotti Grundig definiti “HiFi” lo sono in quanto rispettano le norme DIN (Deutsche Industrie Normen) 45500, il superlativo “”Super” abbinato alla serie HiFi inizia nel 76 ed è stato probabilmente mutuato come soluzione di marketing dalla serie di TV in produzione nel 75 chiamati appunto “Super Color”.

La serie “a” professional del 79 è stato il traguardo evolutivo di una serie di diffusori multivie che ha inizio con la commercializzazione nel 76 delle box600-800-1000 poi evolute in box 650-850-1500 sempre con frontale fisso. Quest’ultima serie viene per la prima volta commercializzata nel catalogo di settembre 77 anche con frontale amovibile e dicitura “professional” (ad eccezione della 650), sul medesimo catalogo si trovano entrambi le serie e si aggiunge il modello 2500 che esiste solo in versione professional (...non esiste con frontale fisso). L’anno successivo si giunge all’estremo sviluppo con la serie “a” professional in cui a fronte di altoparlanti per medio/alti costruiti con flangie particolari ed altre varianti viene aggiunta appunto il suffisso “a” ad eccezione della 650 che viene semplicemente denominata professional mantenendo però il frontale fisso a differenza  degli altri modelli.

La sua preferenza per la 2500 rispetto alle altre è con tutta probabilità causata dal miglior adattamento nella sua stanza di ascolto...probabilmente lei avrà il divano ben distante dalla parete che si trova alle sue spalle (vedi metodo: http://motxam.interfree.it/metodo.html ).

Cordialmente

Massimo Ambrosini

Buongiorno:
La ringrazio per la sua gentile risposta che mi è stata gradita ed esaustiva;vorrei approfittare della Sua competenza per porLe un'ultima domanda su un'altra tipologia di prodotti Grundig che m'incurioscisce ma sulla quale si trovano poche informazioni.Si tratta delle serie gemelle (anche d'età) dei diffusori professional dotate di amplificazione e definite aktiv;in abbinamento ai pre-receiver,simili esteticamente agli R (25-30-35 ecc.),sono soluzioni altrettanto piacevoli e valide quanto le serie passive?Cordiali saluti

Franco xxxxxxx

Gentile Franco

Il discorso tra aktiv e passive è un po’ più complesso...le consiglio la lettura attenta del mio sito ad iniziare dalla Grundig Story: http://motxam.interfree.it/grundig.html

Cordialmente

Massimo Ambrosini

Gentile sig. Ambrosini,

Premettendo che non sono un tecnico né tanto meno un intenditore ma solo un
semplice ascoltatore di programmi radio (soprattutto musica proveniente da
Radio3 RAI), le vorrei chiedere un consiglio.
Incuriosito da ciò che ho letto dal suo bel sito vorrei acquistare un
amplificatore valvolare da abbinare a diffusori ad esso adeguati.
Pur possedendo ed usando apparecchi radio, ed elettroniche in generale, sia
a transistor che valvolari, vorrei abbinare un sintonizzatore Revox A76
Prima Serie inutilizzato ad un, appunto, amplificatore a valvole ma non ho
idea da dove cominciare a curiosare per un eventuale acquisto non avendo
conoscenze tecniche di sorta.
Riuscirei ad acquistare qualcosa di valido restando sotto i mille euro per
il solo ampli?
Concludo elencando gli "strumenti" che quotidianamente suonano in casa mia,
così che potrà avere un'idea di come si nutrono le mie orecchie...:

- Radio a valvole Graetz Sinfonia 4R del 1954
- Radio a valvole Loewe Opta Venus Luxus 1959 circa
- Radio a valvole Blaupunkt Milano 3D del 1955 circa
- Radio a transistor Tivoli Model One connesso ad un CD player TEAC per
l'ascolto da CD.

Come vede non ho bisogno di 500 Watt per il mio ascolto quotidiano.

Sperando di non essere stato troppo invasivo la ringrazio e saluto
cordialmente.

*Enrico xxxxxx
Macerata
 

Gentile Enrico

Se è affezionato alle valvole e al contempo al suo A76 può provare a cercare in rete un NF2 Grundig o in alternativa qualche vecchio Radford o Leak...se invece non ha legami affettivi particolari si compri un buon receiver Grundig serie larga e mi ringrazierà a vita :-)

 

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 

Ciao Max,

avevo il vago desiderio di prendere queste casse per la curiosità di sentire qualcosa che non ho mai sentito.
Tu per caso le conosci? Di queste c'è anche la serie M e non compact che in teoria dovrebbe essere la migliore (cioè questa in oggetto). Poi in bianco sono carine.......
http://www.ebay.de/itm/Grundig-Hifi-Boxen-516-Compact-hellgrau-70er-Jahre-Panton-ara-/222027846738?hash=item33b1e41452:g:9zoAAOSwL7VWs4PE

 , ma appartiene più al desiderio di provare qualcos'altro non è che mi aspetto troppo. E' che il tre vie come le 850 non mi emoziona più di tanto e desideravo, per gioco, provare altro. Ma tu la conosci la differenza tra la serie M e compact?

Alfredo xxxx

Le 516 e 416 erano solo compact che mi risulti, poi c’era la serie M contemporanea delle audioprisma ed erano le 203, 303, 306 , 506 e 706...non ho mai avuto occasione di metterle a confronto per cui...

Ciao

Massimo

 

Scusa mi confondevo...c'è' una versione compact e una a compact ben visibile sulle targhette di due modelli che adesso sono in asta. Come le 350 e le 350a che sono molto diverse tra loro.

Alfredo xxxx
 

Credo, ma non ne sono certo, che la differenza tra i due modelli sia solo la sospensione del wf che in un caso è in foam e nell’altro è in gomma.

Come suono sono pressoché sovrapponibili.

Ciao
Massimo

Salve sig. Massimo,

sono Roberto di Ancona, appassionato di elettronica… da diverso tempo sto pensando, senza presunzione, alla realizzazione di un dual mono a valvole secondo i radicali canoni Hi-Fi.

Prima di scrivere queste righe, ho impiegato alcune settimane a documentarmi su alcuni aspetti tecnici, molto ben trattati nel vostro sito MOTXAM, spero quindi che nelle mie richieste di consigli non ci siano assurdità...tuttavia data la mole di dubbi e numerose perplessità chiedo che i vostri consigli non siano a titolo gratuito, come giusto che sia.

 

·           Prevedendo di far suonare file non compressi, tipo flac, osservo:

la tensione d’uscita di un DAC è di circa 2 Volt

http://www.ebay.it/itm/ARCAM-irDAC-IR-DAC-CONVERTITORE-DIGITALE-ANALOGICO-ingr-Toslink-USB-iPod-/131648209784?hash=item1ea6d84378:g:XY4AAOSw5IJWdT2h

considerazioni: potrebbe essere sufficiente a pilotare altoparlanti? Oppure, può  essere una tensione troppo elevata e mandare in saturazione il triodo,

si può evitare la sezione preamplificatrice?

Inoltre l’impedenza d’uscita del DAC è compatibile con l’impedenza d’ingresso di un finale a valvole?

 

·           Attualmente ascolto l’audio (TV e CD) da un sistema 5.1 Logitec Z5400. Come procedere per scollegare i finali destro e sinistro anteriori e utilizzare l’uscita dell’attuale DAC 24 bit e inviare il segnale su altro amplificatore stereo supplementare

 

·           Per il purista Hi-Fi, l’amplificatore a valvole deve essere rigorosamente un triodo S.E. oppure sono contemplati più triodi in serie o parallelo?

Il super lineare com’é considerato?

Cercando di documentarmi e capre qualcosa sulle valvole, ho notato un

S.E. con EL34 Ultralineare al 43 % Co

Potenza su 8 ohm = 20W ;T.H.D. = 0.5% ; Banda passante a -3dB = 10Hz – 50KHz

http://digilander.libero.it/el840/20W%20ULTRALINEARE.htm

Si tratta di un progetto Hi Fi senza compromessi? Secondo alcune scuole di pensiero il pentodo dovrebbe introdurre un po’ di distorsione….é solo teoria?

 

·           Dove posso reperire lo schema elettrico con le relative caratteristiche tipiche (risp. frequenza, distorsione, SNR, etc)? O meglio esistono dei kit di fascia alta, cioè con buone prestazioni, senza rumore o ronzio di fondo?

 

·           L’alimentazione delle valvole: ho visto che può essere realizzata con ponte di diodi,

 http://www.leradiodisophie.it/Alimentatori-6/Alimentatori%20-%20versione%20Radio%20-%20Parte%206.htm

-      sia per la tensione dei filamenti, magari con un stabilizzatore integrato

-      sia per la tensione anodica

http://www.audiovalvole.it/alimentatori_valvolari_anodica_a_semiconduttori.html

in cui ciascuno diodo ha un condensatore in serie per ridurre il rumore, ma l’assoluto “purista” riconosce soltanto un raddrizzatore termoionico per esigenze di rumore?  Inoltre, cosa consigliate per stabilizzarla in modo ottimale?  la classica cella LC o un integrato?

 

·         Trasformatori d’uscita: ho notato che la maggior parte dei costruttori di fascia alta (Opera Audio, Audio Note etc) non impiegano trasformatori toroidali, che in teoria dovrebbero avere meno dispersione elettromagnetica.

Al tal riguardo alcuni sostengono che i toroidali producano spurie…

http://motxam.interfree.it/verscomode.html

C’è della verità?

Che parametri consigliate per sovradimensionare i trasformatori, compreso quello di alimentazione, al fine di non farli surriscaldare?

 

·           Praticamente quasi nesssun produttore di casse acustiche e nessun costruttore di altoparlanti fornisce la potenza minima applicabile; sarebbe un dato interessante per accoppiarle ad un valvolare.

Ho notato

http://oem.ciare.com/it/296/341/prodotti.php   Dicono   20_  3 Khz,   97 dB

http://oem.ciare.com/it/294/465/prodotti.php   Dicono 600_20 Khz, 110 dB.

Cosa ne pensate? Ci sono woofer più sensibili?

 

·           Ed ora un ultimo consiglio sulla realizzazione dei diffusori:

dato che internamente la forma ideale è in teoria una sfera, rispettando il volume interno, si potrebbe utilizzare una barrique di rovere che ha stagionato vini particolari o brandy?

 

Date le numerose richieste di consigli, vorrei inviarvi il mio compenso a sostegno della vostra pazienza, per ora, anticipatamente ringrazio per la Vostra cortese risposta

 

roberto xxxxx

Gentile Roberto 

Non percepisco compensi a fronte dei consigli che fornisco ma al contempo non fornisco consigli se non li ritengo opportuni. Mi spiego meglio: la domanda che dovresti farti principalmente è: perché un ampli a valvole? Sei certo che abbiano qualcosa in più intrinsecamente come dispositivi? Puoi anche guardare qualche grafico di risposta in frequenza su carico reale di qualche valvolare qui: http://motxam.interfree.it/prove_tecniche.html

Ti consiglio di leggere con attenzione la pagina “webmaster” e il “verità scomode” del mio sito...potrebbero venirti molto più utili di qualche banale consiglio di autocostruzione credimi...

Cordialmente

Massimo Ambrosini

Salve Sig. Ambrosini

Leggo con interesse i sui scritti da molti anni ormai e la ritengo fuor di retorica uno dei pochi luminari di questo settore. Ho potuto toccare con mano alcune sue indicazioni migliorando sensibilmente il mio impianto che per ora è solo misto GrundiNg :) . Quello che trovo di bello leggendola è che tutto sembra avere una spiegazione logica nel suo approccio.

Ho delle Tannoy Eaton a cui sono molto affezionato e un lettore cd Denon dcd2000 modificato Aurion con in mezzo un bel receiver 35.

Ho avuto occasione la settimana scorsa di ascoltare il mio lettore a confronto di un cd7550 di un amico. Premesso che l’ho comprato usato e quindi potrebbe non essere al top ma la differenza ha lasciato il segno nella memoria, più aperto, dettagliato e musicale il Grundig quasi imbarazzante al confronto il mio. Ma questo immagino che lei lo sappia già.

Vengo quindi al nocciolo della mia lettera: è possibile fare modificare il mio lettore da lei pur essendo già stato modificato da Aurion? Il costo quanto sarebbe?

 

Grazie e a risentirci

Armando xxxxx

 

Gentile Armando

Non conosco la modifica Aurion ma per quanto posso leggere sul loro sito si tratta di un rifacimento della sezione analogica a componenti discreti abbinata ad un approccio zero oversampling. Non so quindi (non avendone mai avuti da loro modificati) se sia possibile ripristinare le condizioni originali oppure no. Premetto che ritengo tale ripristino necessario in quanto, pur non conoscendo tale modifica, dubito fortemente abbia una linearità di risposta che vada oltre quella (eccellente) dei Denon di serie: spesso certi rifacimenti devono anzi la loro “qualità percepita” ad andamenti di risposta in frequenza “furbi”...alcune modifiche “mod squad” del passato hanno fatto “scuola” in tal senso. Non parliamo poi dello zero oversampling su cui sul nostro forum abbiamo parlato in più occasioni e che annovera il nostro Marco Amboldi come precursore in Italia di questo approccio (tant’è che pur avendo attualmente un lettore cd960 full CCI riporta tutt’ora sul suo sito personale le esperienze fatte con lo Z.O.).

Questa necessaria premessa per arrivare a dire che sia dal punto di vista “fattibilità” che dal punto di vista economico fossi in lei metterei in vendita il lettore nello stato in cui si trova riprendendoci almeno buona parte di quanto speso (sfruttando la moda del momento verso queste modifiche) e a seguito sceglierei un lettore di serie (il medesimo o un altro a sua discrezione purché sia modificabile CCI) nuovo o usato. In tal modo non si hanno sorprese ed è probabile che lei riesca a ripagarsi anche parte della modifica.

 

Cordialmente

Massimo Ambrosini

Massimo

 

Fatta la modifica (aggiornamento su aktiv mod LT n.d.r.). Una meraviglia prendono il volo.

 

BRAVO

 

Chiaro che con le viti se ne vanno i sigilli che hai messo, se ritieni opportuno li rimetto sulle due viti allentate di 1/4 di giro.

 

Grazie

Bruno

 

Stai pure senza sigilli e goditele!

Ciao e buon 2016

Massimo

Ps: leggevo che eri curioso di provare le TL800...un paio in più le ho nel caso (anche in prestito).

Ciao Massimo , ben ritrovato nel 2016 (non hai*:) sorridente esagerato nelle libagioni vero ?)

Volevo chiederti per curiosità le dimensioni d'appoggio oltre che di altezza dello stand Telefunken che hai  in vendita  e in cosa si differenzia dal bf/4 Grundig .  Il grado di inclinazione penso sia la stesso .

 

 A  proposito del tuo  integrato  MA10tp ,  essendoci  solo un potenziometro e un selettore ingressi a monte dello stadio finale    ,  come tu stesso dicevi ,  oltre a questo in cosa differisce da un finale ?   La sezione preamplificatrice  in un ampli allora non è necessaria ? Tra i tuoi amplifcatori integrati e finali fino a 50 watt , c'è ne uno che si differenzia per un pelo di dinamica (o velocità) maggiore ?

 

Grazie  Giuseppe

 

Ciao Giuseppe

I Telefunken sono larghi 31cm e profondi 25cm e sono alti 13,5cm dietro e 15cm davanti (circa un cm in più dei BF4), l’inclinazione è la medesima.

L’integrato differisce dal finale fondamentalmente per il fatto di essere telecomandabile e, per quanto riguarda i costi, per l’assemblaggio delle schede made in Hong Kong, il suono è il medesimo allo stato attuale di sviluppo (mentre non lo era al momento della presentazione).

Ciao e Buon 2016!

Massimo

Scusami , dammi anche le misure del piano d'appoggio del bf/4 . Sto valutando delle soluzioni per lo stand delle box 860 , che sono più strette degli stand Telefunken. Per il tuo integrato sono contento che non  ci siano neanche differenze dinamiche con i finali o il vecchio integrato LT.  Pur avendo ascoltato a casa mia il livello super del tuo nuovo integrato , mi chiedevo da perfezionista  quale sono ,  quanto potesse influire negativamente il potenziometro del volume , con gli ingressi direttamente connessi a questo , che di fatto mi fa pensare ad un pre passivo . Sapevo che comunque installato il potenziometro ( per giunta telecomandabile) è sempre una complicazione per il segnale ma non sono un'esperto .  Semplicemente , anche se mi piace come suona un'elettronica CCI , un minimo di infarinatura sulla sua realizzazione cerco di averla . 

Buona notte

Giuseppe

27 di larghezza e 23 di profondità.Per quanto riguarda le cause che inficiano sul suono un pre passivo può essere dannoso come un pre attivo SE non si conoscono le regole del gioco. Il punto è sempre quello. Come utente finale ti consiglierei di evitare congetture su aspetti tecnici (che credimi sono ampiamente forvianti in quanto creano pregiudizi) limitandoti a valutare il risultato finale.

Ciao
Massimo

Salve,
le scrivo solo per dirle che ho finalmente trovato la risposta
ad un fatto della mia infanzia esplicato in oggetto grazie al suo sito.
Grazie mille per questo.
Ci sono capitato per caso perché sto cercando un giradischi
per i miei vecchi vinili e ricordandomi di quel compattone grundig del mio
vicino sono finito sul suo sito. Spero di riuscire a trovarne uno ma rpc 500 o 600
sembrano introvabili. Se per caso le capitasse qualcosa di questi esemplari o se mi
volesse segnalare qualcosa di simile come qualità le sarei grato.
Intanto mi faccio una cultura in merito grazie a lei.
Saluti.
Piero

Gentile Piero
Sono lieto di esserle stato utile.
Di RPC in vendita ne ho disponibili anch'io (può vedere sul mercatino del forum), sono oggetti eccezionalmente musicali ma purtroppo usando altro sono costretto a venderli (rimanendo fermi gli elettrolitici si guastano). Le consiglio comunque di evitare spedizioni per questi oggetti...molto facile riceverli danneggiati (soprattutto il coperchio).

Cordiali saluti
Massimo Ambrosini

Buongiorno,
navigando sulla rete, cercando di trovare un esperto dell'hi fi che non parlasse in modo accondiscendente rispetto alle regole del mercato e che fosse avulso da interessi economici, sono incappato in un suo articolo da lei pubblicato relativo ai pro e contro dei diffusori a sospensione pneumatica.
Io mi reputo un "audiofilo" neofita, nel senso che adoro la qualità sonora, mi emoziona e spesso commuove ma non ho assolutamente quella conoscenza tecnica per operare una giusta scelta a parte le mie orecchie.
Per pura intuizione sono stranamente arrivato alla sua considerazione, cioè che i diffusori che restituiscono un suono più vero, naturale e puro sono quelli a sospensione pneumatica. Lo trovo un suono non invasivo e non affaticante.
Io possiedo un ampli e lettore cd atoll, scelta dettata principalmente dalla filosofia aziendale che predilige la scelta di componenti interni di qualità e quindi mettendo in primo piano la qualità sonora all 'estetica del prodotto, e ovviamente per un rapporto qualità/prezzo interessante. Poi ho delle b&w cm6 s2, ovviamente bass reflex (troppo costose per come suonano) scelta quindi sbagliata per una serie di motivi che non sto qui ad elencarle.
Sono d'accordo con lei sul fatto che oggigiorno, se si vuole ricercare la vera qualità sonora sarebbe meglio affidarsi ad un vero e proprio artigiano del suono.
Pochi giorni fa sono venuto a conoscenza di Alberto Bellino, un umile e sincero artigiano del suono, mi ha subito convinto per il fatto che lui ha preferito non immettersi sul mercato cercando facili guadagni seguendo le mode e tendenze, bensì ha una sua chiara filosofia e la segue con passione, quasi una vocazione.
La mia intenzione sarebbe quella di commissionare a questo artigiano il perfezionamento di diffusori a sospensione pneumatica in cassa chiusa che lui offre come prodotto da autocostruire, fornendo un kit con il progetto del cabinet e tutti i componenti (trasduttori, crossover,ecc.) Quello che vorrei sarebbe un upgrade del progetto con trasduttori di fascia superiore. Il diffusore è lo SPIKA MKII Vorrei sapere da lei se conosce questo artigiano, e se si, se sia davvero valido e competente come penso che sia.
La sua piccola realtà si chiama AUDIOJAM2 e lui Alberto Bellino.
Grazie per la sua disponibilità e pazienza.
Attendo un suo riscontro in merito.

Grazie infinite

James xxxxxxx
 

Gentile James

Il diffusore in cassa chiusa è condizione necessaria ma non sufficiente per avere un diffusore di qualità...servono molti altri requisiti e vanno verificati all'ascolto con alle spalle un'elettronica di rilevante EFFETTIVA qualità...cosa tutt'altro che scontata.

Gli artigiani in questo settore crescono come i funghi ma molto molto raramente hanno competenze paragonabili al livello raggiunto dal proprio orgoglio.

Vedo che lei è un designer e quindi persona sensibile all'estetica di un prodotto...e solo lei sa quanto di questo aspetto sia importante nella sua scelta rispetto alla qualità dell'ascolto.

Il mio consiglio è quello di ascoltare SEMPRE prima di comprare...non ascoltando le chiacchiere e le belle promesse che tutti, nessuno escluso, possono farle per convincerla.

Legga con attenzione il mio sito per intero, forse può venirle utile.

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 

Ciao Massimo,

mi chiamo Emmanuele xxxxxx e sono possessore di una coppia di Aktiv 50 e
come tale mi chiedevo quando sarebbe più comodo per te effettuare la
modifica LT.

Ogni 2 mesi (ma di recente anche una volta al mese) mi reco a Cesena per cui
non mi verrebbe difficile passare da Ravenna per lasciarti i diffusori,
occasione in cui, se a te non dispiace e compatibilmente col tempo a tua
disposizione, mi piacerebbe fare un confronto diretto ma breve tra la mia
coppia e un'altra già modificata che suppongo tu abbia già.

Non che abbia dubbi...sono amministratore del gruppo "Grundig CCI" su
Facebook assieme al buon Mario xxxxx per cui sono assolutamente convinto
del miglioramento.....tempo fa ho avuto modo di confrontare un lettore
Pioneer da 30 euro già modificato LT con il mio NON modificato e la
differenza è stata piuttosto evidente e senza sforzarmi più di tanto nel
coglierla....questo come tanti altri confronti sempre appannaggio di
elettroniche Grundig ed LT, quindi CCI...

Chiaramente con le Aktiv 50 uso un XV7500 e, vista l'occasione della
modifica LT, mi chiedevo anche se fossi disponibile ad un controllo con
eventuale messa a punto del pre.

Attendo un riscontro.

Grazie per l'attenzione e ti auguro una buona Domenica.

Emmanuele......

Ciao Emanuele
Non serve lasciarmi i diffusori...se hai pazienza un'oretta o poco più
riesco sia a controllarli che a modificarli. Al momento però non ho aktiv50
a disposizione per cui se vuoi sentire la differenza posso modificarne una e
la sentiamo a confronto dell'altra (ovviamente utilizzando lo stesso
canale...) oppure possiamo confrontarle con le 40 che invece ho disponibili.
Come preferisci.

Buona Domenica anche a te

Massimo
 

Buongiorno, ho letto il suo articolo nel blog e devo farLe i complimenti per la chiarezza e professionalità. Ho un Grundig PS 1020 che avevo riposto in garage ritenendolo di poco valore, quasi un giocattolo, ma quando ho letto quello che ha scritto sono andato a rispolverarlo. Tuttavia il mio giradischi è sprovvisto di tappetino, adattatore per 45 rpm e soprattutto di shell originale. Cosa posso fare per rimetterlo a nuovo? Si trovano questi elementi mancanti? A che prezzo?

Sperando in una Sua risposta, La saluto cordialmente.

Michele xxxxxx

 

Gentile Michele
Tra partecipanti al medesimo forum ci si da del tu :-) Per quanto riguarda il tappetino non faticherai particolarmente a trovarlo ma poi ti mancano sia il cerchietto metallico che deve stare sul tappetino, l'adattatore per 45rpm,lo shell e la testina originale con stilo N91G originale Shure...e sono altri cinque oggetti di cui solo l'ultimo è di non difficile reperibilità. Ti consiglio di mettere un annuncio sulla rubrica "compro" del mercatino del forum...qualcosa troverai sicuramente.
Cordialmente
Massimo Ambrosini

 

Ciao Massimo
ho eseguito l'upgrade come da te consigliato (sulle aktiv ndr) e adesso dopo innumerevoli ascolti , nonostante l'ora tarda, non posso fare a meno di scriverti per
dirti: BRAVO! BRAVO! BRAVO!
Non so dove tu vada a prendere le idee (visto che il CCI non esiste secondo alcuni), ma il risultato è semplicemente fantastico.
Il suono è libero di librarsi nella stanza, senza più i vincoli dei diffusori; vi è maggiore rifinitura; tutto è più dettagliato e preciso e il fronte sonoro diviene più ampio e profondo e tutto questo semplicemente togliendo due viti e allentandone altre due. INCREDIBILE!
Mi viene da chiedermi come sia possibile che in giro ci siano persone disposte a denigrarti; ma costoro hanno mai ascoltato cosa sia il suono CCI?
Io non posso che ringraziarti di nuovo e salutarti augurandoti la buonanotte.
Ciao
Mauro xxxxx

Grazie a te Mauro per il riscontro.
Ciao
Massimo

 

Ciao Massimo

Visto che hai apprezzato i cavi Revox ti informo che ce ne sono ancora 4 disponibili " http://www.ebay.it/itm/331696930798?_trksid=p2060353.m1438.l2649&ssPageName=STRK%3AMEBIDX%3AIT".

Io ho mandato un offerta al venditore chiedendo un piccolo sconto che mi ha accordato, adesso vedi tu come vuoi operare.

Un saluto ed un abbraccio.

Bruno

 

Ti ringrazio Bruno ma non ho l'esigenza di comprarne altri (ho ancora diversi GBC disponibili) per cui se vuoi puoi segnalare l'asta sul forum a beneficio di tutti.

Ciao

Massimo

 

Ciao Max,
sono Vincenzo, amico di Alfredo (soccalf), ci siamo conosciuti al meeting di Roma.
Sarò presente anch'io all'Apulia 2015; essendo anch'io pugliese colgo l'occasione per andare a trovare i miei genitori e partecipare all'evento.
Avrei due domande. Alfredo mi ha detto che sarai impegnato in un'altra registrazione. Mi chiedevo cmq se in quella sede riuscissi a trovare un pò di tempo per misurare la risposta in frequenza e la possibilità di modifica cci di un oggettino digitale che penso sia niente male.
L'altra domanda è un pò atipica. Volevo sapere se hai mai provato uno dei tuoi ampli con le AKG1000. Più che cuffie sono diffusori per le orecchie. Me le hanno fatto ascoltare di recente con un ampli current source (non so cosa voglia dire) che replicava uno schema di Nelson Pass. Mi hanno ricordato da VICINISSIMO il suono Grundig (solo un pò più viscerale e dinamico) e dato che cercano di replicare un'acustica binaurale, mi sono detto che le tue elettroniche potrebbero accoppiarsi benissimo. Unico problema, credo, hanno un'impedenza di 120ohm! Mi hanno detto che si utilizzano ampli da diffusori per farle andare (specialmente quelli di Pass oppure ampli a valvole con 300b).
Che ne pensi?
Ti ringrazio, come al solito, per la gentilezza delle tue risposte.
A presto
VU
 

Avrei due domande. Alfredo mi ha detto che sarai impegnato in un'altra 

registrazione. Mi chiedevo cmq se in quella sede riuscissi a trovare 

un pò di tempo per misurare la risposta in frequenza e la possibilità 

di modifica cci di un oggettino digitale che penso sia niente male.

 

Ciao Vincenzo

Di che cosa si tratta?

 

L'altra domanda è un pò atipica. Volevo sapere se hai mai provato uno 

dei tuoi ampli con le AKG1000. Più che cuffie sono diffusori per le 

orecchie. Me le hanno fatto ascoltare di recente con un ampli current 

source (non so cosa voglia dire) che replicava uno schema di Nelson 

Pass. Mi hanno ricordato da VICINISSIMO il suono Grundig (solo un pò 

più viscerale e dinamico) e dato che cercano di replicare un'acustica 

binaurale, mi sono detto che le tue elettroniche potrebbero 

accoppiarsi benissimo. Unico problema, credo, hanno un'impedenza di 

120ohm! Mi hanno detto che si utilizzano ampli da diffusori per farle 

andare (specialmente quelli di Pass oppure ampli a valvole con 300b). 

Che ne pensi?

 

Le mie elettroniche non hanno presa cuffia ma se vuoi portarti appresso la k1000 e hai un adattatore per collegarla all’uscita dei diffusori possiamo ascoltarla. Per l’impedenza non ci sono problemi.

Ti confesso che (soprattutto in gamma bassa) non rientra tra le mie cuffie preferite ma...deve piacere a te ;-)

Ciao

Massimo

 

Ciao Max,

l'oggettino digitale è il Nuforce Air

(http://nuforce.audiograffiti.com/air-dac-wireless-system-utx-itx_lit_art7.asp), credo sia uscito di produzione e si basa su un protocollo di trasmissione audio chiamato SKAA.

E' wireless ma la modalità di trasmissione tiene il rumore bassissimo.

Non ho modo di misurarlo, ma collegato al v20 e alle 350a devo dire che va molto bene (nel senso che la fatica d'ascolto è parecchio contenuta e le alte frequenze ben presenti).

No non posseggo una AKG, purtroppo, me l'hanno solo fatta ascoltare.

Mi hanno detto che con l'ampli sbagliato tende in effetti ad essere leggera sul basso e ad enfatizzare le alte frequenze. Però come l'avevano apparecchiata...mi ha lasciato a bocca aperta. Inoltre ci sono molte differenze tra una AKG serie bassa e una serie più alta, proprio nel registro grave. Mah, chissà...

V

 

Non è modificabile CCI date le ridotte dimensioni se non inglobandolo all'interno di un ampli che sia già full CCI.
Per la akg1000 hai ascoltato dischi tuoi o scelti ad hoc dal dimostratore?
Se ti capita prova ad ascoltare una akg240 o 340.
Ciao
Massimo

 

Ciao Massimo, sto cercando di costruire degli alimentatori per i microfoni GCMS 333 e per i GCMS 332, perché voglio fare una registrazione multimicrofonica con il mixer Grundig. Ci sono degli accorgimenti particolari che devo adottare? voglio separare i due cavi dei microfoni GCMS 332 e usarli singolarmente, che batterie devo usare per ogni singolo microfono?

Ti mando in allegato gli schemi che sono riuscito a reperire

 

Un caro saluto 

Pietro

Ciao Pietro

Devi fare arrivare una tensione compresa tra i 5V e i 20V circa ai microfoni sul polo 8 ovvero quello centrale. Direi che comodamente puoi usare una batteria da 12 v per centraline telefoniche o allarmi che tiene poco spazio ed è facilmente trasportabile.

C’è poi da capire sul mixer 422 come vengono usati gli slider perché so che accetta 4 microfoni ma di slider contrassegnati “micro” ce ne sono solo due...

Ciao

Massimo

Ciao Massimo, tutto bene?

Ti scrivo per qualche informazione:

1) C'è qualcuno a Roma che potrebbe farmi ascoltare le Grundig Aktiv Box (qualsiasi modello, con una leggera preferenza per le 40 e le 50);

2) Ho preso un SV 1200 in ottime condizioni tecniche ed estetiche (ti allego qualche foto). Nel caso decidessi di venderlo, quale potrebbe essere una valutazione corretta, dal momento che in rete ho visto dei prezzi che, francamente, mi sembrano un po' esagerati?

3) A tuo parere, quali sono i punti di forza e le differenze sonore tra la Telefunken TL 800 e la Aktiv 40?

Grazie mille e a presto!

 

Alessandro

 

Ciao Alessandro

1)Se intendi aktiv di serie non saprei mentre se intendi modificate da me a Roma ce ne sono due cp ma di 20.

2) direi 300-350 al massimo se ben tenuto data la rarità dell'oggetto.

3) Se intendi le 40 di serie allora direi meglio le TL800 con spugna anteriore (se con alle spalle un sistema full CCI) e installazione come riportato qui:

http://hifi.forumup.it/viewtopic.php?t=3286&mforum=hifi

Se invece intendi modificate allora il confronto si fa arduo in quanto l'aktiv è più corretta sul medio basso e a fronte della modifica diventa libera quanto (se non più) della tl800. Sono comunque due bocce in misura se hanno appunto alle spalle un sistema full CCI. Conoscendo la tua propensione (da fonico) ad un suono massimamente trasparente se hai un ambiente tipo "caso C" (a quel che mi pare di capire) sarei più propenso a suggerirti però le aktiv 30 modificate poste su piedistallo BF4...da ascoltare.

Se ti va di fare un salto a trovarmi le puoi ascoltare tutte e tre :-) Un caro saluto

Massimo

 

Gentilissimo Ambrosini,

ho appena parlato con il mio amico Mario xxxxxx che mi ha consigliato di mettermi in contatto con lei per risolvere un guato.

Possiedo da poco una coppia di Grundig mini box 50. Uno dei due diffosori apparentemente sembra avere guasto un tweeter. Invece al teste quest'ultimo risponde bene. Penso che il problema è da ricercare nel crossover dove quasi sicuramente un condensatore è in perdita. Volevo chiederle gentilmente con quale tipo di condensatoore attuale dovrei sostituirlo e se devo fare necessariamente la stessa cosa anche con l'altro diffusore. Attendo con piacere una sua gentile risposta e nel contempo le invio i miei più cordiali saluti.

Rosario xxxx

Gentile Rosario
Possiamo darci del tu?
Dubito che il problema dipenda dal condensatore in serie al tweeter che normalmente è un poliestere (e non soffre di problemi di durata nel tempo) quanto ad una riduzione dell'impedenza della bobina del tweeter stesso (che potrebbe avere delle spire in corto) oppure in casi estremamente rari anche dal cortocircuito della bobina a valle del condensatore (te ne accorgi anche a vista dal fatto che il supporto in plastica è fuso). Come hai verificato la funzionalità del tw? Scambiandolo con l'altro? Misurandone la resistenza in continua? O collegandolo direttamente all'ampli?

Cordialmente
Massimo Ambrosini

Salve sig.Ambrosini

Leggo ormai da anni i suoi scritti trovandomi a volte in accordo e a volte in disaccordo ma non potendo sottrarmi dall'osservare la grande passione che muove i suoi passi. Non ho ancora nulla di grundig in casa ma la curiosità di provare qualcosa sta crescendo, stavo pensando di partecipare al meeting di Verona essendo io di S.Bonifacio ma non sono sicuro che possa essermi di aiuto. Non sono una persona dall'orecchio veloce, ho bisogno di ascoltare e per molto tempo per sentire e discriminare una differenza e per quel che leggo nei meeting i confronti sono veloci, non so quindi se faccia per me.

 

Che faccio, compro qualcuno dei grundig che lei consiglia e li provo a casa mia? Mi sto rispondendo da solo me ne rendo conto ma vorrei il suo parere. Lei consiglia di portare i propri apparecchi ai meeting ma se le porto ad esempio il mio lettore cd come faccio a rendermi conto se suona meglio o peggio di un suo lettore in una catena che non conosco?

Saluti

 

Diego xxxxxxx

 

Gentile Diego

Le sue perplessità sono tra le più diffuse e sono in generale quelle che tengono lontane le persone (quelle poche rimaste non condizionate dai "marchi") dai meeting.

Quando per una vita di ascolti (non conosco la sua età ma mi sembra che lei sottenda una certa esperienza) con apparecchi esoterici più o meno costosi ci si trova ad avere a che fare con differenze spesso non eclatanti in cui è difficile stabilire quale sia la soluzione migliore non è facile pensare che invece possano esistere differenze in cui l'esito è chiaro, limpido e non lascia adito a dubbi. Infatti solo se le differenze sono di rilievo si possono anche valutare in tempi brevi...certo lei può obiettare che spesso in questo settore si prendono per "migliori" suoni che sono solo maggiormente appariscenti e "sparati in avanti" e che a distanza stancano all'ascolto. Ecco...il mio consiglio per partecipare ad un meeting è proprio questo: valuti con attenzione prima di tutto la fatica di ascolto...solo se non è presente fatica di ascolto anche ad alto volume (come del resto mai è presente dal vivo con strumenti non amplificati) può ritenere che un suono meriti approfondimento...si accorgerà poi a seguito che solo l'assenza totale di fatica d'ascolto è accompagnata da gran naturalezza, vivacità, spontaneità, freschezza, timbro e...stanza.

Il senso di portare un suo lettore a confronto di uno full CCI nell'ambito di un sistema full CCI che lei non conosce ha mooolto senso proprio perche evidenzia la differenza di libertà armonica (a parità di risposta in frequenza essendo ormai quasi tutti i lettori molto lineari) permettendo di ricostruire "la stanza" (vera o ricreata artificialmente dal fonico) incisa sul disco...non si tratta delle solite differenze che normalmente si percepiscono tra sistemi mediamente "impoverenti" ma di una differenza mi creda realmente evidente...un singolo fatto è illuminante più di mille parole.

Poi è ovvio che un meeting serva non per trarre conclusioni (che è sempre meglio affrontare con calma tra le mura domestiche) ma per mettersi qualche pulce nell'orecchio comprendendo la direzione in cui si va a mirare per poi proseguire gradualmente. Nei nostri meeting si impara anche come effettuare confronti attendibili (cosa tutt'altro che scontata)...l'appassionato medio ad esempio non sa che un apparecchio scollegato appoggiato a terra determina un peggioramento all'ascolto del sistema in funzione...questa e tante altre cose si possono apprendere/ascoltare ai meeting...

Cordialmente

Massimo Ambrosini

Ciao Max
Come stai?
Leggevo in rete sul sito degli innamorati grundig che suonano bene anche gli amplificatori italiani della hirtel, li hai mai ascoltati? Che ne pensi?
Sei a casa in agosto se passo a trovarti? ho un problemino col cd, un rumore sulla cassa destra di tanto in tanto, magari te lo spedisco prima così poi passo a riprendermelo.

saluti
Loris

 

Loris, sei una persona intelligente ma un poco ingenua

Non è un problema di Hirtel o altro...in quel sito, come avrai letto, va TUTTO bene (...tutto tranne gli LT :-) ) in quanto per loro la "soluzione" del problema audio è solo una questione di abbinamenti e/o regolazioni di toni con loudness inserito...insomma il livello di competenza ed onestà intellettuale di talune persone si presenta da solo.

Spiace solo per la disinformazione battente posta in essere su tutto (con propaganda che fa leva sulla "grande amicizia" nata dalla convinzione di avere un "comune nemico"...) che livella fantastici prodotti in cui è stata fatta una ricerca specifica a livello telaistico incredibilmente avanzata con altri assolutamente comuni.

Grazie a quel sito di riparazioni (che sarebbe utile a molti se si limitasse a far questo) ora ci sono persone (quelle abituate ad ascoltare solo una campana...la campana di chi vuole attrarre persone diffamando chi non riesce a sopraffare in altro modo...) che mi odiano senza neppure conoscermi! E tutto questo senza che il sottoscritto abbia mai fatto nulla di male a nessuno ne mai offeso nessuno. Un record? Purtroppo no...sui gruppi facebook sembra sia la normalità...

Ciascuno di noi non va mai oltre i propri limiti ed in base a quelli effettua le proprie scelte per cui semplicemente a ciascuno la sua strada.

 

Dormi sonni tranquilli Loris...per fare QUEL suono a cui ora sei abituato occorre reale competenza in ambito CCI...non si scappa ne si improvvisa.

Ad Agosto sono a casa per cui spediscimi pure per tempo il lettore.

 

Ciao

Massimo

Salve Sig. Ambrosini

Mi ha incuriosito un articolo che ho letto sul vostro gruppo facebook a proposito di un finale a valvole grundig nf20 e ho provato a cercare notizie sul suo sito ma non ho trovato nulla, come mai? Lo consiglierebbe? Grazie per l'attenzione

Ronaldo xxxxx

Gentile Ronaldo

Per iniziare penso che lei abbia frainteso un aspetto fondamentale: non faccio parte di nessun gruppo facebook!

Immagino che il gruppo a cui si riferisce sia il "grundig CCI" la cui gestione è totalmente indipendente da me pur avendo in comune alcuni iscritti del mio forum ( che nel caso abbia dubbi è questo http://hifi.forumup.it ed è l'unico su cui scrivo).

Per quanto riguarda l'nf20 ho avuto al momento solo occasione di ascoltarlo al meeting ravennate del 2013 ed in quel contesto (ovvero in accoppiata al suo preceiver dedicato) erano evidenti carenze di linearità di risposta in frequenza pur a fronte di piacevole sonorità, attendo prossimamente di poter ascoltare e testare l'ampli stand alone (proprio quello fotografato sul gruppo facebook a cui lei fa riferimento) per poter dire la mia.

Saluti

Massimo Ambrosini

Ciao Max!

Sto testando la disposizione nuova delle DSL e cavolo se funziona! E' sconvolgente! Tutto è più dinamico e fluido molto meno ingessato, grande!

Grazie ancora una volta e complimenti per la tua voglia incessante di continuare a migliorare.

Ciao
A.

 

Grazie a te del feedback.

Fa sempre piacere avere un riscontro delle proprie esperienze, stimola a continuare.

Ciao

Massimo

Ciao Guglielmo

Stavo guardando sia in rete che sui miei cataloghi e non trovo nulla di relativo all’rc65 di cui mi parlavi al meeting...c’è però un rc60...è quello per caso a cui ti riferivi?

Ne approfitto per ricordarti di mettere i due plastichini sul frontale del cd960...

Ciao

Massimo

Ciao Massimo, sì è l'RC 60 e non 65. Grazie per avermi ricordato i plastichini. Ho collegato l'Ma 10 all''impianto e la musica ha preso il volo, rispetto a qualsiasi amplificazione Grundig che ho confrontato non c'è storia, c'è un balzo da cui non si può più tornare indietro, grazie mille.

Già che ci sono però vorrei chiederti 3 cose: la prima è se  in combinazione con le DSL  è meglio un finale ma 50 piuttosto che l'integrato Ma 10, te lo chiedo perché avrei la possibilità di acquistarlo. La seconda riguarda le TL 800 che mi hai detto al meeting hanno bisogno di un ricappaggio o qualcosa del genere, posso chiederti cosa di preciso? Posso farlo fare anche da un tecnico qualsiasi oppure è un intervento che fai solo tu? La terza riguarda le nuove mascherine delle DSL, ci hai detto al meeting che più in là potresti farci avere i disegni per la prototipazione rapida per cui resto in attesa di tue notizie quando saranno a disposizione. Però in genere quando si fanno le stampe 3D sulla quantità vengono praticati degli sconti anche ragguardevoli, se ci uniamo tra diversi possessori delle DSL + magari qualche pezzo per le tue prossime vendite potremmo risparmiare un po', non è che puoi chiederlo a chi ti fa le mascherine? 

Saluti

Guglielmo

 

Ciao Guglielmo

Per quanto riguarda le TL800 si tratta di cambiare gli elettrolitici con altri bipolari attuali...contrariamente a quelli impiegati sulle Grundig, questi hanno la brutta abitudine di essere abbondantemente fuori caratteristiche...io li compro qui (delle due liste di elettrolitici bipolari è quella più in basso): http://www.lautsprechershop.de/index_hifi_it.htm

Per quanto riguarda le mascherine se vuoi iniziare a chiedere qualche preventivo ti giro il disegno con le quote (non quello per la realizzazione che eventualmente ti girerò in un secondo momento) .

Per l’MA50 ti riferisci per caso a quello in vendita sul forum?...te lo chiedo perché credo (se ben ricordo dal momento che l’ha preso di seconda mano) che quello sia un integrato e non un finale...ne feci qualcuno all'epoca col frontale in plexiglass che siglai MA50 anziché MA10.

Ciao

Massimo

 

Grazie per le risposte Massimo, l’MA50 è proprio quello quindi è inutile prenderlo. Tanto per ora sono proprio soddisfatto ma in futuro penserò all’ upgrade, magari con un bel finalone MA100.


Ciao
Guglielmo


buongiorno,

prima o poi spero di poter partecipare a qualche suo meeting,

giusto ieri ho saputo che i Grundig sv 700 e 1200 montano dei 2n3055 Siemens
perché sembra siano migliori,

per cui ho scoperto che il mio sv 700 ne ha due cambiati ed il 1200 uno Siemens ma con sigla diversa.

adesso volevo chiederle se sa dove potrei trovare questi Siemens, oppure se altri ampli dell'epoca li montavano
o meglio ancora se lei li ha disponibili

la ringrazio per la sua cortese risposta

cordiali saluti


Non c'è differenza tra i Siemens e altre marche purché il modello del transistor sia il medesimo...le differenze ci sono se hanno un beta diverso ma questo non può verificarlo salvo non abbia lo strumento necessario.
Non si faccia le fisime del marchio del transistor...i problemi che determinano il suono sono ben altri e se vorrà partecipare ad un meeting (il prossimo è il 16 Maggio a Ravenna) potrà rendersene conto con le sue orecchie...generalmente sono esperienze che vengono reputate dai partecipanti molto istruttive.
Cordialmente
Massimo Ambrosini
Ps: per altre occasioni gradirei che la mail fosse firmata grazie.

 

Ciao,

 

Mi presento: sono un auto-costruttore di diffusori dilettante.

 

Sto cercando disperatamente da un po' di tempo qualcuno che possa aiutarmi con il progetto che ho in mente...

Niente di che, vorrei solo capire quale potrebbe essere il volume ideale di una cassa chiusa per l'altoparlante in oggetto.

 

Come è possibile che qualunque calcolatore io utilizzi mi consigli un volume per il box di circa 600 litri? non credo che sarebbe il volume realmente ideale...

Come ben saprai e dai grafici in allegato si tratta di un diffusore ad ampio spettro, più un mid-woofer che altro, ma queste valutazioni le lascerò a te.

 

Nel caso decidessi di darmi una mano, ti ringrazio in anticipo.

Massimo xxxxx

P.S.

Ho deciso di buttarmi in questo progetto: in primis perchè mi serve un diffusore d qualità per la mia chitarra ^^ , ma soprattutto perchè le casse chiuse per chitarra esistono già, ma, l'unica differenza rispetto ai loro gemelli aperti è un pannello di legno rimovibile, che sigilla la cassa posteriormente, senza fonoassorbente dentro, costruita con legni che rimbombano ( se non trattati ), e con un volume decisamente troppo ridotto.

Inutile aggiungere che sono soluzioni improponibili!!

 

Quello specifico altoparlante (Jensen C12R, Qt=1,88, fs=74Hz ndr) non è impiegabile in cassa chiusa ne in reflex ma solo come dipolo dato il Qt elevatissimo...se non conosci queste nozioni di base ti sconsiglio decisamente il fai da te.

Ciao

Massimo

 

Grazie della risposta Massimo,

Ma in pratica un QT elevatissimo cosa comporta? perchè non lo potrei fare in cassa chiusa? 
Perchè tanti produttori di diffusori per chitarra li mettono in cassa chiusa?( tra l'altro in volumi decisamente sottodimensionati e senza fonoassorbente e nemmeno antirombo )

Scusa l'insistenza ma sono domande a cui non riesco a trovare risposta...

Quello che ho capito io è: QT elevatissimo, quindi una grande resistenza meccanica della sospensione, quindi basse emissioni indesiderate...
Però quello che esce dal retro è pur sempre in controfase, quindi la qualità del suono non ne risente? ( ammesso che nessun costruttore di diffusori per chitarra ha mai costruito un vero dipolo)

Optare per un baffle infinito non migliorerebbe la qualità del suono? annullando le emissioni posteriori?

 

La qualità del suono da un altoparlante monovia come quello da te indicato è comunque pessima ma le esigenze di amplificare uno strumento non debbono per forza coincidere (anzi...) con esigenze di fedeltà...il “suono della chitarra” sarà la risultante di ciò che esce del tuo pick-up+ l’amplificazione che utilizzerai (spesso tutt’altro che lineare vedi: http://motxam.interfree.it/marshall.html ) + le colorazioni del tuo altoparlante montato o meno in cassa. Non è detto che il suono della tua chitarra ti piacerebbe di più senza tutte queste colorazioni aggiunte. Un conto è il complesso di cose che servono a generare un suono, ben altro conto è ciò che serve a riprodurlo fedelmente.

ciao

Massimo

 

Ciao Massimo ! Tutto bene ?

Io continuo a cimentarmi in prove varie e confronti tra cavi ed apparecchi...

In questi giorni ho effettuato anche vari spostamenti (ho decisamente avvicinato i diffusori alla parete posteriore e successivamente spostato anche il divano dalla parete alle spalle del punto di ascolto...).

Ora però vorrei andare un po' più a fondo e applicare con più rigore il "metodo installazione diffusori" descritto sul tuo sito.

Mi mancano però i dati della frequenza di risonanza (fr) e fattore di merito (Qt) delle mie LT SL 1. Ho letto anche il metodo per ricavarli (mi sembra però un po' complicato !!!). Non vorrei approfittare della solita "pappa pronta"...ma immagino che tu che hai costruito questi diffusori possa avere questi dati...

Per la cronaca le mie SL1 sono la coppia 4a e 4b (ex Mario Asciuti)...te lo dico visto che tu stesso mi hai confermato che non tutte le coppie di

questi diffusori sono identiche...

Grazie anticipatamente per la risposta...

Ciao !!

Marco

 

Ciao Marco

La risonanza delle SL1 è sugli 80Hz e il Qt è prossimo all’unità...se applichi il metodo ti verrebbe un’altezza del wf di 53cm che corrisponde ad un piedistallo di circa 40cm, più basso di 5cm rispetto al piedistallo Bose...differenza che incide ben poco mentre la particolare forma dell’accoppiamento a terra di tale piedistallo viene ad incidere molto. Ti consiglierei quindi di tenere per buono questo piedistallo fissando poi le altre distanze del metodo partendo con z=53+5= 58cm.

Ciao

Massimo

 

Ok grazie Massimo...eventualmente volessi fare il pignolo potrei abbassare di cm. 5 gli stand Bose (facendo tagliare e ri-filettare la barra che collega le due coppe che costituiscono il supporto stesso...).
Gli stand originali Grundig BF1 eventualmente potrebbero andare meglio ? Sono più bassi ?
Grazie ancora...ciao !!

Marco

 

Non ti consiglio assolutamente di fare abbassare i bose...il metodo considera solo il problema basso/ambiente ma il tw su quel diffusore va lasciato all’altezza delle orecchie se abbassi lo stand aumenta anche l’errore di fase rispetto al wf....si aggravano quindi altri problemi. Piuttosto se sei curioso prova i bf1 ma vedrai che tornerai ai bose...

Ciao

Massimo

Gent.Massimo Ambrosini

 

ho recentemente "rispolverato", un paio di tuner T1000, uno funzionante  l'altro non presenta ne' segnale bf al din, ne' risulta funzionante il muting e AFC, lo sto controllando presupponendo un comune difetto che interessa le funzioni sudette, mi sono accorto che costruttivamente, anche se con una soluzione alternativa, un po meno raffinata, il telaio/coperchio e' comunque interfacciato alla piastra madre in modo da eliminare interferenze "nefaste", quindi presumo un full CCI, come direbbe Lei, il suono e' molto vicino a quello del 7200, anzi non risente delle problematiche, che seppur brillantemente risolte almeno al 90%, provengono dalla sezione digitale PLL. Volevo una sua opinione su questo tuner, in quanto non lo trovo tra gli apparecchi Grundig che menziona, "la mano" viste le soluzioni circuitali implementate e' la stessa che ha creato buona parte delle apparecchiature di quegli anni, diciamo della Grundig di razza, "segni" che ho riscontrato addirittura in alcuni telai tv e in moltissime radio dell'epoca.

 

Cordialmente

 

Luigi xxxxxx

 

Gentile Luigi

Il T 1000 pur essendo un ottimo sinto è solo parzialmente CCI come tutta la serie con estetica “giapponese” dell’80-82...sul fatto che la mano sia la stessa non c’è dubbio ma la rivoluzione strutturale/estetica di fine 79 non è stata indolore sul suono: hanno dovuto re imparare alcune cose adattate su telai a struttura portante metallica.

Saluti

Massimo

 

ah ok per il suono dell' sv700, interessante cmq per caprire l'evoluzione

non ti nego che mezzo dubbio, però di diversa natura, ce l'ho anche per un altro ampli che hai inserito tra i full CCI: l'rtv 820.

solo dopo ho scoperto non avere il loudness inseribile e questo mi falsa il giudizio, infatti non riesco mai ad ascoltarlo a volume tale per annullarne l'effetto; mi pare un pò più grossolano cmq, tanto che lo uso per la tv..

 

mi rimane sempre il dubbio invece, e prima o poi ne comprerò uno, di come suona l' rtv 900a o 901

ne avevo scritto anche qualche tempo fa, tu mi dicesti che il periodo poteva essere propizio, tra l'altro hanno il tasto linear fortunatamente..

 

per ora ti ringrazio e a presto

ciao,

Marco

>mi rimane sempre il dubbio invece, e prima o poi ne comprerò uno, di come suona l' rtv 900a o 901

Bene...me ne è capitato uno e...sono full CCI.

Ciao

Massimo

 

uuuuuuuu!!!!

ma questa è una notizia!

allora mi ci dedico con più convinzione, mi incuriosisce molto..posso chiederti se hai testato il 901 o il 900a? entrambi hanno il tasto linear però una disposizione diversa a livello di layout/pulsanti

 

poi guardando non trovo più nulla con il tasto linear fino all' sv 80/85, che però se non erro hai già escluso dal novero di quelli buoni..

mi incuriosisce anche il limite opposto, tipo il 4200..ma meno

 

grazie per la raccomandata!

ciao

 

Il 901

Ciao

Massimo


Massimo buonasera, mi chiamo Federico . Ci siamo visti un paio di volte a casa tua nel giro di 3 anni . Ho ascoltato il tuo finale e abbiamo fatto la prova rivista . Ho visto che hai costruito un integrato ( anche bello da vedere ) e volevo farti una domanda .
Si può sapere più o meno cosa viene a costare l'Ma 10'tp? E magari anche il finale da 50 watt? Il finale l'ho sentito e devo dire che quel suono fresco e profondo lo ricordo ancora adesso . Se l'integrato suona uguale è un gran oggetto .
Se non vuoi parlare di cifre via mail capisco , posso chiamare o al massimo passare di la . Intanto ti ringrazio . E buona serata .
Federico .

Ciao Federico
L'integrato costa xxx euro ovvero xxx euro meno del finale da 50W, il suono è il medesimo per cui tendo a consigliarlo (soprattutto per chi ha solo il lettore cd come sorgente) più del finale.
A disposizione per ascolti.
Cordialmente
Massimo Ambrosini

Grazie , prossimamente magari un ascolto lo farei volentieri e magari con 2 consigli su un eventuale acquisto . Tempi di consegna dalla richiesta ? Grazie Federico

Per l'integrato tengo sempre qualche esemplare in più già costruito per cui in genere la disponibilità è immediata mentre per il finale i tempi si aggirano sui 40gg.

Cordialmente

Massimo
 

Ciao Massimo

Tra le alternative possibili, quel lettore (credo DVD) da te modificato (era un Nortek o qualcosa del genere...) che abbiamo provato al meeting a casa di Salvatore alla domenica (e che suonava molto bene) lo vendi a prezzo scontato (suppongo si tratti di un esemplare "dimostrativo" !??).

Fammi sapere eventualmente il prezzo con il CD 35 in permuta.

Grazie.

Ciao !!

Marco

Marco...chi spende bene non è chi guarda a spendere meno ma chi investe il giusto su qualcosa di duraturo e di qualità...non ha senso spendere quattrini in un dvd da 30 euro con una meccanica rumorosa...se miri al top come qualità e affidabilità nel tempo prendi in seria considerazione un 960 modificato...

Ciao
Massimo

Ciao Massimo, sono Gianluca, "Lucaxxaa" nel forum .

 

Ringraziandoti ancora per le belle giornate in provincia di Torino, volevo chiederti un consiglio. 

 

Assieme ad un amico, ( lui e' l' esperto di elettronica) stiamo costruendo, per "gioco", un amplificatore push-pull a valvole, con valvole tipo le EL84 ( quella piccoline)

 

Hai qualche schema collaudato, o qualche consiglio generale ? 

 

Grazie !

 

Gianluca xxxxxx

 

Ciao Gianluca

Non credo manchino “schemi collaudati” per un pentodo molto diffuso quale l’EL84 in rete...è piuttosto ragionevole chiedersi alla luce di quanto dimostrato in provincia di Torino: il gioco vale la candela? 

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 

Buongiorno,
Modifica CCI, potrei sapere di che cosa si tratta? Quali sono i miglioramenti?
Mi sembra di capire che la levatura dell' apparecchio sia ininfluente, che cioè si possa modificare un Philips cd 473 (per citare uno dei lettori in mio possesso) o un Copland di alto livello ed ottenere gli stessi risultati. Che cosa ne pensa del Non Oversampling?
Queste modifiche le esegue lei direttamente? Gli ascolti dove si potrebbero fare? Infine quali i costi?
Grazie.
Fabrizio xxxxxx

 

Gentile Fabrizio

Il miglioramento non va descritto a parole (tutti sono capaci ad enunciarle miglioramenti...) ma ascoltato in prima persona nei fatti. Se mi dice in quale zona abita potrebbe esserci qualcuno nelle vicinanze che può farle ascoltare (a confronto del suo lettore) un lettore mod. CCI.

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 

Gentilissimo Massimo,

la penso esattamente come lei!

Non possiedo e non ho posseduto lettori cd di costo elevato, ma posso dire di averne ascoltati parecchi in casa mia, più o meno blasonati.

Per quello che ho potuto valutare, il miglior suono viene riprodotto dai vecchi lettori equipaggiati con il TDA 1541. In questo momento ascolto con un vecchio Grundig Fine arts cd 903, fino a poco tempo fa ascoltavo con un forse più vecchio Philips cd 473 con la modifica Non Oversampling. Ebbene, per i miei gusti e nel mio impianto, il suono migliore lo forniva il Philips Nos (costatomi 40 euro!!!)

Sono entrato in possesso, a costo zero ma non funziona, anche di un Sony esd 337 di cui ho letto meraviglie (si tratterebbe secondo molti di uno dei più performanti equipaggiati con quel DAC, appunto il TDA 1541!).

Mi hanno regalato un Grundig R 405 Receiver (si tratta di amplificatore, tuner e lettore cd in unico telaio) di cui non riesco a vedere il circuito stampato del lettore perché trovasi al di sotto del circuito del tuner. Monta anch' esso il 1541?

Abito in provincia di Livorno.

La ringrazio e le porgo cordiali saluti.

Fabrizio xxxxxx

 

Mi spiace ma nella sua città non ci sono persone a cui ho modificato lettori ma se vuol sentire la cosa più prossima a “quel” suono provi un vecchio lettore Grundig tipo cd7500, cd7550 o cd35. Le assicuro che il problema suono NON dipende dal convertitore utilizzato ma da ben altro problema...lo stesso fenomeno fisico che causa le medesime differenze riscontrabili anche tra le amplificazioni. Il NOS non è la soluzione ma è solo un metodo per nascondere un po’ di “spigolature” nell’ambito di sistemi in cui il “problema” non è risolto...ascoltare un cd NOS nell’ambito di un sistema full CCI mette “in mutande” i limiti di tale approccio. Tra i fruitori di un cd full CCI c’è Marco Amboldi che è stato in Italia il precursore del NOS (qui il suo sito: http://xoomer.virgilio.it/hi_fi/ ).

Le differenze dei tre lettori Grundig summenzionati rispetto ad un lettore moderno modificato full CCI sono fondamentalmente due: l’affidabilità (sono lettori che hanno trent’anni...) e l’assenza del telecomando. Non il suono che è invece molto molto simile. Se vuole provare uno di questi lettori Grundig senza acquistarlo può chiedere sul forum se qualcuno della sua zona le può offrire un ascolto...i forum a questo servono. Il resto del suo sistema come è composto?

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 


Giradischi Thorens TD 124 prima serie con braccio SME 3009 S2 e testina Ortofon MC 25.
Preamplificatore linea AUTOCOSTRUITO valvolare.
Pre phono Musical Fidelity stato solido.
Finali: Aloia st 140 (per i woofer) - finale valvolare Graaf 5050 (per i midtweeter).
Diffusori: Principali AUTOCOSTRUITI da progetto Res-Audax con midtweeter a nastro Res e woofer Audax montato in sospensione pneumatica. Secondari RAM Monitor 100 (non so se le conosce!) si tratta di casse inglesi della seconda metà degli anni 70.
Senta, il mio Grundig è sonicamente molto diverso dai Grundig che cita lei? Hanno anch' essi il 1541?
E' un peccato non poter ascoltare e confrontare un lettore da lei modificato.
Mi sembra di capire che sarebbe consigliabile modificare un lettore moderno. Uno qualsiasi?
Potrebbe farmi capire su quale ordine di grandezza si aggira il costo delle modifiche?
Grazie per le risposte.

Buonasera.
Fabrizio

 

>Senta, il mio Grundig è sonicamente molto diverso dai Grundig che cita lei?

 

Si, radicalmente

 

Hanno anch' essi il 1541?

 

No non hanno il  tda1541 ma il tda1540...vedo che il pregiudizio è duro a morire :-)

A dispetto di tale pregiudizio se vuole ascoltare un dvd da 30 euro mod. full CCI a confronto del suo cd903 può passare a trovarmi...abito a Ravenna...potrebbe dover mettere in dubbio diverse certezze però...

 

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 

La ringrazio dell' invito! Mia moglie e mia figlia vogliono visitare (ed io rivisitare) la sua bella città ed è quindi molto probabile che ci si possa conoscere nella primavera.

Questo purtroppo, e mi limito all' argomento hi fi, è un mondo che vive di pregiudizi! Io comunque, da persona adulta, sono due anni più grande (diciamo così!) di lei ed ho imparato ad ascoltare con le mie orecchie e non con quelle dei recensori delle riviste cartacee e virtuali.

Precedentemente le ho scritto che il più che economico Philips 473 NOS da 40 euro, in casa mia, nel mio impianto e soprattutto a mio parere, suona più "vero" di tanti altri lettori molto più costosi (un amico ha portato a casa mia il suo lettore da 2000 euro ed è stato d' accordo con me nel dire che aveva buttato via quel denaro, visto che un oggettino brutto, plasticoso e leggerissimo suonava meglio!)

Ho letto già un bel po' di quello che c'è scritto sul suo interessante sito e le chiedo: "Sbaglio a pensare che il suono di un lettore cd non dipende assolutamente dal tipo di convertitore installato, come invece molti ci fanno credere? Non dovrebbe dipendere neppure da alimentazioni surdimensionate e da stadi di uscita a componenti discreti o addirittura valvolari, visto che, come lei asserisce, un lettore DVD economicissimo è in grado di "suonarle" ad apparecchi anche blasonati (e soprattutto costosi!).

Infine vorrei fare una considerazione sugli amplificatori. Devo dire che i lettori cd Grundig che lei cita (peraltro non facili da trovare ed anche abbastanza quotati), ed in particolare il 7500 ed il 7550, sembrano già ad occhio oggetti di un certo (elevato) pregio. Rimango un po' spaesato (ma non incredulo!) nel leggere che amplificatori dall' aspetto economico se non dimesso (non si offenda per il termine) come i Grundig citati siano superiori ai più blasonati marchi hi end. Se così fosse, e non ho motivo di credere che così non sia, coloro che producono e vendono questi oggetti, dai prezzi spesso esagerati ed a volte esosi, ci hanno preso, ci stanno prendendo e ci continuano a prendere in giro !!! (Forse di più della nostra classe politica, ma questa è ovviamente una personale opinione!)

Grazie per il tempo che mi ha dedicato.

Un saluto.

Fabrizio xxxxxx

>"Sbaglio a pensare che il suono di un lettore cd non dipende assolutamente dal tipo di convertitore installato, come invece molti ci fanno >credere? Non dovrebbe dipendere neppure da alimentazioni surdimensionate e da stadi di uscita a componenti discreti o addirittura >valvolari, visto che, come lei asserisce, un lettore DVD economicissimo è in grado di "suonarle" ad apparecchi anche blasonati (e >soprattutto costosi!). 

Non è propriamente esatto generalizzare ma per grandi linee è così.

>...ci  hanno preso, ci stanno prendendo e ci continuano a prendere in giro !!! (Forse di più della nostra classe politica, ma questa è >ovviamente una personale opinione!) 

 

Non di più (non credo sia possibile)...direi allo stesso modo :-)

Del resto non ci sarebbe chi prende per...se non ci fosse chi si fa prendere per...

Cordiali saluti

Massimo Ambrosini

 

Buongiorno Massimo, oggi il quotidiano Ferrara Italia ha pubblicato l'articolo su Sanyo/Grundig.
Buona giornata
William xxxxxx

http://www.ferraraitalia.it/il-test-vintage-sanyo-e-grundig-la-faccia-triste-del-hi-fi-34955.html

Buongiorno Massimo, oggi hanno pubblicato la seconda parte dell'articolo saluti, William

http://www.ferraraitalia.it/il-test-deck-tape-e-amplificatori-quando-il-suono-scorreva-su-nastro-35021.html

Gentile William

Non conoscevo il significato del termine sanyo (della serie non si finisce mai di imparare) così come non conoscevo alcuni prodotti dall'estetica particolare oggi probabilmente ricercati dagli appassionati di modernariato, conoscevo invece l'ottima costruzione di alcuni oggetti Sanyo risalenti appunto al periodo d'oro dell'hifi che non avevano nulla da invidiare da questo punto di vista (nonché da quello prestazionale) a prodotti Pioneer, Sansui, Marantz etc etc.

Purtroppo ciò che determina il successo o l'insuccesso di un marchio ha ben poco a che fare con la qualità fornita dallo stesso (il caso Grundig è ancor più emblematico) ma esclusivamente con "l'immagine" che il marchio stesso riesce a fornire di se stesso...il fatto che sia Sanyo che Grundig facessero anche radiosveglie di certo non poteva che fare storcere il naso all'appassionato "bene" frequentemente più propenso allo snob che a fare funzionare le rotelle del proprio cervello...

Un buon lavoro William!

Cordiali Saluti

Massimo Ambrosini

 
Gentile Massimo Ambrosini

se si ricorda di me sono quello che ancora sta cercando la paternita' progettuale del V1700, Lei ha tutte le ragioni per un progetto Grundig, io propendo per i Giapponesi...ma non e' di questo che volevo parlarLe, di V1700 ne ho 5 Esemplari perfettamente originali e funzionanti, tutti suonano allo stesso modo, come posseggo un paio di 7200, che Lei reputa parzialmente CCI...( eppure costruttivamente, come soluzioni di interfacciamento telaio/circuito, non e' diverso dal Tuner 7200) li avevo accantonati in favore del 1700, da qualche giorno ne ho ricollegato un esemplare (v7200) ad un CD 7550 sono rimasto sorpreso...un suono diverso(loudness disinserito ovviamente) dal 1700 ma non per questo inferiore in termini di trasparenza e coerenza timbrica, quasi piu "caldo" anche il tuner 7200 collegato con il DIN, sembra offrire un "colore" suo, piu' piacevole da ascoltare, premetto di essemi abituato al suono del V1700 e di non aver usato il 7200 per almeno 6 anni, pero' sento queste differenze, che sinceramente non mi dispiacciono, oltre ad una questione di potenza e sicurezza, ( pur con tutti i pregi sonici, il 1700 e' un potenziale distruggi diffusori), non credo che avanzando con l'eta' (classe 64) abbia perso alcune caratteristiche uditive,anche perche' sento le "ciofeche" che escono da altre elettroniche e diffusori, cosa ne pensa?

Cordialmente

Luigi xxxxxx

 

Gentile Luigi

Siamo coetanei :-)

Per quanto riguarda il V7200 trova un articolo in questa “errata corrige” http://hifi.forumup.it/viewtopic.php?t=2855&mforum=hifi

Per il V1700 (che le raccomando di ascoltare con la vite posteriore di massa allentata di ¼ di giro) è potenzialmente leggermente superiore al V7200 ma di certo la differenza è cosa minima essendo entrambi full CCI. Per quanto riguarda la paternità progettuale del V1700 da quando un Ing. del gruppo postò tempo fa una ricerca telaistica svolta da un'azienda giapponese (Hitachi) qualche anno prima dell’entrata in produzione del V1700, ho iniziato a pensare che vi fosse stata una vera e propria collaborazione (o fuga di notizie?) tra i due marchi iniziata probabilmente già in epoca di produzione dei giradischi PS1010 1020 ad opera di Sanyo (1978-79)...probabile che quindi il progetto di tale amplificatore, uno degli ultimi full CCI prodotto (il v35 rimase in produzione fino all’88), fu una sorta di canto del cigno di qualcuno che poi ha cambiato aria portandosi appresso le sue conoscenze...dal punto di vista commerciale l’hifi stava diminuendo drasticamente le vendite e chi vedeva tale calo correva ai ripari.

Difficile comunque far luce su tale vicenda. L'unica cosa certa è che sia il V1700 che il JA220 sono full CCI.

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 

Gent. Massimo Ambrosini

 

Ho "rispolverato" un paio di V7200, ( a tal proposito le ho inviato anche una Mail qualche settimana fa) che collocati al posto dei V1700 dopo una settimana di attenti ascolti mi hanno dato le seguenti impressioni:

 

SUONO PIU' NATURALE con qualsiasi fonte collegata anche non CCI

 

MAGGIORE DETTAGLIO E TRIDIMENSIONALITA' DEI SUONI

 

MIGLIORE PRESENZA DEL PIANO VOCI

 

MIGLIORE PERCEZIONE DELLE ARMONICHE E TIMBRICA DEGLI STRUMENTI

 

MINORE ASPREZZA ANCHE COLLEGANDO LE "FAMIGERATE" BOX 550 ( POSIZIONATE CON TUTTI I CRISMI CHE LEI CONSIGLIA)

 

ora so che lei mi dira': Non puo' esistere differenza (o se c'e' e minima)  tra amplificazioni CCI come un v1700 un v 7000 o in questo caso un 7200... eppure mi creda, ricollegando o il V7000 ( NE HO TRE ESEMPLARI)  o il V1700 ( CINQUE ESEMPLARI PERFETTAMENTE ORIGINALI E FUNZIONANTI CHE SUONANO TUTTI IN MODO UGUALE) parte della "magia" scompare, ero abituato al suono del V1700 Che ho ascoltato con una catena FULLCCI per almeno 6 anni, soddisfattissimo, ma con questo la "Musica cambia"... non e' una mera impressione! Inutile parlare di altre amplificazioni, sono un tecnico da oltre 30 anni e nel mio laboratorio ne sono passate a centinaia per assistenza, a parte Questi Grundig e qualche Telefunken, nessuna ha mai soddisfatto le mie orecchie. Credo che questo amplificatore, costruito meglio del V7000,(non parlo per "pieta" del 1700) merita' qualcosa in piu'.

 

Cordialmente

 

Luigi xxxx

 

Gentile Luigi

Se le capiterà di passare per Ravenna si porti appresso il suo V7200 e passi a trovarmi così lo confronteremo con un v1700 e un v7000 da me controllati.

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 


ciao Massimo non vorrei disturbarti ma vorrei chiederti se fosse possibile ,pagando ,se il giorno del meeting cioe' l'8 a Chivasso ,puoi dare uno squardo al mio 1700 che uso con le dq 10 ,ne sarei molto felice ciao Massimo buona giornata a te e famiglia

Tony

 

Ciao Toni

Non faccio più controlli/sistemazioni (ho limitato la cosa come puoi vedere dal punto 2 di questo link: http://hifi.forumup.it/viewtopic.php?t=10&mforum=hifi ) ma ciò non implica il fatto che possa darti il mio parere sullo stato dell’oggetto dopo averlo ascoltato se te lo porti appresso.

Ciao

Massimo

OK Massimo...
Ti ringrazio. Penso che utilizzerò con una certa frequenza il mio R25 dopo che me lo avrai riportato...ma questo basterà ad evitare che il problema si presenti nuovamente ? Perché in caso contrario preferirei una soluzione "definitiva", anche se questa richiedesse un aggravio di costo (i 40 euro di cui mi parlavi...).
Valuta tu...per me è importante avere un apparecchio che non abbia problemi di affidabilità, per questo non vado a lesinare su poche decine di euro, anche perché nel caso il problema dovesse ripresentarsi mi costerebbe quasi di più la sola spedizione per inviartelo nuovamente per la riparazione...
Fammi sapere...
Ciao !!
Marco

Marco...ora (dopo la riparazione n.d.r.) il receiver funziona al 100% e se lo usi con una certa soluzione di continuità ci sono buone probabilità che continuerà a farlo per un buon periodo. Su un oggetto che ha quasi 40 anni sul groppone non puoi pretendere l'affidabilità di un oggetto nuovo in quanto per fare ciò dovresti ricostruirlo con TUTTI i componenti nuovi e ciò non è ovviamente possibile.
Come per tutti gli oggetti vintage occorre solo "sperare che duri".
Proprio per evitare il patema di tale incertezza gli oggetti Grundig che offro direttamente li propongo con garanzia, una garanzia da alcuni snobbata ma, come spesso capita, gli snob si pagano sempre in prima persona col passare del tempo.
Un ricappaggio a tappeto (che se fatto in modo totale avrebbe un costo soprattutto in termini di tempo rilevante) non risolve che una parte del problema peggiorando però con certezza il suono del receiver: certi condensatori al tantalio non sono allegramente sostituibili con elettrolitici a basso esr come qualcuno sostiene...la risposta in frequenza dei due tipi di condensatori è ben diversa e soprattutto il modo di suonare su alcuni stadi è ben diverso a fronte di aspetti costruttivi ben diversi.
Il mio consiglio è quello di lasciarlo com'è e di godertelo fino al...prossimo guasto. :-)

Ciao Massimo

Ciao Massimo,

per ragioni di praticità (e anche perchè preferisco il vinile per gli ascolti seri) prenderò il seguente dac, come forse ti avevo anticipato in una precedente mail.

http://www.on-mag.fr/~onmag/index.php/topaudio/actualites-news/11921-test-dac-audiophile-sans-fil-nuforce-air-dac-la-transmission-skaa

Le foto dell'interno sono in fondo alla pagina.

Utilizza una nuova tecnologia di trasmissione (nè wireless nè bluetooth) che dovrebbe dare una resa simile ad una connessione con fili.

A me ripeto interessa più per la praticità.

Mi chiedevo se fosse, in futuro, modificabile CCI (guardando l'interno delle foto di sopra) e quanto potrebbe costare approssimativamente la modifica.

Quanto alla linearità in frequenza purtroppo non ho trovato nulla sul web.

L'altro dubbio riguarda l'alimentazione.

Sul manuale si legge che è necessario un alimentatore con queste specifiche (non fornito nella confezione):

5 - 6.5V, 600mA, 100-240VAC (Worldwide AC) Che prodotto consiglieresti per andare in direzione CCI (tipo batterie, alimentatore stabilizzato, etc.).

Grazie infinite come al solito per il supporto.

Vincenzo

Ciao Vincenzo
Non è modificabile se non estrapolando la scheda da quel telaio per integrarla in un apparecchio già full CCI...per l'alimentatore attieniti alle indicazioni del costruttore.
Saluti
Massimo

 


Ciao Massimo, ecco gli apparecchi che vogliamo vendere:

-Testina MC Denon DL 103 (nuova)
-Giradischi Thorens TD 145 + Braccio SME 3009 serie II -Lettore CD Kinergetics CD 30 -Lettore CD Philips 650 + Telecomando -Lettore CD Philips 303 -Lettore CD Philips 304 prima serie + Telecomando -Amplificatore integrato Creek CAS 4040 -Amplificatore integrato Grundig 7500 -Sintonizzatore Pioneer TX410L -Amplificatore Finale Grundig A5000 -Diffusori Advent "Loudspeaker"
-Diffusori AR 10 pi (prima serie)
-Diffusori AR LST (seconda serie)
-Diffusori Allison One biwiring (seconda serie) -Diffusori Infinity Monitor Junior -Diffusori Klipsch Belle anno 1979 (alnico) -Sistema completo Sequerra:
•2 Subwoofers Sequerra Mod. 8W doppia bobina 30cm
•Diffusori Metronome Met 7 (prima serie)
•Ribbon Tweeter Sequerra Mod. T1

-Diffusori Sequerra Met 11 bookshelf 3 vie -Diffusori Open Baffle con Largabanda PHY-HP "H21LB15" + Tweeter "TW37" (con crossover incorporato) -Diffusori Kit Labirinto Jordan con largabanda monomembrana Jordan JX92S -Diffusori Kit Audionautes con altoparlante monomembrana Diatone P610MA -Sistema completo Dahlquist:
•Diffusori Dahlquist DQ10 (prima serie)
•Subwoofer Dahlquist DQ1W
•Crossover Attivo Dahlquist DQMX1
•Crossover Passivo Dahlquist DQLP1
-Diffusore Replica LS3/5A 15 ohm
Stephens Workshop
-Diffusori TANNOY Chertsey SL45
-Diffusori Kef 105 (prima serie)
-Diffusori B&W dm6 (prima serie)
-Diffusori Quad ESL (bronze)

Tutto tenuto maniacalmente perfettamente funzionante Se ti servono foto fammi sapere


P.S. Caro Massimo, se vendiamo tutto diventiamo milionari! ahahahah Comunque, se riesci tu a portare avanti le trattative riserviamo una percentuale per te

Cordialmente

Pietro xxxxxx
 

Ciao Pietro

Pare l'elenco usato di un negozio :-))

Scherzi a parte, se avete intenzione di vendere questo popo' di roba ti conviene informarti sulle quotazioni di mercato di ciascun oggetto e metterlo in vendita su ebay annunci o su subito.it o su qualche mercatino tipo quello di videohifi ma serve appunto indicare un prezzo di vendita almeno orientativo.

Chi cerca un paio di AR o di Quad ESL di certo non viene a cercarle da me, aggiungi a questo il fatto che non sono bravo come venditore di oggetti di cui non sono convinto (ormai mi conoscete e sapete che dico ciò che penso come i bimbi piccoli :-) ) e anche se ultimamente ho ripreso a ritirare l'usato è palese che chi viene da me ad ascoltarlo poi vuole ascoltare anche "altro" e ...buonanotte!

Ciao :-)

Massimo

Buongiorno Massimo, scusa se approfitto di questa mail per motivi personali, ma avrei bisogno del tuo aiuto per riparare il mio Ampli Grundig SV1200 e so già per esperienza che per fare le cose fatte a regola d'arte bisogna che passi per le tue mani!
Vorrei affidarmi alle tue mani per vedere cosa si può fare con questo pezzo di storia Grundig, soprattutto perché è un regalo che mi ha lasciato il mio caro nonno (che purtroppo non c'è piu) e gli mancherei di rispetto nel lasciarlo "suonare" così.....
Brevemente ti descrivo che il problema dell'ampli è che di punto in bianco ha cominciato a suonare solo da un canale e se lo imposto in Mono invece si sentono tutti i canali.
Non so se puoi accettare la mia richiesta, ma rimango fiducioso comunque...
Cordialmente

Massimiliano xxxxxx

Mi spiace Massimiliano ma come avrai letto sul mio sito non effettuo più riparazioni (ho dovuto fare una selezione limitandomi a chi ha un LT in casa ...altrimenti non sopravvivrei). Ci sono comunque bravi riparatori a cui puoi rivolgerti tra cui alcuni iscritti al forum. Ti consiglierei di postare sul forum la tua esigenza di riparazione e vedrai che qualche tecnico si darà disponibile.

Cordialmente

Massimo Ambrosini

Purtroppo sul sito non ci vado da un bel po' di tempo....(più di due anni)..
accidenti....che peccato, ci avrei tenuto veramente tanto a farlo riparare a te....
Sono stato uno sprovveduto....avrei dovuto approfittarne un paio di anni fa quando mi avevi dato la tua disponibilità!
Sarà mia cura documentarmi sul sito, ma per un discorso di fiducia nei tuoi confronti, potresti comunque indicarmi qualche tecnico in gamba che potrebbe essermi d'aiuto, io vivo in zona Arezzo - Firenze.
Ringraziandoti in anticipo porgo i miei saluti.

Massimiliano xxxxx

Non ne conosco nella tua zona ma come ti dicevo se posti sul forum chiedendo è probabile che qualche indicazione arrivi

Saluti
Massimo
 

Ciao Massimo,

ti scrivo per un problema credo al giradischi, dato che non si manifesta in ambito digitale.
Ho un PS1020 con v20 e box350 (prima versione, come da te suggerito...casse magnifiche!).
Il problema è che usando il giradischi il canale sinistro non si sente affatto o è veramente bassissimo.
Non credo che il problema sia nel phono perchè ho invertito le casse e il problema si presenta nell'altro canale.
Cosa può essere? Dato che ho cambiato tutto per ascoltare solo vinili, la cosa è un pò fastidiosa, oltre che farmi perdere tutta la "stanza".

Ti ringrazio anticipatamente per il supporto.

Vincenzo xxx

Ciao Vincenzo
Il problema potrebbe essere un falso contatto o la testina a cui si è isolato un canale o il cavo del giradischi interrotto su un canale o un guasto sulla riaa dell'ampli...se hai modo prova a collegare un altro giradischi così puoi escludere l'ampli, puoi inoltre (se non hai un'altra testina già montata su uno shell da provare) invertire i due canali dall'uscita della testina e verificare se il problema ti si sposta sull'altro canale (e in tal caso è la testina) o se rimane sullo stesso e quindi il problema sta a valle.
Se ti serve aiuto chiedi pure.
Ciao
Massimo

Avendo cercato in giro ma non avendo trovato niente dai privati dei suoi LT chiedo direttamente a lei  premettendo anche che cercherò di non disturbarla ancora.

Le domande: 

 Quanto mi costerebbe uno dei suoi integrati? Ho letto di una risposta ad una lettera del 2007 /2008 in cui parlava di un 25+25 W  (su 8 ohm?) da circa 1000 €. È cambiato qualcosa? Ha per caso qualche occasione particolare?

E ancora: ha in programma qualche incontro d’ascolto dalle mie parti (sono ai confini tra Marche e Abruzzo)?

Grazie ancora 

Francesco xxxxx

Gentile Francesco

Nessun disturbo ci mancherebbe. Esistono anche Grundig piuttosto potenti tipo l’A5000 che però è solo parzialmente CCI.

Il nuovo MA10tp versione solo linea (al momento l’unica disponibile) posso costruirlo per xxx euro.

Un paio di MA10 sono in Abruzzo e almeno di uno so per certo che non ha problemi a fare ascoltare il suo impianto...nel caso voglia farsi un’idea di un full CCI con diffusori Grundig posso passarle la mail.

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 

 

gentilissimo massimo,

la seguo da parecchio tempo ormai, e mi complimento sempre per la sua schiettezza e trasparenza.

le scrivo per chiederle consiglio a riguardo di un secondo ampli che vorrei acquistare, i candidati nell'usato sono i seguenti :

denon pma 1560

denon pma 1060

denon pma 860

harman kardon 665xvi

harman kardon 665

 

grazie

marco

 

p.s.

i diffusori sono autocostruiti da me

 

Gentile Marco

Se mi segue da parecchio tempo dovrebbe conoscere la mia preferenza verso apparecchi CCI, non le consiglierei nulla di quanto elencato quindi.

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 

Buongiorno Sig. Ambrosini

La seguo ormai da anni e grazie a lei o sarebbe meglio dire a causa sua mi ritrovo ora la casa piena di Grundig avendo da tempo messo da parte il mio vecchio impianto con amplificazione CJ e casse Ensamble PA1 ref. Le scrivo per un problema che ho al mio cd7500 in cui un canale ha iniziato a dar di matto facendo strani rumori. Ho letto che lei non effettua più riparazioni, saprebbe indicarmi qualche tecnico che possa aiutarmi? Ne approfitto per chiederle anche un altra cosa, quanto costa la modifica al cd960 Philips? Ne ho già uno in casa che non uso da molto tempo e ha anche problemi con il cassetto, se glie lo facessi modificare sarebbe disposto anche a ripararlo?

La ringrazio se vorrà rispondermi

Un caloroso saluto

Gianni xxxxx

 

Gentile Gianni

Non è proprio esatto che non riparo più apparecchi Grundig...diciamo che li riparo solo a coloro che hanno anche qualcosa di LT in casa...ho dovuto porre un filtro per questioni di "sopravvivenza" :-). Provi comunque a sentire dal centro assistenza della sua zona...magari le dicono che non vale la pena ripararlo (molto probabile) ma se trova persona volonterosa e con esperienza adeguata può risolvere il suo problema. Il rischio è sempre comunque che poi non suoni come ora ma questo è un rischio che avrebbe con qualunque riparatore. Per quanto riguarda il 960 è per me cosa normale ripararlo in sede di modifica, il carrello è infatti l'unico difetto cronico di questo lettore. Il costo della modifica è di xxx euro.

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 

Ciao Massimo , 

 mi piacerebbe sapere qualcosa di più dei tuoi amplificatori integrati .  Quali potenze  e caratteristiche sono disponibili  ( con stadio phono)  ? Quanto costano ?

Poi una questione che mi sta a cuore assieme alla qualità ; la sicurezza . Da quello che ho capito ci sono ampli cat1  con la messa a terra e cat 2 che non so cosa sia .

Io ho come forse sai sia un impianto full-grundig che full-CCI ma anche una combinazione mista con un fantastico XV-7500 comprato nuovo di pacca ancora col suo imballo originale e un finale Famco-Plenitude YBA degli anni "80" . Quest'ultima accoppiata inserita nell'impianto CCI  , con tutti i cavi gbc/grundig da un ottimo risultato pur senza raggiungere un full-CCI .  Avendo ultimamente -  come ti avevo detto - rivoluzionato il mio salone mi trovo costretto a far convivere il televisore con l'impianto hi-fi e a dir la verità oltre ad essere costretto a risparmiare spazio sono anche un po' stufo della quantità di cavi  e componenti che si incrociano . Dunque un'ampli integrato CCI  moderno affidabile , costruito da te , sarebbe in prospettiva il mio obbiettivo  . I miei veramente  ottimi  V30 / V35  non possono essere il futuro anche se mi piacerebbe conservarli per sempre alla loro massima efficienza .

 

Buonanotte  

 

Giuseppe

 

Ciao Giuseppe

Come avrai visto sul forum avevo accennato qualche tempo fa alla nascita del nuovo integrato telecomandato (potenza 50W/ch su 8ohm) ed infatti questo avrà la sua prima uscita al prossimo incontro di Bisceglie (Apulia hifi show). Sarà vantaggioso economicamente in quanto le piastre le faccio costruire in Cina. Lo presenterò ufficialmente sul forum ad iniziare da Dicembre, non avrà il phono ma 4 ingressi solo linea.

Dal punto di vista sicurezza tutti i miei apparecchi presentano doppio isolamento il che significa a livello normativo che non necessitano di cavo di messa a terra.

Se hai già un xv7500 potresti prendere anche in considerazione un finale...

Ciao
Massimo

Buongiorno dott. Ambrosini. La seguo e mi sono convinto a chiedere un aiuto.

Sono riuscito a trovare una coppia di Grundig Monolith 80 che desideravo da un po'.

Le ho collegate sulla uscita Pre Out di un amplificatore Marantz 2238.

Si sentono davvero bene. Ma ho notato dei piccoli difetti che durante la prova d'ascolto prima dell'acquisto non risultavano esserci. Per prima cosa l'accensione avviene correttamente non appena parte l'ascolto della musica. Invece, spegnendo l'impianto, si spegne solo una cassa mentre il led della seconda resta acceso. Da quest'ultima si sente anche un fruscio che non è forte ma sono certo non sia normale.

Ho notato che ognuna delle casse da sul retro due ingressi a 5 din "L" ed "R". Io ho inserito un adattatore che esce come RCA femmina, uno su R di una cassa e l'altro su L dell'altra . Ho fatto bene. Ci sono altri sistemi di collegamento? Grazie infinite per l'aiuto che vorrà darmi.

Cari saluti

Gabriele xxxx

Gentile Gabriele
Mi scuso per la tardiva risposta in quanto la sua e-mail era finita filtrata come spam.
Il collegamento sembra corretto, la cassa potrebbe non spegnersi proprio a causa del rumore di fondo che lei sente sulla medesima, se scollega il cavo che arriva dal pre il rumore permane?

Cordialmente
Massimo Ambrosini

 

Ciao Fabrizio

Come va? Tutto bene?

E’ arrivato il lettore?

Ricordati di mettere i due plastichini sul frontale per l’ascolto.

Ciao

Massimo

 

Ciao Massimo,
 

... si (quasi) tutto bene ... ;-)

 ... scusami, è arrivato ma,
   ... impicciato con i problemi di salute miei e di mia madre,

    ... non riuscivo a trovare il tempo montare ed ascoltare il lettore.

A parte l'aspetto "incidentato" del case
... un po' deformato
   ... e un pò staccato (asimmetricamente) dalla mascherina frontale ...
     ... (la bellezza non è mai stata comunque una delle sua caratteristiche migliori)
      ... mi sembra che vada mooolto bene.
Devo ancora confrontarlo con uno dei miei CD7550 ma,

... non so bene se per la modifica delle Aktiv o del CD Marantz,

  ... ora il suono è comunque incredibile,
    ... ancora meno elettrico, ...monitor, ...artificiale,

      ... assai più naturale,
       ... e con zero fatica d'ascolto (quando la registrazione lo permette).

Soprattutto riesco a godermi,
... senza dover abbassare il volume,
  ... tracce che prima che mi irritavano
    ... per il livello di registrazione troppo alto rispetto alle tracce precedenti...
 

Ti ringrazio tantissimo per tutto....

   ... viva la musica
      ... allunga la vita! ....
Fabrizio

 

Ciao Adolfo

Non mi hai fatto sapere nulla...ti piace come va ora l’ampli?

Ciao

Massimo

Ciao Massimo, scusami ma soltanto ieri sera mi sono preso un’oretta seria…l’ampli và mooolto bene. Devo dirti che con l’età il mio udito si è un po’ uniformato e la saletta di 16 mq (che hai visto) rende il suono meno “informativo” della sala di 30 mq che avevo anni fa. In ogni caso le 850 professional hanno cantato molto bene, gamma media bellissima e il suono ha il solito alto grado di “coerenza e naturalezza” che contraddistingue il suono LT. La fatica di ascolto è lontana nonostante il nitore del messaggio musicale. Che dirti sembra vada meglio: A me piace!

Grazie ancora della tua splendida disponibilità, spero che la prossima volta sia una domenica, così ci sarò anche io…

Adolfo

Ciao Piero

Non mi hai fatto sapere nulla se l'ultimo aggiornamento all'ampli è di tuo gradimento...

Ciao Massimo


Ciao Max

Hai ragione scusami per non averti detto ancora nulla, non ho molto tempo per gli ascolti ultimamente. Con l'ultimo aggiornamento hai toccato il cielo con un dito! L'integrato è cambiato di molto rispetto alla versione che avevo io e non pensavo ci fosse una differenza così netta, se prima era valido ora è di una godibilità che invoglia ad ascoltare un disco dopo l'altro. Complimenti!

Solo che perdonami ma non ti credo quando dici che questa è l'ultima versione, ormai ti conosco :)

 

Piero

Buon giorno sig.   MASSIMO , 

il suo indirizzo me lo ha dato   il sig. Piero   di soundberry .forumcommunitySono un musicista classico . Evito di dilungarmi; se vorra' potta' trovare le mie 2 uniche lettere  sul forum . Lei sicuramente ha avuto la possibilta' di provare molti piu' ampli del sottoscritto... ( specie i Grundig? ). Ho diversi ampli   per es.  i CYRUS

1-2-3- gia' buoni  ma cercavo anche un suono alternativo   ( diverso ma non peggio )   Pensavo che i tedeschi che cosi tanto hanno dato alla musica e' impossibile che non abbiano dato altrettanti buoni risultati nella riproduzione sonora ;  c'è da pensare che dopo aver fatto eccellenti dischi ( Philips, Telefunken FSM , toccata , sonata, Dg, Archiv...) li avranno pure  voluti ascoltare bene.  posseggo anche altoparlanti full range da 30   centimetri    4 OHM  e si dice che diversi ampli Grundig, Telefunken   dual  saba ... siano per i 4 Ohm   e quindi piloterei ancor meglio i miei full .  Su ebay ci sono numerosissimi modelli di ampli

( mi concentro sugli ampli perché da numerose prove fatte credo che sia l'elettronica finale che da'  il colore  il tipo di suono ).Gia' vedendoli posso farmi un' idea ( maggior numero di ingressi , controlli , cablaggi ) ma poi l'ascolto potrebbe essere diverso.  lei è esperto Grundig, saprebbe consigliarmi  i migliori modelli ?   ascolto quasi solo giradischi e quindi   occorre ampli molto silenzioso specie sul phono ,dinamico   ...amo il suono brillante , trasparente frenato dettagliato NON opaco cupo lento con basso lungo  fluttuante  ( il Luxman L 230  una delusione   ma anche l'Arcam delta 90  a mosfet ).  I migliori ampli che ho sono il sudgen A 48  ed i 3 cyrus   1-2-3   in varie versioni.   Riescono i migliori Grundig ad essere almeno al livello dei cyrus ?  Un signore voleva vendermi il celeberrimo  V7000   ma domandandogli , mi disse che i 2 che aveva    avevano un ronzio  con potenziometro oltre ore 12   e non dovuto a mafunzionamento  bensi' probabilmente di fabbrica .  il sig. nella sua disamina sul 7000 dice che ha i bassi esaltati e che è solo nella media dei giapponesi del tempo !!   la verita' .   Forse  tra i SABA , i DUAL , I TELEFUNKEN  c'è di meglio del V 7000  ?   Se posso ricambiare le informazioni sarei felice . Buona giornata

 

Gentile Giuseppe

Non sono amante del suono dei full range per cui probabilmente ciò che lei cerca non coincide con quanto cerco io...da cui posso solo consigliarle di leggere con attenzione il mio sito per fare poi le sue esperienze.

Qui la Grundig Story: http://motxam.interfree.it/grundig.html

 

Per quanto riguarda il V7000 non esiste “un” suono di tale ampli ma esistono tanti modi di suonare di questo apparecchio in funzione di quanto l’esemplare che le capita sia ottimizzato CCI o meno.

Se aggiungiamo la variabile del pilotaggio di un altoparlante che non è affatto lineare e la variabile di una sorgente che , suppongo, non sia a sua volta CCI beh...proprio non me la sento di consigliarla in alcun modo. Un ampli trasparente va d’accordo con un sistema ove anche gli altri elementi siano trasparenti (e il più possibile lineari) se ciò non avviene decade la validità di ogni buon consiglio.

Posso consigliarle di partecipare ad un meeting...talvolta può essere molto utile per chiarirsi le idee.

 

Cordiali saluti

Massimo Ambrosini

Ciao Massimo,

ieri sera, mentre ascoltavo il concerto dell’Orchestra Nazionale Francese diretta da Daniele Gatti, riflettevo sulla qualità del suono e della finezza timbrica di ogni singolo strumento che si percepisce con l’ascolto dal vivo e la differenza deludente dal suono riprodotto con delle casse acustiche.

Ritengo che una registrazione ben fatta incida per almeno il 60%-70% sulla qualità del suono che si ascolta a casa da un impianto, ma il resto è dato sempre dalle casse acustiche.

Sarebbe però interessante studiare un sistema d’ascolto nel quale più casse acustiche diventino specializzate per la riproduzione delle diverse famiglie degli strumenti.

Esempio: una cassa specializzata ed accordata per gli strumenti ad arco; una per gli strumenti a fiato, una per le percussioni, ecc.

Quindi non più una cassa o più casse specializzate a riprodurre una gamma specifica di frequenze ma una cassa specializzata a riprodurre la timbrica particolare di una categoria di strumenti.

Questa separazione timbrica, dal mio punto di vista, dovrebbe iniziare selezionando-filtrando e canalizzando le diverse timbriche già nel preamplificatore utilizzano della tecnologia esistente. Successivamente il suono verrebbe amplificato da più amplificatori ed indirizzato alle casse specializzate.

La cassa acustica potrebbe essere unica e contenere al suo interno più casse specializzate e così anche l’amplificatore potrebbe essere un unico telaio ma con diversi amplificatori.

E’ evidente che il sistema digitale-analogico aumenta di complessità, ma forse si potrebbe ascoltare qualcosa di veramente nuovo e più vicino al suono dell’orchestra che ho ascoltato ieri sera.

Il programma di ieri sera:

-         Prèlude à l’après-midi d’un faune – Claude Debussy

-         L’uccello di fuoco – Igor Stravinsky

-         La sesta sinfonia – L. van Beethoven

 

Saluti

Rolando

 

Ciao Rolando

Temo che certe tue considerazioni siano piuttosto ingenue J

Un sistema di riproduzione (e in questo si include anche l’ambiente) NON deve avere caratteristiche proprie al fine di riprodurre al meglio le caratteristiche altrui (ovvero ciò che viene registrato...) magari può essere che da te ci sia un interfacciamento diffusori/stanza migliorabile...non ricordo che casse hai ma se mi posti qualche foto del tuo ambiente posso esserti di aiuto per migliorare il tuo sistema. Poi è ovvio che un gap dal punto di vista dinamico rimanga rispetto alla soluzione “live” ma è la stessa differenza che passa nell’osservare un paesaggio in foto o dal vivo...

Ciao

Massimo

Salve Sig. Massimo !

Le allego alcune foto di n. 2 cavi RCA reperiti in un mercatino della mia zona. Secondo Lei può trattarsi di cavi originali Grundig ?

Soprattutto il primo dei 2 (quello con i connettori bianco/ rossi) ha una guaina molto rigida al tatto e non liscia, ma "zigrinata".

La ringrazio fin da ora per la Sua gentile risposta.

Cordiali saluti.

Marco xxxxxxx (Audio Tekne Fan)

 

Gentile Marco
Diamoci del tu per cortesia come partecipanti al medesimo forum.
In foto 4 e 5 il cavo raffigurato sembra valido (per quanto valutabile in foto) mentre l'altro cavo è terminato con connettori comunissimi che comportano vibrazioni (dannose) tra cavo e connettore al contrario dei primi.
Fossi in te però mi preoccuperei prima di mettermi ad acquistare cose di sentire un sistema full CCI Grundig in quanto se apprezzi il suono Audio Tekne (con diffusori monovia) temo che questo suono abbia una sonorità molto distante da quella Grundig e se quello ti soddisfa (nella consapevolezza che anche l'abitudine ad un suono incide molto sul proprio giudizio) dubito che questo faccia al caso tuo.
Con questo non voglio scoraggiarti eh...ho solo l'abitudine di parlar chiaro :-)

Cordialmente
Massimo Ambrosini

 

Per quanto riguarda l'ascolto di un sistema Grundig full CCI,come ci siamo già

detti in un precedente messaggio, vorrei

effettuarlo in occasione del prossimo meeting di Milano (a proposito...mi

avevi detto che sarebbe stato nel mese di ottobre...c'è già una data ?).

 

La data sarà il 2 Novembre (nel pomeriggio con tutta probabilità), scelta infelice come data ma obbligata da un impegno che ho a Milano il giorno seguente.

 

Per quanto riguarda la possibilità che il suono Grundig non incontri i miei

gusti, niente paura...io penso che un buon suono sia un buon suono e basta... e

come tale riconoscibile da chiunque sia appassionato di ascolti ad alta

fedeltà.

Nella mia carriera di audiofilo ho ovviamente (come  quasi tutti) ascoltato

centinaia di impianti diversi, facenti uso delle più

disparate tecnologie per la costruzione delle sorgenti, dell'amplificazione e

dei diffusori.

Non credo di essere ciecamente innamorato di nessuna tecnologia in

particolare. Certo, amo gli Audio Tekne (nella fattispecie considero eccellenti

le amplificazioni di Imai, i diffusori invece non incontrano affatto i miei

gusti, sia i

monobanda che i sistemi multivia top...ascoltati in più occasioni non mi hanno

mai convinto, anzi hanno talvolta avuto prestazioni imbarazzanti, sia in senso

assoluto e a maggior ragione in rapporto al prezzo).

Nel mio impianto personale amplifico una coppia di Klipsch con pre + finale

Audio Tekne (ma da circa un anno alterno

al mio IT 2 un finale Pioneer M22, che ho scoperto anche grazie al tuo sito, e

che per prestazione complessiva non considero affatto inferiore al mio Audio

Tekne).

Marco

 

Colgo l'occasione per chiederti la tua opinione su un integrato, se hai avuto occasione di ascoltarlo, il famoso pioneer a09 lo sto confrontando con i soliti Gru, ma non mi convince appieno, so che apprezzi il finale 22
Saluti.
Mauro

Per quanto riguarda Pioneer il migliore che ho ascoltato è stato l’M22 che però ho venduto da tempo dal momento che rispetto ad un ampli full CCI è molto meno trasparente (ovvero meno delicato e meno libero).

Saluti

Massimo

 

Salve Sig. Ambrosini.
La disturbo per una gentile richiesta.
Ho reperito in un mercatino dell'usato
della mia zona una coppia di Grundig
Box 650 Professional piuttosto malridotte (il rivestimento vinilico del mobile e' danneggiato in più punti, manca uno dei loghi sulle griglie di protezione, mancano i cavi originali ed i diffusori sembrano essere stati conservati in un ambiente umido e polveroso, si notano infatti segni di ossidazione sulle viti di fissaggio degli altoparlanti al mobile). Come se non bastasse è stato praticato sul retro di ciascun diffusore un foro per appendere le casse stesse.

Volendo restaurare questi diffusori (rifacimento completo dell'impiallacciatura vinilica del cabinet, smontaggio completo, pulizia ed eliminazione ossido, riparazione dei fori, applicazione del logo mancante e soprattutto CONTROLLO CCI), posso rivolgermi a Lei?
Lei ha disponibili dei loghi originali Grundig da applicare sulle griglie dei diffusori?
Lo smontaggio completo del diffusore per ripristinare l'impiallacciatura comporta necessariamente il controllo CCI ?
Qualora Lei non fosse disposto ad effettuare il restauro completo, posso comunque rivolgermi a Lei per il controllo CCI successivo al rimontaggio ?
Quanto mi costerebbe tutta l'operazione ?
La ringrazio anticipatamente per la Sua risposta.
Cordiali saluti.
Marco xxxxxxx

Gentile Marco
Mi spiace ma non faccio più controlli, vedi il punto 2 del seguente link

Probabilmente costerà di più reimpiallacciarle che prenderne una coppia ben tenuta. Le consiglio comunque di rimontarle il più possibile esenti da modifiche.

Cordialmente
Massimo Ambrosini

 

Ciao Massimo

pur essendo molto soddisfatto di come si comporta il lettore che hai modificato (lo ascolto e mi chiedo come sia possibile....) mi sono reso conto che per la musica liquida ha grossi limiti in quanto la selezione dei file deve avvenire obbligatoriamente dal menù del televisore e questo comporta ovviamente oltre alla scomodità anche un degrado sonoro percepibile non appena si utilizza la connessione HDMI. In sostanza lo uso come un lettore cd normale (poteva essere meglio allora il 960...).

Secondo te per la musica liquida sarebbe possibile modificare uno di questi?

www.cocktailaudio.co.uk

cosa ne pensi?

Grazie

P.S.

ho preso uno stilo N75GT2 nuovo

(http://www.ebay.it/itm/251564317851?ssPageName=STRK:MEWNX:IT&_trksid=p3984.m1497.l2649)

ma il suono del 1020 ancora non mi convince (è molto meno "CCI" del lettore modificato secondo me.....) pensi che possa fare qualche altra azione o controllo sul piatto?

 

Ciao Fabio
La selezione dei brani per la liquida la puoi fare comodamente dal tuo telefonino affiliato sulla stessa rete wifi semplicemente scaricando un applicativo...se scrivi in mp a "goldring" del forum ti spiega meglio come fare ...lui lo utilizza così, non ti serve il tv ed è proprio quello il vantaggio.
Per quanto riguarda lo stilo verifica se entra agevolmente nella testina...se entra troppo stretto il problema potrebbe essere quello, altrimenti sarebbe da controllare il giradischi.
Ciao
Massimo

 

Ciao Massimo

L'app che ho scaricato riproduce sul telefonino le funzioni del telecomando non del menù on screen comunque verifico con goldring se mi è sfuggita un'altra possibilità.

Lo stilo entra effettivamente stretto, che faccio?

Grazie

 

E' un'altra applicazione quella che ti serve.
Per lo stilo se entra stretto va lasciato sfilato quel tanto necessario...fin quando entra agevolmente...ovviamente in tal modo si attenua il segnale uscente per cui dovrai alzare di più il volume.
Ciao
Massimo

 

Il problema era proprio nello stilo troppo stretto, grazie!

Fabio

Salve sig. Massimo,

nel 2008 sono capitato per puro caso sul suo sito, perchè ero alla ricerca di immagini di un sinto-amplificatore di Grundig (DE) degli anni d'oro (RTV1020 Hi Fi) da me utilizzato negli anni '80
Così ho cominciato a leggere le sue riflessioni sull'argomento "stereofonia", quella che più che soddisfare l'occhio soddisfa l'orecchio, e fa venire voglia di tenere l'ampli sempre su "EIN".

Questa sera mi sono infine deciso a raccontarle la mia (scarsa) esperienza in merito, dato che collima abbastanza con le sue teorie.

Ho iniziato negli anni '70 (quando ho potuto disporre dei primi soldi), con un ampli di Pioneer (SA 500), casse a due vie KLH chiuse e giradischi Lenco.
Non posso dire che quel sistema suonasse male ma... a vent'anni (capitale permettendo) si cambierebbe sempre, alla ricerca di un suono il migliore possibile (in base anche a quanto si è in grado di valutare).
Alla ricerca dell'abbinamento perfetto sono arrivato ad un giradischi di Marantz (6170), casse Harmony, poi UTAH bass reflex, e poi Grundig Fl 10 e...
1) ampli REVAC mod Classic 101
2) ampli SABA VS 2160 (il peggiore)
3) ampli REVAC TA 6001

tutte cose abbastanza economiche...

mentre"rodavo" il TA 6001, una sera nel negozio dove l'avevo comprato vidi sul pavimento, in un angolo, (era l'angolo dei "morti") un Grundig SV200...

Ricordo tutto:
chiesi: "cos'ha?", "quanto vuoi?"
Il mio amico del negozio mi rispose che aveva un canale guasto e che voleva 100.000 lire "simboliche" (eravamo nel 1980)
D'impulso lo comprai, lo portai a casa e lo riparai.

Lei di certo sa già come andò a finire ,ma glie lo dico lo stesso: feci l'errore di metterlo a confronto con il REVAC TA 6001 e fu una rivelazione. Avevo trovato il suono che andavo cercando da anni!
Una settimana dopo avevo già rivenduto il Revac...

>><< 

Dopo tutto questo tempo Grundig SV200 è ancora qui con me.
Recentemente ho dovuto (per forza) sostituire diversi condensatori, perchè alcuni tantalio risultavano in perdita e alcuni elettrolitici esauriti. Sicuramente non ho fatto le cose con il riguardo che lei avrebbe avuto, ma resta comunque il fatto che l'SV200, a mio avviso, ancora oggi suona davvero bene.
Io posso dire di avere un rispetto totale verso la ditta di Max Grundig e dei suoi prodotti degli anni d'oro. (come da lei precisato)
Oltre a questo SV ho anche apprezzato un Satellit 2000 e un C4000, direi di pari livello.

Sperando di farle piacere le ho allegato una foto recente dell'SV 200.

Cordiali saluti

Giovanni xxxxx,
Torino.
 

Gentile Giovanni

Sono lieto di esserle stato utile in qualche modo e la ringrazio per avermi reso partecipe della sua esperienza.

 

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 

Gentilissimo Sig. Ambrosini ,

Dopo un consueto curiosare sul suo sito , ho scoperto che si potrebbe disporre di un DVD modificato CCI !!! A quanto ammonta il costo del DVD in questione ? Gli apparecchi Grundig antecedenti il 1986 sono tutti full CCI o hanno bisogno di essere oggetto di modifica ?

In particolare i diffusori mi affascinano parecchio se ho capito bene , questi devono essere comunque modificati CCI ? 

Grazie per la cortese attenzione

Un cordiale Saluto

Pierluigi xxxxxx

Gentile Pierluigi

I Grundig full CCI non hanno bisogno di alcuna “modifica” essendo appunto già full CCI (solo il tempo e le manomissioni possono causare danni a tale originaria condizione)...le consiglio di leggere con attenzione il mio sito ed in particolare:

 

http://motxam.interfree.it/verscomode.html

 

http://motxam.interfree.it/grundig.html

 

Saluti

Massimo

Ciao Massimo,

 

purtroppo per lavoro non sono potuto essere dei vostri al meeting appena

trascorso.

Sto leggendo però i primi commenti sul forum. Mi sembra di capire che a

parte i soliti ottusi (cosa gli verrà in tasca mi chiedo poi) le nuove

DSL siano state una sorta di "pomo della discordia". In particolare il

commento del mio mentore Alfredo mi ha lasciato a bocca aperta ("suono

materico e presente non riscontrabile nel mondo grundig").

 

Volevo chiederti maggiori informazioni in merito; in particolare i)

requisiti di installazione (tipo dimensioni della stanza, distanze

varie, trattamento acustico, etc.); ii) prezzo; iii) prezzo dei mono da

100watt (che non avevi incluso nella precedente mail); iv) eventuali

note d'ascolto rispetto alle sl1000.

 

Al momento ho finito le prove sulle box300 e devo dire che a dispetto di

una coerenza e trasparenza fuori dal comune difettano nella pressione

sonora complessiva. A breve proverò le sl1000, sempre con un v7000, e

spero che migliori sotto questo punto di vista. L'obiettivo di

media/lunga scadenza però, se ho ben capito, dovrebbero essere propro le

dsl.

 

Ti ringrazio anticipatamente per la risposta.

 

Vincenzo

 

 

i) requisiti di installazione (tipo dimensioni della stanza, distanze

varie, trattamento acustico, etc.);

 

Vanno attaccate alla parete di fondo e preferibilmente con una tenda pesante o altro trattamento acustico posteriore alle stesse. Il punto di ascolto (ovvero le orecchie) vanno ad una distanza di 80-100cm dalla parete alle proprie spalle.

 

ii) prezzo;

 

3800 versione ciliegio, 3300 versione laccata opaca (colore a scelta)

 

iii) prezzo dei mono da 100watt (che non avevi incluso nella precedente mail);

 

I mono sono fuori produzione da anni...dal punto di vista sonico non hanno comunque vantaggi rispetto alla versione stereo...dal punto di vista estetico si :-)

 

iv) eventuali note d'ascolto rispetto alle sl1000.

 

Al pari delle SL1000 le DSL disdicono qualunque soluzione di compromesso ma se installate come si deve in stanze consone a loro offrono un risultato che (per le mie orecchie) trova paragoni solo con le sl1000 (con quest’ultime installate in stanze più piccole).

La sorgente simmetrica (che simula il monovia) offre una riproduzione tendenzialmente più “live” dell’evento musicale ma per rendertene conto dovresti ascoltarle a confronto di un tre vie Grundig prof.

 

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 

Quindi in stanza medio/piccola, sl1000 e un buon 50watt si ottiene un risultato simile ad una stanza grande, DSL e stereo da 100watt?

 

Per la SL1000 serve una stanza piccola e non medio/piccola per ottenere il migliori risultati, per le DSL serve una stanza media o comunque (anche se medio/grande) che rispetti le due distanze che ti dicevo, non è invece necessario il 100W salvo che non si voglia arrivare a volumi mooolto alti.


La prima configurazione l'ho ascoltata da Alfredo e, come ho anche scritto sul forum, mi ha lasciato di sasso anche rispetto all'LT50+850.
Lo stesso Alfredo però scrive che le DSL suonano "diverse" da Grundig...

 

La DSL ha un medio che è un poco più simile a quello della 850a (che ha la gamma media migliore che io conosca) mantenendo la caratteristica di emissione “live” della SL1000 ma con un corpo sul medio basso superiore. Con la 1000 se non hai proprio la stanza cucita intorno a loro rischi di avere un medio basso un poco leggero...con la resa dei tom che assomigliano ai bidoni del dash per intenderci. Questo aspetto è sicuramente più critico sulla SL1000. Sulle DSL invece l’aspetto più critico è la direttività della gamma media per cui chi ascolta in mezzo ascolta bene chi ascolta disassato ascolta peggio.

Sai già più o meno quanto costerà il nuovo integrato da 50watt "commemorativo"? :)

 

Ancora è presto per dirlo...

Saluti

Massimo

Grazie mille

Vincenzo
 

Ciao Massimo,

adesso lavoro in modo stabile nel dipartimento di elettronica all'università di Parigi (UPMC).
Visto che nella mia università ci sono diversi laboratori di elettronica e acustica, quasi quasi stavo pensando di informarmi se nel periodo Giugno/Luglio (tutti dovrebbere avere un po' di tempo libero) qualcuno sia interessato e disponibile a fare delle misure sui Grundig.
Se ho delle novità ti faccio sapere.

Ciao,
Massimiliano

Ok,
Grazie e complimenti per il lavoro!
Ciao
Massimo

Ciao Massimo, innanzitutto ti ringrazio tantissimo del lavoro che hai fatto e della tua disponibilità ad aggiornarci gli apparecchi, sei davvero unico, e poi ti devo dire che hai ottenuto dei risultati che all'ascolto fanno davvero sognare....

Impressionante quello che ascolto, la magia delle valvole unite all'elettrostatico con in più tutti gli ingredienti che caratterizzano i tuoi apparecchi...mai sentito nulla di simile...non sò più dove puoi arrivare...

Grazie ancora di cuore di tutto e spero di vederci presto..

Sergio

 

Grazie a te Sergio per il tuo feedback

Ciao

Massimo

Sig. Ambrosini buongiorno.
mi chiamo Renzo xxxxxx, e ho letto recensioni molto lusinghiere sui suoi prodotti.
Posseggo da molto tempo un CD960 Philips che non uso, e che oramai temo avrebbe bisogno di una bella revsioonata.
Ho letto delle sue modifiche CCi sul 960. E' possibile "aggiornare" il mio vecchio 960 con le vostre modifiche?
Se si, quale è l'iter da seguire e quale sarebbe il costo?
La ringrazio fin da ora

Renzo xxxxxx

Gentile Renzo
Il costo è rilevante (xxx euro), la sonorità cambia completamente ma ciò lo si apprezza maggiormente nell'ambito di un sistema full CCI, sistema che le consiglio di ascoltare prima di fare modifiche...
E' importante rendersi conto prima in che direzione si sta andando e se ciò coincide con quanto si sta cercando.

Cordialmente
Massimo Ambrosini

 

ciao Massimo, 

scusa ancora e mandami anche a quel paese nel caso, ma se aprissi un post nel forum su stì "compattoni anni duemiladieci" per vedere se altri ne hanno individuati di papabili alla modifica, oppure qualcuno potrebbe anche averlo e metterlo a disposizione per un check

 

tu lo troveresti fuorviante/poco inerente/distorsivo?

 

lo so che sei scettico, però davvero, oltre al mio interesse personale sono convinto che tanti per un compattone digital mod. LT farebbero carte false e aumenterebbe la penetrazione in modo considerevole (tra l'altro è notizia di uno anche della sony http://www.dday.it/redazione/12265/Sony-maps1.html, potrebbero diffondersi sempre di più)

dimmi tu in ogni caso

 

ciao

Marco xxxxxxxx

 

La compattezza (nel senso di ridotte dimensioni) non va a braccio con la possibilità di rendere full CCI un oggetto che non nasca a tale scopo...e spesso proprio per ridurre le dimensioni si utilizzano ampli in classe D che sono tutt’altro che lineari.

Per questo la cosa non mi appassiona molto...

Per il post sul forum fai come preferisci non c’è alcun problema.

Un “compatto” full CCI di fatto esiste già ed è l’integrato LT con airport incorporata.

Ciao

Massimo

 

Salve Sig. Ambrosini.
Possiedo un Pioneer M22 da alcuni mesi. Attualmente suona con le mie Klipsch RF 3 II, collegato al mio preamplificatore Audio Tekne IT 1. Ho letto le recensioni di questo apparecchio sul Suo sito...
Mi consiglia alcuni abbinamenti da Lei provati di questo finale con altri apparecchi (pre,diffusori,cavi...) Grundig e non, che sono risultati particolarmente "felici"??
E' bene utilizzare con questo apparecchio i cavi GBC di segnale 
che Lei consiglia in abbinamento ai
Grundig ?
Grazie anticipatamente per i Suoi consigli...
Cordiali saluti.
Marco xxxxxxx

P.S. E' in previsione un raduno Grundig nel nord Italia a breve?
Sarei davvero curioso di sentire questi apparecchi...

 

Gentile Marco

L’approccio all’alta fedeltà in cui credo è quello in cui si cerca per ciascun elemento il massimo di neutralità possibile nel senso letterale del termine ovvero ciascun elemento deve il meno possibile influire sul segnale che transita per permettere alla musica di esprimersi con tutto il suo feeling. A tal fine le consiglio sicuramente i

cavi citati sul mio sito così come il resto degli apparecchi full CCI...ma principalmente le consiglio di partecipare ad un meeting col suo ampli per rendersi conto delle differenze presenti rispetto ad un ampli full CCI.

Il prossimo meeting è a casa mia a Ravenna:

http://hifi.forumup.it/viewtopic.php?t=2784&mforum=hifi

 

Saluti

Massimo

 

Grazie Sig. Ambrosini per il Suo messaggio.

         Io sono della provincia di Cuneo, pertanto sono decisamente lontano da Ravenna. Magari

         attendo di partecipare ad un meeting più vicino alla mia zona (ho letto sul Suo sito che in passato

         si tenne uno di questi "raduni" a Chivasso, nel torinese). In realtà anche Milano sarebbe una location

         tutto sommato facilmente raggiungibile da casa mia (mi trovo a circa 150 km dal capoluogo

         lombardo). Ci sono in previsione meeting in queste zone ?

 

         Quanto al suono degli impianti "full CCI" sono molto curioso di ascoltarlo. Attualmente, come 

         già accenato nel mio precedente messaggio, mi interessa trovare dei partner per far ben suonare 

         il mio Poneer M22 (del quale sono comunque entusiasta).

         Ho acquistato questo finale anche grazie alle ottime recensioni lette sul Suo sito...e tra l'altro

         sono stato anche in trattativa con Lei direttamente per l'acquisto dell'esemplare che possedeva.

 

         Infine per quanto riguarda i cavi GBC devo dirle che purtroppo non sono riuscito a reperire

         il modello indicato sul Suo sito (che ho letto essere davvero di difficile reperibilità).

         Ho visitato tutti i punti vendita GBC di Torino senza risultato (avevano solo il cavo di analogo

         codice, non confezionato in blister, ma nel sacchetto).

         Lei sa dirmi dove reperire questo famoso cavo ? E il cavo Hama per i diffusori dove si può

         acquistare ?

 

          Grazie ancora.

          Cordiali saluti.

          Marco xxxxxxx

 

Non so esserle di aiuto sulla reperibilità dei cavi...occorre cercare i punti vendita della sua zona magari partendo dal sito internet del distributore.

Per quanto riguarda i meeting iscrivendosi al forum si riceve in e-mail un avviso in caso se ne organizzino (a Milano a fine ottobre dovrebbe essercene uno).

Saluti
Massimo Ambrosini

 

Buongiorno Massimo, 

 

 

Mi permetto di disturbarla per un consiglio.

 

Da circa un anno, dopo aver riesumato il mio impianto Pioneer anni '70 (con diffusori ESB), mi sono (ri)appassionato di HiFi vintage. 

 

Da circa tre mesi mi sto approcciando al mondo Grundig, soprattutto leggendo e facendo tesoro della sua esperienza in merito.

 

Ad oggi ho acquistato:

- un RT40, esteticamente perfetto, ben funzionante

- alcune coppie di diffusori, tra cui: Kugelboxen 150 (più che altro belle), box 13 (vecchie monovia!), delle flachbox 280 (buone, ma sto cercando delle 300), una coppia di 860 (mi piacciono, so che c'è di meglio)

 

L'amplificatore che uso attualmnte è un Pioneer SA6200. 

 

Ho acquistato un Grundig SV80, esteticamente in ottime condizioni, che sapevo essere venduto come "defekt", e che effettivamente non suona.

Non avendo nessuna conoscenza di elettronica, vorrei portarlo a far vedere e riparare da un tecnico specializzato in apparecchi vintage, possibilmente con specifica esperienza su Grundig.

 

Potrebbe indicarmi qualcuno in zona Milano, o provincie limitrofe?

Un raggio di circa 50 km non sarebbe un problema. 

Sarei anche disposto a spedirlo, ma preferirei portarlo di persona.

 

 

La ringrazio anticipatamente.

 

 

Cordiali saluti

 

Ermes xxxxxx

 

Può provare a sentire Andrea Loberto hotsummer@inwind.it è di Milano.

Saluti

Massimo Ambrosini

 

Ciao Massimo come stai?

Sono Fabio xxxxxxx ti ricordi il ragazzo di Montecatini terme che ti ha preso le aktiv 40 amico di xxxxx Daniele di Como

Mi sono portato via gli amplificatori v 7000 ecc qua in Florida dove vivo ora.. da quando li ho provati non posso piu cambiarli con nulla .

Per il momento non ho potuto portarmi via le aktiv 40 ma ho comprato un paio di kef 105.3 davanti e un paio di 104.2 dietro che mi sono sempre piaciute.

Ho fatto una sala cinema e vorrei usare gli ampli come stadio finale . ne ho 3 

uno per le 2 davanti 

uno per i 2 centrali 

uno per le 2 dietro

devo comprare un buon pre con tutte le decodifiche dts dolby ecc cosa mi consigli .......so che non dovrei mettere nulla prima del grundig ma non ho altra scelta..........cosi' ho pensato a te cosa mi consigli come pre anche da comprare usato ..qualcosa che sai che potrebbe andare.....

grazie mille per il consiglio 

ti ricordo sempre con grande simpatia 

complimenti per il tuo lavoro e per le tue ricerche e scoperte

saluti Fabio xxxxxxx

 

Ciao Fabio

Tutto bene grazie, mi auguro anche tu.

Direi che visto l’utilizzo da cinema le Kef possono andare benissimo, purtroppo non so esserti di aiuto sul pre multicanale...prova a chiedere in qualche negozio se te ne fanno provare qualcuno prima dell’acquisto. Personalmente preferisco ascoltare i film con le sole due casse anteriori e senza effetti speciali per cui forse non sono la persona più indicata a cui chiedere :-)

Ciao

Massimo

Gent.Sig.Ambrosini

 

Approfitto della sua ottima conoscenza dei diffusori pneumatici Grundig  per porle questa problematica: per esigenze di spazio, ma anche per la cubatura della stanza, ho installato una coppia di box 550 Professional, scegliendo un punto d’ascolto ottimale a tre metri dagli stessi, sono a parete distanziati l’uno dall’altro di  1,60mt, a circa 10 cm dalla parete di fondo,(muro) su scaffalatura  in legno al cui centro e’ presente una porta, l’impianto e’ composto da V1700, T7200, CD 7550, sono soddisfatto della resa, frequenze basse non ridondanti, ben equilibrate, ottima corposita’ timbrica ben restituita, ma per ottenere un buon equilibrio tra bassi, medi ed alti devo per forza posizionare il controllo toni alti a ore 9, ( ovviamente loudness disinserito), altrimenti i diffusori diventano estremamente “aspri” ,  a causa di questo avevo abbandonato tali box sostituendoli con una coppia di AR sempre a due vie in cassa chiusa e poi RCF due vie sempre pneumatiche, piu’ dolci, (forse anche troppo), premetto che il suono di queste 550 non mi dispiace, in taluni casi, e’ talmente “presente” che si adatta perfettamente ad alcune tipologie musicali, ad esempio l’ascolto del Suo cd “Burn Your Blues”, e’ entusiasmante! Le chiedo semplicemente se c’e’ qualche accortezza da prendere, o se il “carattere” di queste casse e’ immutabile .

La ringrazio anticipatamente e le auguro un buon fine settimana.

 

PS. RIFRATTORI,  GRIGLIE ANTERIORI ORIGINALI  PRESENTI.

 

Cordialmente

 

Luigi xxxx xxxx

 

Gentile Luigi

Le 550 prof. sono casse più indicate da piedistallo che da scaffale comunque un miglioramento lo può ottenere stuccando la griglia al mobile come sui modelli precedenti (ad es. box500) .

Se il problema fosse ancora presente potrebbe esserci qualche non conformità CCI nelle elettroniche o nell’installazione.

Cordialmente

Massimo

 

Spett. Sig. Ambrosini

chiedo cortesemente quanto in oggetto per la riparazione nel canale sinistro di quanto segue:

- selezione/sostituzione transistor finali con relative resistenze da 0,47 di emettitore.
- selezione/sostituzione driver.

 
Si richiede inoltre la messa a punto e/o verifica all'ascolto dell'apparecchio.

Nota: l'apparecchio è stato riparato più volte sempre nel suddetto canale, attualmente monta degli equivalenti non selezionati. Si nota infine che i driver del canale destro sono probabili equivalenze.

In attesa di sua risposta, ringrazio e porgo cordiali saluti

Lucio xxxxxxxxxx.

 

Gentile Lucio

 

Come può vedere dal punto 2 del seguente link non eseguo più controlli/riparazioni, mi spiace :

http://hifi.forumup.it/viewtopic.php?t=10&mforum=hifi

 

Saluti

Massimo Ambrosini

 

Buonasera Massimo
Mi farebbe piacere sentire un impianto Grundig, non e che organizzate un meeting dalle parti di Torino ?
Cordiali saluti
Aldo xxxxxx

Non a breve ma è in previsione di farlo. Trovi sul forum comunque diverse persone iscritte di Torino che hanno sistemi Grundig e misti Grundig/LT e che possono farti ascoltare il loro sistema.
Cordialmente
Massimo Ambrosini

Gentile Massimo,

 

mi sono imbattuto nel suo sito mentre stavo ricercando informazioni sui

diffusori Dahlquist.

Mi è capitato di ascoltarle e mai come in quel momento mi sono sentito

preso in giro da anni passati attorno al mondo dell'hi-end e dei suoi

(falsi) miti.

 

Dicevo, mi sono imbattuto nel suo sito. L'onestà e la passione che

traspare dalle sue pagine mi ha fatto ritornare il sorriso e il piacere

vero della scoperta. Con tale predisposizione mi sono avvicinato

all'approccio CCI, di cui non avevo mai sentito parlare, e di

conseguenza al mondo Grundig. Ho poi visto un pò di filmati pubblicati

dal vostro gruppo su youtube e una serie di altri filmati girati sulle

apparecchiature Grundig. Che dire? Tutto sembra tornare finalmente alla

musica. Io vivo e lavoro a Roma e mi chiedevo dove fosse possibile

visionare ed ascoltare i prodotti ottimizzati con logica CCI.

In particolare nel vostro forum si legge grande enfasi attorno alle

elettroniche/diffusori da lei costruiti (in particolare LT+DSL). Le sue

valutazioni in merito alle differenze evidenziano invece una sostanziale

parità di punteggio, solo una diversa distribuzione dei "pesi": un pò

più focalizzato e monitor il suono Grundig (modificato lt) e un pò più

disperso e arioso quello LT+DSL. Mi piacerebbe conoscere la sua opinione

in merito. Inoltre vorrei conoscere il costo degli impianti

completi/costo modifiche complessive.

 

In sostanza vorrei adottare un approccio full CCI e mandare al diavolo

tutta la stampa di settore.

 

La ringrazio anticipatamente per la gentilezza con cui vorrà accogliere

questa mia.

 

Vincenzo xxx

 

 

>In sostanza vorrei adottare un approccio full CCI e mandare al diavolo

>tutta la stampa di settore.

 

Gentile Vincenzo

Direi che mi sembra un buon presupposto e se ti piacciono le DQ10 troverai nel CCI pane per i tuoi denti.

A Roma e dintorni ci sono diverse persone che hanno in casa un sistema full CCI e tramite il forum dedicato puoi conoscerle e prendere contatto diretto con loro per un ascolto, se invece vuoi ascoltare le DQ10 con a monte un full CCI nonché il confronto con diffusori Grundig e sia le differenze tra elettroniche Grundig ed LT puoi passare a trovarmi a Ravenna.

 

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 

Ciao Massimo,

 

sono Antonio, ti invio qualche foto delle aktiv 20 ma soprattutto ti chiedo di descrivermi un po' il suono delle tl800. Quello che cerco io è un diffusore che abbia il rispetto timbrico delle rogers, la spazialità delle sl1000 e la completezza delle 850a... purtroppo non sono bravo a descrivere i suoni a parole...

Per quello che posso immaginare le aktiv anche dopo la modifica mi farebbero comunque rimpiangere un po' le 850a per la delicatezza e l'aria. Considera che i miei diffusori preferiti al momento sono le rogers e le sl1000, trovo le 850a un po' artefatte, nel senso che faccio più fatica a riconoscere gli strumenti, cosa fondamentale per me. Colpa del multivia? Ho qualche speranza con le tl800, ma forse mi sbaglio, quindi dimmi sinceramente se sto perdendo tempo.

 

Le aktiv 20 che ti proporrei in parziale cambio funzionano bene, ho solo sostituito un elettrolitico nella sezione di crossover di una, hanno qualche graffio e sono state forate anche sul pannello superiore probabilmente per staffarle a parete.

 

Ti possono interessare? oppure date le mie preferenze mi consiglieresti la modifica LT?

 

Buona serata,

Antonio

>quello che posso immaginare le aktiv anche dopo la modifica mi farebbero comunque rimpiangere un po' le 850a per la delicatezza e l'aria

Direi proprio di no a patto di rispettare l’installazione dei cavi...rispetto alle 850a guadagnano in contrasto.

Se preferisci la rogers alla 850a potrebbe essere che l’ambiente in cui ascolti sia un tantinello riverberante (hai tendaggi dietro ai diffusori e tappeto per terra?) oppure che le 850a siano troppo distanti dalla parete di fondo.

La Telefunken ha un timbro molto curato a condizione di installarla bassa sui piedistalli originali o sui BF4 Grundig e vicino alla parete di fondo...se poi la TL800 faccia al caso tuo non saprei dirti...posso però dirti che se installate con cura offrono delle belle soddisfazioni.

Ciao

Massimo

La 850 va meglio come equilibrio, tridimensionalità, libertà... ma non riesce ad illudermi di trovarmi di fronte ad un contrabbasso, sax, batteria, violino... c'è sempre una nota di "riprodotto".

Ciao

Antonio

 

Si, il due vie quando è equilibrato offre un maggiore effetto “live”...è il motivo per cui a pian terreno ascolto normalmente con le DSL...

Dal punto di vista squisitamente timbrico però l’850a se collocata correttamente non ha rivali tra le passive. Insomma ci sono pro e contro su entrambi i sistemi.

Ciao
Massimo

Gentile sig. Ambrosini,

desidero innanzitutto ringraziarla per essere stato accettato nel suo interessantissimo sito.

Le convinzioni, l'effervescenza che vi ho trovato sono riusciti a stuzzicarmi, a rispolverare quella passione che, pur mai sopita, le vicende e gli impegni della vita tendono talvolta a mettere, come e' anche giusto che sia, in secondo piano.

E poi l'entusiasmo che si respira nel forum, come ho gia' avuto modo di dire nel mio primo (ed al momento ancora unico) intervento, e' davvero contagioso... e non sono di primo pelo: il mio primo impianto come per tanti altri appassionati di musica e' stato un "full Pioneer" nel 1972 (PL12, SA500 e box di cui non ricordo piu' la sigla).

Solo un rammarico: quello di aver scoperto il sito soltanto dopo la sua decisione, peraltro comprensibilissima, di porre un filtro agli apparecchi da controllare a 360°. Ora i proprietari se li terranno ben stretti i loro full CCI! Chi come me sta partendo solo adesso dovra' armarsi di tanta, tanta pazienza per trovarne uno sul mercatino, ma... come spesso accade le cose piu' desiderate, una volta raggiunte, sono anche le piu' appaganti.

Nel frattempo mi sarei recato molto volentieri alla Bari Unplugged, ma in quel periodo ho degli impegni che mi tengono lontano dalla citta' di Bari. Li'  avrei colto l'occasione di ascoltare il suono Grundig/LT CCI e magari la possibilita' di scambiare qualche opinione con lei. Ma sara' per un prossimo meeting...  

La saluto cordialmente, Aldo

 

Bene...che dire...benvenuto sul forum e mi auguro possa esserti di aiuto per “rinfrescare” la tua passione

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 

Ciao Massimo,
come stai?
Ti avevo mandato una mail in merito ad una possibile modifica CCI su un DAC USB con alimentazione incorporata e non esterna.
Probabilmente sarai stato impegnato per cui non importa, mi risponderai quando avrai tempo.
Nel frattempo colgo l’occasione per chiederti un’altra cosa.
Guardavo su youtube uno spezzone di uno degli incontri fatti presumo a casa tua.
In un frangente dicevi che, il fonico che registra un disco in realtà, al contrario di quanto sostiene, NON conosce per davvero le informazioni contenute sul disco a causa del suo sistema di monitoraggio.
Non capisco purtroppo tale affermazione.
Cioè: perchè e quali sono i motivi per cui non debba conoscerlo?
Se, mettiamo il caso, avesse un sistema di riproduzione professionale ma “lineare” non sarebbe in grado in realtà di conoscere il risultato reale del suo lavoro?
Perché mai un sistema che sia degno di essere definito hi-fi seppur “casalingo” dovrebbe invece essere in grado di farlo?

Cordialmente

Emmanuele

Ciao Emanuele
Tutto bene grazie
Per quanto riguarda una possibile modifica ad un dac verrebbe parzialmente vanificata dalla connessione usb verso un oggetto (pc ) non CCI per cui preferisco declinare.
Per quanto riguarda la frase "il fonico che registra un disco in realtà, al contrario di quanto sostiene, NON conosce per davvero le informazioni contenute sul disco" corrisponde a realtà in quanto non esiste nessun sistema di riproduzione perfetto e quindi il fonico sentirà sempre un'interpretazione, priva di molte informazioni, di ciò che è stato il suo lavoro.
Il fatto che con un sistema CCI tali errori diminuiscano sensibilmente non cambia comunque la regola...l'unico modo per sapere APPROSSIMATIVAMENTE ciò che è inciso su un disco è riuscire a percepirne le minime informazioni ambientali (quindi massima tridimensionalità e ricchezza armonica) nell'ambito di un'installazione massimamente lineare in ambiente...professionale o amatoriale sono parole senza significato se in entrambi le categorie non si risolve il vero problema che affligge la riproduzione audio...
Saluti
Massimo

 

Ciao Massimo.

Mi chiamo Andrea e sono il figlio di Lorenzo xxxxxxx

Non so se ti ricordi di me perchè ci siamo conusciuti molto tempo fa ad un meeting a Latina. All'epoca avevo all'incirca 12 anni ed ero quel ragazzino stranamente appassionato di HIFI, come mio padre, e che aveva appena comprato il suo primo giradishi, un ps1010. La cosa fece scalpore perchè non si era mai visto un ragazzo così giovane interessato a certe cose che parlava come se niente fosse di valvole, push pull e mono triodi. 

Ricordo ancora bene quando mi facesti un grande regalo, il cerchietto metallico che, non immaginando così importante, mancava per completare il giradischi.

Da allora sono passati tanti anni e da quel giradischi sono andato sempre avanti affinando le mie orecchie insieme a papà alla ricerca del suono perfetto.

Adesso ho 19 anni e mi sono appena trasferito a Torino per l'università e di certo non potevo non portarmi da casa un bell impianto full CCI.
Date le dimensioni della camera ho optato per le box 650Pro un v7000 un cd 7500 e l'immancabile ps1010 da cui è partito tutto.

Adesso però, se non ti crea disturbo, vorrei chiederti un po di consigli per un'installazione il più perfetta possibile, non essendoci mia madre in mezzo che minaccia di cacciare di casa me e papà :).

So che sul forum e sul sito c'è scritto quasi tutto, ma ci sono ancora alcuni punti sui quali non ho le idee chiare e spero che tu possa illuminarmi.

 

1) I piedistalli.

Di che forma, materiale e altezza devono essere? A pilastro singolo, doppio, triplo o quadruplo?

Immaginando che dovessero essere il più stabile e massicci possibile avevo pensato a questi:
http://www.ebay.it/itm/370881515084?ssPageName=STRK:MEWAX:IT&_trksid=p3984.m1423.l2649

 

2) La base d'appoggio per gli apparecchi.

L'ampli e il cd sono ottimizzati sul rigido mentre il giradischi sul morbido.

Ho già letto l'articolo "installazioni elettroniche" a riguardo e dal punto di vista dei cavi tutto rispetta ciò che c'è scritto. Però non capisco che tipo di appogio usare e il materiale con cui farlo. Cosa si intende di preciso per ottimizzazione sul rigido o morbido? Per ora gli apparecchi sono poggiati a terra, tranne il giradischi, perchè ho pensato, beh più rigido di così, però poi ho letto l'esempio della lastra di marmo e del legno e ciò mi ha causato un po di confusione.

 

3)L' adattatore RCA per il ps1010 

Sul forum ho visto il post riguardo adattatori CCI compliance, ma quel link non risulta più attivo

4) Se hai altri consigli e dritte da darmi riguardo anche a qualche piccolo accorgimento sarò felicissimo di ascoltarti.

 

Spero di ricevere presto tue notizie.

Un saluto.
Andrea. 

 

Ciao Andrea

Se hai necessità di installare a piedistallo i diffusori propenderei più per una coppia di 850a installate su piedistallo delle bose901, oppure metterei le 650a a mensola o a scaffale avendo accortezza di non avere bordi sporgenti dinanzi ai diffusori (al contrario dei due vie a scaffale).

Per quanto riguarda l’installazione intesa sul rigido significa semplicemente che devi accoppiare l’ampli al suolo (o a qualunque superficie che sia il più possibile ben ferma...quindi anche una scaffalatura su un mobile ben robusto) facendo attenzione che tutti i 4 piedini tocchino, se un ampli ottimizzato sul rigido tocca solo su 3 piedini peggiora sostanzialmente.

Per l’adattatore rca ricordo di un adattatore rca-din (milty http://www.custom-cable.co.uk/milty-cc121-din-to-phono-rca-plug-adapter.html ) ma non di un din-rca.

Un caro saluto a te e a tuo padre...ascolta ancora con quelle cassaccie di nome Klipschorn ? J

Ciao

Massimo

 

Eh si le Klipschorn ci sono sempre e secondo il parere mio e di papà suonano letteralmente da dio; dovresti andare a sentirle qualche volta se ti capita di passare da quelle parti : ) 

Ok adesso è tutto chiaro per quanto riguarda l'installazione elettronica.
Quindi le 650Pro non sono casse da piedistallo? (ricordavo il contrario)
Cmq volendo metterle a mensola, vale sempre lo stesso metodo per il posizionamento nella stanza o ci sono variazioni?

A che altezza andrebbero posizionate e quanto devono essere profonde la mensole?

Scusa per la raffica di domande ma non mi aspettavo questo risvolto. Ero seriamente convinto che fossero diffusori da stand. 

 

Mettile in modo da avere i diffusori all’altezza delle orecchie e con una profondità minima: le 650 vanno a ridosso della parete.
Ciao
Massimo
Ps: se capiterò dalle parti di Salerno sicuramente approfitterò dell’occasione per passare ad ascoltare le vs. Klipsch :-)
 

Buonasera, mi sto avvicinando da poco alle elettroniche grundig ed ho acquistato un ampli integrato v20 che vorrei accoppiare ad un t2. Leggendo ho visto la sua competenza su questi apparecchi e non avendo alcuna dimestichezza in materia volevo chiederle con quali diffusori potrei abbinare questa accoppiata. L'ambiente è medio, ne piccolo ne grande e vorrei posizionarli a parete. Più avanti finanze permettendo vorrei arrivare anche ad un lettore cd sempre grundig o philips. Posso contare su qualche suo consiglio?

Cordialmente ringrazio

fabio xxxxxx

 

Gentile Fabio

Può contare su un sito che le consiglio di leggere per intero http://motxam.interfree.it/indexi.html

Nonché di un forum ove troverà molte persone che possono aiutarla a fronte delle esperienze già fatte con Grundig

http://hifi.forumup.it/

 

Cordialmente

Massimo Ambrosini

Buona sera Sig.Massimo,
mi presento: mi chiamo Emmanuele xxxxxxx (Emmanuele con 2 "m" ) ed abito a Chivasso in provincia di Torino.
Sto per disfarmi del mio ultimo amplificatore e ovviamente non mi rimane che scegliere un Grundig in ottime condizioni tra V35 V7000 e V1700 Come diffusori possiedo delle Grundig 2500a Professional ormai da 2 anni con una soddisfazione che definire immensa è riduttivo.
Tra i possibili amplificatori "candidati" a far parte del mio impianto però, ho preso da pochissimo in considerazione l'idea degli LT da lei realizzati.
Beh, sono interessato a sapere di più e, ovviamente, a conoscere i relativi prezzi per poter entrare in possesso di tali amplificazioni...
La prego di darmi un suo cortese riscontro.
Nel frattempo le porgo cordiali saluti.

Emmanuele...

Gentile Emmanuele
Spero ci si possa dare del tu tra partecipanti del medesimo forum :-) Tra i papabili Grundig amplierei la scelta anche al V30 nonché ai receiver serie larga, mentre per quanto riguarda LT proprio a Chivasso abita Salvatore xxxxx del forum che ha sia un cd960 modificato che un integrato MA10 per cui potresti contattare lui per un eventuale ascolto, la sua e-mail è salvo.56@libero.it

Cordiali saluti
Massimo Ambrosini

Ciao Massimo
vorrei innanzitutto ringraziarti per la disponibilità e volevo dirti che domani pomeriggio verrà a casa mia il Sig. Fassari con l’integrato LT con in più il CD35 giusto per confrontare un impianto full CCI col mio.
Attualmente ascolto con un SACD Pioneer senza coperchio superiore appoggiato sul tappeto.
Mi sembra sia la soluzione ideale per le elettroniche non CCI giusto?
Inoltre se possibile vorrei un’informazione.
Ho visto una coppia di Aktiv Box 40 e non mi dispiacerebbe prenderle, anche se attualmente ho una coppia di 2500a PRO.
Vale davvero la pena di passare alle Aktiv? Leggevo della modifica LT a quest’ultime.
Potrebbe indicarmi il prezzo di tale modifica? Circa ogni 2 mesi vado a Cesena per cui potrei lasciargliele tranquillamente facendo una piccola deviazione per Ravenna.
Mi faccia sapere.
Cordiali saluti e buon weekend.

Emmanuele...

Emanuele...hai iniziato una lettera con il tu e hai finito con il lei :-)) Facciamo che ci diamo del tu va bene? ;-) Se le 2500a sono equilibrate nel tuo ambiente le aktiv 40 modificate sono sicuramente migliorative...dipende però da quanto ti piace "giocare" provando altri apparecchi...avendo l'amplificazione incorporata le aktiv non permettono soluzioni flessibili. La soluzione ampli + diffusori passivi ti permette invece (soprattutto adesso che sei all'inizio di questo percorso) di toglierti qualche curiosità in più...sono scelte però che solo tu puoi fare.
Ciao
Massimo
 

Buongiorno Massimo,
volevo chiederle se era possibile effettuare una revisione sul mio CD35?
In caso positivo quanto mi costerebbe?

Grazie attendo sue info
RB

Mi spiace Roberto ma i controlli che eseguo sono solo quelli qui riportati (punto 2 e 3 del seguente link):
http://hifi.forumup.it/viewtopic.php?p=16788&mforum=hifi#16788

 

il lettore da te modificato suona già in modo stupendo, però se tu sei riuscito a migliorarlo ulteriormente ne approfitterò sicuramente.
Pregerirei però portarlo di persona alla prima occasione perchè con le spedizioni ho già avuto diverse esperienze negative.
Un CD 7500 mandato a riparare da Poponessi non è più ritornato, così ci ho rimesso anche il costo di riparazione e di spedizione andata e ritorno; poi recentemente ho acquistato un CD35 da antobit e mi è arrivato rotto.
Preferirei quindi aspettare e portartelo di persona.
Da mio nipote abbiamo confrontato il 5400 LT con il suo lettore Mc Intosh e devo dire che non c'è stato confronto; forse finalmente sono riuscito a guarirlo dalla ESOTERITE ACUTA che lo affliggeva ed infatti adesso ha cominciato a voler provare le SL 1000 con l'integrato 4080 al posto di pre-finale Chord e diffusori Anphion, che al confronto con i G suonano in modo pietoso.
Per l'ennesima volta non posso che ringraziarti per avermi avvisato e per la tua onestà.

Ciao
Mauro xxxxx
 

Ciao Massimo , ti do del tu perché sono stato a casa tua un paio di volte . Mi chiamo federico e anche io sono entrato completamente nel mondo grundig ( grAzie ai tuoi consigli ) .
La domanda è questa , ho una coppia di aktiv 40 quanto costerebbe la modifica CCI ? E nel caso decidessi anche solo di fare un controllo alle mie apparecchiature ( un xv 7500 e le suddette casse) Quando te le potrei portare ?
Grazie per la disponibilità .

Federico

Ciao Federico
La modifica alle aktiv costa xxx euro ed è ovviamente ascoltabile la differenza rispetto ad una coppia già modificata per valutare se è opportuno farla, per quanto riguarda il controllo ci sono alcune novità in quest'ultimo periodo, vedi punto 2 qui: http://hifi.forumup.it/viewtopic.php?t=10&mforum=hifi

Ciao
Massimo

 

Ciao Massimo

Avrei da farti una domanda legata agli rtv.

Ieri mi è arrivato il primo, un 820 come da te consigliato. non riesco però a capire se funziona o no. sento il "bump" sulle casse quando seleziono un ingresso differente dalla radio, ma poi non avverto nessun suono. Che selezione devo fare? Scusa la domanda, però mi viene il dubbio che sia guasto, solitamente so come funzionano.

 

Difficile fare diagnosi a distanza...

 

poi una curiosità, ma tu hai consigliato il trittico e gli altri (rtv450, 650, 901, 800, etc) non sono proprio CCI, oppure lo sono solo in forma minore e comunque meritano? tipo v20 contro v35, oppure proprio tipo v7500 e v7000? solo per capire

 

Io ho consigliato in primis l’RTV1020 e 1040 in quanto l’820 ha il loudness fisso (se non mi sbaglio...). In quel periodo erano tutti CCI ma la discriminante è proprio quella del loudness non escludibile.

 

poi, anche qui, non mi mandare a quel paese, ma ho letto che intravedi una ripresa dei controlli in futuro. io non sono nessuno, però davvero era un'opera incredibile, anche come mole certo, mi auguro che accada. io qualche mese attendo, però non ti nego che intravedo il pericolo che prendano sempre più piede gli epigoni. io stesso, tra qualche tempo, sarò costretto a contattare altri per sistemare i pezzi che ho, in tua assenza. 

con le cautele del caso, mi viene in mente la citazione da parafrasare: quando scompare Dio c'è la danza dei molti dei..

Detto questo, il  finale LT "low cost" potrebbe essere la risposta a tutto, capisco..ma pensi sia fattibile con la airport integrata (chiodo fisso, lo ammetto, stà liquida)

 

Si questo (anche se non a breve termine) sarà fattibile.

Ciao

Massimo

 

Vorrei autocostruirmi una coppia di diffusori da pavimento......e poi abbinarci un amplificatore, anche vintage con collegato un giradischi e un lettore cd....essendo che è un secondo impianto non volevo spenderci un eresia....ci sono una marea di dicerie in internet, chi dice una cosa chi altro....la stanza in cui dovrà suonare è sui 25 mq, altezza standard, la sala di casa in pratica....ascolto musica tipo Celine Dion, Whitney Houston e altri artisti del genere.....mi piace un suono caldo, buona scena musicale, un po di basso, ma l'estensione vocale nei brani è quella che amo maggiormente....è vero che serve un diffusore con alta efficienza ( se non erro quella espressa in db) quale combinazione secondo lei possa fare al mio caso? 

Grazie,

Nando 

Gentile Nando

Con l’autocostruzione si rischia di spendere molto per ottenere alla fine risultati molto modesti...forse farebbe meglio ad indirizzarsi verso prodotti vintage selezionando opportunamente quello che meglio si addice al suo modo di ascoltare...comprare e rivendere un oggetto vintage normalmente non comporta perdite di denaro per cui ci si può sbizzarrire a provare molte cose...qualche consiglio c’è sul mio sito:

http://motxam.interfree.it/apparecchi_rilevanti.html

Cordialmente

Massimo Ambrosini

Ha ragione.....non le è arrivata la prima mail......le volevo chiedere un parere.....mi sto orientando su un amplificatore ibrido, precisamente l'audio analogue il verdi, 70 è il modello che ho trovato io.....ci sono altri amplificatori ibridi migliori nella fascia massima di 700 €? Come lettore cd stavo pensando ad un "cinese" valvolare di fascia economica.....potrebbe andare? Per i diffusori da abbinarci vedrò in seguito....grazie mille e scusi per il disturbo.....

 

Mi scusi ma...ha letto una sola parola di quanto scritto sul mio sito?

http://motxam.interfree.it/indexi.html

 

Non apprezzo i prodotti da lei citati...qui trova ciò che apprezzo a fronte di 30 anni di esperienza:

http://motxam.interfree.it/apparecchi_rilevanti.html

 

Saluti

Massimo Ambrosini

 

salve!sono paolo e le vorrei chiedere quanto mi costerebbero un paio di grundig aktivbox 30 nere da lei modificate(lt)e revisionate in ottime condizioni estetico-elettriche,grazie paolo xxxxx

Gentile Paolo

Le aktiv30 le vendo a xxxeuro, in tale importo è incluso il controllo del diffusore come riportato al punto 4 del seguente link:

http://hifi.forumup.it/viewtopic.php?t=10&mforum=hifi

Le trova mediamente di serie sui 300 euro ma soprattutto per le aktiv è fondamentale un controllo generale in quanto spesso gli utilizzatori tedeschi si divertivano a variare i i livelli dei trimmer di tw e mr...

Al momento le ho disponibili solo color legno mentre color antracite ho le aktiv20 e 50

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 

Ottimo!Preferisco venire a ritirarle a Ravenna.Il 4 novembre sono libero dal lavoro,se le va bene potrei venire.Un'informazione:la modifica lt e' solo sugli ampli delle casse(ho letto che si mantiene lo stesso taglio del crossover migliorando la trasparenza)e non prevede l'uso di particolari pre?In realta' gia' ascolto un paio di aktiv 30 ma in condizioni disastrate senza griglia,ma gia' cosi' con stands simili a quelli delle bose ,pilotate dal pre nat symmetrical ed alternando quali sorgenti studer a80 o kuzma girad. il risultato e' fantastico in ambiente di 6x5.Quindi voglio dire che vorrei mantenere tutto cosi' sostituendo le attuali 30 con le sue immagino ancora piu' performanti senza aver problemi con la modifica lt.Grazie,Paolo

 

La modifica non comporta alcun problema di compatibilità con altri preamplificatori che non siano Grundig.

Se vuole però approfittare dell’occasione per sentire la differenza tra il suo pre e un xv7500 sono a disposizione.

Saluti

Massimo

Gentile sig. Massimo Ambrosini,

Le scrivo dopo una ricerca su internet, per la riparazione di un finale di potenza Marantz SM-80 in zona Ravenna, in un forum si evidenziava la sua bravura e competenza nel campo HI FI, quindi ho deciso di contattarla per maggiori informazioni ed un eventuale recapito.

Nel attesa di una sua risposta la saluto cordialmente

 

Ulisse

 

Gentile Ulisse

Mi spiace ma non effettuo riparazioni (ad eccezione che su alcuni vecchi apparecchi Grundig su cui eseguo controlli CCI)...a Ravenna può rivolgersi a SPEAKER STUDIO DI GOBBI RICCARDO, lo trova a ponte nuovo ed è persona competente e affidabile.

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 

Ciao Massimo

Nonostante amo anche l 'hi -fi tradizionale ( un paio di anni fa ho acquistato un integrato pioneer che il Sig Moroni lo colloca "pure " con la doppia A nella sua classifica)comunque TI riconosco la palma della persona che ha saputo riconoscere il suono più trasparente e dal contenuto armonico più concreto, e saperlo replicare.

Per quanto riguarda il 27 ottobre nel pomeriggio fino alle ore 19 al momento non dovrei avere impegni per cui conto di esserci, per spedire a Ravenna non ci sono problemi quando spedisco ti avverto <ma dimmi un po' le letterine di plastica che metti sul coperchio dei finali sull'integrato non le puoi mettere? sono esteticamente una figata >.

Ciao

con stima

Luca xxxx

 

Ciao Luca

Attendo allora anche il tuo ampli (spediscimelo 15-20 gg prima per cortesia) e poi ci vediamo il 27 da Gianfranco e se vorrai portati anche il Pioneer da ascoltare :-)

Le letterine in plastica vanno solo sul coperchio dei finali :-)

Ciao

Massimo

 

Caro Massimo,
Ti scrivo tramite la email di mio figlio Pietro (tu sai che sono poco portato).
Ti pongo questo quesito: secondo te, volendo comporre diversi impianti come combineresti insieme i seguenti apparecchi?
CD35 - CD7500 - CD7550
Giradischi THORENS TD145 con Braccio SME 3009 II serie improved e testine: SHURE V15 III (HE) o GRACE F9 (E) Giradischi MICRO MR711 trazione diretta con testine: DENON DL103 pro o DENON DL 103 E trasformatore DENON AU320 Giradischi GRUNDIG (tuo) Preamplificatore GRUNDIG XV7500 (controllato da te) Preamplificatore DNM 3C primus Preamplificatore Radford SC22 (utilizzabile solo col suo finale) Integrato GRUNDIG V7000 (tuo) Integrato GRUNDIG V7500 Finale Radford STA15 Finale DNM PA3 delta Finale GRUNDIG A5000 Compatto in legno 1970 GRUNDIG RTV380 con piatto DUAL1210 con testina SHURE M75 ED2 (attacco dual)
Diffusori:
GRUNDIG: 2500A prof - 1500A prof - 850A prof - SL1000 - AUDIORAMA 8000 - BOX 206 TELEFUNKEN TL800 (tue) DAHLQUIST DQ10 (prima serie) B&W dm6 (prima serie) ALLISON ONE (seconda serie) QUAD ESL KEF 105 (prima serie) SEQUERRA MET 7 (prima serie) con due SUB SEQUERRA MET 8 più due supertweeter SEQUERRA T1 a nastro CELESTION DITTON 44 (prima serie) Due coppie di LS3/5A 15 ohm (repliche costruite ad Hong Kong) KLIPSCH BELLE (con altoparlanti in alnico 1984) ADVENT LOUDSPEAKER (prima serie) ACOUSTIC RESEARCH AR11 (prima serie)

Caro massimo a me interessa che tu metta insieme solo i front end in modo che io possa sostituire a mio piacimento solo i diffusori che sono più indicati per i medesimi.
Appena possibile come promesso ti manderò per ascoltare una coppia di LS3/5A e una coppia di SEQUERRA MET 7 per un tuo giudizio

Cordialmente
Angelo xxxxxxx

I lettori cd Grundig sono molto simili tra loro e puoi intercambiarli senza problemi mentre se non vuoi rovinare la qualità anche mentre ascolti un cd occorre avere un giradischi full CCI collegato al restante impianto che deve essere full CCI se vuoi la migliore qualità.
Come avrai letto nella rubrica "lettere" del mio sito non mi metto a dare consigli su alta fedeltà convenzionale perché semplicemente mi sentirei di prendere in giro chi me li chiede...questo lo lascio fare ai recensori e non perché sappiano (ad esempio) come vanno tutti i giradischi in commercio quando sono interfacciati con tutte le testine, tutti gli shell (parte fondamentale) e tutti i bracci esistenti in quanto è cosa IMPOSSIBILE per chiunque ma semplicemente perché sono abituati a prendere in giro la gente.
Un elemento non full CCI ha una sonorità spiccatamente propria a cui corrisponde sempre una compressione armonica...l'unico consiglio valido che mi sento di darti è quello di liberarti di ciò che all'ascolto senti affetto da evidenti difetti...ovvero fare una selezione del parco macchine che hai (a parte ciò che vuoi tenere per collezione).
E tale selezione puoi farla solo tu.
Saluti
Massimo

 

Ciao Massimo ho provato l'impianto (LT ndr) ed è una vera bomba, ho provato bellissime emozioni e soddisfazioni......è veramente notevole il miglioramento della naturalezza

infinite grazie ancora per il tuo costante impegno...

Luigi
 

Grazie Luigi per il feedback!

 

Ciao

Massimo

Buongiorno Sig. Massimo,

come può vedere anche dal forum (sono Supercolor) sto continuando l'esplorazione del mondo Grundig in vista di un possibile acquisto di un impianto da libreria: come potrà leggere nel forum ho ascoltato il CD7550 con un V7000 (appoggiato canonicamente per terra) insieme alle box 300 a casa di Roberto Atvpolaris. Ne sono rimasto favorevolmente impressionato anche se l'ambiente era medio - grande (almeno 6x5 mt) quindi non certo quello consigliato.

Le faccio un paio di domande secche: io non avrò la possibilità di porre l'amplificatore a terra. quindi in teoria dovrei rivolgermi al V1700 che andrei ad installare in un rack o in una mensola attaccata la muro a circa 1,60 mt da terra; da qui le due domande (i diffusori sarebbero invece a 60 cm. da terra):

1) è vero, come ho letto da qualche parte che il V1700 è problematico in quanto non ottimizzato sui 4 ohm e può dare problemi agli altoparlanti dei diffusori (qualcuno lo ha addirittura chiamato killer di diffusori)?

2) Un receiver 25 o 35 da Lei controllato CCI perde qualcosa sonicamente rispetto ad un V1700? Io ho ascoltato l'impianto di Roberto, comnposto da CD7550 + R25 + box 1550a Professional e devo dire che mi sono innamorato di tale impianto. Il receiver era normalmente installato nel rack originale della Grundig insieme al CNF 350 ed al giradischi PS1020.

La ringrazio anticipatamente della sua attenzione e pazienza, nel frattempo auguro a me stesso di trovare un lavoro e poter passare agli acquisti e di poterla poi venire a trovare. Al momento attuale purtroppo anche il ricavato della vendita (quando avverrà) dell'attuale impianto dovrà essere tenuto da parte, visto che la mia piccola famiglia deve sopravvivere con 750 euro al mese guadagnati da mia moglie attraverso un lavoro part-time.

Come vede sto facendo di tutto per farmi trovare pronto quando sarà il momento.

P.S.: tengo particolarmente ad un suo parere sui Receiver, perchè adoro la loro estetica, sono per me dei veri oggetti di culto; rispetto agli anonimi V1700 e V7000, uniscono il piacere dell'audiofilo quando li ascolti a quello del collezionista quando li guardi.

Luca

 

Gentile Luca

I receiver degli anni 77/79 sono tutti full CCI quindi può tranquillamente sostituirli al v1700.
I miei migliori auguri affinché possa trovare presto un lavoro.

Cordialmente

Massimo

Buongiorno Massimo,

ti ringrazio x le tue preziose indicazioni sulle testine e mi trovi d'accordo sul fatto ke le V15 sono troppo aperte e squillanti. Forte del tuo consiglio ho riesumato una DM95G senza stilo,  ed in internet trovi con facilità il N91G mentre è introvabile N75GT2. Sai se monta lo stesso? Oppure mi sai indicare  dove trovare il N75GT2?

Grazie come sempre x la tua gentilezza.

Michele xxxxxx

La DM95G ha attacco proprietario Dual e quindi si monta solo sui vecchi giradischi dell’omonima marca salvo tagliare le due linguette sporgenti e procurarsi due viti autofilettanti di piccolissimo diametro...non sarà per caso una M95G ?

Per l’N75Gt2 puoi provare sul nostro forum...qualcuno in vendita ogni tanto capita.

Saluti

Massimo

Buonasera Sig. Ambrosini,

da pochi giorni sono venuto a conoscenza del suo blog e delle sue raccomandazioni sul materiale Grundig; a questo proposito vorrei farle una domanda. Lei sottolinea come tutto il materiale Grundig da Lei consigliato rende al meglio solo se assolutamente esente da manipolazioni: le casse Grundig 850a, 1500a, e 2500a Professional avevano un cavo di potenza incorporato sul retro, oppure quel buchino che si vede sul loro retro è una semplice presa punto-linea?

Le faccio questa domanda perchè su ebay.de si vedono inserzioni di casse con il cavo dipotenza uscire direttamente da quel buchino (senza che se ne veda la connessione) ed altre dove viene specificato che le casse vengono vendute senza i cavi di potenza. Per capirci, in originale venivano vendute con un loro cavo di potenza grundig in dotazione o meno?

 

Gentile Luca

La serie professional era dotata di una vaschetta punto-linea incassata...il connettore quindi non era sporgente per cui può sembrare che esca direttamente il cavo. In asta raramente le vendono con il cavo

 

Attualmente ci sono delle 850a Professional senza cavi, in buone condizioni che, a 24 h dal fine asta sono quotate a poco più di trenta euro.

Devo ammettere che glielo chiedo solo in vista di acquisti futuri, perchè sono un ex-imprenditore che ha chiuso l'azienda rimettendoci tutto ed ora io e mia moglie viviamo con il suo stipendio di un lavoro part-time.

Per mancanza di spazio nella casa dove mi sono trasferito, devo rassegnarmi a vendere il mio impianto precedente, composto da:

Diffusori: JAMO CONCERT 8

Preampli: : Audio Analogue Bellini

Finali: 2 mono Audio Analogue Donizetti

Cd Player: Marantz cd 17 mkII

Vendendo diffusori ed amplificazioni potrei ricavare un gruzzolo tale da poter comunque comprare delle 850a professional e magari un Grundig V7000.

Tuttavia prima di procedere al tutto vorrei venire ad ascoltare materiale CCI con le suddette 805a Professional presso la sua sala d'ascolto.

Se avessi uno stipendio solo normale, non ci penserei due volte ad acquistare le 850a ora (pensando che se proprio non mi piacciono, potrei rivenderle al prezzo di acquisto) ma dovendo risparmiare ogni euro per mangiare, mia moglie non capirebbe.

Mi potrebbe inoltre segnalarmi quando sarà il prossimo meeting presso la sua sala d'ascolto o se possibile prendere un appuntamento per una sola persona?

Certo che se casa sua fosse raggiungibile dai mezzi pubblici sarebbe l'optimum, altrimenti dovrei arrangiarmi in qualche modo dalla stazione di Ravenna presso casa sua.

Mi spiace per la situazione lavorativa in cui si viene a trovare e il fatto che ormai sia un male comune non rende affatto “mezzo gaudio” come dice l’adagio ben noto.

Se vuole ascoltare qualcosa c’è in programmazione il meeting annuale l’11maggio a casa mia ove può portarsi appresso anche la sua amplificazione da confrontare con una full CCI, oppure nessun problema per un ascolto singolo ma la mia zona (a 6km da Ravenna) non è servita da alcun servizio pubblico. E’ molto comodo arrivarci dall’autostrada però...

In attesa di suo gentile riscontro, mi presento un pochino: sono classe 1962, mi sono appassionato di elettronica fin da quando avevo 12 anni nel 1974, quando sbavavo di fronte ai primi tv color Grundig che ripetevano Svizzera e Capodistria nelle vetrine dei negozi di elettronica.

Mio padre in quell'epoca gestiva un locale da ballo e non sentivo l'esigenza di avere uno stereo in casa; quando volevo ascoltare musica, andavo nel locale ed accendevo la discoteca, ovvviamente negli orari diurni.

Nel 1976 però mio padre cedette l'attività e ci trasferimmo da Suzzara (MN) alla vicina Carpi in provincia di Modena. Mentre continuavo a spulciare avidamente i cataloghi della Grundig (era la mia marca preferita) per i suoi TV Super color, nella speranza di essere pronto quando mio padre avesse deciso di comprarne uno (cosa che accadde nel 1979), tuttavia glieli nascondevo per paura che mi comprasse uno Stereo Grundig, magari un compattone. Io ero uno di quelli che volevo a tutti i costi un coordinato giapponese. Così nel 1977 mi comprò il coordinato entry level della Pioneer con il classico piatto PL-112D, ampli SA-5300, casse CS-212 ( ma non giurerei che fosse questa la loro sigla esatta). Nel 1988 un mio amico ad una festa mi bruciò le due casse e le sostituì con delle Klipsch KG2 (sospensione pneumatica molto efficienti come tradizione della marca e come le PIoneer, circa 93 DB) In quell'anno comprai anche il mio primo CD-player, era anch'esso un entry level della Pioneer.

 

Abbiamo avuto lo stesso primo giradischi e lo stesso primo amplificatore...

 

Nel 1997 decisi di prendere molto più sul serio l'hobby dell'Hi-fi e dopo molte fiere e qualche cambio di componenti nel 2002 arrivai alla configurazione attuale. Da lì in poi divenni imprenditore e non ebbi più il tempo da dedicare a questo magnifico Hobby. Solo dopo la chiusura della mia ditta sono tornato ad interessarmi ma come ministro senza portafoglio....

Vendendo questo impianto ed acquistando prodotti Grundig, invece di spendere soldi, potrei avere una rimanenza.

Le chiedo un'altra cosa: la modifica CCI potrebbe essere fatta sul mio attuale CD-Player?

 

Si, è fattibile, se passa a trovarmi se lo porti appresso così avrà modo di sentirlo a confronto con un lettore di basso costo modificato CCI.

 

Pensi che sono venuto a sua conoscenza facendo una ricerca sulle casse Cabasse Dinghy 222, perchè erano consigliate in un sito di un restauratore di radio e sintoamplificatori tedeschi costruiti dal 1957 al 1966, epoca in cui erano tutti a valvole. Mi è uscito un post scritto di un certo Nuvola9 che spiegava come le Grundig 1500a Professional in suo possesso erano enormemente superiori a queste Cabasse vintage (1975) ed a tutte le casse attuali con un listino inferiore ai 3 ma anche parecchie da 4.000 euro. Incuriosito ho fatto una ricerca su queste casse e mi sono imbattuto sul suo blog, forum e tutte le discussioni delle apparecchiature CCI e del mondo Grundig.

E' proprio vero che alla fine degli anni '70 non se le filava nessuno, io stesso che ero un fan sfegatato del marchio Grundig per i tv color  - e le radio a transistor -(lotte tremnde con i fan dei tv color Loewe) ero pregiudizialmente avverso alla produzione Hi-fi di allora della Grundig: li giudicavo a causa di un design che trovavo troppo plasticoso e poco attraente rispetto alla produzione giapponese di allora. I negozi di elettronica che comunque visitavo nel modenese e nel mantovano a quell'epoca vendevano tv color ed alta fedeltà (questa era il business del momento, come i telefonini oggi) insieme, ma non ho mai visto nessuno tenere gli apparecchi hi-fi Grundig in negozio, non era possibile avere delle dimostrazioni, casomai fossi stato incuriosito, anche loro nelle sale dedicate all'hi-fi avevano solo apparecchi giapponesi e qualche americano.

 

Esatto...e per questo si è perso un patrimonio che le assicuro non è esagerato definire “inestimabile”.

Saluti

Massimo

 

La ringrazio per l'attenzione e, rimanendo in trepida attesa della sua risposta, colgo l'occasione per porgerLe i miei più cordiali saluti.

Luca xxxxx

 

Buongiorno Sig. Massimo,
la ringrazio per la sua velocissima risposta: probabilmente il prossimo 11 Maggio è un pò troppo vicino, se commisurato alle mie possibilità di trovare un nuoivo impiego: sono in ballo con tre aziende, ma come spesso è accaduto negli ultimi mesi è meglio che non mi faccia illusioni; o troppo qualificato per il lavoro offerto o troppo vecchio più in generale.

Devo ammettere anche che purtroppo nella attuale casa le uniche casse Grundig che possono trovare posto sono quelle scaffale da posizionare su una libreria Billy dell'Ikea nel soggiorno dove c'è già un impianto home theater, preso nel 2006 dal grande rapporto qualità-dimensioni -prezzo, ma suona da vero schifo con i CD (Receiver AV Onkyo tr-602 - Coordinato 5.1 Canton CD 10 - e Pioneer DV656 come sorgente DVD-CD + PS3 come sorgente Blu-ray).

Tale impianto ha una resa bellissima (per il prezzo) se ascolto concerti in DVD (assolutamente spettacolare con Robbie Williams - Live at albert Hall - canta gli standard americani degli anni 40-50). Le piccolissime casse scompaiono letteralmente dall'ambiente poste sullo scaffale: si sentono benissimo (sempre per il prezzo pagato) anche i concerti jazz trassmessi in stero via satellite dai canali tedeschi, ma quando metto su un CD non c'è niente da fare, sia che lo ascolti via collegamento ottico che collegamento analogico, è veramente orrendo.

Credo che la cosa più logica sia porre nello scaffale più in basso, con le stesse modalità indicate nel suo sito, delle Grundig Box 300, alimentate magari da un V7000 o da un V1700 con un CD valido, magari il mio attuale modificato CCI (certo che mi piacerebbe ascoltare un Grundig CD7500 o 7550 a confronto con il mio, ma qui in Italia molti hanno letto il suo forum e chi li ha mi sembra li tenga stretti).

IN questi giorni però ho visto che in Germania (con tutti i rischi del caso) se ne trovano ancora frai 100 ed i 200 euro.

Se fossi in condizioni economiche normali, penso che avrei già presso il mio impianto e macchina per venirla a trovare, ma così devo proprio aspettare, prima di vendere il mio impianto vorrei comunque toccare con mano a cosa andrei incontro (non ho dubbi sulla qualità che viene descritta da Lei e gli utenti del forum, casomai della timbrica).

Se comprassi le 300 potrei metterle in condizioni ideali di funzionamento, mi rimane il dubbio riguardo le dimensioni della stanza: è la tipica stanza d'ingresso delle villette a schiera, un open space di discrete condizioni, dove il lato corto è occupato dalla libreria con l'impianto home video, ed il lato lungo interrotto a metà precisa dal divano dove si guarda/ascolta, a circa 2,20 mt. dalla parete di fondo. Dietro il divano ci sono almeno altri due metri riempiti da un passaggio corrispondente alla porta d'ingresso (quindi a metà della parete lunga) e poi un tavolo da pranzo. Come vede l'ambiente di "ascolto" è ridotto, mentre l'ambiente fisico è più ampio.

Le chiedo un suo ultimo parere: le box 300 installate a scaffale in un ambiente di ascolto comunque raccolto, sono ancora un'ottima soluzione dal punto di vista qualitativo (non si può pretendere il discorso quantitativo immagino) oppure sono un grosso ripiego?

La ringrazio per l'attenzione e conto di venirla a trovare al più presto.

Cordialissimi saluti.

Luca

P.S. le posto il link di Nuvola9 sulle 1500a Prof., anche se forse lo conosceva già:
http://nuvola9.forumcommunity.net/?t=34396272&st=15

 

Gentile Luca

Le 300 sono dotate di una trasparenza straordinaria ma proprio per questo non accettano compromessi su ciò che viene loro collegato a monte...

La persona da cui lei ha tratto il link ha purtroppo una conoscenza molto parziale di ciò che è il suono Grundig...tant’è che ha scritto (per quanto riguarda le elettroniche) forse la più grossa sciocchezza che si possa scrivere su questi apparecchi e cioè che sono ariosi ma “evanescenti” : le assicuro che non c’è suono più concreto di quello che offre un’elettronica full CCI...solo non bisogna commettere l’errore di pretendere che le elettroniche risolvano problemi che magari riguardano il corretto interfacciamento (e scelta) diffusore/stanza. I problemi vanno circostanziati e risolti anello per anello della catena se si vuole raggiungere l’ALTA fedeltà...quando si pensa di correggere con un difetto un altro difetto si è già persa la strada maestra in partenza.

 

Cordialmente

Massimo Ambrosini

oggi è arrivato il mio Denon player ma, purtroppo, ho avuto la possibilità di ascoltarlo solo per 5 minuti.

Ma è cambiato tutto!!!    Ha raggiunto una maturità incredibile.....

Sa dirmi se la funzione SACD è rimasta?

Augurandomi che abbia completato il suo periodo di convalescenza, la saluto e la ringrazio ancora


Silvio xxxxxx

 

Gentile Silvio

Come funzionalità non è cambiato nulla per cui continua a leggere gli sacd.

La medesima differenza c’è anche sulla mia amplificazione che (dal momento che dovrei capitare a Milano a ottobre per la visita di controllo) verrei volentieri a farle ascoltare con le sue Avalon se mi confermerà la sua disponibilità.

 

Cordialmente

Massimo Ambrosini

Ho letto con molta attenzione il tuo sito

ho visto anche cosa molti tuoi clienti hanno lasciato in permuta da te..

una curiositá, se posso, dove sono finiti quegli apparecchi?

tra loro non ho potuto fare a meno di vedere un Cello Palette un Classe DR3 e tanti altri….dove sono ora? venduti.

Il prezzo dei tuoi finali?

Io sono di lecce come posso pensare di confrontare i miei finali (Klimo beltaine) con i tuoi?

grazie

Dario

 

Gentile Dario

Da molto tempo ho smesso di ritirare l’usato (c’erano ancora le lire...) che vendevo tramite annunci su quello che era allora (prima dell’avvento della rete) l’unico mercatino frequentato ovvero la rubrica usato di Audio review...se ha riviste dell’epoca ne troverà diversi di miei annunci...

Per quanto riguarda la possibilità di ascolto a confronto sono sempre più che disponibile, purtroppo la distanza che ci separa non è lieve anche se qualunque distanza non è mai eccessiva se poi si trova ciò che si cerca.

 

Cordialmente

Massimo Ambrosini

Perché dici che non mi fido di te ?  Perché ? 

Credevo di essermi spiegato circa i criteri di ricerca del lettore cd ideale che sto cercando , non credo che cercare un lettore che piaccia anche a me significhi  essere scettici a riguardo delle tue indicazioni che poi non sono assolutamente categoriche perché tu hai dato due spunti sui Marantz ma hai sempre lasciato libera scelta purchè fosse operabile la modifica CCI ,  indicando inoltre che (parole tue , scritte) il 99% dei player cd sono modificabili . Invece ora  scopro che ce ne sono molti di difficile modificazione .

Io credo e apprezzo veramente il tuo lavoro e ti sarò sempre riconoscente perchè mi hai guarito da una malattia grave che mi portava a spendere soldi e tempo  che non avevo e  che rubavo alla famiglia  , diversamente non ti avrei fatto controllare due V35 e non sarei rimasto fino ad oggi nel forum . L'obbiettivo finale è di avere un tuo amplificatore .

Ricordo che ho abbandonato cedendolo (saldando cosi i debiti contratti per l'acquisto) il mio ex impianto eso .

Il mio Grundig cd-35x ha stracciato x esempio il Sony XA-555ES (macchina meravigliosa) con stadio d'uscita a discreti dell'Aurion ing. Ingoglia .

Dunque se può servire rinnovare la  dichiarazione  di  fede nel tuo operato io  lo  faccio ma credo - te lo dico amichevolmente - 

che dovresti essere un po' meno rigido e sospettoso almeno con me .  Io sono sempre franco e sincero , anche nei miei interventi sul forum e ricordo che su videohifi ho difeso i Grundig e la tua persona .  Rimango però un essere pensante , con la mia personalità e le mie idee 

e se  per caso non intercorresse una grande simpatia tra noi non mi faccio scoraggiare perché io guardo alla sostanza delle cose .

 

Per chiudere ; ribadisco quanto ti avevo già detto e cioé vorrei un lettore cd che mi piacesse  in senso generale e che avesse una buona meccanica (non antica quanto la cdm-1) affidabile , anche come costruzione generale perché vorrei che il lettore modificato LT durasse molto senza avere la necessità di aprirlo per farlo riparare e spedirlo in giro via posta , col grande rischio che si corre con tali viaggi .  Tutto quà . Però sto cercando di contenere la spesa nei 100-150€ dunque cerco un buon usato e anche per questo occorre tempo e fortuna . Se trovo i Marantz che proponi , in buone condizioni nell'usato li prendo volentieri .

La mia idea è che il CCI sia una panacea ma penso anche che avere un sistema di lettura preciso , con una seqenza di bit corretta il più possibile , in modo di formare un'onda quadra più regolare possibile , sia una bella cosa da dare in pasto al convertitore-dac per un risultato finale superlativo grazie al CCI .

 

Se sul forum ho deciso di firmarmi come "l'eretico" è  solo un modo di essere scherzoso  , rimarcare la mia indipendenza e contrastare un'eccessivo integralismo corrente di alcune persone . Sotto sotto penso che  nel forum ci siano  persone molto interessata e motivata a scoprire i "segreti" mentre io  , a parte l'iniziale tendenza a capire il rapporto di causa/effetto

nelle questione tecniche  - più che altro per una questione di cultura e anche per essere già stato bruciato da uno stregone esoterico pieno di misteri e segreti  - sono solo un musicista che non capisce nulla di elettronica e vuole sentire il prodotto ultimo della riproduzione musicale senza pensare più a niente . Di una persona come me ti puoi fidare perché le cose te le dico in faccia e non ho secondi fini .

 

 

In chiusura ;   desidero solo avere elettroniche affidabili , che non mi lascino a piedi e mi costringano a spedire con frequenza  le componenti .

 

Se puoi mantieni questo scritto a testimonianza della mia posizione

 

Ciao 

Giuseppe

Giuseppe...non è questione di simpatia ma di pregiudiziali che mi sembra tu abbia nei confronti del marchio Marantz (probabilmente perché conosci il suono dei suoi prodotti di serie) ma che dal punto di vista dell’affidabilità non è certo secondo a nessuno e dal punto di vista del suono permette a me di ottenere il risultato che mi prefiggo con molto meno impazzimento di certe altre macchine. Se non è un problema estetico una macchina che rientra nel tuo budget ed è modificabilissima è questa:

http://www.ebay.it/itm/COMPACT-DISC-MARANTZ-CD-6002-/230944133767?pt=Piatti_e_Lettori_CD&hash=item35c557d287

 

Se però non ti va bene ci terrei di capire il perché...:-)

 

Ciao

Massimo

Massimo , io sono ancora un portatore sano di qualche piccolo ceppo del virus dell'audiofilia e per quanto io sia conquistato dai grundig/LT (dormirei sonni tranquilli x sempre con una catena di questo genere senza chiedere altro) come dissi più volte anche sul forum , voglio partire per la modifica da un lettore cd che già liscio suoni in un certo modo oltre ad una certa affidabilità . Ho fatto subito una ricerca in rete ed è venuto fuori che per alcuni il marantz cd-6002 ha un suono non buono , metallico affaticante ed innaturale oltre ai transienti sballati .

La mia avversione ai marantz è data dagli estremi , o sono troppo dolci o sono metallici e innaturali . Per quanto buona e determinante sia la modifica CCI io ho necessità profonda di partire da un modello che funzioni gia da liscio in un certo modo e questo per essere "predisposto" ad un livello psicologico ottimale , come fossi in terapia e avessi bisogno di qualche farmaco idoneo per la guarigione .

Se tu l'hai ascoltato questo marantz cd-6002 io ci ripenso e lo prendo diversamente vorrei trovarne uno che non mi dispiaccia fin dall'inizio e che naturalmente sia giudicato da te come modificabile , senza patimenti . Che male c'è ad essere contenti entrambi ?
Quindi dimmi tu ; se hai pazienza di segurimi e aspettare ancora un po' io ti sottopongo altri modelli di lettori cd diversamente dimmelo e possiamo tramutare la modifica CCI al lettore in qualche controllo/riparazione di ampli Grundig .
Meglio di questo marantz 6002 per me , sicuramente sarebbe il Philips cd-960 che tra l'altro ho già avuto .
Sono un musicista pro e quindi un perfezionista afflitto da particolari manie .

Scusami
Giuseppe

Il suono che hanno prima questi lettori non ha NULLA a che vedere con quello che hanno dopo...credi forse che lo yamaha o il pioneer di serie (che inizialmente proponevi) suonino meglio?

Scusa se te lo dico ma sei un illuso su questo punto...sono tutti, chi più chi meno, pessimi. Ti farebbe bene venire ad ascoltare la differenza tra un dvd da 30 euro e il cd960 una volta entrambi modificati per renderti conto di quanto influisca la meccanica e il convertitore...so per esperienza che le “convinzioni” pregiudiziali del tuo tipo si possono debellare solo con i fatti.

Ciao

Massimo

Ciao Massimo,

complimenti innanzitutto per il tuo lavoro e per il tuo sito ricco di informazioni e spunti interessanti

essendo in procinto di acquistare un gira a 78 giri., guardando in casa Grundig, ci sono il PS71 (sino al 1974) e il PS1901 (1975), entrambi Dual 1229, come modelli più vicini al periodo d'oro

si può supporre un'implementazione CCI su questo tipo di apparecchi, tale da farne dei modelli preferibili all'interno di una scelta quanto mai vasta?

PS71:  
http://grundig.pytalhost.com/grundig73-10/087.jpg
          
http://grundig.pytalhost.com/grundig73/grundig73-12.jpg
          
http://grundig.pytalhost.com/grundig73/grundig73-13.jpg

PS1901: (non appare nei cataloghi del periodo disponibili su http://wegavision.pytalhost.com/grundig.html
)  
 
          www.ebay.it/itm/dual-1229-con-base-grundig-RARO-BELLISSIMO-/110992198068?pt=Piatti_e_Lettori_CD&hash=item19d7a689b4
      
           
http://annunci.ebay.it/annunci/audio-tv-e-video/milano-annunci-milano/giradischi-dual-1229-ps-1901/40015658

grazie

saluti

Carlo xxxxxx

Gentile Carlo

I due giradischi in esame sono pressoché equivalenti, ne farei quindi una questione di preferenza estetica e di condizioni/prezzo dell’oggetto.

In ambito CCI si collocano un gradino sotto ai modelli citati sul mio sito che però non hanno i 78giri.

Se per lei questa è un’esigenza primaria direi che ha già “mirato giusto” ...ottima scelta.

Non è possibile ottimizzarli al pari di un Ps1020 o 1010 ma...si fanno ascoltare :-)

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 

Grazie Massimo

sì, in effetti si tratta di aggiungere un giradischi dedicato ai 78 alla mia catena full CCI (PS1020, CD35, V1700, Box 400)

sulla preamplificazione per i 78 mi sono trovato di fronte a queste alternative:

preamplificatore con equalizzazione specifica - TC-778
www.ebay.it/itm/TCC-TC-778-Preamplificatore-Phono-per-78-e-33-giri-/150739277442?pt=Amplificatori&hash=item2318c2d682 ;
www.technolink.com.tw/

testina ceramica - giradischi collegato direttamente ad un qualsiasi ingresso linea
www.ebay.it/itm/RECORD-PLAYER-CARTRIDGE-VARCO-TN-4A-EV-5126-5126d-TN4-B-BD-TN4-A-864-P-226-226D-/130713448931

preamplificatore flat con guadagno compatibile con testine MM - non ne ho trovato uno adatto
collegamento all'ingresso phono RIAA del V1700
in prima battuta ho optato per la prima, avendo anche reperito uno stilo shure N91-3 NOS; suggerimenti in merito al fine di ottenere il miglior risultato?

grazie ancora per la disponibilità

saluti
Carlo

Beh...sinceramente non essendomi mai interessato di 78 giri non sapevo che avessero una curva di equalizzazione sensibilmente diversa dai 33 giri...se proprio necessita l’utilizzo dello scatolotto non farci passare attraverso anche il ps1020 altrimenti addio CCI...occorre staccare il giradischi che usi a 78 giri con relativo scatolo dal v1700 di volta in volta se non vuoi peggiorare sensibilmente l’ascolto dei 33 giri.

Cordialmente

Massimo

 

Ciao Massimo,
qualche hanno fà ti scrissi per avere informazioni sul vecchio stereo che avevamo in casa negli anni 80 il compatto grundig cc530, tu molto gentilmente mi hai inviato la pagina del catalogo dell'epoca e mi hahai detto che era pur sempre un grundig ma che chiaramente non raggiungeva le prestazioni dei modelli più pregiati, e infatti ho messo insieme un sistemino con ampli v30, cd7550 purtroppo non funzionante,giradischi ps3500 e casse box 450.
l'altro giorno
girando su ebay ho trovato il vecchio compagno di gioventù, ti allego il link delll'inserzione
http://www.ebay.it/itm/GRUNDIG-COMPACT-CENTER-530-IMPIANTO-HIFI-RV805-/221141074462?t=HiFi_e_Home_Theatre&hash=item337d09021e

il prezzo è buono ma come
puoi vedere il braccio del giradischi è danneggiato.
Pensi sia
riparabile o sostituibile? o conviene aspettare un altro compatto in condizioni migliori?
grazie
Stefano

Gentile Stefano
Devi proprio esserci affezionato a questo CC530 per accettarne addirittura uno con braccio spezzato :-). L'unico modo per riparare un guasto del genere è andare di "attak" ma non è certo una riparazione molto ortodossa...per di più di un oggetto che probabilmente sei solo tu a cercarlo in Italia...
La scelta può essere solo tua quindi.
Saluti
Massimo

ciao Massimo ,ti chiedo il tuo parere riguardo al commento qui sotto tra virgolette.

non metto in discussione l'aspetto audio . se ho capito bene è un CCI, ma vorrei sapere da te la robustezza e la qualità delle meccaniche.

 

"Grundig, Philips, B&O, Uher e in generale la maggior parte dei RtR domestici di costruzione europea sono scomparsi dal mercato prima dell'inizio degli anni 80, a causa delle loro prestazioni mediocri e della costruzione scarsamente affidabile. In genere usano meccaniche complesse e poco robuste, con numerosi ruotismi, molle e cinghie che nel tempo tendono a rovinarsi o ad andare fuori taratura con conseguenti malfunzionamenti. Nonostante l'aspetto "tecnologico", questi apparecchi sono da evitare accuratamente se si cerca un registratore a bobine in grado di essere usato con soddisfazione e di rivaleggiare con le sorgenti odierne. Detta senza mezzi termini, un buon cassette a 3 testine con un nastro metal suona molto, ma molto meglio di questi apparecchi che a mio parere sono poco più che delle vere e proprie baracche.
Tuttavia ammetto che sono carini da vedere, e se si vuol fare collezione di apparecchi vintage uno o più di questi oggetti non deve mancare nello scaffale."

 

grazie 

ciao

Nicola

 

La “baracca” ce l’ha al posto del cervello quello che ha scritto queste cose...

Scusa la franchezza.

Ciao

Massimo

 

ciao Massimo ,capisco perchè non gli sono simpatici i marchi Grundig e Philips.....praticamente è un membro di videohifi che ha scritto su questo sito:

http://www.ilnastrone.it/contact/default.html

 

Nicola

 

E’ uno di quelli che ce l’ha a morte col sottoscritto...uno che quando ha ascoltato le sl1000 da me l’unica cosa di cui si è accorto è che non c’erano i 20Hz...(su due diffusori che hanno wf da 10cm di diametro!)

Quando si dice “la competenza”...

Un tipo che quando è venuto da me (con altre 4-5 persone che possono testimoniare sull’accaduto di cui una è Gianfranco del ns. forum) ha ascoltato il mio sistema e gli è piaciuto (lo ha scritto e detto chiaramente l’indomani) così come ha ascoltato la dimostrazione CCI della rivista posta sul coperchio ammettendo l’esistenza di una differenza all’ascolto...dopo qualche giorno ha rinnegato tutto diventando uno dei miei peggiori detrattori. L’invidia che è insita nella natura umana è gran brutta cosa purtroppo...soprattutto quando viene condita con abbondante faziosità.

Guarda il lato buono della cosa Nicola: continueremo a comprare a basso costo i TS1000 e i TS945 da coloro che vanno a comprarsi il Revox A77 o B77 (che al confronto dei grundig sono a dir poco penosi...per usare un eufemismo).

Ciao

Massimo

Ciao Massimo, grazie inanzitutto per avermi fatto conoscere un mondo nuovo e molto interessante con prodotti sicuramente di alta qualità. In questo caso volevo capire se consigli le testine qui di seguito enunciate:

SHURE M75B + stilo N75GT2  // SHURE M85G + stilo N91G o N75GT2 // DM95G + stilo N75GT2

oppure la V15 III ed in caso quella col suono + aperto.

Grazie di nuovo x la tua gentile disponibilità.

Michele Miccoli

 

Gentile Michele

Se ha letto il mio sito conoscerà anche le mie preferenze a tal riguardo:

http://motxam.interfree.it/preferiti.html

 

La v15III ha un picco di risonanza in gamma alta che gli dona particolare lucentezza ma se si cerca una testina lineare e con una maggiore capacità di estrapolare informazioni dal disco la mia scelta cade sulle testine/stili riportate al link suddetto.

Una costante che ho notato al variare dei modelli (in ambito Shure intendo) è che tutti quelli con il corpo a V sono mediamente peggio suonanti di quelli con corpo rettangolare.

Della serie V15 comunque la III e la IV sono le mie preferite (purché con stili originali).

 

Cordialmente

Massimo

buongiorno, sono LUCA xxxxxx di TORINO.

vorrei porle la seguente domanda :quale altezza devono avere gli stand per le box 650 professional ed a quale distanza dal muro devono essere posti i diffusori ?

grazie mille per la risposta, cordiali saluti.

 

Gentile Luca

Gli stand originali BF1 sono alti 36cm e i diffusori andrebbero molto vicini alla parete posteriore...praticamente attaccati ad essa.

Cordialmente

Massimo

Buonasera Massimo

 

Vorrei farti un paio di domande sui diffusori. Mi sto cimentando piu' per curiosita' che per altro con un paio di Isophon orchester 2000, altoparlanti da 12" con tweeter centrale, molto interessanti. Il costruttore consiglia una cassa chiusa da 60l. 

 

Tenuto conto che il mobile dovra' gestire frequenze basse ma anche medie, che materiale mi consigli di usare per il riempimento? Vanno bene i cascami di lana oppure bisogna andare di lana di roccia ecc?

 

Vanno bene entrambi in quanto entrambi hanno un ottimo assorbimento acustico.

 

Le prof hanno la sospensione dei woofer "coperta". E' una cosa utile secondo te?

 

E’ una cosa “utile” per correggere quell’1% quando sei riuscito a fare almeno il 95-98% delle rimanenti cose da fare con correttezza...e ti assicuro che è MOLTO meno facile di come un auto costruttore può prospettarsi...le variabili in gioco sono molteplici.

 

Dove posso trovare il materiale di cui e' fatta la tela delle prof? Sono curioso di provarne l'effetto su un diffusore normale...

 

E’ una griglia metallica su cui sono incollati dei pelucchi sintetici...impossibile da replicare in Italia...ci ho già provato...

Ciao

Massimo

Salve Massimo.
Volevo sapere se era disponibile ad effettuare (ovviamente a pagamento) un'ottimizzazione CCI di un lettore CD che vorrei appositamente comprare. Pensavo, dopo aver letto gli esiti delle prove pubblicate nel suo sito a un Marantz cd5400 o a un Sigmatek xm400. Ho tentato di acquistare un Grundig CD7500 (prezzo proposto 300 €, in ottime condizioni "esterne"), ma il venditore mi ha informato che ha sostituito il cavo di segnale danneggiato. Ho preferito pertanto rinunciare. Comprerei tranquillamente un lettore Grundig: il problema è che si fa fatica a sapere se sono stati manomessi o no. Ho acquistato un ampli Grundig V1700 e sto per acquistare delle Box 850a professional.
Grazie

Paolo xxxxx

Gentile Paolo
Se non le crea problemi il non avere il telecomando si può risparmiare la modifica CCI (il cui costo è di xxxeuro) su un lettore attuale. Certo occorre convivere con l'affidabilità di lettori (Grundig) che hanno trent'anni e di questo occorre essere consapevoli.
Per inciso ha fatto bene a non prendere un cd7500 con cavo sostituito...
Cordialmente
Massimo Ambrosini

Caro Massimo,
seguendo il suo consiglio sono in trattativa per acquistare un CD7550. Ho chiesto al proprietario una foto "a scatola aperta" per farla vedere a lei.
Immagino che di richieste così ne avrà parecchie. Pertanto mi scuso e accetterò di buon grado un suo eventuale "silenzio".
La mia curiosità riguardava la presenza di eventuali "manomissioni". Il proprietario dichiara che ha acquistato il player usato e che non avuto necessità di effettuare riparazioni.
Grazie mille per quanto potrà fare.

Paolo

Gentile Paolo
Non è possibile sapere lo stato di manomissione di un oggetto in base alle foto (salvo interventi evidenti ovviamente che non sono presenti in questo caso), a volte basta una vite lenta per compromettere il risultato di un apparecchio full CCI...
Avviti almeno bene le viti del coperchio.
Cordialmente
Massimo

Ciao Massimo,
ben tornato...spero che il tuo decorso post operatorio stia procedendo per il
meglio...anche io ho subito un'intervento a Luglio (tiroidectomia) e ancora
devo rimettermi in bolla :)

Ti disturbo ancora perche' ho trovato un grundig a5000 ( di cui ti allego le
foto inviatemi dal venditore) che mi interesserebbe acquistare; il venditore mi
ha scritto che e' difettoso " because the relais don't switch " ed e' privo di
coperchio.

Per il coperchio confido di trovarne uno prima o poi....approposito tu ne hai
mica uno da vendere o scambiare con qualcosa? Per la questione elettrica mi
affido a te...e' riparabile? Se come spero di si...a che cifra?

In attesa di recuperare un coperchio ( eventualmente quello di un v 5000 e' lo
stesso? andrebbe bene, si potrebbe adattare?) l'ascolto senza il coperchio
appunto se per alcune elettroniche dell'hi-fi tradizionale lo consigli per il
grundig a 5000 come potrebbe essere? deleterio?

Spero mi vorrai consigliare per il meglio nel frattempo ti invio i migliori
saluti e auguri per una pronta ripresa.

Ciao.

roberto xxx

 

L'ascolto cambia drammaticamente senza coperchio per cui dal momento che dubito molto tu riesca a trovarlo separatamente, ti sconsiglio l'acquisto.
Ciao
Massimo


scusami ancora,
ma il coperchio di un v1000 o v 2000 potrebbe andare bene al finale a 5000 o l'unico adattabile e' quello del v5000?

grazie

 

Il retro degli integrati è diverso da quello del finale...
Per queste domande hai comunque un forum a tua disposizione.
Ciao
M.

Gent,Ambrosini

 

Le scrissi  circa due anni fa, in merito a dei dubbi che avevo sulla paternita’ del Grundig V1700 ,  con l’intento di dissiparli o confermarli solo a notizie certe,  un mio collega, che avendo moglie Giapponese, si reca saltuariamente in una cittadina (Echizen)  ha contattato due centri Sanyo pilota che operano da una trentina d’anni, ebbene due dei tre tecnici  interpellati, hanno confermato che la costruzione e il progetto del JA 220 e l’identico V 1700 erano  assolutamente  Sanyo e che la Grundig, li acquistava anche con il marchio Minerva per venderli in Europa, in particolare in Germania, in Francia,in Spagna e in Italia, uno dei due ha anche sottolineato le buone doti audio di tale progetto pur definendolo un “ POTENZIALE SERIAL KILLER di diffusori ( sue testuali parole, ed in questo sono daccordo).  Una seconda stranezza, di cui possiedo un ricordo personale, ( in quanto li acquistavo per la vendita) la Grundig abbinava i seguenti prodotti V7200, T 7200,  CF 7200, ma solo uno di questi componenti risponde ai suoi requisiti di ottima interfaccia telaio circuito, ovvero il T 7200, gli altri due, pur  sopra la media, ne godono parzialmente, (forse il Deck e piu’ curato in tale direzione), come spiegare cio?

 

Cordialmente

 

Luigi Enrico xxxxxx

 

Gentile Luigi

Il JA220 è l’unico prodotto full CCI prodotto dalla Sanyo...quindi se su chi costruisse il V1700 non ci sono (ne ci sono mai stati) dubbi...mi giocherei lo stipendio sul fatto che il progetto (quanto meno telaistico...) di tale prodotto fosse Grundig...altrimenti se vi fosse stata una conoscenza CCI in Sanyo vi sarebbero stati anche altri modelli prodotti oltre a questo e non mi risulta nulla del genere.

Condivido il parere sulla non particolare robustezza che costringe ad una scelta oculata del diffusore per evitare guasti.

Sulla serie 7200 non si faccia trarre in inganno dalle sigle, in realtà il progetto di tutta la serie bassa (CF7200, T7200, V7000) era full CCI...poi in un epoca già di decadenza commerciale le scelte di come nominare e di come abbinare i vari modelli venivano fatte appunto in base a scelte/opportunità commerciali. Ad esempio il peggior cassette fatto da Grundig è stato il 3 testine cf7500 (con meccanica non Grundig ma di derivazione giappo) che è imparagonabile se ascoltato a confronto con un cf7200.

Il periodo in cui TUTTO ciò che era prodotto era full CCI è stato il triennio 77/79, nei periodi successivi (saltando l’80-82) fino all’84 ci sono stati eccellenti prodotti affiancati a prodotti talvolta assolutamente mediocri (tipo i diffusori M402 con cui veniva proposto il trittico 1700...).

La realtà di un’azienda di tali dimensioni, che vede negli anni in calo il proprio fatturato, è piuttosto complessa e articolata...

 

Cordialmente

Massimo Ambrosini

Gent.mo Sig. Ambrosini,

le scrivo per chiederle se lei effettua la sostituzione

dei condensatori nelle box, in particolare mod.

450 già così stupende, ma incuriosito dall'ulteriore

miglioramento che ne avrebbero dopo una 

revisione.

Con l'occasione le porgo cordiali saluti.

Angelo xxxxx

 

Le sconsiglio vivamente qualunque sostituzione di condensatori e non solo nelle box Grundig ma in tutti i diffusori che di serie sono dotati di equilibrio timbrico...non c’è cosa peggiore che mettere un poliestere in luogo di un elettrolitico previsto da progetto: il suono si asciuga e diventa immediatamente aggressivo. Poi per carità...essendoci chi ci guadagna da tali “recapping” vanno ovviamente molto di moda e si riesce a vendere il peggioramento come miglioramento...ma, come vede, non voglio essere tra costoro.

Al limite se vuole accertarsi che il tempo non abbia variato il valore degli stessi (e sui ROE montati sulle Grundig non mi è ancora capitato che si abbiano variazioni superiori al 10 %...salvo non siano rotti ed in tal caso si sentirebbe chiaramente all’ascolto) può, una volta smontati, farli verificare da qualche tecnico dotato di ponte RLC. Se il valore va bene rimonti sempre quelli.

 

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 

Giustissimo!!

A volte ci si fa prendere da capricci insensati pena 

perdita della magia che al momento sto apprezzando

con delle meravigliose 450.

A questo punto non posso che chiederle un ulteriore

consiglio.

Fermo restando che sono ottime nel mio ambiente piccolo

circa 14 mq, con una gamma media e alta veramente magiche

e con dei bassi precisi, secondo lei lasciando invariate le

medie e alte, con la 500 o 550 riuscirei ad avere quel pizzico

di bassi in più?

L'uso è rigorosamente su stand.

Ringraziandola moltissimo le auguro una buona giornata.

Angelo xxxxx

 

Su stand meglio ancora le 550.

Saluti

Massimo

 

Buonasera Sig. Massimo.

La disturbo ancora per chiederle 

se le 550 prima serie hanno il frontale

con la griglietta.

Siccome ne ho trovate una coppia a cui

devo dare una risposta e che però hanno

una copertura anteriore tipo stoffa

(le può vedere su ebay annunci a Torino),

vorrei essere sicuro di ciò che acquisto.

Grazie anticipatamente.

Un saluto.

Angelo

 

Quelle con la stoffa sono le 550b che non sono qualitativamente come le 550 prima serie che hanno invece le griglie.

Cordialmente

Massimo

 

Buonasera,
sto leggendo con molto interesse il suo articolo.
Anche un altro appassionato che realizza diffusori ama la tecnologia tedesca ma lui si è fissato con i prodotti Braun (giradischi soprattutto)
http://www.carnicadiffusoriacustici.it.

La cosa mi interessa particolarmente le Grundig 1500a come le valuta?
Io ho un integrato valvolare da 8W per canale in classe A con le 300B, secondo lei con le 1500a sarebbe un'accoppiata interessante?
Ha dei modelli di riferimento magari a due vie da suggerire?
Che amplificatori predilige (il sv1000 come lo valuta?)?
Porti pazienza dell'intrusione

Massimo
 

Gentile Massimo

La risposta alle sue domande è già presente sul mio sito che le consiglio di leggere con attenzione e quanto più possibile senza “salti” :-)

http://motxam.interfree.it/

 

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 

Ciao Massimo sono Raffaele da Ferrara...il V30 va molto bene è diventato più arioso e le 850 ne giovano sicuramente, ora sto contrattando un lettore cd 7550 così ho completato la catena CCI e metto in cantina il mio Micromega SOLO (ma non lo vendo), ho fatto ascoltare il mio impianto ad un amico che ascolta soltanto apparecchiature HI END e mi ha detto che il suono delle grundig 850ap è troppo colorato e spinto e ovviamente visto il costo dei prodotti grundig (60 euro per il V30 e 250 euro per le 850) non può e non deve suonare corretto, peccato che invece il suo impianto HI END (ampli integrato CEC lettore cd CEC e casse Allison FIVE con cavi Van de hul) è completamente tappato e chiuso senza nessun accenno di ariosità...ma questo non conta quando si spendono fior fior di quattrini!!! Ma ripeto va bene così se fosse il contrario le apparecchiature grundig avrebbero un costo “HI END” e la magia scomparirebbe tra modifiche e manomissioni di apparecchi che suonano bene anzi benissimo così!!

Cordiali saluti....a presto!

 

Già...siamo alle solite...la condizionalità dell’essere umano è sempre la stessa, la storia non insegna nulla...le pecore vanno sempre appresso al capobranco perché hanno il terrore di sentirsi sole, è la triste realtà ma soprattutto l’uomo contemporaneo vive grandemente la propria esistenza aggrappato (a causa delle sue paure) a futili “verità” che sono in questo caso “verità comode” (volutamente virgolettate ed in minuscolo).

E’ più facile sfondare un muro di gomma

Ciao

Massimo

 

Già quando gli ho illustrato l’impianto marchiati “GRUNDIG”.....mi ha risposto: ma non faceva TV e radioline?? ma vuoi mettere con i mostri sacri LUXMAN JBL Mchintosh, Quad....ecc ecc. non si possono paragonare!!

Questa è stata la sua valutazione ancor prima di ascoltare....ma tu ste cose le conosci molto meglio di me, ma la soddisfazione di noi appassionati del marchio non e di ascoltare le persone con i loro pregiudizi, ma di ascoltare musica vera con le orecchie e non con gli occhi delle riviste hi end, in più avere il portafoglio pieno di euri risparmiati alla faccia di quei “fenomeni” dal portafoglio generoso....ma vuoto....pensa che la maggior parte di queste persone ha a malapena una trentina di dischi e cd...sai perchè? perche loro non ascoltano musica ma ascoltano il cavo pitonato e l’impianto sempre più costoso e non hanno più risorse per comprare dischi!!!!! Che TRISTEZZA!!!!

 

Gentile Dott. Ambrosini innanzitutto grazie per i suoi preziosi consigli.

Sono riuscito a sistemare il piatto dell’RPC 600. Le devo anche confidare che per provarlo, come primo disco ho ascoltato una vecchia raccolta di James Last ed automaticamente sono stato trasportato indietro nel tempo commuovendomi fin quasi alle lacrime.

Bando comunque ai sentimentalismi volevo ancora una volta disturbarla per un ultimo consiglio.

Vorrei cambiare la testina originale, parecchio consumata, ma onestamente non so proprio cosa comprare.

Non vorrrei spendere un capitale; trovare un qualcosa di onesto che possa andare bene.

Potrebbe, se la cosa non Le ruba molto tempo, indicarmi qualche modello?

Nel ringraziarla anticipatamente le preannuncio che sarebbe mia intenzione girare un piccolo filmato dimostrativo da inserire su Youtube.

Appena pronto Le comunicherò il link.

Grazie ancora di tutto.

 

Roberto xxxxxx

 

Non cambi la testina (è eccellente quella che c’è e non ne trova oggi di musicalmente equivalenti) ma solo eventualmente lo stilo (cercandone in asta ebay uno originale shure) e solo se è effettivamente consumato (vedi eccessivo rumore di fondo o distorsione) altrimenti lo lasci com’è.

Saluti

Massimo Ambrosini

Ps: non sono dottore...

Ho una mia concezione particolare, e cioè che si è Dottori indipendentemente dal titolo di studio.
L'esperienza, la disponibilità, l'umiltà e la competenza valgono più di qualsiasi corso universitario.

Grazie ancora di tutto.

Beh...in tal caso la ringrazio per la stima :-)

Saluti

Massimo

 

Buongiorno
e di nuovo grazie per questa nuova devastante emozione di ascolto grundig.... Mi chiedevo se dei tanti che hanno lavorato dei tecnici grundig, non si possa contattare qualcuno che ci possa dire ancora di più in merito allo cci...
Potrebbe essere interessante e utile a capire e forse, nonontante la tua conoscenza in merito scoprire tecnica e curiosità in modo da ampliare le scelte di messa a punto.
Non credo siano tutti morti...
Un saluto al popolo grundig!!!!
Riccardo

Gentile Riccardo
...e tu credi che non ci abbiamo provato? E in più occasioni anche...ma non abbiamo ancora trovato le persone giuste purtroppo...

Cordialmente
Massimo Ambrosini

Gent.le Dott. Ambrosini, le scrivo a distanza di qualche anno.
La prima volta fu in merito ad un ricevitore R45 acquistato in Germania che grazie ai suoi consigni riuscii a far riparare ed ancora oggi mi regala emozioni d'altri tempi.
Sono un 51enne che da ragazzino sbavava letteralmente sui cataloghi grundig osservando i cosidetti compattoni che mi parevano delle astronavi. Per motivi finanziari non mi fu mai possibile entrarne in possesso ma qualche giorno addietro sono riuscito ad aggiudicarmi su Internet un Rpc 600 in condizioni estetiche eccellenti. Non un graffio o ammaccatura, led tutti funzionanti, sezione amplificatrice ancora in ottimo stato.
Però ho un problema che nessun riparatore della zona sa o vuole affrontare. Il piatto DUAL non funziona, o meglio appena accendo il compatto si accende anche la luce stroboscopica ed il motorino della trazione cinghia inizia a girare.
Mi sono accorto che la cinghia è scollegata dal pesante piatto di metallo, ma non so assolutamente come fare per estrarlo e ricollegarla. Forse devo smontare tutto il blocco piatto?
Una cosa che mi preoccupa parecchio è che nonostante tenti di spegnere il piatto questo continua a girare. Mi spiego meglio; nonostante sposti la levetta di avviamento su stop, la luce stroboscopica si spegne insieme al motorino ma solo finchè la leva è tenuta in trazione verso lo stop. Non appena la lascio il tutto riparte.
Secondo lei è grave? Potrei essere in grado di riparare il difetto una volta riuscito a smontare il piatto? Anche perchè il compatto pesa tantissimo e mi sarebbe difficoltoso portarlo da qualche parte.
La ringrazio per l'attenzione e Le rinnovo i complimenti per la competenza e la tenacia nel difendere le proprie tesi nei confronti di coloro che per partito preso denigrano (compresi i riparatori ai quali mi sono rivolto) il fenomeno Grundig.

--
Roberto xxxxxxx

Gentile Roberto

Mi scuso per la risposta tardiva ma torno oggi dalle ferie.

Per togliere il piatto l’operazione è piuttosto semplice:

1)       togliere il tappetino

2)       disporre una delle due aperture del piatto verso la parte anteriore del giradischi

3)       attraverso tale apertura si intravede una levetta di blocco che va tirata verso la parte anteriore del giradischi e a quel punto è sufficiente sollevare il piatto.

 

Cordiali saluti

Massimo Ambrosini

 

mi ritrovo ad aver acquistato delle grundig tl100 box. Aveve dei dati per queste ? ho letto un vostro articolo in merito ma non vengono considerate, anche se il progetto mi sembra simile a quelle della serie SL1000, la tl 100 e' a 2 vie....grazie anticipatamente.

Danilo

 

Le tl100 sono box pure molto validi per installazione a scaffale.

Saluti

Massimo Ambrosini

 

Ciao Massimo

Ho alcune domande da farti:

    AKtiv20
... avevo  rinunciato a farmi costruire gli stands in acciaio e arriveranno a giorni i tuoi stands preferiti, ... quelli a tromba delle bose 901 alti 45 cm.

  • i 40/45 cm dalla parete di fondo si intendono dal frontale o dal fondo del diffusore?

 

Dal frontale ma solo se dietro alle casse hai qualcosa di assorbente e se il punto di ascolto è distante dalla parete alle tue spalle...

  • il disco d'appoggio degli stativi non dovrebbe toccare la griglia ma può sbordare dietro il diffusore vero?

 

Deve sbordare dietro in modo che tu possa mettervi lo stucco (da sopra sulla parte sporgente)

...........ancora i miei COMPLIMENTI PER IL TUO GENIALE LAVORO ............

... con umana gratitudine

Fabrizio xxxxxx

Grazie!

Ciao
Massimo

Ciao Massimo vale la pena secondo te utilizzare gli stand originali per 850 rispetto a quelli che ho io con palline di stucco?
L'utente The Sound vuole scambiare una coppia di stand BF2 con altro materiale.....
Sono veramente migliorativi? Anche su questi va fatta la modifica con i pallini di stucco nero?
I buchi che verranno fatti per fissare le 850 agli stand compromettono il suono nel caso di ricollolazione su stand non originale?
Con gli originali la cassa risultera più vicina a terra, potrebbe creare problemi con i bassi?
Grazie
ciao
Luigi


Non forerei mai le 850a Luigi...e con i bf2 non hai alternativa alla foratura (altrimenti la cassa non sta su).
Fossi in te eviterei...
Ciao
Massimo

 

Scusa Massimo per l'insistenza ma secondo te il fatto che questo utente non sia ancora riuscito a disfarsene dipende da quello che hai detto tu circa la foratura?

Tu sai per esperienza se le 850 a su stand BF2 rendono molto di più rispetto a uno non originale?

Io per il momento mi trovo molto bene con le palline di stucco ma non ho mai provato gli originali?

La foratura quindi compromette in qualche modo la progettazione cci?

grazie

Luigi

 

Se proprio vuoi provare gli originali trova i BF1 che sono alti 36cm e sono simili ai piedistalli delle bose901.
Lascia perdere i bf2...

Ciao

Massimo

Ciao Massimo

Volevo ringraziarti per l'ospitalità e per l'ascolto veramente di livello stratosferico, sei un grande anche se incompreso, fregatene e vai avanti per la tua strada !

Tornando a casa devo ammettere che avevi ragione, non ho quel coinvolgimento che hai a casa tua e se penso che ho speso almeno venti volte tanto il costo del tuo impianto mi girano i coglioni!

Quando puoi passare a trovarmi con la tua amplificazione e un lettore modificato? Per il momento vorrei provare quella rimanendo ferme le mie Avatar poi vedremo.

Un saluto

Giorgio xxxxxx

 

Grazie a te Giorgio, è stato un piacere conoscerti, non è da tutti ammettere differenze quando si sono spese svariate decina di migliaia di euro e questa onestà parla in tuo favore. Per provare un ampli (immagino pre+finale data la tua attuale composizione) ti contatto per accordi appena finisco il prossimo esemplare di MA50 (un mesetto circa).

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 

Buongiorno Sig. Ambrosini mi permetto di disturbarla di nuovo già mi aveva aiutato con un grundig ma100 (finale) . Ho da poco acquistato dopo aver letto molte cose e consigli da lei dati prima un v7000 e poi un R35 e devo dire che sono rimasto entusiasmato della qualità dei prodotti. Entrambi acquistati in Germania (oramai diventato l'unico mercato accessibile) il V7000 era come nuovo l'R35 un po graffiato e vissuto soprattutto con molta di polvere all'interno ma funzionante. Volevo ripulire entrambe all'interno con dello spray per i contatti in quanto rumorosi il v7000 è stato facilissimo (ora sembra appena uscito dalla fabbrica) per l'R35 l'apertura ad occhio mi è sembrata un po complicata almeno all'apparenza ho tolto le 4 viti sul fondo che tengono il coperchio al fondo (innanzitutto ho notato che solo una di queste 4 viti ha una rondella in plastica che la incapsula come servisse ad evitare il contatto tra i due elementi le tre restanti invece erano senza forse qualcuno l'ha aperto e le ha perse? ) poi ho allentato le tre viti posteriori che reggono una staffa che blocca il coperchio ma ho notato che il coperchio è ancora bloccato anteriormente (infatti con la pila ho notato delle viti ) (poi ho scoperto che dietro c'è scritto di togliere il pannello dei pulsanti ) come si togliere il pannello basta togliere i comandi del volume e toni e poi fare leva ? ci sono altre viti da togliere ? Le tre viti inferiori che non hanno più la rondellina in plastica mi conviene isolarle ricostruendoci una rondellina ? (sono molto abile nel fai da te) .

Forse per lei questa mia domanda è una gran seccatura ma sicuramente mi è d'aiuto. Se mi da qualche dritta le sarei Grato.
Se ritiene che sono uno scocciatore (mi rendo conto che le manderanno mail a valanga di tutti i tipi) può anche dirmelo non mi offendo.
La ringrazio per la sua pazienza ( lei parla di approcciarsi alle cose per esperienza togliendosi di dosso i pregiudizi questa cosa mi ha molto molto colpito in quanto ora funziona l'esatto contrario il potere detta le regole e non le puoi uscire dai canoni non puoi usare quello che è il normalissimo metodo dell'esperienza che ti fa essere libero ) .

La ringrazio
Francesco xxxxx

Gentile Francesco
Le viti da smontare sono le 4 grosse viti sul fondo che non hanno rondelle di plastica (ma delle grover metalliche) al contrario di due (delle 4) vitine che tengono il fondo al coperchio che hanno rondelle in plastica ma che NON andavano smontate. Una volta tolte le manopole (e allentata la staffa posteriore cosa che hai già fatto) si sfila dalla parte anteriore tutto il “tunnel” metallico,
Se hai dubbi puoi rivolgerti sul forum per queste problematiche.

Cordialmente
Massimo Ambrosini

 

Salve
Mi chiamo xxxxxx Giacomo e sono un suo attento lettore che comincia ad affacciarsi sul mondo Dell Hi-fi Non mi attendo che mi risponda ma ci provo..mi occorre un amplificatore e esteticamente sono attratto dai valvolari cinesi visto l'economia!!!
Ma da stracontento possessore di un kenwood mos-fet di 25 anni fa e leggendo le sue pagine non sono piu tanto convinto dei valvolari se pur esteticamente piu accattivanti .
Per questioni di spazio non posso usare il mio mosfet troppo alto e devo lasciarlo in salotto ,secondo lei sti cinesi valvolari come suonano?è solo una moda ?oppure è sempre meglio un transistor.
Non sono un pressapochista anche se da questa mail potrebbe sembrare .
La ringrazio anticipatamente.
 

Giacomo xxxxxx

 

Gentile Giacomo
Non si può fare di tutte le erbe un fascio...le consiglio la lettura attenta del mio sito...le mie esperienze le ho riportate li.
Saluti
Massimo Ambrosini

salve è possibile pilotare delle tannoy 1966 hpd 12"

con un grundig v7000

a presto

Marco

 

Certo se il salone non è molto grande

Saluti

Massimo

 

salve e grazie,

attualmente ho un dac lector un cd philips e due finali mono siemens klangfilm anni 50

quali differenze potrei ottenere?

ha un v7000 in vendita?

a presto

Marco

 

Le farà sentire pregi e difetti della sua sorgente. Non vendo ampli Grundig mi spiace.

Saluti

Massimo

 

Ciao Massimo,
tempo fa ti avevo chiesto consulenza su un tweeter delle box850a pro. Ho fatto la prova incrociata come mi avevi suggerito e il difetto ha seguito il tweeter, pertanto da escludersi problema di crossover.Nell'operazio e pero' nonostante avessi prestato massima cura a come erano collegati, uno deiu due (in origi e quello perfettamente funzionante) ha smesso di suonare completamente..I collegamenti in origine erano invertiti una rispetto all'altra. Io ho seguito i collegamenti del tweeter con i colori del cavo rosso-nero. Vuol dire che va seguito il collegamenti dal crossover?Mha..non capisco come mai non abbiano segnato il + e il - , che siano invertiti i colori di una rispetto all'altra?Mha, la mia preoccupazione e' come montare i nuovi tweeter se li trovassi?spero di non essere stato confusionario
Grazie
Mauro

Spero tu abbia un tester per verificare (senza dover smontare il crossover) quale è il negativo (normalmente il nero se non è stato invertito sul crossover...) dopodiché occorre tener presente che i tweeter (e solo quelli) vanno invertiti di fase (cioè il filo nero SE verifichi che è il negativo...) va collegato sul + del tweeter.
Per questo genere di problematiche hai comunque un forum a tua disposizione:
http://hifi.forumup.it/

Saluti
Massimo

Non avevo a disposizione il tester, ma non ho mai sentito di rotture degli speaker per inversione di polarità, pensavo si potessero avere dei movimenti asincroni di una membrana rispetto all'altra, ma che si bruci lo speaker per me sarebbe una novità. Ora non so se le 850 grundig abbiano rischi del genere invertendo le polarità, se cosi fosse si potrebbe essere bruciato il tweeter allora :( Ho dato un occhiata veloce al forum ma non entrano molto nello specifico.
Mha, il tutto è molto strano, forse la membrana potrebbe aver subito vibrazioni durante l'estrazione ed essersi danneggiata, piuttosto che dalla polarità..non so tu che dici?

Grazie
Mauro

>Non avevo a disposizione il tester, ma  non ho mai sentito di rotture degli speaker per >inversione di polarità  

Non ho detto questo infatti...

Il tweeter si è rotto (se è rotto...) a causa di eccessiva potenza...poi qualcuno lo ha smontato e ricollegato male al rimontaggio...

Saluti

Massimo

 

BUONDI' AMBROSETTI
SONO SILVIO xxxxxx DA VICENZA SCUSA IL DISTURBO MA DA QUELLO
CHE SI LEGGE IN RETE E DALLE TUE RECENSIONI NEL TUO BELLISSIMO E
COMPETENTE SITO
SEI LA PERSONA PIU' COMPETENTE ED APPASSIONATA IN MERITO DI
ELETTRONICHE GRUNDIG .

MIO FRATELLO MI HA PASSATO LE SUE GRUNDIG BOX 2500 A PROFESSIONAL
CHE PERO' TIENE UNO DEI 2 TWEETER CHE NON FUNZIONA . ( PER
FORTUNA UNO SOLO )

DOVREI PRIMA CONTROLLARE SE E' VERAMENTE ROTTO OPPURE SPERO CHE SIA QUALCHE INTERRUZIONE DI SEGNALE ( SECONDO LA TUA ESPERIENZA C'
E' QUALCHE REMOTA POSSIBILITA' DI RIPARARE O CONTROLLARE SE E'
PROPIO ROTTO ??????

TI CHIEDO COMUNQUE NELL' EVENTUALITA' DI DOVERLO SOSTITUIRE I
TWEETER DELLA SERIE A PROFESSIONAL ( 850a 1500a 2500a ) SONO
GLI STESSI ?????
IO TENGO GIA' LE BOX 1500 a PROFESSIONAL E DALLA MISURA DI INGOMBRO
ESTERNA SONO ESATTAMENTE UGUALI .

IN RETE AVREI GIA' TROVATO APPUNTO UNA COPPIA DI TWEETER MA DELLE
1500a E APPUNTO VORREI SAPERE SE SI PUO' MONTARE QUESTO
TWEETER
GENTILMENTE TI CHIEDO UN CONSIGLIO IN MERITO
PS SONO ISCRITTO ANCHE AL FORUM DI VIDEOHIFI E HO VISTO CHE CI
SEI ANCHE ìTU MA HO PREFERITO CONTATTARTI DI PERSONA SE TI
DISTURBA POSSIAMO SENTIRCI ATTRAVERSO IL FORUM COME MEGLIO CREDI
FAMMI SAPERE
BUONA GIORNATA
SILVIO xxxxxx - VICENZA -


Gentile Silvio
Mi chiamo Ambrosini non Ambrosetti...
I tweeter delle 2500a sono gli stessi delle 650prof-850a-1500a per cui puoi senz'altro sostituirli. Per altre occasioni, per quanto riguarda info su Grundig, fai riferimento in prima battuta al forum : http://hifi.forumup.it/


Cordialmente
Massimo Ambrosini

Ciao Massimo volevo chiederti se secondo te ha si può assicurare un impianto full cci caratterizzato dal fatto che sono prodotti di cui è difficilissimo determinare un valore per gli oggetti in sè e anche per le spese di riparazione dato che questi non possono essere riparati da un regolare centro di assistenza....
La mia paura è questa:
qui nelle nostre zone girano rumeni che vanno rubando cercando soprattutto oro o oggetti facilmente rivendibili e quindi credo che l'impianto e gli lp (anche le prime stampe) non sono certo tra le loro prefernze il problema e che se non trovano nulla di quello che cercano fanno un casino di danni dentro casa rovinando o distruggendo ciò che a loro non interessa e di sicuro credo che se venissero da me distruggerebbero l'impianto e dischi.

Non posso permettermi un buon allarme perchè troppo costoso ma al limite quelli economici wireless di cui però è dubbia la reale efficacia e allora ho pensato all'assicurazione ma temo che anche questa soluzione non sia praticabile per gli ovvi problemi di valutazione.....

Tu cosa pensi o cosa mi consigli?

ciao e grazie
Luigi


Caro Luigi
Posso risponderti che non ne ho assolutamente idea.
Non mi sono mai posto il problema anche perché non essendo apparecchi di marca non credo che a fronte di un furto te li porterebbero via. Anche per gli lp a mio avviso dormirei sonni tranquilli...troppo peso da spostare per qualcosa che si ritiene essere obsoleto.
Ciao
Massimo

Si, una goccia per ogni piolino.

E’ da molto che non andavo sul Forum: sbaglio o ora anche i V35 hanno bisogno di una revisione per suonare bene?

Quali ampli sono rimasti che, se non manomessi, non hanno bisogno di alcuna sistemazione?

 

http://hifi.forumup.it/viewtopic.php?t=649&postdays=0&postorder=asc&start=0&mforum=hifi

 

Quanto costa la modifica alle Aktiv 30?

 

xxxeuro

 

Non è molto rischioso spedirle?

 

Mi hai già spedito un paio di aktiv40 tempo fa...ricordi?

Se fai un super imballo non succede nulla.

Ciao

Massimo

 

Come al solito tante domande.

Lorenzo.

 

Ciao Massimo,

(parto subito con il tu se posso), ho conosciuto il tuo sito e i tuoi studi graz
ie ad un amico nonché cugino, che ha da poco acquistato un impianto full grundig
, grazie ai tuoi suggerimenti pubblicati.
Ho ascoltato l’impianto, con un V7000 le box2500a Pro, e devo dire che la prima
impressione è stata molto positiva, tanto che mi sto un po’ guardando intorno pe
r prendere una coppia di box850, più adatte al tipo di stanza dove le userei.
Sono ovviamente appassionato di alta fedeltà, ma vengo dal mondo della produzion
e audio, dove a farla da padrone durante missaggi e postproduzione, in campo dif
fusori sono principalmente monitor attivi
Attualmente stavo cercando una coppia di diffusori passivi (per uso anche in asc
olto musicale) che si prestassero ad un ottima e analitica risposta in fase di a
scolto, e che fossero nel contempo uno strumento di monitoring per le fasi di mi
x.
Da quel poco che ho sentito le box sembrano avere molta aria e gradevolezza per
ascolti musicali, ma anche linearità e correttezza per un possibile impiego come
monitor “da studio”
Lo scoglio però per me sarebbe il posizionamento, dato che attualmente utilizzo
delle b&w 685 posizionate su stand studio ben più alti delle specifiche consigl
iate per piedistallo, siamo intorno al metro, posizione desk in pratica.
Ora, volevo chiederti, sarebbe palese e deletereo il posizionamento su stand di
quel tipo , superando i 36 cm consigliati, o potrebbe essere trascurabile consid
erando che il punto di ascolto sarebbe comunque più in alto rispetto al classico
divanetto?

Grazie mille in anticipo

Mauro


Gentile Mauro
Difficile dare consigli senza conoscere le dimensioni della tua stanza e senza sapere a che distanza i diffusori andrebbero dalla parete posteriore e se debbano o meno avere un'installazione simil scaffale e cioè con un bordo sporgente dinanzi alla cassa. Per ultimo sarebbe utile conoscere a che distanza sono le orecchie dalla parete che hai alle tue spalle.
Cordialmente
Massimo Ambrosini
Ps: come avrai notato dalle lettere del mio sito rispondo normalmente alle mail a condizione di indicare nome e cognome.

 

Ciao Massimo,

pardon non avevo letto del nome e cognome, mi chiamo Mauro xxxx.

Le dimensioni sono di circa 7,5 x 4,5 con le due lunghe asimmetriche che vanno su una parete di circa 6 ,quindi non un quadrilatero regolare. La posizione dei diffusori e' a ridosso della parete lunga, distanziati di poco da essa circa 20 cm. punto d'ascolto che varia dai 2 ai 3 mt dal frontale, mentre a circa un metro da parete posteriore.

Spero di essere stato chiaro

A presto

Mauro

 

Gentile Mauro

Il problema è l'altezza del piedistallo...se hai necessità di alzare i diffusori a circa 1mt mi sentirei di consigliarti o le 850a o le 1500a ma entrambi attaccate (nel vero senso del termine) alla parete posteriore...difficile che altrimenti tu possa avere una gamma bassa soddisfacente.

Saluti
Massimo

 

Carissimo Massimo,

ho l'occasione di acquistare un Grundig CD7500 venduto come non funzionante. I problemi segnalati dal venditore sono che non funziona il tasto open/close e non legge i cd: il dischetto inizia a girare e non si ferma.
Volevo chiederti: sono reperibili eventuali pezzi di ricambio per la riparazione? C'è modo nel caso di avere approssimativamente un costo forfetario? Spero in una tua celere risposta perchè ho in sospeso la trattativa.

Grazie tante.

Colgo l'occasione per augurarti sinceri auguri per un nuovo anno ricco di successo.
Marco
 

Gentile Marco

Più che a me dovresti chiedere a Claudio Poponessi o a qualche altro tecnico di tua fiducia per un preventivo...io non eseguo riparazioni di lettori cd (ad eccezione dei miei...). Personalmente non comprerei però un lettore di quasi 30 anni fa consapevole del fatto che non legge i cd...potrebbe essere il laser guasto e allora sono dolori.

Tanti auguri anche a te!

Massimo

 

Caro Massimo,

come ormai sai, mi sono avvicinato al mondo Grundig a piccoli passi, per tanti motivi e soprattutto per scetticismo. Ho avuto la fortuna di acquistare una gran bella coppia di Box 2500ap e pensavo di aver raggiunto un record nel mio impianto. Solo dopo un po di giorni ho realizzato che la catena esprimeva una certa mancanza di corpo in basso e un'asprezza sulle alte che a volte mi disgustava. Così è stata la volta di un V7000. Corpo in basso presente e asprezza troncata in buona parte ma c'è ancora qualcosa da addolcire. Così non mi rimane che azzeccare il lettore cd. Qualche giorno fa ti chiedevo riguardo la possibilità di riparare un CD7500. In rete ho trovato informazioni scoraggianti per la mancanza di pezzi di ricambio e poi si tratta sempre di spendere almeno 200€ per un apparecchio delicato che ha in groppa 30 anni e non si sa quanto durerà. Ti chiedo. Ho un lettore Denon CDC 710 acquistato nuovo due anni fa con porta USB che mi permette di leggere anche i formati compressi. Secondo te modificare il mio lettore implementandolo del CCI permetterebbe di raggiungere il suono di un CD7500, uguagliandolo? Considera che non ne ho mai ascoltato uno e il CD7500 è solo un riferimento virtuale. Mi piacerebbe ascoltarne uno, magari se ritorni dalle mie parti stavolta non mi farò sfuggire l'occasione. Che costi e garanzie ci sono sull'implementazione?

A presto e grazie.

 

Un caro saluto.

 

Marco

 

Beh Marco...la modifica del tuo lettore nel caso sia fattibile (e per vederlo mi servirebbe una foto dell’interno) porta ad un risultato full CCI al pari dei lettori Grundig con la differenza determinata dalla differenza di risposta in frequenza tra i due lettori (nel caso di Denon, che si presuppone sia massimamente lineare, sono sfumature). Il costo, indipendentemente dal lettore scelto, è di xxxeuro. Oltre a ciò in caso di guasto grave (ad esempio all’ottica) del lettore, effettuo per una volta (ed una sola volta), lo spostamento gratuito della modifica stessa su altro lettore. Se vuoi ascoltare un lettore modificato rispetto ad un cd7500 sono sempre disponibile a casa mia.

Saluti

Massimo Ambrosini

 

Non ricordo più qual è il collegamento migliore con l’XV7500: dall’uscita 1 del pre entro all’ingresso 1 di una cassa, poi dall’uscita 2 di questa cassa parte l’altro cavo che va all’ingresso 1 dell’altra; sulla seconda cassa ho il tasto nero pigiato mentre sulla prima no.

 

Esatto, il tasto nero va pigiato o meno a seconda di quale canale si sceglie.

 

I cavi dovrebbero essere originali perché hanno un anello giallo con la scritta 377 e sono lunghissimi; però uno dei due ha gli spinotti DIN di metallo mentre l’altro li ha neri e sono un tutt’uno col cavo. Tu mi confermerai che quelli di metallo sono stati sostituiti?

 

No, sono pure loro originali se hanno la parte ove entra il cavo in gomma.

 

Mi è arrivato pure un cavo di circa un metro con un anello giallo con scritto 392 ed anche questo ha gli spinotti di metallo ma oltre ai cinque pin ne ha un sesto in posizione centrale: sai dirmi a che serve questo cavo?

 

Il sesto pin serve nel caso tu utilizzassi tale cavo tra T7500 e XV7500, in tal caso accendendo il sinto accenderesti automaticamente anche il pre, non ti consiglio però di utilizzarlo in quanto tale “servizio” peggiora il suono.

 

P.S.: ma le Aktiv 30 con la modifica suonerebbero identiche alle 1500ap o no?

 

No...altrimenti dove sarebbe il vantaggio? J

 

Auguroni di Buone Feste anche a te e famiglia!

 

Ciao

Massimo

 

Buon giorno Massimo, sono rimasto sorpreso del suo sito.....con piacere ho appreso che c'è gente come lei che si fida delle proprie orecchie (cervello) e non corre dietro alle solite riviste.....

Da ragazzo ricordo ero rimasto affascinato dal suono delle radio Grundig (satellite), in seguito sono emigrato in Germania e li ho avuto occasione di assaporare in toto il suono "tedesco" saba schaub lorenz, corting ecc.
tornato in Italia per il militare, ho in seguito iniziato a lavorare presso un azienda di proiettori cinematografici e ricordo quando dovemmo scegliere gli altoparlanti, con la Ciare si scelse di importare proprio i coni fatti di quella carta specifica tedesca per avere quella timbrica tipica.
Ora vedendo il suo sito provo un senso di nostalgia per quel suono e mi chedo se Lei non organizza mai degli ascolti dalle mie parti, abito nei pressi di Pinerolo in provincia di Torino.

Sono un tecnico in pensione, partito con la Radio Elettra nel 1964 da allora con soddisfazione ho sempre messo le mani (e la testa) in tutte le elettroniche che ho posseduto, commercialmente sono una frana cosi è rimasta una passione tra amici.

Non voglio annoiarla oltre la saluto con ammirazione Valter xxxxxxx

 

Gentile Valter

La ringrazio per l’apprezzamento, il fidarmi delle mie orecchie e il non seguire le riviste mi ha portato a non pochi problemi...l’italiano medio non tollera chi va troppo controcorrente...

Per quanto riguarda il meeting ne abbiamo già fatto uno dalle sue parti (http://motxam.interfree.it/1G-LTTorino.html ) non è detto che non possa capitare nuovamente...serve una persona del luogo che abbia lo spazio per ospitare a casa propria 10-15 persone e abbia la volontà per organizzarlo (avendo a propria disposizione il forum: http://hifi.forumup.it ), per il resto non ci sarebbero problemi di sorta.

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 

Caro Massimo e scusa se uso il termine caro non per esorcizzare il rapporto inesistente tra noi ma per ringraziarti di quanto fai per dire sempre una verità (perché assolutamente tale considero) scomoda a moltissimi, io da discreto e appassionato di elettronica e suono sto da anni cercando di costruire con le mie mani un preamplificatore a valvole partendo da un progetto esistente ma apportando alcune modifiche che mi permettano di ascoltare la mia musica senza fatica e non so se ci riuscirò.

Non molto tempo fa mi sono ammalato abbastanza gravemente di una forma tumorale chiamata mieloma multiplo che, colpisce il midollo spinale e non è curabile; l'impossibilità di lavorare alla mia professione e il tempo passato in casa cercando di curare il mio male mi ha parzialmente permesso di lavorare per poche ore al mio progetto e nel contempo è servito per non sentirmi un rifiuto di questa società e a tenere alto il mio umore.

Oggi sono ad un punto cruciale e sto cercando di eseguire alcuni test per verificare se almeno dal punto di vista strumentale il pre e lo stadio ingressi possano funzionare egregiamente ma poi, dovrò necessariamente incominciare a studiare la collocazione nello spazio del contenitore che ipotizzavo essere per 3 lati in metallo per poter organizzare tutti i posizionamenti delle componenti di controllo e la parte superiore ed inferiore e il frontale speravo di realizzarlo in un materiale naturale il più possibile inerte ai condizionamenti elettrici, quale per esempio il vetro.

Lo so i problemi non sono questi e altri ne sorgeranno ma, io di tempo ne ho e ho tanta voglia di fare qualcosa che mi restituisca quello che ho perso il piacere di ascoltare un suono vero piacevole e scevro da formalismi e stereotipi, credenze, convenzioni e inganni, per questo mi piacerebbe avere un piccolo scambio di opinioni e semmai avere la possibilità di farti ascoltare criticamente insieme a me il lavoro svolto.

Io non ho molto tempo, non sono impegnato ma la malattia limita le mie possibilità ma sinceramente vorrei andarmene avendo fatto qualcosa per me che per un ultima volta appagasse il mio e l'orecchio di chi vorrà ascoltare.

Non so se sono stato abbastanza chiaro perché di getto ho scritto questa mia ma, spero di averti trasmesso tutta la mia voglia di fare e la mia onestà intellettuale.

Da ultimo sia chiaro che accetterò di buon grado qualsiasi tua risposta e quindi sii il Massimo che ammiro onesto a costo di sembrare antipatico.

Fiorenzo xxxxxxxxx

Mi spiace molto per la tua malattia ma mi hai chiesto di non avere peli sulla lingua per cui...
Devi prima di tutto chiarire se ciò che vuoi è un suono appagante pienamente o se vuoi un suono su cui tu fai le veci di costruttore.

Nel primo caso ti consiglierei di acquistare un bel full CCI Grundig scegliendo opportunamente i diffusori per il tuo ambiente e col tempo rimasto assaporare le emozioni ed il relax che possono venire dall'ascolto della tua musica preferita (...quindi tralasciando la tensione che sempre deriva dai problemi di chi fa ricerca...e con la tua malattia fossi in te la tensione la eviterei come la peste...), nel secondo caso invece devi tener conto che è pressoché impossibile (fidati...ti parlo per esperienza personale di chi è da una trentina di anni che ci lavora...) che tu raggiunga il livello qualitativo dei Grundig, men che meno in tempi brevi, ma...se ciò da cui trai soddisfazione è comunque il lavorare sui tuoi apparecchi...beh in tal caso fai bene a proseguire sulla strada che stai percorrendo.
Un sincero augurio per le tue cure.
Ciao
Massimo

Se hai qualche dritta per cercare prodotti grundig o telefunken sempre CCI ti pregherei di aiutarmi.
Grazie ancora e piacere di averti conosciuto.

Fiorenzo


Puoi provare sia su ebay estendendo la ricerca anche alla Germania e sul mercatino del ns. forum.
Le elettroniche Telefunken non sono full CCI.

Ciao
Massimo
 

Buon giorno signor Massimo Ambrosini

Sono un felice possessore di questo impianto da diversi anni ormai:
Grundig Cd 7550
Grundig V20
GRUNDIG PS1010 con SHURE M75B + stilo N75GT2 DIFFUSORI GRUNDIG BOX 650 PROFESSIONAL

Il tutto grazie al suo sito e alla sua passione.
Mi ritengo ormai affezionato a questo tipo di suono ma vorrei cambiare amplificatore,migliorarlo utleriormente,magari passando ad un Lt ora che ho più possibilità in ambito di ambiente e che ormai sono ben assuefatto a tale naturalezza di suono proprio per poter testare con orecchio una ancor maggiore qualità.
Da sottolineare che non ho bisogno di potenza data la stanza comunque media/piccola,ma di maggior naturalezza.
Mi può gentilmente spiegare come potrei "affacciarmi" a questo tipo di cambio???
Intendo prove o non sò preventivi...insomma mi pongo nella maniera più aperta possibile.
Ovviamente accettando qualsiasi tipo di consiglio o criticità.

Distinti saluti
Matteo xxxxxxxxx
 

Gentile Matteo
Ti spiace se ci diamo del tu?
Per provare un LT si possono seguire due strade come puoi leggere in fondo alla LT story:
http://motxam.interfree.it/linear_transfer.html


Prima di tutto però (se non lo hai già fatto) verificherei se per la tua stanza la 650a sia la miglior soluzione o se, sempre rimanendo in Grundig, vi possa essere qualcosa che si adatta meglio. Se mi fornisci le dimensioni della tua stanza posso dirti la mia in tal senso.

Cordialmente
Massimo

 

Grazie mille per la celere risposta, diamoci pure del tu...
La stanza è sui 20 metriquadri, forse un po meno, e devo per forza di cose appoggiare i diffusori sulla libreria che sta nella parete più lunga a 60 cm da terra... Al tempo avevo fatto varie prove sia sulla posizione in cui suonassero meglio sia sulle casse, mi ricordo avevo provato del 350 della Grundig ma risultavano prive di frequenze basse e un po troppo taglienti... Con queste mi trovo molto bene, praticamente non agisco nell'equalizzazione (solo una piccolissima spintina sui bassi). Ho solo un problema, quando ascolto un lp devo sempre mettere il bilanciamento un po spostato sulla destra, la scena altrimenti non sarebbe centrata. Con cd è perfettamente centrato...
Ciao
Matteo

 

Se la scena non è centrata solo con il vinile potrebbe essere un problema della testina o della RIAA del v20...da verificare.

Se comunque non si hanno possibilità alternative all’installazione a scaffale, in una stanza di tali dimensioni sarebbero da provare anche le box 400 e 500. Nel caso tu voglia ascoltare un LT nel tuo ambiente posso eventualmente portarmele appresso.

Ciao

Massimo

 

Caro Massimo,

considerando l'impossibilità di venire la scora domenica a Bari, sabato mattina la fatalità ha voluto che avessi in prova una coppia di Box 2500ap di un amico/conoscente. Così come sono entrate nel salotto, così credo che non usciranno più da casa mia. Le notizie raccolte in rete grazie soprattutto al tuo lavoro e al tuo sito (per cui mi sento di cuore di ringraziarti) erano incoraggianti, ma finchè non ho avuto modo di ascoltare con le mie orecchie lo scetticismo c'era.

Stavo sempre a trovare il "pelo nell'uovo", qui manca il dettaglio, il basso è goffo e sposta la cassa di qua, sposta di là, così va meglio ma ora cambiamo i cavi, proviamo con le punte, ora mettiamo i gommini... Questi problemi sembrano essere andati in fumo a guadagno di una "pulizia", un dettaglio, una completezza a cui non avevo mai assistito prima. Un suono sublime che ti strega, ma probabilmente questo tu lo sai meglio di me! Ieri pomeriggio ho fatto un ascolto di tre ore di fila e non ti nascondo che la voglia era di continuare almeno per altrettanto tempo, e questo non mi succedeva da quando avevo 10 anni, quando mio padre acquistò un impianto Technics che alle mie orecchie adolescenziali suonava una bomba...

La strada mi sembrava irraggiungibile, visti i presupposti ("grazie" ai vari forum) che per avere un "grande" suono avrei dovuto sborsare cifre da vincite alla lotteria (un sogno). Di euro ne ho spesi 280, forse fortunato del fatto che il vecchio proprietario non si curava del tesoro che aveva tra le mani;  posso senz'altro affermare che il prezzo pagato è solo un frammento del valore che ora attribuisco a queste due casse. Sono in ottime condizioni estetiche, solo qualche lievissimo graffio che si nota se ci si avvicina a 20 centimetri; unico difetto, se così si può chiamare, mancano le due piccole targhette quadrate "Grundig" poste sul pannello frontale: per caso ne hai disponibilità?

Ora, vorrei chiederti due consigli.

1) Sul forum mi hanno già messo la pulce nell'orecchio, provare un amplificatore CCI. Quale con le Box 2500? Il v20, il v35, il v7000 o il v1700? Esteticamente mi piace molto il v7000 versione nera, anche per non fare nuovamente i conti con mia moglie... Qualitativamente quale sceglieresti, anche tenendo conto di possibili carenze di potenza (se ce ne sono)? Generalmente ascolto a volumi modesti o bassi, ma non vorrei perdermi il piacere di qualche occasione a volumi più alti, comuqnue senza arrivare a volumi da stadio. 

2) Devo costruire gli stand. Avresti qualche dritta? Un modello semplice tipo questo a due/tre gambe andrebbe bene? http://www.standaudioartigianali.com/prodotti_modello_5.html Consigli di riempire i tubi con della sabbia? Come si accoppia il diffusore sullo stand, vanno bene dei gommini smorzanti? In casa ho il parquet, vanno bene dei feltrini sotto gli stand?

Per il momento è tutto. Spero di non recarti disturbo e ancora grazie.

Un caro saluto. Marco

 

Gentile Marco

Mi scuso per la tardiva risposta ma la tua e-mail era finita accidentalmente tra i messaggi archiviati...

Purtroppo non ho disponibili targhette per le box Grundig. Per quanto riguarda la scelta dell’ampli se non ascolti a volumi elevatissimi e se non hai una stanza di dimensioni particolarmente ragguardevoli, non avrai particolari problemi con le 2500a con nessuno degli ampli che hai citato. Ti consiglio comunque di rivolgerti sul forum per sentire altre opinioni/esperienze in merito...magari dopo aver letto con attenzione il sito su cui troverai (anche se volutamente un po’ sparse) molte informazioni sul come ottenere il massimo da un sistema full CCI.

Cordialmente
Massimo Ambrosini

Ciao Massimo,

ascolto ora il 960 con grande piacere e veramente complimenti per il lavoro.

Avrei una domanda da porti: ho acquistato erroneamente le Box 550 versione professional – togliendo i rifasatori ai wf ed ai tw otterrei un suono uguale alla prima versione o è preferibile rivenderle?

Eventualmente dovesse servire, il tweeter è identico a quello delle 650p, 850ap e 1500ap?

Grazie sempre per la tua cortesia.

Lorenzo.

Ciao Lorenzo
Il tw delle 550 prof. È quello delle SL1000...molto diverso da quello delle “a prof” . Ti sconsiglio di togliere i rifasatori...puoi migliorare qualcosa bloccando la griglia con lo stucco nero.

Ciao
Massimo
 

Ciao Massimo,

ieri ti ho pensato fitto fitto ...
nello spledido contesto dell'Auditorium parco della musica di Roma,
il nostro Prof. architetto Francesco Bianchi ha portato tutti noi aspiranti "tecnici competenti (?) in acustica ambientale" ad ascoltare quello che ci veniva presentato come un impianto elettroacustico senza compromessi,
un impianto top presente negli studi discografici più importanti al mondo ...........
... insomma una cosa da 150000€ (i soli cavi di segnale ..... in condotto d'aria polarizzata da 3000€ al metro)

Inizia l'Evento,
tante chiacchiere, nemmeno un pezzo di classica

............ e quando il mostro comincia a suonare da vinile
Friday Night In San Francisco - Live (John McLaughlin, Al Di Meola, Paco De Lucia)
......
- chitarre ABNORMI occupavano invadenti un palco da stadio
;
- totalmente assenti le differenze timbriche fra i tre strumenti;
- nessuna caratterizzazione fra chitarristi diversissimi nella tecnica e nel suono;
- straeffetto stereofonico;
- trasparenza e libertà armonica zero!!!

- bassi invadenti, stralunghi e stragommosi;
- eufonia a gogo.

Tornando a casa, preso dalla curiosità, ho acceso il mio pezzente impiantino Grundig:
 V35 benedetto, SL1000 e AirPort
... ed ecco materializzarsi davanti a me tre chitarristi maledetti a maltrattare meravigliosamente i loro strumenti ben caratterizzati, dalle dimensioni realistiche e dalle risonanze tutte naturali.
Nell'esplosione di suoni (tuttaltro che eufonici) ecco riapparire tutti i colpi, gli strappi, i rumori che danno anima e vita a questo emozionante Live.
... La "glassa" era totalmente sparita,
persitente nell'aria, il risultato della sublime fatica di tre grandi chitarristi

Per avermi dato la possibilità di cogliere tutto questo,
volevo solo
............ ringraziarti

il link del (tragico) evento
http://www.audiogamma.it/eventi.php?codeven=25&page=1

a presto
Fabrizio

 

Grazie a te per avermi permesso di condividere la tua esperienza!
Ciao

Massimo

Buongiorno Massimo,

ieri mi sono imbattuto nel (mi permetto di darti del tu...) tuo sito e da allora è stato un gran bel leggere di notizie che rincuorano l'animo. Non posso che farti i miei più sinceri complimenti per la passione che dimostri in tutto ciò. Ho 35 anni e da quando ero bambino sono appassionato di musica e per forza di cose dell'hifi. Con il passare degli anni l'orecchio si è affinato e anche le pretese, ma non essendo tecnicamente ferrato ciò che posso fare è scrutare forum, capire cosa va e cosa non va nel mio impianto e cercare incessantemente di migliorarlo. Non voglio dilungarmi con inutili parole per cui vado al sodo. Nelle mie possibilità ho attualmente un impianto composto da un amplificatore Audio Analogue Crescendo, un lettore cd Denon 710, diffusori Indiana Line Musa 505 e buoni (spero) cavi di potenza e di segnale. Quanto prima acquistero e proverò quelli da te indicati, vista la spesa irrisoria, ma proverò anche gli altri consigli. Ora, i diffusori non sono aimè molto lineari ed hanno un picco sui 100hz che spesso si fa sentire a suon di "boom". L'idea iniziale era quella di sostituirli ma nell'universo di marchi non è facile trovare dei sostituti migliori a prezzi ragionevoli. Avrei pensato ad una coppia di Grundig Box 1500. Non li ho mai ascoltati di persona e so che acquistare a scatola chiusa non è una buona idea, ma so che se non dovessero piacermi potrei facilmente rivenderli ed inoltre la spesa non sarebbe importante. Avresti per caso qualche buona occasione da indicarmi per una coppia di colore nero? Io sono di Maglie, provincia di Lecce. Capita di incontrarsi da queste parti?

Grazie infinite e buon lavoro.

Marco

 

Gentile Marco

A breve (12-13 novembre) sarò a Foggia e poi a Bari...se per te non è troppo distante potrebbe essere un occasione per ascoltare qualche diffusore Grundig a casa di chi li ha già. Prima di indirizzarsi su uno specifico modello ti consiglio di scegliere in funzione della grandezza della tua stanza: le 1500a potrebbero andare bene a casa tua ma potrebbero essere più indicate le 850a o le 2500a...

Un ascolto con le tue orecchie (magari portandoti appresso la tua elettronica da porre a confronto) potrebbe venirti molto utile.

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 

Caro Massimo,

considerando l'impossibilità di venire la scora domenica a Bari, sabato mattina la fatalità ha voluto che avessi in prova una coppia di Box 2500ap di un amico/conoscente. Così come sono entrate nel salotto, così credo che non usciranno più da casa mia. Le notizie raccolte in rete grazie soprattutto al tuo lavoro e al tuo sito (per cui mi sento di cuore di ringraziarti) erano incoraggianti, ma finchè non ho avuto modo di ascoltare con le mie orecchie lo scetticismo c'era.

Stavo sempre a trovare il "pelo nell'uovo", qui manca il dettaglio, il basso è goffo e sposta la cassa di qua, sposta di là, così va meglio ma ora cambiamo i cavi, proviamo con le punte, ora mettiamo i gommini... Questi problemi sembrano essere andati in fumo a guadagno di una "pulizia", un dettaglio, una completezza a cui non avevo mai assistito prima. Un suono sublime che ti strega, ma probabilmente questo tu lo sai meglio di me! Ieri pomeriggio ho fatto un ascolto di tre ore di fila e non ti nascondo che la voglia era di continuare almeno per altrettanto tempo, e questo non mi succedeva da quando avevo 10 anni, quando mio padre acquistò un impianto Technics che alle mie orecchie adolescenziali suonava una bomba...

La strada mi sembrava irraggiungibile, visti i presupposti ("grazie" ai vari forum) che per avere un "grande" suono avrei dovuto sborsare cifre da vincite alla lotteria (un sogno). Di euro ne ho spesi 280, forse fortunato del fatto che il vecchio proprietario non si curava del tesoro che aveva tra le mani;  posso senz'altro affermare che il prezzo pagato è solo un frammento del valore che ora attribuisco a queste due casse. Sono in ottime condizioni estetiche, solo qualche lievissimo graffio che si nota se ci si avvicina a 20 centimetri; unico difetto, se così si può chiamare, mancano le due piccole targhette quadrate "Grundig" poste sul pannello frontale: per caso ne hai disponibilità?

Ora, vorrei chiederti due consigli.

1) Sul forum mi hanno già messo la pulce nell'orecchio, provare un amplificatore CCI. Quale con le Box 2500? Il v20, il v35, il v7000 o il v1700? Esteticamente mi piace molto il v7000 versione nera, anche per non fare nuovamente i conti con mia moglie... Qualitativamente quale sceglieresti, anche tenendo conto di possibili carenze di potenza (se ce ne sono)? Generalmente ascolto a volumi modesti o bassi, ma non vorrei perdermi il piacere di qualche occasione a volumi più alti, comuqnue senza arrivare a volumi da stadio.

2) Devo costruire gli stand. Avresti qualche dritta? Un modello semplice tipo questo a due/tre gambe andrebbe bene? http://www.standaudioartigianali.com/prodotti_modello_5.html Consigli di riempire i tubi con della sabbia? Come si accoppia il diffusore sullo stand, vanno bene dei gommini smorzanti? In casa ho il parquet, vanno bene dei feltrini sotto gli stand?

Per il momento è tutto. Spero di non recarti disturbo e ancora grazie.
Un caro saluto.

Marco
 

Gentile Marco

Mi scuso per la tardiva risposta ma la tua e-mail era finita accidentalmente tra i messaggi archiviati...

Purtroppo non ho disponibili targhette per le box Grundig. Per quanto riguarda la scelta dell’ampli se non ascolti a volumi elevatissimi e se non hai una stanza di dimensioni particolarmente ragguardevoli, non avrai particolari problemi con le 2500a con nessuno degli ampli che hai citato. Ti consiglio comunque di rivolgerti sul forum per sentire altre opinioni/esperienze in merito...magari dopo aver letto con attenzione il sito su cui troverai (anche se volutamente un po’ sparse) molte informazioni sul come ottenere il massimo da un sistema full CCI.

Cordialmente
Massimo Ambrosini

Ho letto con molta attenzione,il suo articolo e considerazioni,sull'alta fedeltà,e la sua passione nel descrivere la sua passione .

Anch'io sono d'accordo con lei che spendere,migliaia di euro in impianti come li definiscono oggi Esoterici (parola esatta,per definire il modo con cui imbambolano tante persone) nel mio piccolo ho sempre ascoltato la musica con le orecchie,il mio modesto impianto e cosi composto : circa 35500 L:P di tutti i generi e 4300 cd,sempre di tutti i generi,pre/ampli Leak stereo 30 con suo Varislope,ci Sony ex 707,e cassa acustiche,le introvabili  RCL the smoll.

Sono molto contento del mio impianto che mi segue da + di 25 anni ma leggendo il suo articolo e conoscendo Grundig per altre apparecchiature,sono molto curioso,ed avendo realizzato una saletta mi piacerebbe collocarci un impianto cosi composto pre xv7500 e aktiv box 40lt,ma non so dove reperire il tutto vagando molto per internet ho trovato solo le aktiv 50 ma sono da pavimento e mi sembrano molto ingombranti,lei saprebbe darmi qualche consiglio dove trovarle ,lei eventualmente le avrebbe da vendere,la saluto e la ringrazio della sua attenzione  Maurizio Pxxxxxx

 

Gentile Maurizio
Complimenti per la sua collezione di LP!
Per quanto riguarda le aktiv occorre prima valutare quale modello si possa adattare meglio al suo ambiente di ascolto, se mi da le dimensioni del suo locale posso esserle di aiuto in tal senso.
Cordialmente
Massimo Ambrosini

 

Dunque per il momento la sala e molto grande ma siccome la casa (causa separazione ) é in vendita,sicuramente,andrò in un appartamento,speriamo di 50/60 m come usa adesso e non ho la più pallida idea,di come sarà la sala ? Su vari annunci avrei trovato un xv 7500 insieme a delle aktiv 30 con i suoi cavi originali,mi dicono che,gli è stata fatta solo la pulizia ,ma che è tutto originale,vendono anche delle 50 ma mi sembrano (almeno in foto ) enormi. Visto la passione e soprattutto la competenza,mi fiderei di + se per le apparecchiature,potessi (se lei ne ha )concludere con lei,per l'accoppiata con le 30 mi chiedono 600 euro andandole a prende ,vicino Cremona.

Nel salutarla e ringraziandola intanto per la sua gentilezza,e cortesia,(tra audiofili ci si aiuta sempre) la saluto in attesa di notizie  Maurizio

 

Potrei avere anch’io le aktiv 30 (tra l’altro in perfetto stato) ma le vendo solo modificate LT per cui il prezzo delle sole casse è già superiore a quanto le propongono in accoppiata all’xv7500. Sinceramente però se fossi in lei PRIMA cambierei casa e POI (senza fretta) sceglierei i diffusori: un paio di 30 inserite in una stanza di piccole dimensione determinano un esubero di basso assicurato...

Saluti

Massimo

 

Io penso che prevedendo,stando alle misure delle sale cucina che costruiscono oggi ( 25/30 mq ) e considerando un punto d'ascolto a 2/2,5 metri forse le 30 dovrebbero essere perfette,ho le 40,sarebbero + appropriate ?

Non essendo un grande esperto di circuiti e simili,ma un cultore della musica,nella mia vita musicale,40 anni ho provato molti impianti e molte casse e altre varie componenti,ma l'elettronica non é il mio forte,se non chiedo troppo mi potrebbe spiegare la differenza tra le casse in origine e modificati LT ma se fosse non dovrebbe essere modificato allo stesso modo il pre ?

Se non son indiscreto cosa chiede delle sue casse ?

Un saluto e buona giornata Maurizio

 

Per quanto riguarda la scelta tra aktiv 30 e 40 in una stanza di tale metratura potrebbero andare bene entrambi, tutto dipende dalla distanza della parete che ha alle sue spalle rispetto al punto di ascolto: se tale parete è a distanza superiore a 1mt dalle orecchie allora mi orienterei più sulle 40, viceversa per distanze inferiori.

Il pre XV7500 è già full CCI mentre le aktiv lo sono solo parzialmente da cui la modifica da me eseguita. Sono gli unici oggetti Grundig che modifico.

Le DSL (nel caso si riferisca a quelle per “sue casse”) costano xxxxeuro.

Cordialmente

Massimo Ambrosini

Egr. Sig. Ambrosini,

ho acquistato recentemente un R45 in ottimo stato che uso con grande soddisfazione, completo di antenna-banda alluminata e di un microfono che ancora non ho provato e che certamente venderò.

Ora sono in attesa di una coppia di 850 ap che ho scambiato sul forum con un paio di box 300 (ne possiedo un'altra coppia). Attualmente uso l'R45 con un paio di minibox320.

Ho chiesto ad Andrea Loberto come attaccare il mio giradischi non Grundig per via del filo di massa e così mi ha risposto: << ...... per la massa del giradischi basterebbe che l'attaccassi al telaio del receiver in una delle viti retrostanti,purchè stretta bene.Collegala solo se senti un ronzio altrimenti non è necessaria,anzi sarebbe meglio senza. >>

Ho fatto delle prove. Con filo di massa attaccato sento un ronzio solo con volume a 3/4, sia con giradischi accesso che spento. Il suono è ottimo.

Nell'ultimo messaggio mi ha consigliato di contattarla per sapere bene a quale vite agganciarlo. Io ho fatto così (vedi foto).

Di viti ne ho trovata solo una, in posizione centrale.

Ho notato inoltre, che la vite centrale non era ben stretta (l'R45 è passato per le mani di Claudio P.). Giusto cosi?

Approfitto anche per dirle che sono alla ricerca di foto di stand BF3 dalle quali capire se esiste una parte posteriore tipo stand per le FL10 (vedi foto) e se le 850ap hanno bisogno della stessa inclinazione delle 1500ap (quanti gradi?). Capirà bene che sono notizie importanti per una eventuale costruzione, visto che sono quasi introvabili. Se si tratta, invece, di un semplice parallepipedo di 13 x 26 con incavo sul lato anteriore , bé allora non c'è problema.

 

Grazie, Nicola Mxxxx

 

Gentile Nicola

Le viti vanno strette tutte sul receiver e per la massa può andar bene anche quella delle foto

Per i BF3, cioè i piedistalli bassi in plastica dedicati alle 850a, nessuno (che mi risulti) del forum ne ha mai visto una coppia dal vivo...si trovano invece i BF4 (dedicati alle 1500a). I BF3, a quanto sembra dalle foto a catalogo, dovrebbero essere leggermente più alti dei BF4 che sono 12cm di altezza sul retro e 13cm di altezza sulla parte anteriore. C’era una foto sulla documentazione ma non la trovo...

Consiglio l’impiego di tali piedistalli solo se non si ha la possibilità di porre una parete nelle vicinanze (35cm circa dal wf) o dietro la cassa o dietro al punto di ascolto...altrimenti meglio il classico stand da 36/40cm per le 850a.

Cordialmente
Massimo Ambrosini

 

Salve Massimo,
sto leggendo con curiosità il suo sito per la prima volta.Avendo una certa età ne ho lette tante e rispetto le impressioni di ascolto di ognuno.
Non trovando niente sul NF2 ,stimato da molti per impiego in catene HiFi,le chiedo se può gentilmente farmi avere il suo parere e che tipo di pre richieda.
Cordiali Saluti
Franco xxxxx

 

Gentile Franco
È sicuramente un ampli che non ha nulla da invidiare ai vari Leak Tl12.1 Radford MA25 o MC Intosh MC30...solamente che in Grundig sono riusciti a fare anche di meglio...
Saluti
Massimo

Salve Sig. Ambrosini

Complimenti innanzitutto per il suo sito, veramente fuori dal comune ed estremamente interessante!

Mi chiamo Corrado xxxxxx e sono un appassionato di vecchia data con i miei 55 anni sul groppone. Il mio impianto è attualmente composto da cd Nva , Audio Research Sp10 mkII, Leak TL12 point one Rogers Ls3/5a, la mia stanza di ascolto è piccola per cui con i TL12 ce la faccio a pilotare le Rogers. Utilizzo già da tempo i cavi che lei consiglia sul suo sito, ottimi!

La settimana scorsa ho acquistato ad un mercatino un Grunding v30 che volevo usare su un secondo impiantino che sto approntando in camera da letto e per curiosità l'ho collegato alle rogerine. Non credevo alle mie orecchie! Una scioltezza e spontaneità che non pensavo neppure fossero incise sul disco! Intendiamoci, non è che il mio impianto sfiguri ma è solo che questo scatolo suona come se non facesse alcuna fatica a suonare. A questo punto dal momento che ho potuto già avere conferma in più di un occasione della validità dei suoi consigli sarei curioso di ascoltare anche i suoi apparecchi, come possiamo fare? Mi direbbe anche i prezzi?

Grazie e a presto

Corrado xxxxxx

 

Gentile Corrado

Sono lieto che lei abbia apprezzato il mio sito ed i consigli in esso contenuti, per quanto riguarda la possibilità di ascolto degli LT sto ultimamente valutando se rendere permanente la pazza offerta che ho fatto qualche tempo fa sul mio forum: http://hifi.forumup.it/viewtopic.php?t=488&start=0&mforum=hifi

Ci si può accordare comunque in base a ciò che si vuol fare per un ascolto a domicilio.

Preamplificatore
Grundig XV7500: controllato CCI ed offerto con garanzia 5 anni: 500euro
Tutti gli LT sono offerti con garanzia a vita (...mia :-) ) .

Nel caso volesse contattarmi telefonicamente per un appuntamento il mio nr. è 3357691305

Cordialmente

Massimo

ps: Grundig va senza n :-)

Buon giorno.

Mi chiamo xxxxxx Gian Luca ed abito a Torino.

Ho una domanda da porle che e' la seguente :

sono costretto a posizionare dei grundig box 650 professional in posizione orizzontale dentro dei vani di un mobile ma non sono sicuro della posizione che deve assumere il woofer .

In pratica volevo sapere  se i rispettivi woofer,guardando le casse ,devono trovarsi nella parte interna o esterna .

Ringrazio e porgo distinti saluti.

 

Devono trovarsi dalla parte interna

Saluti

Massimo Ambrosini

Buongiorno,
ho la possibilità di acquistare una coppia casse acustiche Grundig Aktiv30 - Visto il suo sito, visto che consiglia la modifica LT per le migliori prestazioni, posso affidare a Lei (o a chi mi consiglia) l'esecuzione di questa modifica e quanto mi costerebbe?

Possiedo un receiver Grundig R35, con questo apparecchio si accoppiano bene le Aktiv30 o meglio altro?
Ambiente circa 16 mq molto smorzato (tappeto, parquet, biblioteca con libri senza vetri su 3 pareti, divano imbottito...)

Grazie
Alberto xxxxxx

 

Gentile Alberto

La modifica è mia proprietaria e costa xxxeuro. Può chiedere sul forum ( http://hifi.forumup.it/ ) le opinioni di chi l’ha ascoltata a confronto di quella di serie oppure leggere i commenti ad alcuni meeting Ravennati (in cui si effettua sempre il confronto tra aktiv di serie e aktiv mod. LT) : http://motxam.interfree.it/meetings.html

Ovviamente sono sempre disponibile per fare ascoltare la differenza a chi può recarsi presso la mia abitazione.

Per le aktiv le serve un preamplificatore tipo XV7500 o un preceiver tipo X55.

Saluti

Massimo Ambrosini

Buongiorno,
sono un musicofilo milanese di vecchia data, dalle prime AudioPro di Viganoni, sono chitarrista.

Vorrei farLe modificare CCI il mio Sigmatek xm400 -- che uso solo per audio:  anche in modo parziale o per quello che vale la pena farci: magari dopo vorrò far modificare il mio Mission PCM II, che uso su impianto Grundig con le Box 320: è possibile spedirglielo (il Sigmatek) dopo la metà di luglio -- quando lo uso meno?

Sul Forum http://hifi.forumer.it/   sono mvin (su questo mio email), ma non riesco più ad entrare né a farmi spedire la password, mi da :
Spiacenti, ma la tua password non può essere recuperata perchè il tuo account è al momento inattivo. Per favore contatta l'amministratore del forum per ulteriori informazioni
Cosa significa? ho fatto trascorrere troppo tempo dall'ultimo messaggio (che era sul Forum vecchio)?

Grazie
M. xxxxx

Gentile M. (M. sta per Mauro?)

Il forum “forumer” è stato abbandonato da inizio anno...c’è un messaggio piuttosto esplicito che cita: ci siamo trasferiti su http://hifi.forumup.it/

Per accedere a questo nuovo forum occorre quindi reiscriversi.

Per quanto riguarda la modifica CCI non eseguo modifiche parziali ma solo totali, vedi anche punto 4 del seguente link:

http://hifi.forumup.it/viewtopic.php?t=10&mforum=hifi

 

Cordialmente

Massimo Ambrosini

Scusami per il ritardo, sono stato tutta settimana scorsa in Germania.

 

Allora, la stanza e profonda 4.30m, alta 2.30m e larga 5.50m / 7.30m

(c e un angolo cottura). Il punto di ascolto e nella parte in cui e

larga 5.50m.

 

Punto di ascolto e movibile a piacimento (e divano leggero, alto sui

40cm) e similarmente posso posozionare casse a piacimento (stand che

devo ancora prendere permettendo :P).

Buona serata!

 

Stefano

Se metti il punto di ascolto a ridosso del muro posteriore (distanza muro-orecchio di circa 30-35cm) e le casse in vicinanza alle pareti (vedi metodo) il piedistallo va alto 36cm, se invece hai sia il punto di ascolto che la parete dietro le casse a distanza maggiore allora devi mettere il piedistallo basso (12cm) inclinato tipo bf4.

Ciao

Massimo

Ciao, avrei una domanda che penso tu mi risolverai in breve, non saprei a chi chiedere. 

 

Sto per acquistare un sintetizzatore radio da associare al Grundig SV160, solo che questi ha solo due ingressi uno occupato dall'LP e uno dal lettore CD... come faccio a collegare anche il sintonizzatore? Ho pensato a raddoppiare un ingresso DIN-5 poli con un adattartore a Y per darti l'idea, ecco esiste in commericio qualcosa del genere o è tecnicamente fattibile? Perchè ora passo dall'LP al CD con due tasti sull'ampli, si chiamano pu/m e pu/c, la mia idea era di mettere su pu/c sia CD che radio, accendendo l'uno o l'altra. 

Grazie se mi sai dare qualche consiglio in merito. 

 

Grazie Marco

 

Dovresti avere anche un ingresso “monitor” uno “tuner” e uno “reserve”...se puoi inviami in e-mail una foto del frontale dell’ampli.

Saluti

Massimo

Ciao Massimo,

 

Vorrei chiederti inoltre come devo usare la plastica dei CD sotto le DSL: spezzo la custodia ( quella superiore trasparente ) e uso i frammenti sotto le casse oppure devo inserire le intere custodie così come sono sotto di esse?

 

Fai quattro quadratini di 2x2 cm (ma non è una misura critica per cui come ti vengono va bene) e li incolli con l’attack sotto le casse...meglio andrebbero se non incollati però.

 

Chiudo ringraziandoti e facendoti i miei complimenti per le DSL, mi sono commosso dalla gioia  ascoltando pezzi di musica ben conosciuti con una un grado di realismo e piacevolezza mai udita prima e dire che avevo già tutto il meglio dei Grundig! Comunque, detto tra noi, bari un po’ quando sul tuo sito dai il massimo alle Aktiv 40. Se anche effettivamente fossero un pelino migliori nella resa timbrica e nella dinamica il modo complessivo di restituire la musica delle DSL è a mio parere di un altro pianeta! ( anche se il confronto l’ho fatto con le Aktiv20)

Ciao

Gugllielmo


Grazie Guglielmo! :-)

Ciao

Massimo

MASSIMO MI POTRESTI FARE UNA COPIA DEL MASTER DEL CD CCI LIVE AT AFA, VORREI TANTO UNA COPIA IL PIù POSSIBILE VICINO AL MASTER DA TE REALIZZATO....

LO STO ASCOLTANDO IN MACCHINA E A PARTE L'INCREDIBILE PERFORMANCE ARTISTICA IL SUONO E' FLUIDISSIMO PER NATURALEZZA MA IL MIO OVVIAMENTE NON PUO' COMPETERE CON IL MASTER.....

 

Nessun problema, te lo do quando passi a prendere gli apparecchi. Grazie per l'apprezzamento.

Ciao

Massimo

 

ciao, grazie non mi resta altro che augurarti buon lavoro..

 

Luigi

Egr. Sig Ambrosini,

Sono entrato in contatto con il mondo motxam/Grundig da circa 6 mesi e, incuriosito e invogliato dall'opportunità di poter costruire una catena ben suonante con un investimento "umano", ho cominciato ad acquistare qualche apparecchio.
Attualmente la mia catena principale é composta da V7000, CD 7550, casse 850 professional non "a". Ne sono soddisfatto anche se, viste le dimensioni dell'ambiente di ascolto (quasi 60 mq.) penso che dovrei pensare ad un upgrade delle casse.
Ho poi un V 7200 e un altro CD 7550 che uso in ufficio con le 450 prima serie e con le FL 10 (queste ultime acquistate perché mi piacciono molto esteticamente, dal punto di vista sonico sono discrete).

Terminata la premessa veniamo al dunque: in pieno furore da shopping (fortunatamente esauritosi) ho acquistato anche un pre xv 7500 e un paio di Monolith 50.
Il pre é stata la classica fregatura da ebay Germania. Venduto come operativo al 1005 non funziona assolutamente e non riesco a far uscire alcun suono pur avendolo accoppiato con due finali che avevo in casa (un NAD 2200 e uno Yamaha M4). Delle due Monolith, pagate peraltro pochissimo, una é efficiente e l'altra ha problemi all'amplificatore (dichiarati dal venditore).

Vorrei sapere se sia possibile inviarle il pre per una revisione e sapere cosa ne pensa di affiancare allo stesso una coppia di Philips MFB 567. In alternativa, sapendo che le Monolith non sono particolarmente apprezzabili e probabilmente le venderò così come sono, quali attive Grundig posso scegliere per il mio ambiente di ascolto (60 mq)?

Ringraziandola anticipatamente per l'attenzione, e in attesa di un suo riscontro, la saluto cordialmente.

Marco xxxxx

Gentile Marco
Può inviarmi il pre che riparerò solo a completamento della revisione full CCI (quindi il costo sarà di 70euro + riparazione), per quanto riguarda l'abbinamento se l'intenzione è avere un risultato discreto lo si può abbinare anche alle MFB, discorso diverso se invece vuole ottenere il meglio dalla sua stanza nel qual caso, se vuole mantenere le aktiv di serie, le consiglierei più la soluzione passiva (vedi http://motxam.interfree.it/preferiti.html ) discorso ancora diverso se vuole prendere in considerazione la possibilità di farle modificare (nel qual caso prima di tutto le consiglierei una prova a confronto con una coppia di serie). Per 60mq l'unico modello adatto è la aktiv40 (versione attiva delle 2500a).
Cordialmente
Massimo Ambrosini

 

Ciao Massimo,

sono riuscito a fare qualche misura che, seppur fatta in modo molto veloce, ha confermato le tue rilevazioni.
Per il momento non guardare al decimo di db, la strumentazione in mio possesso non è cosi rigorosa e d'altronde ho allestito la misura sulla mia scrivania, comunque, per quello che ci interessa si vede il calo consistente alle alte frequenze.
Anche come valore mi trovo con i tuoi risultati (circa -2db a 20Khz), si conferma pertanto che il vecchio modello non ha di questi problemi.
Ti allego le immagini delle curve elaborate da RMAA.
Conto di fare qualche altra misura di conferma appena ne avrò il tempo (...e purtroppo non durante il weekend in quanto sarò completamente impegnato a fare il muratore :-) ).
Se, come è prevedibile, si confermeranno questi risultati, fammi sapere se vuoi ancora procedere nello "smembramento".

Ciao
Marzio

Porcaccia!

Non sarebbe male inviare il grafico direttamente alla apple lamentandosi del peggioramento....

Occorre trovare una soluzione...

Ciao

Massimo

 

 

Ciao Max,innanzitutto mi fà piacere che tu abbia ritrovato in un certo qual

modo la serenità sul forum,poi volevo porti un paio di domande.

E' una domanda che mi faccio da un pò di tempo!

Sappiamo che la nostra corrente alternata misura 220 volt 50 Hz, nel caso

extraeuropeo,dove è presente la 110v 60 hz,l'implementazione CCI è simile o

cambierebbero dei particolari?

Non voglio sapere quali ma solo se cambia la situazione.

 

No, non cambia

 

Come hai notato stiamo discutendo su alcune caratteristiche del V7000 ma mi

sento di chiederti un consiglio.

E' giusto che si discuta sulle varie differenze "visibili"  esterne ma in un

certo senso mi sembra di tradirti,magari mi sbaglio,ma non vorrei mai che serva

solo per far copiare GRATIS i tuoi segreti a chi non vuole spendere per un

controllo effettuato da te.

Cosa ne pensi?

 

Mah Andrea...ho aperto quel forum per lasciare libertà di discussione per cui va bene così.

Ciao

Massimo

 

Ciao

Andrea xxxxxx

 

Ciao Massimo,
questa volta ho bisogno di un tuo consiglio sui cavi, quelli di potenza in particolare.
Nel soggiorno la posizione delle casse è costretta a cavallo di una porta, cassa sinistra a sinistra della porta (vista dal divano), cassa destra a destra. Il mobile con le elettroniche è a sinistra.
Con questa disposizione, il cavo della cassa sinistra è corto e non presenta particolari problemi mentre quello della destra passa in un corrugato murato che "circunnaviga" la porta (ovviamente nel corrugato c'è solo questo cavo).
Al momento c'è ancora il vecchio cavo Supra Rondo 2,5x4 (preso all'epoca per il biwiring! :-) ma i Grundig mi hanno impietosamente mostrato quale collo di bottiglia sia... approfittando del fatto che quest'estate dovrei tinteggiare vorrei cambiare il suddetto cavo (se ci riesco!...devo sfilarlo dal corrugato e rinfilare il pilota...).
Ci vorranno almeno una 10ina di mt per cui sono esclusi i cavi grundig originali... ho visto sul tuo sito che l'ultimo consiglio riguarda gli Hama 30728, sono ancora validi? anche nella mia situazione?
Se si, li prenderei su web (qui da me non so proprio dove trovarli), sono questi?
http://www.amazon.it/Hama-00030728-cavo-altoparlanti-10/dp/B00005UP69

Grazie.

PS.
Cerchi ancora lo schema della airport?... se si, potrei trovare il modo di "ripagare" la consulenza :-D
Marzio

Beh Marzio...per una decina di metri di cavo direi di scegliere l'hama da 2,5mm anziché quello da 0,75mm (che invece sarebbe preferibile per piccoli "tragitti" o se vuoi fare una volpata puoi mettere il 2,5mm sul lato lungo e lo 0,75mm sul lato corto...ma non lo dire in giro.
Per l'airport certo che mi interessa...trovassi il modo di filtrarla un po' meno sull'alto...:-)

Ciao Massimo

dimenticavo, per quanto riguarda l'inclinazione , mi conviene farla fare nella c ostruzione ,oppure mettere in seguito dei spessori?!.
quanti gradi di inclinazione?

Nessuna inclinazione per le 850a sollevate da terra di 36cm.

per quanto riguarda i BF1,se non sbaglio ,li potrei usare se i diffusori li piaz
zo lontani dalla parete post. giusto? grazie

Nicola

No, li puoi utilizzare se poni i diffusori vicini alla parete posteriore oppure se hai il punto di ascolto vicino alla parete alle tue spalle.

Ciao

Massimo

Buongiorno sign Ambrosini
Avrei il piacere e la curiosità di sentire le sue creazioni e i prodotti Grundig, risiedo in provincia di Torino, nel caso venisse in zona e possibile un ascolto ?.
Distinti saluti
Aldo xxxxxx

Gentile Aldo
Nel caso mi si presenti l'occasione le farò sapere, le alternative sono qui esposte:
http://hifi.forumup.it/viewtopic.php?t=9&mforum=hifi

Cordialmente
Massimo Ambrosini

Le 1500a .. lo so ... andrebbero benissimo. Ma le Ar6 (a parte il fatto sentimentale, me le regalarono che avevo 18 anni) vanno proprio bene. Grazie, a risentirci.... sul forum.

PS. Avevo pensato di pensionare il mio Sansui AU7900 sostituendolo con un V35 (se ne trovano due sul forum a buon prezzo) e magari un tuner 35 o 7500.

Ma su 8 ohm, ce la fanno a pilotare le Ar6?

Nicola

 

I problemi negli ampli nascono con impedenze basse...non viceversa :-)

Un v35 ce la fa tranquillamente.

Saluti

Massimo

 

buona sera.
Mi chiamo federico xxxxx abito a seregno (MI) Sono da molti anni appassionato di HI-FI.
A volte mi sono anche dilettato a modifiche e autocostruzioni.
Di recente ho comprato un V5000 con T5000 e Box HI-FI 3000 tutto perfettamente funzionante.
Ho spostato il mio pre tandberg TCA3038A con casse MFB philips 567 per far posto al nuovo arrivato. ovviamente il cd resta il classico revox B225 (meccanica ed eletronica PHILIPS304) e le cassette sono gestite dal tandberg 310.
Volevo avere ua sua opinione su questo sistema e anche una delucidazione della sigla CCI da lei menzionata in uno dei suoi articoli.
Grazie mille
Federico

Gentile Federico
Non conosco le box3000, conosco invece le sm3000 della medesima epoca del V5000.
Sono prodotti in produzione nel periodo 80-83 che seppur validi sono piuttosto distanti qualitativamente dai migliori prodotti Grundig.
Alcune info le trova qui:
http://motxam.interfree.it/grundig.html
http://motxam.interfree.it/verscomode.html

Saluti
Massimo Ambrosini

Buonasera Sig. Ambrosini,
sono Giuseppe xxxxxxx, ci siamo sentiti 20/30 giorni fà per chiderLe dei suggerimenti.
Sto entrando con due piedi nel Mondo Grundig; ho cambiato un po' rotta perchè, anzichè orientarmi su un V35 da abbinare alle Rogers LS3/5A 15ohm, sto aspettando che mi consegnino un V1700 + box850a prof. + T1700, avrei trovato un cd7550, ma il prezzo mi sembra alto ( €250 ), inoltre sto trattando dal forum delle Box350 con cavi originali ( spero ). Posso chiederle se mi sono mosso, e mi sto muovendo, per la giusta via?

 

Gentile Giuseppe

Per quanto riguarda i diffusori tutto dipende dalle dimensioni della tua stanza...se puoi postarmele posso indicarti quale diffusore può essere più indicato.


Devo trovare i giusti cavi per le 850a.
Ho letto del meeting c/o la Sua abitazione e mi piacerebbe molto partecipare, ma devo anche assistere mia mamma e non so se riuscirò a farmi sostituire.
Mi farebbe piacere se mi desse del " tu ".

La ringrazio e Le auguro una felice serata.
Giuseppe

 

Fatto...ovviamente la cosa è reciproca :-)

Se vorrai partecipare al meeting sarò lieto di conoscerti

Cordialmente

Massimo
 

Egregio Massimo Ambrosini, la ringrazio per la precedente risposta e ben presto invierò il mio sanyo ja220 a Poponessi.
Da poco ho acquistato il cavo hama da 2.5 mm della serie 00030728. Ho notato che ha la guaina trasparente però non lucida ma tendente all'opaco. Ho visto anche quello da 0.75 mm esattamente con la stessa guaina di quello da 2.50 mm.Quest'ultimo da 0.75mm potrei prenderlo come valida alternativa al 2.50mm?  oppure è meglio stare sul 2.50mm?

Cordiali saluti
Salvatore

 

Gentile Salvatore

Lo 0,75mm se non lo si deve impiegare per lunghezze eccessive (percorsi che non eccedano i 2 - 2,5mt) è migliorativo rispetto al 2.50mm come qualità audio.

Saluti

Massimo

ciao Massimo, vorrei sapere da te quale diff. qualitativa tra i condensatori in poliestere e quelli elettrolitici nel v7000.
te lo chiedo perchè mi hanno proposto uno scambio con le mie 500.
inoltre che diff. costruttive e sonore tra un v1700 e v4080,v1850 e sanyo ja220.
per quello che ne so io ,è che il v1850 diff. per l'equalizzatore ,sonicamente n on so dire perchè mai ascoltato.
per il sanyo so che è identico come componenti ma non se telaisticamente CCI.....grazie

Nicola

Non capisco la domanda Nicola: sul v7000 ci sono sia elettrolitici che poliestere...
Le differenze sia costruttive che sonore presenti tra i modelli che hai citato rientrano nelle sfumature...compreso il Sanyo.
Ciao
Massimo

mi sembra che siano stati sostituiti quelli elettrolitici con quelli in poliestere.

Nicola

Allora lasciaglielo...

Massimo

Ciao Massimo
Mi chiamo Vincenzo xxxxx e scrivo da Napoli.
Cercherò di essere riassuntivo perchè non amo molto scrivere.
Sono della classe del 56 e da molti anni appassionato di HiFi ho avuto ed ascoltato vari impianti dal 78 ad oggi ma comunque sempre dedito ad una continua ricerca di componenti che mi avessero appagato o che avessero riempito quei vuoti o difetti che ascoltavo nella musica che ascoltavo Quindi specie negli ultimi tempi sempre a spulciare in rete notizie e consigli a riguardo.
Un giorno di circa due anni fa incappai nel tuo sito, INTERESSANTISSIMO perchè la prima cosa che traspare è che è scritto da una persona che oltre ad essere un competente in materia è anche un tecnico e un grande appassionato della
materia di cui scrive. La cosa che mi colpì subito è che nel sito andavi a descrivere ed elencare così bene tutti quei difetti che anche io ho sempre riscontrato nel mio impianto " cioè suono poco armonioso, mancanza di fluidità risposta non lineare ecc." ecco perchè sempre alla ricerca e voglia di cambiare componente e credo che sia la stessa cosa anche per gli altri.
Ultimamente il mio impianto era così composto - preamplificatore Nad1020 finale Nad2140 sorgente audio Dac USB SUPERpro 700 collegato al Pc diffusori Canton GLE100.
Sermpre riferendomi alla continua ricerca che facevo in rete per migliorare il suono spendendo il meno possibile, ho scoperto l'esistenza del Tamp di cui si è tanto parlato e anche molto bene. A questo punto ho acquistato un Trends audio TA10.1. Qualche soddisfazione nella fase di ascolto iniziale con palcoscenico più ampio suono più rifinito e dettagliato del mio pre e finale Nad ma ancora lontano dal suono che cercavo (da premettere che non ha una grande disponibilità  economica).
Alla fine mi sono deciso e ho acquistato un Grundig V7000 anche se esteticamente lo vedevo bruttissimo però mi son detto: voglio provare e vedere se è vero tutto quello che dicono a proposito di questo scarafone (scarafaggio così si chiama a Napoli). Così seguendo alla lettera ciò che dici riguardo ai collegamenti ho sostituito la cavetteria con dei BBC per il segnale e gli Hama per il collegamento ai diffusori. Predispongo tutto, faccio i collegamenti ed inizio ad ascoltare musica, non
credevo alle mie orecchie, TUTTI quei difetti che riscontravo nell'ascolto dell'audio da anni erano TUTTI spariti. I vari strumenti, violini, chitarre, flauti, trombe, pianoforti, si presentavano con la giusta timbrica, armoniosità  e fluidità  come mai avevo ascoltato prima. Avrei tantissime altre cose ancora da aggiungere ma come ho detto sopra voglio essere breve, magari in seguito oltre a iscivermi al tuo forum sciverò un'altra email.
Attualmente questo è il mio impianto di cui dopo più di 30 anni sono soddisfattissimo ed ascolto ore ore e ore di musica senza mai stancarmi, cosa che se non l'avessi fatta io personalmente questa esperienza non avrei mai creduto potesse essere vero.

Sorgenti sonore: Dac USB SUPERpro700 + Grundig CD7500 acquistato in Germania. Amplificatore: Grundig V7000 acquistati in Italia (non so se il particolare è a posto, ma già  mi piace tantissimo così come suona.) Diffusori: Canton GLE100 di cui sono un felice possessore dal 1980 (il costo di allora era di circa 1.000.000 di lire) di cui vorrei un tuo autorevole
parere anche perchè avevo pensato alle Grundig box 850a. A proposito volevo chiederti se l'amplificatore Grundig V7500 è della stessa qualità  del v7000. Massimo non sò se è lecito chiederti il tuo numero di cellulare nell'eventualità  volessi chiarirmi subito qualche dubbio, in caso contrario grazie lo stesso.
Volendo concludere ti faccio i miei migliori auguri a Te e tutta la tua famiglia per questo nuovo anno e sono anche sicuro che i tuoi amplificatori LT con l'applicazione della tecnica Full CCI avranno un grande successo (spero di comprarne anch'io qualcuno)

In attesa di una tua gradita risposta
saluti di Napoli V. xxxxx

Grazie Vincenzo per le tue belle parole, fa sempre piacere sentire qualcuno che apprezza nei fatti il proprio lavoro :-)
Il V7500 è sicuramente inferiore al v7000 mentre per quanto riguarda la scelta delle box Grundig molto dipende dalle dimensioni della tua stanza e da dove si trova il tuo punto di ascolto rispetto alla parete che hai alle tue spalle, vedi:
http://motxam.interfree.it/metodo.html
 
Se preferisci chiamarmi il mio cell. è: 3357691305 dalle 17:00 alle 20:30 (non oltre).
Cordialmente
Massimo Ambrosini

 

>Ciao Massimo,
>scusa per il ritardo ma è stata un'impresa leggere 15 + 3 pagine di vhf.
>Che ti devo dire?.. la solita diatriba tra la registrazione fedele di un
>evento e la ricostruzione a tavolino dell'evento stesso, fatta per persone che
>di quest'evento non sanno nulla ma che, nondimeno, si arrogano il diritto-
>dovere di parlarne.
>Detto ciò, ti avevo preannunciato che riprendere una cantante di musica
>leggera (su questo punto mi sembrano vertere la maggior parte delle critiche)
>con due microfoni destinati a riprendere anche tutto il resto, avrebbe creato
>un sacco di problemi, non solo e non tanto per la difficoltà dell'impresa,
>quanto per le aspettative deluse di gente che fa riferimento ad altri dischi e
>non alla musica dal vivo per giudicare la bontà del suono.
>D'altra parte è anche vero che una cantante blues, a meno che non abbia un
>repertorio puramente acustico e che non sia accompagnata solamente da una
>chitarra, canta con un microfono dedicato, con tanto di impianto voci e con
>tanto di riverbero ed equalizzazione. Magari la prossima voltauna chitarra e
>un contrabbasso ...
>A presto
>Alessandro

Ciao Alessandro
Parole assolutamente condivisibili le tue.P
er quanto riguarda vhf è difficile riassumere 15 pagine di infamie a fronte di nessuno che avesse ascoltato il disco...Italia...bel paese!.

Ciao Massimo

Salve sig, Massimo sono un iscritto al forum, suo vecchio lettore nonchè estimatore delle sue idee e ammiratore del suo coraggio.
Tra i vari argomenti di discussione ho letto delle modalità e dei prezzi per poter far controllare le condizioni CCI di un apparecchio,io ho un v 30che le invierei volentieri. Le chiedo: il tasto monitor ha un contatto difettoso che qualche volta mi azzittisce un canale: toccandolo tutto passa ma a periodi il problema si ripresenta. Ho letto che l'ampli deve essere riparato prima da un tecnico, ma a chi inviarlo? Lei saprebbe indirizzarmi da qualcuno che ripara i -nostri- grundig abitualmente e che per riparare un semplice contatto non mi stravolga il circuito dell'apparecchio, impedenze ecc. Altra domanda: quanto costa rendere CCI un lettore cd?
Mi piacerebbe ascoltare qualche impianto full CCI al completo. Io abito in toscana ma ho visto che il meeting di Castellina in Chianti non si è più ripetuto. Potrmmo organizzarne uno a Scansano,Grosseto, sulle colline maremmane. C'è il vino buono e io potrei ospitare l'evento
 (a casa ho una sala di 50 mq che potrebbe essere adatta), ma sarei capace di radunare solo pochi partecipanti appassionati (3-4 amici)
Come ci si muove per pubblicizzare un meeting grundig? Grazie per l'attenzione,giorgio,grosseto.

Gentile Giorgio
Grazie per le sue parole di apprezzamento, fa sempre piacere ricevere solidarietà a fronte del proprio lavoro.
Per quanto riguarda il controllo del CCI sulle amplificazioni a 360° il costo è di 70euro per i quali posso sistemarle anche l'interruttore (che non dovrebbe essere un grosso problema come impiego di tempo). La modifica CCI di un lettore costa xxxeuro.
Per quanto riguarda il discorso meeting si può organizzarne uno semplicemente aprendo una nuova discussione sul forum "meeting"
 
Se si desidera la mia partecipazione mi è sufficiente il rimborso delle spese vive di viaggio .
Non ci sono problemi da parte mia a partecipare anche a fronte di un numero ridotto di persone anche se generalmente a fronte di un meeting confermato di cui si fissi con certezza una data le adesioni arrivano sempre.
Cordialmente
Massimo Ambrosini

Salve Massimo!

intanto ti ringrazio per gli utilissimi consigli sui prodotti grundig: quando li ho seguiti alla lettera non ho avuto mai sorprese.

Ora desidererei provare il famoso stilo gt2, ma premetto che ho la testina m75 e non m85 sul ps 1020. Pensi che sia lo stesso o che debba cercare la m85? Attualmente sto usando uno stilo abbastanza consumato, ma che mi ha già fatto intravedere il miglioramento di cui parli rispetto agli stili di origine messicana (immagino, visto che un altro che possiedo ha il cantilever  molto più grosso del gt2 originale). Vorrei sapere se hai ancora uno stilo nuovo e se è possibile acquistarlo.

Nelle prove che ho fatto con i vari prodotti grundig, il miglior risultato l'ho ottenuto con il cd7550+v1700+850a prof. ma volendo sperimentare ho acquistato anche le active30 e il pre xv7500. Naturalmente il risultato non è migliore rispetto alla versione passiva, come tu hai ampiamente illustrato. Ora però vorrei sapere quanto mi verrebbe a costare la modifica lt e il controllo del pre, e naturalmente se mi consigli di farlo, considerando che la stanza d’ascolto è di circa 45m e forse un pò più di presenza nei bassi e di potenza porterebbero a qualche miglioramento. 

Grazie di tutto e spero che in futuro riusciremo a organizzare il famoso meeting in Sardegna, magari nel periodo estivo così potresti goderti il nostro mare.

A presto

Massimo xxxxx (maxrom nel forum)

Gentile Massimo
Ti ringrazio per le parole di apprezzamento.
Per quanto riguarda l'N75Gt2 ne ho ancora qualcuno ma li vendo solo in abbinamento ai ps1020 che fornisco direttamente dal momento che me ne sono rimasti pochi.
Il costo della modifica alle aktiv è di xxxeuro, il controllo a 360° del pre lo eseguo (al pari del controllo degli ampli Grundig) per l'importo di 70 euro..
Ciao
Massimo Ambrosini

Ciao,

ho letto con piacere il tuo sito di hi-fi Grundig. Possiedo un amplificatore Grundig sv 160, era a mio padre, sapresti dirmi quanto è quotato oggi? In ogni caso non lo vendo, è solo per avere un parere di un esperto. Anzi sto cercando di realizzare un buon impianto hi-fi e ho recentemente acquistato un vecchio lettore cd, uno Yamaha cd-3, sono in fase di acquisti non di vendite!
Un'ultima cuoriosità , ho letto che questo amplificatore è stato il primo full-CCI; ecco mi potresti dire che cosa vuol dire questo standard?
Beh grazie, e complimenti ancora per il sito che hai realizzato, ciao.
--
Marco xxxxxx

Gentile Marco
Sicuramente puoi realizzare anche 200-250 euro dal tuo sv160 se è ben tenuto, ti consiglio di leggere con attenzione il sito per comprendere meglio che cosa hai in casa e cosa sarebbe meglio affiancargli.
Cordialmente
Massimo Ambrosini

Egr. Sig. Ambrosini,
in attesa di trovare la maniera d venirla a trovare mi chedevo se era possibile poter acquistare il cd che Lei ha prodotto, visto anche che è diventato oggetto di strano contendere.
Se fosse così gentile da fornirmi i canali presso quali si può comprare o se me lo può addirittura fornire Lei, le sarei riconoscente.
Posso infine permettrmi un consiglio?
Lasci perdere LIncetto e compagnia cantante, quello non sa nemmeno come si chiama!
Confidando nella sua gentilezza le auguro una buona giornata.
 
alessandro xxxxx

Gentile Alessandro
Puo' acquistarlo al seguente link alle condizioni esposte:
http://www.mothrasound.com/nuovo_disco.asp
oppure se vuole posso spedirglielo direttamente, a sua scelta.
In entrambi i casi può scegliere il metodo di pagamento che preferisce (bonifico bancario, paypal, ricarica postepay).
Per quanto riguarda Lincetto è difficile lasciare perdere quando si viene aspramente attaccati in modo del tutto gratuito ma grazie per la solidarietà :-)
Cordialmente
Massimo Ambrosini

Gentile Sig. Ambrosini,
se non le è di troppo disturbo preferisco che sia Lei a spedire il disco.
Se mi da il numero della Postepay sarà mia premura, anche domattina passare dalla posta per farle la ricarica. Mi dica ovviamente quanto le devo ricaricare anche per il suo disturbo.
Per quanto rigurado il discografaro dia retta ad uno stupito toscano... lo lasci perdere, le persone serie fanno altro.
Sa invece con chi dovrebbe "incazzarsi" (mi scusi il termine ma non ne trovo altri che rendano bene l'idea)?
Con chi a queste persone da la possibilità di esprimersi e di gettare fango su chiunque in nome di una libertà che non conoscono e che non vogliono apprendere.
Moroni dice che siccome siamo a casa sua lui decide tutto.
Il problema è che lui non è a casa sua ma a casa nostra, nella Repubblica Italiana. Sotto la quale esistono leggi che tutelano (nei limiti del possibile) le persone, i loro interessi e perchè no, le loro passioni.
Non trova che nel nostro settore ci siano i tremini penali per "abuso di credulità popolare" e circonvenzione di incapace"?
Personalmente ho litigato con tutti, de visu  e via web, Moroni, Lincetto, Zamberlan, Bassanelli, Corciulo, Bolduc... ne vuole ancora?
Poi ho deciso di lasciar perdere e percorrere la mia strada convinto che i problemi restino loro.
I miei sistemi suonano, i loro no, dopo 30 anni di passione e essendo stato anche operatore di settore lo posso dire!!!
La sua ricerca, giusta o sbagliata che sia, prestazionale o meno, è sua e nessuno al mondo può venire a denigrare quanto da lei ottenuto (poco o tanto). Questo è quanto penso e questo ci tengo a dirle.
Non è solidarietà o piaggeria, voglio immaginare sia solo buon senso e civiltà.
Mi faccia sapere per la ricarica.
La ringrazio della sua gentilezza.
Cordiali saluti
 
ale 
 

Folgorato sulla strada di Ravenna,dopo avere acquistato dei componenti Grundig : V1700,BOX500,PS1020,cd7500, chiedo se è possibile estendere questa tecnologia alle apparecchiature per il live.

Rivenditore di apparecchiature HI FI da oltre 20 anni e tecnico audio,nonche proprietario di un service audio e luci ,nel tempo ho individuato degli amplificatori P A che suonano in maniera diversa rispetto alla massa di prodotti che ci propinano.Questi sono i Chevin Research inglesi e i D&B Audiotechnik di produzione tedesca. Tutti con alimentatori switching ( i vecchi D&B pero' avevano alimentatori convenzionali ,non con trasformatori toroidali ) .

Nell'utilizzare i sistemi D&B ho notato che è necessario smanettare pochissimo coi controlli di tono per ottenere un suono giusto,anzi è meglio non toccare. Spesso dopo avere modificato qualcosa si torna indietro rapidamente.I Chevin che uso con soddisfazione da tempo hanno un suono dolce ed arioso e riescono a trasformare il mio Martin Audio W8LM da impianto esclusivamente rocchettaro ad impianto semplicemente bensuonante.

Il mio quesito nasce dopo avere letto  che nel CCI è critico il posizionamento dei cavi di alimentazione e di segnale mentre nel live utilizziamo grovigli di cavi per l'audio.

Con le relativamente recenti tecniche digitali pero'c'è una semplificazione enorme per quanto riguarda il numero di apparecchi da collegare tra di loro ,ormai integrati nel banco audio, ed il trasporto del segnale con fibra ottica.

 

Ringrazio anticipatamente per la cortese attenzione e spero di avere lanciato un macigno nello stagno.

 

Antonio xxxx

Gentile Antonio
Direi che è possibile limitatamente a quelli che possono essere apparecchi modificabili in tal senso. E' un discorso piuttosto ampio che applicato al live e alle variabili che tale impiego può avere un rilievo oggettivo ma vanificato in parte dalle prestazioni dei monitor per PA...insomma non so se ne vale la pena.
Saluti
Massimo Ambrosini

>Scusa
Massimo se ti disturbo ancora e sa hai voglia di rispondermi, ma le
>boxrb400 sono analoghe alle box400? Inoltre nel tuo sito nn menzioni
mai le audiorama e nemmeno le omnidirezionali o quelle a sfera. Come
mai? Sono
>riuscito ad iscrivermi al forum ma nn ho trovato niente.
>Grazie.
>
>Michele xxxxxx

 

Le rb400 non hanno nulla (ma proprio nulla) a che spartire con le box400!

Le omnidirezionali SONO le Audiorama e non ne parlo immeritatamente in quanto sono diffusori che sarebbero comunque di assoluto rilievo anche se non al livello dei migliori Grundig.

Ti consiglio per altre occasioni di postare sul forum (purtroppo ho poco tempo da dedicare alle e-mail ultimamente).

Cordialmente

Massimo Ambrosini

>Ciao, sono riuscito a sistemarla (la 850a), ma i pioli della griglia originali non
>erano a vite ma a pressione...
comunque risultato eccellente, sembrano nuove!! Ieri sera ho collegato il tutto ed ho ascoltato il tuo cd... sono
>rimasto allibito :-))
>A
presto,
>
>Fabrizio

 

E se provi a cartavetrare i bordi del cd vedrai che va ancora meglio! :-)

Ciao

Massimo

 
Gentile Signor Ambrosini,
 
GRAZIE!  J
 
L’avessi “incontrata” prima! Ho appena acquistato un V1700. Confermo il risultato incredibile a confronto di elettroniche “blasonate”. Ma di più. Mi sembra che il suono abbia una naturalezza, un vigore, un dimensione molto migliore. E guardi che “sono di palato fine” J
 
Non oso immaginare come possano essere gli amplificatori Suoi?
 
Un piccolo problema: un canale “frigge!” sugli alti e i medi. Pensa sia riparabile? Devo restituirlo a chi me l’ha venduto o Lei me lo può sistemare o consigliarmi qualche tecnico? Non sarà che debba collegarlo a terra?
 
Complimenti anche per i “prodotti” meglio riusciti!
 
Matthias
 
Gentile Matthias
Sono lieto che abbia apprezzato ciò che questo piccolo amplificatore può fare...se avrà voglia di completare il suo sistema con altri apparecchi full CCI scoprirà che questi oggetti sono una manna per i palati fini interessati solo al risultato finale :-)
Per quanto riguarda il problema "frittura" potrebbe essere (se non è accompagnato da evidenti distorsioni) un banale problema di regolazione della corrente di polarizzazione (che per questo amplificatore DEVE essere molto ridotta), se non abita distante da Ravenna sarebbe un attimo regolarla (se è questo il problema appunto...) altrimenti dovrebbe rivolgersi ad un riparatore di fiducia non avendo personalmente il tempo per fare anche riparazioni.
Cordialmente
Massimo Ambrosini

Egr. Sig. Ambrosini,
tra qualche giorno m arriverà un Ps1020 che ho acquistato su Ebay.it da Bari.
Monta una testina Shure M70b con stilo (credo) non originale (mi sono
fatto mandare delle foto prima dell'acquisto _ €100 + spedizione)
Vorrei cambiare la testina. Sul forun è in vendita una M85g con due
puntine Hi track di colore nero.
L'91g, purtroppo, è stata già vendita con una testina Dual (vedi forum).
Credo che i due stili (di core nero) debbano essere dei N91E (?). Ho
visto una foto sulla rete che ho trasmesso al venditore con risposta
affermativa (vedi allegato)
Nella mia città, potrei trovare uno stilo N75g.
Cosa è meglio fare: prendere la M85g con i due stili Hi track neri
(compatibili?) o comprare l'N75g?
Grazie
Nicola xxxxx

Gentile Nicola
Se per N75g intende la N75gt2 direi che serve sia questa che la M85g...gli stili ellittici non sono un granchè.
Saluti
Massimo Ambrosini

Gentilissimo Sign. Ambrosini,

mi chiamo Fabrizio xxxxxx,
sono amico del suo grandissimo estimatore e cliente Armando xxxx che mi sta portando ad apprezzare il suo particolarissimo e geniale lavoro.

Prediligo la musica da camera del '600 e '700 quindi con pochissimi strumenti dal timbro particolarmente caratterizzato, ricchissimo armoniche e di essenziali risonanze interne ( liuti, viole da gamba, violoncelli barocchi, violoni, oboi, flauti dolci, calvicembalo... e voci naturalmente).

Bene, sto rimettendo su un nuovo impianto nella mia piccolissima casa di Roma,
per ora i pezzi sopravvissuti tra mille traslochi, abbandoni e cose della vita sono "cosette":
- un vecchio Leack stereo 20
- un modestissimo pre passivo Minipre
- CD musical Fidelity Electra E601 col suo scatolotto adattatore di impedenza a valvole X10d
- una coppia di AR 90 riconate da Vittorio Franchi......
- un giradischi Thorens 166 mkII

Da dove cominciare premettendo che l'ambiente è piccolo (circa 15 mq), per di più ad "L" e con una leggera volta a botte? devo confessare che mi separerei con molto rammarico dal mio vecchi (e coetaneo Leack) ma potrei sempre spostarlo in un altro ambiente...

In rete ho trovato svariate elettroniche Grundig tra cui un interessante Gundig V8300 MK II da 100W per canale ... ma che non compare nella sua lista dei consigliati.
Pensa che questo modello sia interessante e che possa valer la pena di acquistarlo?
Nel caso la risposta fosse affermativa il suo intervento di upgrade quanto costerebbe?

Confuso ma fiducioso,
la saluto,

con grande stima per un ricercatore del bello ( e della verità ) ....

Fabrizio xxxxxx
Gentile Fabrizio
La confusione è infatti evidente :-)
Non modifico apparecchi Grundig (a parte le casse attive) e purtroppo mi spiace ma il modello che mi segnala non è per nulla consigliabile. 
Sui Grundig full CCI effettuo solo un controllo/sistemazione CCI che ripristina le originali qualità di tali apparecchi a fronte di possibili manomissioni/riparazioni (o talvolta errori nella catena di montaggio) che possono avere subito nel corso degli anni. Le consiglio comunque di leggere con attenzione il mio "eretico" sito per maggiore chiarezza.
Pensi che ero a Roma la settimana scorsa...a saperlo :-)
Cordialmente
Massimo Ambrosini
ps: un caro saluto ad Armando se lo vede.
 

Buongiorno Sig. Ambrosini e buona domenica,
sono un appassionato di Firenze e mi chidevo se in zona fosse presente un impianto Grundig o LT da poter ascoltare.
Ovviamente sarebbe gradita e auspicabile la sua intercessione, per crearmi la sicurezza di non recare il disturbo minimo.
Se non fosse possibile questa possibilità, saprebbe gentilmente indicarmi se posso intervenire a un meeting, senza spostarmi troppo possibilmente da Firenze?
Ringraziandola in anticipo le porgo distinti saluti.
 
alessandro xxxxx

Gentile Alessandro
LT a Firenze non mi risulta ce ne siano mentre qualche impianto Grundig sicuramente ci sarà ma occorre chiedere sul forum...questo implica comunque il rischio di potersi imbattere in un sistema che può essere non adeguatamente installato fuorviando il giudizio all'ascolto di chi non ha mai ascoltato un CCI. Se invece per lei non è troppo distante Ravenna mi offro volentieri di farle ascoltare entrambi (con relativi confronti a sua discrezione).
Cordialmente
Massimo Ambrosini

 

>Buongiorno Sig. Ambrosini, grazie per la gentile risposta, ho
>acquistato il Grundig v35 ed ho notato cheè molto accentuato sui bassi
>quasi avesse il loudness contrariamente alle prove da lei effettuate sul suo bel sito.
>Nel frattempo ho ordinato l'oppo 83 che è un lettore BD/SACD appena
>arriva la ricontatto per l'eventuale modifica.
>Ho visto che esistono 2 box300 1° e 2° versione, ma a quali si
>riferisce lei come punto di riferimento Grundig?
>Grazie di nuovo.
>Michele xxxxxx

 

Gentile Michele

Attenzione alla posizione del tasto LIN che deve essere premuto per disinserire il loudness, può capitare anche qualche esemplare che ha tale tasto difettoso.

Esistono le box 300 e le "hifi box300" che sono quelle buone e sono raffigurate qui:

http://motxam.interfree.it/grundig.html

Saluti

Massimo
 

Salve Massimo,

volevo chiederle un parere: vorrei acquistare delle sl 1000a. So che dovrei cercare le 1000 ma il mio budget non me lo permette.

Ho una mansarda che è una fotocopia della sua (foto sul forum del meeting dove sono riprese delle sl 1000 argento). La larghezza del mio locale, lato corto dove sistemerei i diffusori, è di 3.70 x 6.30 (profondità).

Con l’accortezza di posizionarle correttamente mi consiglia l’acquisto? o dovrei avere un locale più piccolo?

Grazie e a presto

andrea xxxxx

 

Gentile Andrea

Se il punto di ascolto è distante dalla parete che ha alle spalle le SL1000a/SL1000 non sono adatte in quanto rimarrebbe una evidente carenza in gamma bassa, se invece ha modo di porle a ridosso della parete sul lato largo e di porre pure il punto di ascolto a ridosso della parete alle sue spalle in tal caso potrebbero adattarsi (sempre a condizione di rendere assorbente la parete dietro i diffusori).

Saluti

Massimo

Salve Massimo

Sono Giancarlo xxxxx e ti scrivo dopo aver comprato una coppia di B&W DM6 ed averne letto il tuo articolo. Premetto i complimenti per la passione che trapela da ogni pagina del tuo sito e per i consigli molto indipendenti e non convenzionali a cui sei giunto.

Il motivo per cui ti scrivo è: come le amplifico? Attualmente ho una vecchia coppia di SAE, il 2100 con il 2401 che avevo intenzione di cambiare dopo tanti anni di onorato servizio ma quale potrebbe essere una buona accoppiata con questi diffusori?

Grazie per l'attenzione

Giancarlo

 

Gentile Giancarlo

Dalla tua lettera non si evince se si tratti della prima o della seconda serie di DM6 due diffusori dal carattere abbastanza diverso, hanno comunque in comune (come tutti i diffusori trasparenti e queste lo sono) di prediligere accoppiate con amplificazioni il più possibile armonicamente libere e trasparenti (cioè non "ingessate" e piatte) anche se non particolarmente potenti, anche 25-30w sono sufficienti se non hai un salone molto grande.

La scelta che consiglio è di provarli con un semplice integrato o receiver Grundig full CCI (i modelli li trovi sul mio sito)...vedrai che rispetto ai SAE (che tra l'altro ebbi anch'io più di 20 anni fa...) la differenza in termini di aria, apertura e rifinitura ha dell'incredibile.

Ti consiglio inoltre per l'ascolto delle DM6 di rimuovere le griglie del wf mantenendo inserite invece quelle della sezione medioalti...provare per credere :-)

Cordialmente

Massimo

 

Ciao Massimo,
innanzitutto ben ritrovato, spero dopo una piacevole e sicuramente meritata vacanza.
Io torno a farmi sentire dopo un periodo di novità, positive e meno positive ma tutte utili quanto illuminanti.
L’amore per la verità, oltre che per la musica, spinge anche me a non nascondere le mie esperienze e sensazioni: senza peli sulla lingua ho detto che i vecchi Grundig suonano bene e l’ho detto ovunque, sino ad essere oggetto di pubblico scherno su forum tutt’altro che indipendenti e disinteressati.
Poco importa il perché, un perché tra l’altro evidente e legato alla salvaguardia di un settore a mio avviso già morto da tempo: quello dell’hi-fi.
Testimonianza di quanto sopra sono tre linee di prodotti alternativi: Tripath TA2024 (che su schede da una trentina di euro si rivela nei fatti migliore delle amplificazioni in commercio sotto i 1000-1500 euro), Grundig V-7000 e affini (meglio di quasi tutta la produzione hi-end odierna), Linear Transfer (semplicemente senza rivali, almeno tra i molti prodotti attuali di mia conoscenza).
Ovvio che il settore erga barricate in difesa o, peggio, in attacco preventivo.
A me questo non interessa: sono e voglio essere un consulente indipendente (e, mi auguro, serio) del settore.
Oggi ho comprato un paio di lettori multiformato in promozione al Lidl: uno è per i miei e l’altro per un amico/cliente se non, forse, per me, dato che l’oggettino suona al punto da avermi spinto a mandarti un sms per suggerirti di provarlo e di aggiungerci eventualmente la tua implementazione CCI. Ovvio, non è il massimo, ma ho sentito lettori da dieci volte quel costo suonare palesemente peggio…
Ti dirò di più: io organizzo meeting indipendenti, in cui è ben accetto qualunque componente hi-fi che promette di suonare come tale, collocato in condizioni normali (senza stravolgere l’ambiente o spostare arredi) e valutato dai presenti (tra i quali vi è sempre qualche musicista). Non solo non ci sono vincoli ma nemmeno preclusioni: volendo ci si può portare pure il compatto vinto con i punti della Esso. Anzi, ogni soluzione alternativa è ben accetta e, se una cosa che suona bene costa pure pochissimo, ancor meglio. Tuttavia non è una gara al ribasso: la priorità è la qualità. Infatti è meglio spendere mille una volta per sempre che cento ogni anno: questo è il mio approccio di hi-fi sostenibile.
Ciò detto, in ogni momento sei il benvenuto: se vuoi passare a trovarmi e magari presenziare al mio prossimo meeting con un Grundig o un tuo LT, la tua presenza sarà davvero preziosa e molto gradita.
Un caro saluto e a presto.
Andrea xxxxxx

 

Caro Andrea
Torno oggi dalle ferie per cui ti rispondo con un po’ di ritardo.
Qualche tempo fa lessi sul vostro t-forum alcuni commenti che mi riguardano e ne feci un post che nel caso tu non abbia letto ti allego:
http://hifi.forumer.it/about3113-hifi.html

Iniziando a conoscerti in base ai fatti tengo a dirti che mi sembra che la tua vocazione a “fornire a tutti il consiglio giusto” (cit. De Andre’) sia decisamente prioritaria in te rispetto a quella di cercare di capire come funzionano effettivamente le cose partendo dall’ascolto (anziché scriverne in un modo o nell’altro citando i pareri di quelli che sono i tuoi guru di riferimento).
 

Leggo inoltre nel medesimo thread che le spiegazioni tecniche relative al v7000 fornite da Boletti (per altro con svariati errori...) ti sono state sufficienti a convincerti della qualità di tale ampli...peccato che tu non te ne sia affatto reso conto “prima” di aver letto tali spiegazioni...e cioè quando hai avuto modo di ascoltarlo a confronto del tuo fenice in occasione del meeting milanese....andando invece a scrivere sul vs. t-forum che il v7000 si inventava la stanza!

Peccato anche che né tu né (men che meno) Boletti siate in grado di spiegare come un apparecchio circuitalmente decisamente peggiore del v7000 come il v1700 suoni (se correttamente installato) in modo indistinguibile rispetto al v7000...e non drammaticamente peggio come sarebbe lecito attendersi in base alla (citandoti) “risposta oggettiva ed esaustiva in merito” fornita da Boletti, uno (tra i tanti) che ne fornisce molte di risposte....peccato che non abbiano alcuna correlazione con l’ascolto.

Sono una persona diretta Andrea e mi piacciono le persone dirette che hanno una faccia sola e non la cambiano quando mi giro di spalle...

Per quando riguarda gli ascolti...sei proprio sicuro di essere interessato a farli? O servono solo per confermare le idee che hai in testa...perché in tal caso non si chiamano ascolti ma pregiudizi.
Saluti
Massimo

 

Caro Massimo,

innanzitutto grazie per avermi risposto, spero dopo un sereno periodo di ferie.
Il T-Forum è il “loro” forum, dal momento che io non scrivo praticamente più nulla, a parte a domande direttamente rivolte a me. E questo perché non amo chi ha la “verità in tasca”, criticando qualunque cosa contraria ai propri interessi commerciali, incluse le spiegazioni tecnicamente e scientificamente incontrovertibili, come le tue fornite su sospensione pneumatica o bass-reflex (non ti dico quanto sarcasmo nei confronti del sottoscritto per aver pubblicizzato il tuo prezioso contributo).

Ciò detto, a prescindere da qualche perplessità circa il “mistero non svelato” legato al CCI, mai ho detto che il tuo lavoro è fatto male (anzi) né tantomeno che i Grundig o LT suonino meno che ottimamente: in molte delle mie consulenze ho suggerito catene Grundig e, a proposito di pregiudizi, sono state le uniche mie indicazioni che non hanno trovato alcun seguito, nemmeno quando mi è stato esplicitamente chiesto come migliorare un ampli con TA2024 a prezzi ragionevoli ed io, logicamente e in base alle esperienze d’ascolto sperimentate al meeting, ho indicato (in sostituzione e come up-grade definitivo) uno degli integratini Grundig raccomandati da te. Non solo: recentemente ho indirizzato da te un paio di possessori di vecchi Grundig, indicandoti quale massimo esperto di tali prodotti, ovviamente dopo aver suggerito loro di tenerli molto cari…

Per il resto la mia ricerca verso il miglior concetto di “affordable hi-fi” procede e con essa l’attenzione per Grundig e affini: ricorderai che ho messo la pulce nell’orecchio anche a Lucio Cadeddu e, nonostante la stima e fiducia nei suoi confronti, mi sono comunque permesso di segnalargli tra le righe (ma, ricorderai, esplicitamente) quanto il V-7000 suonasse bene, tanto da invitarlo ad ascoltare.
Comprendo quanto la riscoperta della tecnica CCI ti sia costata anni (se non quasi decenni) di studi e duro lavoro. Pertanto lungi da me il forzarti a rivelarne i dettagli, ma la mia è una proposta per rendere più “visibilmente oggettivo” questo tuo lavoro, magari misurando con analizzatore digitale di spettro lo stesso identico prodotto, prima liscio e poi implementato CCI, in modo da sottolineare differenze che a quel punto diventano inconfutabili. Stesso dicasi per il discorso cavi (eventualmente), dove teoricamente basterebbe un oscilloscopio.
Prima di questo, resta la volontà di provare un buon integratino Grundig al mio prossimo meeting dedicato alle amplificazioni: potrei farlo da solo, ma per correttezza mi permetto di segnalartelo, insieme alla mia volontà di presentarti come esperto e ricopritore di questi prodotti, ben oltre la cerchia dei “grundigofili” ma tra un pubblico eterogeneo, fatto prevalentemente di musicisti dotati di orecchio fine e alcuna conoscenza (e dunque nessun pregiudizio) in campo hi-fi.
Insomma, non mi accontento di capirci qualcosa in più, ma di diffondere una corretta informazione tra gli appassionati: si tratta di un lavoro complesso in cui servono contributi attendibili ed eterogenei, senza impossessarsi del lavoro altrui ma riconoscendo a ciascuno i meriti. E nel caso specifico, il merito è tutto tuo.
 

Concludo dicendoti che è un vero peccato che tu non sia iscritto a facebook, dal momento che ho pubblicizzato (direttamente e da subito) il tuo forum nel gruppo “Grundig vintage”, oltre a citare le tue spiegazioni in altri miei interventi e gruppi da me fondati (tra questi quello dedicato alla sospensione pneumatica). Che poi rompo le scatole (talvolta anche pubblicamente) fino al momento in cui non ho tutte le risposte, beh questo è un mio difetto, ma io mai ho messo in dubbio la tua competenza in materia e anche il sarcasmo (quello vero e cattivo) sulla tua buonafede non è certo il mio. Sappi che sono stato anche minacciato e diffamato per presunti interessi commerciali nei confronti dei tuoi prodotti, come se io ne parlassi bene in cambio di un LT in regalo.
Insomma, mi sto disaffezionando all’hi-fi e cerco persone con cui ristabilire un minimo di serietà in questo settore sepolto da commerciali senza scrupoli, inclusi quelli mascherati da innocenti utenti di forum gratuiti e indipendenti.
Io, da consulente indipendente, non sono di nessuno; tu, se e nella misura in cui vorrai, potrai essere dei nostri, ossia di coloro che vogliono riportare l’alta fedeltà alla sua originaria dignità e sostanza. Da questo punto di vista e con queste precise parole, sto rischiando che tu possa diventare la figura chiave in questo progetto ideato da me: per amore della musica e della verità sono disposto a correre questo rischio. Con gli imbonitori pagati sottobanco da produttori, commercianti e riviste specializzate (che campano con i soldi della pubblicità) non voglio più avere nulla a che fare…
Inoltre nei meeting che organizzo la mia faccia ce la metto ed è l’unica che ho: anche se in circostanze diverse possono cambiare atteggiamento, la sostanza quella è e quella rimane, con un obiettivo condiviso che mi pare più forte di divergenze che al confronto sono da considerarsi sfumature, soprattutto alla luce delle esperienze di quest’ultimo periodo…
A presto.

Andrea
 

 

>Ciò detto, in ogni momento sei il benvenuto: se vuoi passare a
trovarmi e
>magari presenziare al mio prossimo meeting con un Grundig o
un tuo LT, la
>tua presenza sarà davvero preziosa e molto gradita

Andrea...la mia partecipazione ai meeting è sempre vincolata al rimborso delle spese di viaggio salvo che io non sia già sul posto (in quanto in visita a qualche fiera) ma...per chiarirsi le idee occorre PRIMA rimuovere le proprie ferree convinzioni tecniche su ciò che deve andar meglio e su ciò che è o non è udibile...le stesse convinzioni che ti hanno impedito di renderti
conto delle differenze della rivista sopra l'ampli, tu unico su più di 20 persone presenti allo scorso meeting milanese (...tutti condizionati e tu unico imparziale vero? Atteggiamento umile questo secondo te?) e pensa un po' che alcuni non avevano neppure uno spillo di CCI in casa...o della differenza (enorme e pure questa non avvertita solo da te) tra il fenice che tu hai portato e quello modificato parzialmente CCI.
Fintanto che si parte da CONVINZIONI non si sarà mai liberi di valutare serenamente i fatti con le orecchie libere da pregiudiziali.

A ciò va aggiunta una difficoltà (legittima) che inevitabilmente ha chiunque provenga dall'abitudine di un suono riprodotto non CCI (ovvero molto meno trasparente).

Inoltre per fare un meeting serve curare anche l'aspetto trattamento ambientale almeno con un paio di tendaggi (o altro materiale assorbente) posto dietro ai diffusori ed un tappeto dinanzi agli stessi...condizioni indispensabili per sentire sul medioalto come suona l'impianto e non come suona la stanza...

Insomma a me piace dimostrare i fatti ma ci devono essere le condizioni minime per cui questo si possa fare in modo adeguato.
Per quanto riguarda le misurazioni attinenti il CCI (anche qui ho letto eresie riguardo il prolungamento della risposta all'impulso che tali apparecchi avrebbero...dimostrando la TOTALE ignoranza in elettronica di chi le ha espresse e ne scriverò sul forum nei prossimi giorni), la differenza alle misure convenzionali tra un apparecchio CCI ed uno non è nulla...discorso diverso se si misurano con segnali musicali utilizzando una misurazione particolare che sta mettendo a punto un ingegnere iscritto al mio forum. Tale misurazione ha però bisogno ancora di tempo per venire opportunamente testata al fine di rappresentare ciò che effettivamente tutti speriamo e cioè una correlazione oggettiva con l'ascolto.
Fino ad allora solo l'orecchio abbiamo ma occorre lasciarlo libero di ascoltare....cosa tutt'altro che facile...perchè occorre umiltà e REALE volontà di imparare dai fatti.
Saluti
Massimo


Grazie per le precisazioni: personalmente, da frequentatore di concerti, sono abituato al suono vero. Ciononostante l'orecchio non basta mai e quindi molti dei partecipanti ai miei meeting sono musicisti, spesso di professione.
Accetto (cosa diversa dall'essere d'accordo) puntualizzazioni sul mio atteggiamento, a condizione che si utilizzi lo stesso criterio con altri iscritti, invece liberi d'insultare e diffamare pubblicamente il sottoscritto. E sai meglio di me di chi si tratta... ecco, preferirei prenderle altrove le lezioni di umiltà, dal momento che molti tuoi fan non rendono onore né alla tua professionalità né ai tuoi modi corretti. E' proprio questo che ti fa (ingiustamente) apparire antipatico agli occhi degli utenti di altri forum e per correttezza te lo dico: se me ne fregassi del tuo lavoro e della tua reputazione eviterei di dirtelo... ma non sono capace di tacere di fronte a forum che distruggono la propria stessa essenza e il merito di chi ne ha permesso la nascita.

Ciò detto, quando ti capita di passare casualmente da queste parti, porta pure qualche tuo cd: sarà l'occasione per farti ascoltare una catena "affordable" da me composta e ottimizzata, oltre che ovviamente per un caffè e una chiacchierata ;-)

Una buona giornata,
Andrea

Mah..Andrea sono stato a rileggere l’episodio che ti ha riguardato e...
ci sarebbe da discutere se sia più grave che qualcuno se la sia presa per un termine pesante (lassativo) che qualcun altro ha indirizzato al suo intoccabile oggetto o piuttosto se sia più grave che una persona dichiari pubblicamente che “pochi grundigofili in cattiva fede hanno negato pubblicamente l'evidenza” (quindi offendendo delle persone e non degli oggetti)....non so vedi tu.
Del resto chi era presente al meeting e vede descrivere su un altro forum fatti che sono decisamente diversi da quanto ha vissuto permetti che si irriti un attimo? Anch’io, che sono ben consapevole di come esistano persone che vengono ai meeting solo per poter poi scrivere che ciò che pensavano prima del meeting si è avverato...(tale è il potere dei propri convincimenti/pregiudizi) ci sono rimasto male leggendo certe cose affatto attinenti ai fatti.


Non concordo inoltre sul tuo giudizio dato ad un forum (il nostro) che generalmente deve subire continui attacchi e sberleffi ma reagisce normalmente con dignità accogliendo comunque chiunque (di qualunque “fede” sia o non sia...) purché sappia rapportarsi rispettando gli altrui pareri, non a caso sono rarissimi i post polemici nei confronti delle persone...molto più rari che su altri forum, ciò che invece è accaduto a Mario Asciuti quando ha avuto la malaugurata idea di iscriversi al t-forum è qualcosa di semplicemente inqualificabile!
Dubito molto poi che il forum abbia una chiamiamola “parte attiva” su quella che è l’antipatia che ha per me molta gente...le cause sono altre....è sufficiente per far ciò dire alla gente ciò che la gente NON vuole assolutamente sentirsi dire e cioè:
1) che l’alta fedeltà NON è questione di costi
2) che i migliori prodotti fatti in questo settore sono stati costruiti 30 anni fa e si trovano in giro a poche centinaia di euro
3) che uno sconosciuto ha lavorato lontano da clamori per più di 20 anni per constatare che un marchio ampiamente snobbato aveva svolto una ricerca specifica in campo audio spaventosamente più approfondita e qualificata di quanto altri avessero fatto.

Queste ragioni (basta anche solo una di queste) sono AMPIAMENTE sufficienti per rendersi antipaticissimi in questo settore tirandosi appresso ogni tipo di sberleffo....
Discorso diverso sarebbe stato (come qualcuno sta facendo di questi tempi su vhf) se quando ho creato il mio sito non avessi fatto cenno al CCI ne’ al mio lavoro e mi fossi limitato a dire che tali prodotti avevano un ottimo rapporto qualità/prezzo.....in tal caso non avrei remato controcorrente ma....avrei detto, prima di tutto con me stesso, una menzogna.

Tornando a noi ben venga un caffè e quattro chiacchiere se avremo occasione di rincontrarci.
Saluti
Massimo

 

Eccomi Massimo, rispondo partendo dal fondo: ancora condiviso il comune buon proposito di un caffè e una chiacchierata.
Per tutto il resto, posso confermarti una volta di più la profonda convergenza di obiettivi, ragione che ci rende entrambi molto amati dagli appassionati abituati sia al buon ascolto (= musica vera) sia ad evitare spese folli quanto ingiustificate e, nel contempo e nella stessa misura, odiati dal resto del settore, ormai da anni (o decenni) nelle mani di commercianti senza scrupoli e audiofili incompetenti (almeno musicalmente) quanto inclini a scialacquare denaro a palate, cosa che viene spesso ostentata come segno di opulenza e appartenenza ad una casta di eletti.
L'approccio da me ideato parte esattamente dagli stessi tuoi principi e, se avremo appunto occasione di rincontrarci, ti spiegherò il tutto nel dettaglio e anche questo con vero piacere.
Sul T-Forum permettimi di stendere una trapunta di pietoso silenzio: tra i vari forum è il più subdolo che io abbia mai visto, in quanto si pone all'apparenza come sostenitore della classe T e dell'hi-fi di costo accessibile, per poi, nei fatti, gettare palate di fango sui veri consulenti indipendenti (e come tali molto scomodi) e osannare invece gente che chiede 250 euro per cambiare 4 transistor di potenza da 1 euro all'uno (e lì dentro di persone del genere, abilmente mascherate da "guru" per volere dell'amministratore, ce ne sono...). Per non parlare dello spiacevole epilogo che hanno avuto le mie considerazioni sulla sospensione pneumatica, con tanto d'indicazione del link al tuo forum in riferimento alle "verità scomode", il tutto corredato dalle mie impressioni d'ascolto relative alle Grundig Box 400, quale esempio di "affordable hi-fi speaker" per eccellenza, auspicando un ritorno a tale tipologia di diffusore, soprattutto dopo la lieta ma brevissima parentesi delle buone Mosscade 502 (guarda caso le uniche con caricamento in cassa chiusa), rimaste in produzione per pochi mesi.

Mi fermo qui, sperando di riprendere il discorso di persona.

Buon pomeriggio e a presto,
Andrea
 

>Salve Massimo,
>ho recuperato ieri una coppia di box303 ma in un magazzino di mobili
>vecchi in brianza, sa quei depositi dove i mobilieri accatastano gli
>arredi che ritirano dai clienti in cambio del nuovo e si riempiono di
>ogni tipo di cose... mi sono chiesto quanti depositi cosi' ci saranno
>nella sola brianza e cosa conterranno anche d'interessante..
>
>Vengo al dunque, questi diffusori che ancora devo cmq provare hanno il
>cavo tagliato, ne esce solo uno spezzoncino. Ho pero' visto che il
>resto del cavo era collegato ad un integrato sempre grundig (mi ricordo
>solo che sul frontale c'e una sigla 4D) accatastato in zona non
>raggiungibile facilmente. Me lo faro' portare dal mobiliere cosi'
>avro' tutto.
>
>Ora la domanda com'e' logico e': come posso rimediare ai cavi tagliati?
>devono avere una lunghezza fissa o posso pensare di recuperare il resto
>dei cavi e risaldarli all'interno dei diffusori?
>Oppure recuo i GBC o gli HAMA da lei consigliati? e cmq quale devessere
>la lunghezza esatta?
>
>Cordiali saluti
>
>Marco

Gentile Marco
Non mi farei troppo problemi per le 303 che sono diffusori sì validi ma ben distanti dai migliori Grundig. Recuperare i cavi originali e magari giuntarli senza saldature utilizzando un comune mammuth potrebbe essere una più che valida soluzione.
Saluti
Massimo

Egr, Sig, Ambrosini, sto cercando un xv7500.

Dopodiché, se ci riesco, vorrei prendere delle aktiv. Ho un ambiente di ascolto di medio-grandi dimensioni. Ho trovato in Italia due aktiv. Che ne pensa (anche per il prezzo....) Sul forum non mi pare di vederne.

Ps : Nel caso riuscissi a prendere il pre, gli può dare uno sguardo? quanto devo aggiungere per la modifica?
--
Nicola xxxxx

 

Gentile Nicola

I due link che mi ha allegato non portano da nessuna parte...

Per quanto riguarda il controllo/sistemazione CCI (non si tratta di modifica...) di un XV7500 chiedo 70 euro.

Cordialmente

Massimo Ambrosini

Buongiorno,
Mi chiamo Pierluigi xxxxx e da un po di tempo girovago sul suo sito , con molta curiosità. Recentemente mi è capitato un lettore cd Grundig 7500 a 180 euro , dovrebbe essere uno di quelli che Lei elenca nel suo sito, giusto? Potrebbe essere un buon acquisto? Ho una coppia di Spendor LS3/5A monowiring 11 ohm , quale ampli mi potrebbe consigliare ,di quelli ad hoc secondo la filosofia CCI, per pilotarle al meglio? Potrebbe fare le modifiche CCI su qualsiasi lettore? O quali potrebbero essere quelli adatti allo scopo (se me ne consigli qualcuno)? Quanto costa piu o meno fare una modifica del genere?
La ringrazio per la cortese attenzione e buona domenica.
Saluti
Pierluigi xxxxxx

Gentile Pierluigi
Il cd7500 può rappresentare una scelta definitiva (affidabilità permettendo) se non si utilizza il telecomando (di cui appunto non è dotato).
Per un paio di diffusori poco efficienti come le 3/5a occorre un ampli discretamente potente per cui direi un v35 o un sv1200 o un rtv1020. per quanto riguarda i lettori modificabili personalmente consiglio un lettore a scelta nell’attuale gamma Pioneer di lettori dvd (dv420 ad esempio)...buona affidabilità, basso costo e ottima modificabilità. Il costo della modifica CCI indipendentemente dal lettore è di xxxeuro
Cordialmente
Massimo Ambrosini

> Caro Massimo,
>
> Ho recentemente acquistato un televisore plasma da 50 pollici, che ho
> appeso al muro. Ho ache trovato un CD35, dopo un anno che non potevo
> ascoltare musica in CCI, perche il mio precedente CD35X aveva il
> laser
> finito.
> Ora, visto che sotto il televisore c'e' dello spazio sto pensando di
> mettere fissare dei ripiani al muro mettere gli apparechi Grundig
> ottimizzati sul rigido.
> Mi pare di aver notato che anche tu in soffitta usi una soluzione
> simile.
> La mia domanda e':
> A quali accorgimenti dovrei tenere conto per una soluzione simile, e
> quale sarebbe l'approccio migliore?
> In generale e' una buona idea, o non e' paragonabile al
> posizionamento a
> terra? Quest' ultima domanda anche in considerazinne che ho fatto
> mettere del materiale smorzante sotto il laminato!
>
> Grazie,
> Fabio

Gentile Fabio
Non comporta inconvenienti la sistemazione a mensola purché i supporti siano triangolari ben rigidi. Occorre fare attenzione a non far toccare i cavi nel muro mentre sul pavimento vanno (sempre i cavi) disaccoppiati con qualche panno soffice. Non va interposto alcun materiale smorzante/cedevole sotto i piedini dell'ampli. Per altre info di questo genere le consiglio di postare sul forum essendo di pubblico interesse.
Cordialmente
Massimo

>Buongiorno,

>ho da poco acquistato un tuner usato Grundig mod. T1000, purtroppo ricevuto
>senza manuale di istruzioni. Qualcuno sa dove potrei richiederlo? Ho fatto
>qualche ricerca in internet, ma per ora senza esito. Se la cosa non è
>possibile, qualcuno può aiutarmi a capire cosa significano due tasti posti
>sul frontale e denominati AFC e MPX? Chi me l'ha venduto era diverso tempo
>che non lo usava e quindi mi ha fornito delle risposte un po' vaghe.
>Qualsiasi altra notizia riguardo al tuner sarebbe ben gradita.

>Grazie e buona domenica,
>Aldo

Gentile Aldo
AFC è l'automatic frequency control e serve una volta sintonizzata la stazione a tenerla bene agganciata mentre l'mpx commuta in mono l'eventuale stazione stereo
Saluti
Massimo

Ciao Massimo
Una curiosità: il V35 aveva il famoso particolare già a posto o lo hai sistemato tu, nel qual caso mi devo aspettare un ulteriore miglioramento sonico del sistema?
Grazie
Leonardo

I V35 sono tutti da sistemare (contrariamente ai v7000/v30 ove solo una parte è da sistemare) per cui dovresti riscontrare un miglioramento in termini di maggiore fluidità, ti sconsiglio poi di avvicinarti all'apparecchio con un cacciavite in mano se non vuoi peggiorarlo....non toccare le viti.
Ciao
Massimo

 

Ciao Massimo sono Luigi, volevo solo farti i complimenti per i risultati audio ottenuti con l'ultima modifica al cavo dell'ampli: il suono del mio impianto si è aperto enormemente c'è una maggiore presenza sui medio alti e più armoniche di contorno che rendono il suono molto più emozionante e reale, credo che sia la modifica che ha dato i risultati più sorprendenti, in passato le modifiche ogni volta miglioravano un pò il suono ma quest'ultima è impressionante per la miglioria sulla resa audio.

Grazie mille come sempre per la serietà e disponibilità che dimostri e credo che noi appassionati dobbiamo ritenerci fortunatissimi nell' aver trovato in te una sorta di ""guida spirituale"" sulla reale alta fedeltà nella riproduzione sonora.

Sei un grande.....

ciao ciao
Luigi

Grazie per le tue belle parole Luigi
Ciao
Massimo

Ciao Massimo, in questi giorni sto facendo un po' di prove empiriche sul mio impianto, attualmente così composto: receiver r35, il tuo lettore trevi e il ps 1020 con le 850ap... ho notato cambiamenti alimentando l'r35 direttamente a muro tramite vimar 3 vie e tenendo sollevato il cavo della ciabatta feltrinata che va ad alimentare trevi e ps 1020, può essere? Mi sembra ci sia un'apretura un filo maggiore...
A presto,

Fabrizio

Ciao Fabrizio
I cavi della 220v del gira e del cd non devono toccare per terra mentre quello del receiver sarebbe meglio se toccasse sul ripiano ove appoggia lo stesso e (ma dipende anche da altre variabili non prevedibili) il pavimento. Sull'alimentazione diretta dal muro è probabile ti funzioni meglio se hai comunque una presa a muro libera in più.
Ciao
Massimo

Gentile sig. Ambrosini,
ci siamo sentiti qualche settimana fa a proposito di consigli sulle modifiche CCI.
Parlando con amici e conoscenti di questo mio interesse mi è stati proposto il nuovo amplificatore stereo Linear Transfer MA100 (100 Watt x 2 su 8 e 200 Watt x 2 su 4), basato sui nuovi transistor Termaltrake (come il Mcintosh MA7000) e ottimizzato CCI sul morbido. Il prodotto mi è stato proposto alla cifra di € 2.000,00. A detta del venditore esiste anche una Limited Edition con sezione di alimentazione Dual Mono e componentistica selezionata che costa € 3.600,00.
Premetto che non voglio fare o alimentare alcuna polemica ma alla mia rimostranza che sul tuo sito non vi sia traccia di questo amplificatore mi è stato risposto che Linear Transfer è solo rivenduta dal sig. Massimo Ambrosini ma questo nuovissimo modello è, per ora dispon ibile solo direttamente dal produttore. Inoltre affermano che la tecnica CCI, da lei sviluppata, è stata completamente implementata sul nuovo LT MA100.
A questo punto sono confuso, mi hanno proposto il classico falso oppure posso fidarmi?

Cordiali saluti

Fabio

Mi sembra un misto di cose inventate di sana pianta con cose che hanno un minimo di fondamento....mi direbbe chi è il venditore cortesemente? Non vorrei che ci fosse stato qualche fraintendimento (nella migliore delle ipotesi si intende).
Saluti
Massimo Ambrosini

Salve, il venditore è il sig. Gianni xxxxxx. Non è un venditore professionale ma tratta comunque, presso un piccolo magazzino che ha a in un paesino vicino a Monza, la vendita di hi-fi usati e nuovi. Produce anche una sua linea di amplificatori e pre-phono a valvole. Personalmente non lo ho mai conosciuto di persona ma un mio amico saltuariamente passa da lui per vedere le novità e l'ultima volta aveva questo "prototipo" di Linear Transfer (la versione dual mono) che a sua detta suonava pure molto bene.
Prima di scriverle gli ho chiesto di descrivermelo. Esteticamente si ricorda che sembra un cabinet di Hifi2000 e riporta la scritta serigrafata sul frontale Linear transfer.
Mi ha assicurato che suona molto bene ma come le dicevo non mi interessa avere un "falso" e volevo una conferma da parte sua che questo lo era oppure no.
Nel caso questo sia un Millantatore non mi interessano nemmeno polemiche: lo lascio nel suo brodo, mi spiacerebbe solo che il mio amico si fidi di lui.
Cordiali saluti
Fabio

Non conosco il signore in questione ma sarei curioso di capire: si tratta di un integrato o di un finale? Nel caso si tratti di un integrato provi a chiedere se ha le manopole sul coperchio superiore e frontalino in plexiglass...
Saluti
Massimo

Salve, si tratta di un finale. Da quello che mi ha detto il mio amico il frontale è di alluminio spazzolato argento con la scritta Linear Transfer serigrafata mentre di plexiglass è solamente il coperchio che lascia in bella vista il contenuto.
Dalle sue risposte non ho ancora capito se vende, magari senza autorizzazione i Linear Transfer, oppure se è un "bidone". Mi può chiarire il tutto?

Cordiali saluti.
Fabio

Gli unici finali con frontale in alluminio e coperchio in plexiglass fatti da me sono i vecchi mono....ha modo di farsi spedire una foto in e-mail?
Saluti
Massimo

Salve,
provo a chiedere se mi fanno avere una fotografia. Tenga conto che però questo finale è stereo.
Comunque come le ho detto non mi interessano polemiche ma avere una sua conferma o meno sul fatto che ci siano altri venditori di linear transfer.
Mi conferma che questo nuovo finale stereo basato sui transistor TermalTrake è un linear transfer ottimizzato CCI oppure no?
Grazie mille per l'attenzione.
Saluti
Fabio

No, non ho mai usato transistor termaltrake ne ho mai fatto un finale stereo con coperchio in plexiglass per cui sono curioso di vederlo....

Saluti
Massimo

Buongiorno Massimo,
purtroppo è accaduto quello che volevo evitare : polemiche. Ho chiamato il venditore chiedendo spiegazioni sul fatto che "il prodotto, l'ampli Linear Transfer, e la tecnica CCI sono creazione del Sig. Massimo Ambrosini il quale mi ha confermato di non aver mai prodotto amplificatori con transistor termaltrake". Gli anche chiesto la fotografia per poter valutare l'oggetto prima di andare all'ascolto e a un eventuale acquisto.

A questo punto si è un po' scocciato asserendo che è vero che lei ha coniato i termini ma è altrettanto vero che non c'è brevetto e lui ha studiato le sue modifiche e migliorato il tutto con la sua esperienza. Mi ha portato ad esempio il fatto che li asserice che un lettore CD modificato sia sempre uguale a prescindere della base di partenza. Lui sostiene che questo è vero solo modificando gli stadi di uscita con un particolare oggetto, che a sua volte acquista già montato, che si chiama EV33 della Royal Device (sarebbe una specie di stadio di uscita a trasformatori se ho capito bene).
Sostiene inoltre che il suo "linear transfer" lo ha così chiamato per identificarne l'appartenenza  alla implementazione CCi di base grundig ma ha delle prestazioni nettamente superiori ai suoi modelli propio in virtù dell'utilizzo degli ottimi Termaltrake.

A me tutto questo è sembrata una enorme panzana e le scuse di una persona eticamente disonesta che cerca di vendere dei prodotti decantandone caratteristiche che forse non hanno. Comunque ho declinato pure l'offerta di ascolto: non mi piacciono le persone scorrette.

Mi scuso con lei se le ho fatto perdere tempo e appena possibile la ricontatterò per venire a trovarla.

Cordiali saluti

Fabio

>Ciao Massimo come va? Come forse avrai letto nel forum dopo aver
>mandato da Poponessi il V-30 e fatto ripare il tweeter delle 500 l'impianto va'
>ora bene... ho decioso di completarlo anche con l'aquisto di un
>eventuale giradischi. Cosa ne pensi della sezione Phono del mio V-30?
>Nel forum cè chi mi dice è buona , altri invece asseriscono non tanto
>.. e, cè chi consiglia i Ricevier serie larga, ma allo stesso tempo mi
>dicono nei CD sono meno qualitativi del V-30.... Nel Forum cè stato
>qualcuno che segnala l'adattatore tra gira e ampli a essere motivo
>di leggera degradazione ai Ricevier..... Allora Massimo........
>considerando vorrei prendere presso di te un giradischi (fai tu quale
>modello , mi pare di capire sia il 1010 che il 1020 siano allo stesso
>livello?) con puntina al completo, vorrei mi facessi tu stesso
>l'adattatore piu' idoneo possibile a non inficiare il suono finale... Fammi sapere gentilmente quanto mi verrebbe
>come costo giradischi compreso di puntina chiavi in mano pronto a suonare
>i Vinili.....
>Grazie buona Domenica
Ernesto

Caro Ernesto

Non ti preoccupare delle minime differenze presenti tra modelli full CCI...sono sfumature a maggior ragione per chi si deve ancora fare l'orecchio. Il V30 se va bene (e questo non mi è dato sapere...andrebbe controllato CCI cosa che ovviamente Poponessi non può fare non conoscendo il CCI...) è ottimo anche come phono. Un ps1020 costa con coperchio (piuttosto raro in questo giradischi che veniva venduto direttamente inserito nei mobiletti Grundig coordinati) e testina M85G o DM95G (sono equivalenti) 250euro a cui vanno sommati 150 euro per lo stilo NOS Shure N75Gt2 per un totale di 400 euro il tutto controllato CCI e con garanzia di 2 anni.

Ciao

Massimo

Egr. Sig. Ambrosini,

Volevo mettermi in contatto con Lei per sapere se era possibile un incontro per conoscerLa , e sapere se e’ possibile apportare la modifica fatta sul Philips 960 al mio Lettore Cd Naim cd 5 i -2.
Gradirei quantificare anche il costo di tale intervento.
Faccio presente che sarei disposto anche a sostituire il lettore ( viste le problematiche riscontrate credo con Naim ) qualora Lei disponesse di una elettronica/meccanica piu’ performante gia’ modificata.
Ringraziando anticipatamente per l’attenzione accordatami, mango in attesa di un positivo riscontro, e nel frattempo porgo

Distinti Saluti

Maurizio xxxxx

Gentile Maurizio

Nessun problema per un incontro con ascolto annesso che possa servire a lei per valutare la validità della modifica a confronto del suo Naim di serie. Il costo della modifica è di xxxeuro.

Se ci si deve incontrare preferisco, in tale occasione, dirle se la sua macchina è o meno modificabile.

Cordialmente

Massimo

GRAZIE .
UNA CURIOSITA:QUANTO TEMPO LE SERVE PER COSTRUIRE UNA COPPIA DI DSL?

Circa un mese

DIFFERENZE COL MODELLO VECCHIO?

http://hifi.forumer.it/hifi-about3018-0.html

Saluti
Massimo

 


>Salve. Mi chiamo Paolo xxxxx. Ci siamo conosciuti al Bari hi-end del marzo scorso. Complimenti per la sua realizzazione. Se si potesse fare uno scambio (per assurdo) con il mio Classé cap 101, credo che accetterei senza esitazione.
>E' assurdo come molti amici "audiofili" erano attratti dalle solite sirene griffate. Mentre il genio italico, come dice l'antropologa Ida Magli, non è considerato.
> La mia priorità sono le casse acustiche. In merito desidero sapere la sua opinione super partes.
>Sono propenso per la scelta definitiva delle Excellence 5 per la loro (a quanto pare) più facile collocazione visto che non hanno, rispetto alle Blues, il condotto reflex posteriore.
>Nel suo forum (datato 2007) Lei si è espresso positivamente per le Blues (le quali erano posizionate nel negozio di Berry, lontano dalla parete di fondo).
>Riservandosi, in una futura consifurazione, di posizionarle vicino alla parete precedentemente detta.
>Perchè a Bari, nella sala spoglia, ha tappato i condotti posteriori delle Blues (le quali erano quasi "attaccate" alla parete posteriore) con delle pezzuole?
>Inoltre è ancora dell' opinione che le Blues sono preferibili alle Excellence 5? E perché?
>Grazie.
>Cordiali saluti.
>Paolo.
>P.S.
>Non perdo occasione per divulgare i suoi lavori ed il suo sito.
>Buon lavoro.

Gentile Paolo

Personalmente le excellence non mi piacciono particolarmente risultando cupe in gamma media rispetto alle blues le quali sono, per le mie orecchie, decisamente preferibili. Per cercare di fare uscire la zona del corpo strumentale (il mediobasso....punto critico di tutti i reflex) è stato tappato il foro del reflex al Bari hi-end. Poco importa se è posteriore, anteriore o laterale....è sempre un'emissione spuria al di sopra delle frequenze a cui funziona il risuonatore di Helmotz. http://motxam.interfree.it/verscomode.html

Cordialmente

Massimo
 

Salve,
   ho letto con attenzione il suo sito e mi sono incuriosito in relazione alla possibilità di modificare un CD Player CCI. Mi ha in particolar modo colpito la forte affermazione che tutti i CD Player modificati CCI suoneranno poi in modo identico. Io possiedo un impianto normale ma è da tempo che sono alla ricerca di una sorgente che mi soddisfi al 100% e quindi volevo rivolgerle alcune domande riguardo i risultati della modifica.

 

Gentile Fabio

Per ascoltare un risultato pienamente soddisfacente occorre avere tutto un sistema pienamente soddisfacente, non solo il lettore...


C'è qualche vantaggio ad inserire un lettore CD Player CCI anche in una catena normale oppure le prestazioni di una sorgente CCI possono essere apprezzate solamente in una catena completamente CCI.

La prerogativa di un lettore CCI è la trasparenza ovvero la totale libertà armonica priva di asprezze e compressioni....questo lo si apprezza tanto più quanto il sistema a valle è trasparente...


Nel caso ci sia qualche vantaggio, se non ho capito male, non avrò sostanziali vantaggi a modificare un CD-Player di un certo livello rispetto ad un entry level che rispetti le specifiche minime richieste: mi conferma il tutto?

 

Non avrà alcun vantaggio spendendo di più

Per eseguire la modifica CCI del CD orientativamente quanto mi potrebbe costare?

 

La sola modifica costa xxxeuro + il costo del lettore.

Per ultimo io mi sto lentamente ma inesorabilmente convertendo alla musica liquida: i pochi file ad alta risoluzione che ho avuto occasione di acquistare sono nettamente superiori come prestazioni ai normali CD. Se mi innamorassi del CD ottimizzato CCI sarebbe quindi un bel guaio se non fosse possibile ottimizzare anche un semplice convertitore; è possibile quindi implementare le modifiche su un dac?
Se si quali costi ha?

La ringrazio in anticipo per la sua disponibilità

Cordiali saluti

Fabio xxxxxx

 

La modifica su un dac ha il medesimo costo della modifica su cd ma anche sul discorso hd ci sono molte verità scomode che ho avuto modo di verificare...ma occorrerebbe affrontarle a quattr’occhi (o meglio a quattro orecchie :-) ) altrimenti risultano poco credibili...

Cordiali saluti
Massimo Ambrosini

Gentile sig. Ambrosini,

la ringrazio per la  disponibilità e la franchezza della risposta.

Riassumendo le sue considerazioni la modifica è tanto più efficace tanto più il sistema è conforme al CCI; però non ho capito bene se è conveniente farla in un sistema che, per gli altri componenti, probabilmente non lo diventerai mai: mi puoi aiutare a capire meglio?

Nel tuo sito c'è scritto che non è possibile applicarla a CD con DAC separato però mi hai detto che è possibile applicarla solo al DAC. Se io facessi modificare solo il DAC a cui collegherei sia il computer per i file in Hd che la meccanica potrebbe essere una buona idea?

Grazie ancora per la disponibilità

Fabio

Gentile Fabio
Non è che non sia possibile modificare un cd due telai è solo che non ha alcun vantaggio farlo ma un doppio costo e doppie difficoltà di installazione (più cavi che non devono toccarsi, due fasi 220v da trovare anzichè una etc). I consigli che sono abituato a dare sono finalizzati unicamente al raggiungimento del risultato ma se questo deve venire a peggiorare e per giunta spendendo di più è ovvio che sconsiglio di farlo. Le sconsiglierei anche la modifica di un DAC dal momento che poi il collegamento tramite cavo ad un apparecchio non CCI (il PC in primo luogo ammesso si utilizzi poi almeno l'ampli CCI) viene a peggiorare il risultato altrimenti facilmente ottenibile da un semplice lettore cd modificato CCI (in barba all'alta definizione così tanto di moda). Questo, mi rendo conto, possa sembrarle impossibile vista la sua attuale convinzione per l'hd ma non chiedo di meglio (se vuole passare a trovarmi) di dimostrarlo.
Il futuro, dal mio punto di vista, per quanto riguarda la musica liquida è la separazione galvanica tra ciò che è full CCI e ciò che non potrebbe esserlo (appunto il PC) ed è l'integrazione in telaio CCI della Apple Airport. Queste permette il raggiungimento di prestazioni equiparabili all'utilizzo di un lettore mod.CCI+ ampli CCI ma riproducendo sia i cd che i file dal suo pc portatile (unica condizione necessaria: va alimentato il pc a batteria). Lo trova in fondo al seguente link:
http://motxam.interfree.it/linear_transfer.html
Sarei ben lieto di poterle fare ascoltare a confronto tale sistema (minimalista in un certo senso) col suo attuale sistema. Questo ovviamente se lei si ritiene persona aperta all'ascolto e non arroccata su ferree convinzioni.
Cordialmente
Massimo Ambrosini

>Gentile Massimo, innanzitutto grazie mille per la franchezza: è una dote molto rara in generale e a maggior ragione nel
nostro piccolo mondo. Premetto che non sono assolutamente arroccato su ferree convinzioni: anzi direi il contrario. Un tempo ero un ferreo e convinto sostenitore degli amplificatori a valvole vintage (leak TL12 point one e ancor meglio i mitici
>Quad II) convinto che nessun'altro oggetto poteva darmi emozioni paragonabili; oggi ascolto solo amplificatori a stato solido perchè mi sono reso conto che in molti generi (vedi musica sinfonica) è necessario avere un discreto numero
di watt per proporre pressioni sonore e dinamiche "realistiche" (tra virgolette perché al teatro è comunque sempre un'altra
>musica).Per quanto riguarda la musica liquida ho eseguito una serie di esperimenti con un mio amico meglio ferrato di me nell'informatica applicata all'audio. In tutta sincerità la miglior interfaccia che ho provato èl'hiface di
>Manuta: l'Apple Airport con itunes sotto windows 7 aveva delle prestazioni mediocri rispetto ad hiface. Ho eseguito diverse
prove con il medesimo CD originale e i file scaricati in HD. In tutta sincerità le differenze sono sempre state le stesse confermando la netta e incredibile superiorità dei file in Hd. La cosa è anche ovvia: una frequenza di campionamento almeno due volte superiore e soprattutto 24 bit contro 16 contengono informazioni che nessun lettore, per quanto ben
>suonante, può inventarsi. Con i file in HD la qualità è tale da superare anche i migliori vinili.
> Mi risulta davvero difficile credere che un CD modificato possa essere superiore: se lo è di certo dipende dalla sua maggior qualità intrinseca e con i CD normali sarebbe ancor più superiore perché che la qualità dei file in HD (almeno quelli veri e presi direttamente dal master e non quelli semplicemente upsamplati da un normale CD per poterli vendere e spacciare
>come HD) è enormemente superiore è cosa indiscutibile, che il lettore CCI possa colmare la differenza ci può stare.
>
Riassumendo le sue parole mi sembra di aver capito che la modifica CCI della sorgente ha senso se si crede nella soluzione e si vuole, magari passo x passo, migrare verso una soluzione Full CCI. In tutta sincerità è una strada che attualmente avrei difficoltà a percorrere: ho da poco rivoluzionato il mio impianto acquistando un integrato MCintosh e dei
>diffusori Focal JM-lab serie Utopia. Se veramente un impianto full CCI con un semplice Grundig è superiore alla mia catena
preferisco per ora non saperlo :P
>
>Scherzi a parte, se non ha nulla in contrario, vorrei passare il suo contatto al mio amico che mi ha seguito nella "informatizzazione" dell'impianto. Lui a differenza mia è in fase di ribaltamento dell'impianto (anche lui ha un integrato
Mcintosh ma ha deciso di ricorrere all'autocostruzione perché non è soddisfatto di quanto ha finora ottenuto).
> Nel frattempo ho visionato il suo sito e guardato i suoi amplificatori Linear Transfer: devo dire che, CCI a parte, hanno un ottimo aspetto!
>E' possibile,senza impegno, sentire i suoi apparecchi presso il suo
>laboratorio?
>
>Saluti e grazie per l'attenzione.
>Fabio
 

Nessun problema per un ascolto ci mancherebbe...meglio se a confronto del McIntosh.

Sono altresì disponibilissimo se vuole rifare da me il confronto tra airport (ma collegata wifi e con pc a batterie) e hiface...

Saluti

Massimo

ciao Massimo;
bel sito e anche parecchio sorprendente:)

ti scrivo per togliermi e togliere (ad un mio amico) la curiosità: come mai nelle tue quotazioni
non compaiono le Grundig box 80?

c'è un motivo particolare?

le ho viste su un sito che sicuramente conoscerai ma , se cosi non fosse, ti do' il link:
http://www.radiomuseum.org/r/grundig_hifi_lautsprecher_box_80.html

ti saluto
Silvano xxxxx

Gentile Silvano

Nelle quotazioni sono inseriti solo i modelli particolarmente rilevanti (dal punto di vista qualitativo si intende) prodotti dalla Grundig, sarebbe del resto un’impresa ardua stabilire le valutazione di svariate centinaia di modelli prodotti nel corso degli anni...

Saluti

Massimo

>Volevo chiederle 3 cose:

>E' possibile fare un controllo dell' amplificatore?

 

Gentile Mauro

Si, è possibile, trova qui tutte le info del caso:

http://hifi.forumer.it/about2015-hifi.html

 

>E possibile trasformare il mio lettore cd Teac in un CCI?

>Chiaramente le mando la foto come da lei consigliato.

 

Mi servono appunto alcune foto e nel caso sia possibile il costo della modifica è di xxxeuro.

 

>Oppure devo acquistare un lettore cd Grundig 7500 o 7550.

 

Può essere un'ottima alternativa se non si usa il telecomando non essendo questi telecomandabili.

Cordialmente

Massimo Ambrosini

 

>La ringrazio in anticipo per il suo tempo e sono molto contento di essere

>entrato in contatto con lei & nel mondo della alta fedelta' Grundig.

>Distinti Saluti

>Mauro xxxxx

Caro Massimo,
ti ringrazio per la rapida risposta, immagino che anche tu riceverai molte email e so cosa vuol dire dedicare un po di tempo a tutti.

Ho modificato la mia pagina nei punti da te elencati.
Ho chiesto la tua approvazione sui punti in cui cito le tue conclusioni o in cui definivo il CCI.
Non voglio dire che hai detto ... cose che non hai detto, perchè ho visto che in passato (ma sarà così anche in futuro) le tue affermazioni sono state oggetto di brutali attacchi e di vergognose denigrazioni.
Questo è un modo che non mi appartiene.
Rispetto tutto il tuo lavoro di ricerca, i tuoi sacrifici ed ammiro le tue intuizioni, tutto qua.

Magari ho delle opinioni "acustiche" un po diverse, ma questo è normale e sano confronto.

L'impianto che mi ha più impressionato dal punto di vista della spazialità era composto da Korsun V8i e diffusori Audiostatic ES100 citato nelle prove dell'RT50, ho ascoltato Pavarotti e mi sono commosso per pura emozione (non perchè sono esaurito :-))

Quello che invece mi ha colpito per la realisticità delle voci è stato il completo Linn sempre citato nelle prove, ascoltando i due CD che ho portato da te sembrava di viaggiare intorno al mondo, ora in Brasile, ora nel Texas, è stata un'esperienza veramente trascinante.

Per la dinamica ricordo che mi ha colpito una cassa a chicciola acustica (un labirinto) costruita su diffusori Lowther, l'ascolto del Sax baritono era quasi doloroso, com'è nella realtà. Non ricordo l'ampli.

Io non posseggo nessuna di queste apparecchiature, ho una famiglia, un mutuo, una vecchia macchina che si rompe spesso e non evado il fisco, sai dove lavoro.

A presto
Giovanni

Vedi Giovanni

Innanzitutto non ho l’abitudine di sezionare gli impianti in parametri....la naturalezza è una sola, non è solo spazialità o solo la dinamica o solo altro....le Audiostatic le ho anche avute (ritirai un paio di ES300 ad una persona che ha da 15 anni le DSL) ed hanno come svariati altri dipoli un suono molto evanescente che proprio stenterei molto a definire naturale....idem per il sistema Linn che ho ascoltato in più circostanze e sempre con un suono piuttosto caratterizzato e nettamente meno trasparente (leggi meno “stanza”) del CCI...se però il tuo amico è disponibile ad un confronto si può per conto mio organizzare.

Credo piuttosto che l’impatto estetico e di blasone abbia sul tuo giudizio un non trascurabile peso come forse ce l’ha anche il fatto che queste persone hanno apprezzato maggiormente il tuo RT50 di quanto abbia potuto fare il sottoscritto....perchè credimi Giovanni....dire che l’rt50 è preferibile come suono al T7500 comporta una non trascurabile dose di “amore” verso la propria creatura...(così come mi sembra molto affrettata...direi frettolosa...la tua convinzione sulle maggiori doti ricettive dello stesso....tutte da verificare) .

Ciao

Massimo

 

Caro Massimo,
ti ringrazio per la consueta disponibilità ad organizzare incontri e confronti.
Sono apparecchi piuttosto ingombranti e delicati ed i loro proprietari ne hanno una cura maniacale (con quello che sono costate!), non ne posso quindi disporre per fare confronti.

Mica li devono spostare....mi sposto io con i Grundig :-)
Immagino che però la disponibilità all'ascolto non cambi...

Ci sarà però occasione in qualche meeting di ascoltare nuovamente l'RT50 ed il T7500.
Cordialmente
Giovanni

Durante un meeting sarebbe la prima volta che si dimostrerebbe interesse al confronto tra due sinto ma....non si sa mai.
Ciao
Massimo

Volevo esporLe alcune constatazioni che ho fatto dopo un lungo periodo di ascolto di una catena Grundig come Lei definisce “Full CCI”, nel mio caso composta da amplificatore V1700, CD7550 e tuner T7200, tralasciando per brevita’ di argomento la cavetteria utilizzata, e i diffusori, ho concentrato l’attenzione su alcuni particolari in fase di ascolto riscontrabili nella quasi totalita’ dei casi, al quale non riesco a dare pero’ una risposta logica, l’impressione che ho avuto e’ che l’impianto non abbia una costante di rendimento e qualita’, pur rimanendo in un range di prestazioni sonore elevate, queste ultime non raggiungono il massimo almeno nei primi 15 o 20 minuti di ascolto, ( non e’ un difetto di qualche componente dell’ impianto poiche’ ne ho provati ben tre identici), Le spiego meglio: inizialmente ho come l’impressione di un suono lievemente piu’ povero di armoniche, meno aperto, piu’ concentrato nei diffusori, man mano, ma sempre all’incirca dopo un certo tempo, diviene piu’ dettagliato, si apre maggiormente e sembra allontanarsi in modo piu’ accentuato dai diffusori. In principio avevo pensato ad un discorso fisiologico, ad una specie di adattamento dell’orecchio,(psicoacustica) ho provato anche ad accendere lettore e amplificatore per un ora prima di effettuare un ascolto, ma comunque la sensazione si ha sempre dopo un certo periodo, non e’quindi un fatto termico di elettronica che va a “regime”, volevo sapere se anche Lei aveva evidenziato un comportamento simile nel corso delle Sue tante prove.Premetto di non aver notato subito questo fenomeno, all’inizio passava quasi inosservato poi anche inconsciamente avevo l’impressione di una minor fatica d’ascolto dopo diversi minuti, gustando in modo eccellente la stesura musicale. Ho elaborato qualche ipotesi: 1- cambiamenti dovuti a transitori sulla rete elettrica, 2- variazioni di stato elettrico delle apparecchiature presenti nella stanza,purtroppo ce ne sono di svariate, collegate pero’ ad un'unica presa, parzialmente disaccoppiate da un gruppo di continuita’, ipotesi del tutto andata in fumo non appena ho fatto la prova d’ascolto staccando fisicamente tutto dalla rete, lasciando in pratica solo l’impianto collegato; trasportando il medesimo in un'altra stanza, pur se con una diversa installazione, la cosa si ripete.Premetto che per carattere e per il lavoro che svolgo, sono sempre abbastanza scettico nelle cose, una specie di San Tommaso, se ricorda Le scrissi in una mail che non riuscivo, e non riesco tuttora, a sentire le differenze o sfumature sonore, invertendo le spine di alimentazione, ma questa cosa dal punto di vista tecnico mi incuriosisce non poco. La ringrazio anticipatamente del tempo dedicato.

Cordialmente
Luigi xxxxxxxx

La polarizzazione del v1700 è e DEVE essere molto bassa ma ciò comporta il fatto che questo si scalda solo a seguito di riproduzione musicale....la differenza è comunque di entità paragonabile a quella dell’inversione della spina 220v :-)

Cordialmente

Massimo

Grazie della risposta, allora e’ probabile che mi accorga di questa piccola differenza solo ed esclusivamente durante l’ascolto, mentre se faccio l’inversione della spina (oltre al problema di imbroccare le combinazioni) il lasso di tempo prima di riprendere l’ascolto non mi permette di accorgermi di questo seppur piccolo fenomeno.
 

lettere pagina 2        lettere pagina 3       home (GB)       home (I)         e-mail